I Naviganti 20: Live to Tell (racconto su Star Trek: Enterprise)   1 comment

I Nav 20I Naviganti 20: “Live to Tell”

di Monica Monti Castiglioni

Dedicato a mia Madre.

Rating: NC-17

Genere: Romanzo – avventura

Riassunto: Qualcosa va veramente storto e Archer si trova ad affrontare una pistola a phase spianata contro di lui.

Spoilers: Tutta Enterprise, più qualche riferimento qua e là a tutto Star Trek.

Dichiarazioni: “Star Trek: Enterprise” e tutti i suoi personaggi sono proprietà della Paramount e dei suoi autori. Questo è un racconto di fantasia, creato da una fan al solo scopo di intrattenimento e senza scopo di lucro. Ogni somiglianza a racconti, fanfiction, persone reali o fatti realmente accaduti è puramente casuale.

Scarica il racconto in formato PDF: I Naviganti 20 Live to Tell

*******

“Live to Tell” (I Naviganti 20)

I have a tale to tell
Sometimes it gets so hard to hide it well
A man can tell a thousand lies
I’ve learned my lesson well
Hope I live to tell
The secret I have learned, ‘till then
It will burn inside of me

[Ho una storia da raccontare
a volte è dura nasconderla bene.
Un uomo può raccontare mille bugie
Io ho imparato la lezione bene
Spero di vivere per raccontare
Il segreto che ho appreso, fino ad allora
Brucerà dentro di me.]

(Madonna, “Live to Tell”)


(1 febbraio 2011)

Jonathan Archer fece cenno alla squadra di fermarsi sulla porta dell’hangar. Camminò lentamente oltre la soglia, ogni muscolo teso, ogni senso completamente all’erta.
«Capitano.» sussurrò Malcolm. «Vado avanti io.»
«No.» replicò Archer.
«Prenda almeno un’arma.»
«È l’ultima cosa di cui ho bisogno. Restate tutti qui. Entrate solo su mio espresso ordine.» Camminò in avanti, fino ad arrivare accanto al portello della Navetta Due. Si affacciò lentamente, trattenendo il fiato, ma appena riuscì a guardare all’interno, si trovò una pistola a fase puntata in faccia. «Possiamo parlare?»
«Hai fatto sigillare i portelli dell’hangar.» disse Trip Tucker, con voce tesa. «Perché?»
Archer lo osserverò per qualche istante. «Trip….»
«Non avvicinarti!» urlò lui.
Jonathan notò che la mano che teneva la pistola stava tremando leggermente. «D’accordo. Resto qui.» Alzò leggermente le mani. «Perché non abbassi la pistola? Io sono disarmato.»
Trip scosse velocemente la testa. «No. No no no no no…. I portelli, apri i portelli.»
«Che vuoi fare? Prendere una navetta e scendere sulla superficie?»
Tucker deglutì con fatica, quindi annuì.
«D’accordo. Ti accompagno io.»
«No!» urlò Tucker. Stava sudando e i suoi movimenti erano nervosi. «No, io…. io devo stare solo, vuoi capirlo? Vuoi capirlo?!»
«Trip, se scendessi da solo sulla superficie, io dovrei inseguirti, perché avresti rubato una navetta della Flotta Astrale.» Jonathan iniziava a sentire i sudori freddi. «Ti lascerò giù, da solo. Ti darò rifornimenti…. e tutto quello di cui hai bisogno. Ma ora, devi abbassare quella pistola.»
La mano di Trip iniziò a tremare ancora più forte. «Tu non capisci!» Le lacrime iniziarono a rigargli le guance arrossate. «Io…. io l’ho uccisa.» Abbassò l’arma. «Io l’ho uccisa.»
«Trip….» Archer fece un passo avanti, deciso ad entrare nella navetta.
Ma Tucker agì più velocemente di lui, alzò di nuovo la pistola, ma questa volta la puntò sulla propria tempia. Premette il grilletto.
«TRIP, NOOOOOOO!»

….Quattro giorni prima….

Tucker uscì dal bagno avvolto solo in un asciugamano. «T’Pol?» chiese, arrivato vicino al letto.
«Mphf?» fece lei, stesa sul fianco sinistro, con le coperte tirate fin sopra le orecchie.
«È ora di alzarsi.» Trip si sedette sul bordo del letto. «Credevo che ti fossi alzata, mentre ora sotto la doccia.»
«’Rivo.» borbottò lei.
Trip le mise una mano sulla spalla, quindi si chinò in avanti per baciarla sulla guancia. «Ehi, sei caldissima.» disse lui.
«Adesso mi alzo….» T’Pol si girò sulla schiena.
«Non mi sembra che tu stia molto bene.»
La Vulcaniana stava per ribattere, ma una fila di quattro starnuti interruppe la sua replica.
«Ohi.» fece Trip. Le rimboccò le coperte. Quindi premette l’interfono. «Tucker a Phlox. T’Pol ha preso qualcosa simile all’influenza.»
«Sono anni che non mi prendo un’influenza, non è quello.» replicò lei. Poi starnutì.
«Be’, è qualcosa che gli assomiglia molto.»
«Arrivo subito.» rispose Phlox.
Trip passò un fazzoletto di carta a T’Pol.
«Grazie.» replicò lei.
Tucker le sorrise. Si alzò e iniziò a vestirsi. «Ti porto la colazione?»
«Un zuppa…. etciù!…. di plomeek?»
«Bella calda.» Trip chiuse la lampo della divisa e aprì la porta al medico. «’Giorno doc.» Quando entrò nella mensa del capitano, Jonathan Archer stava guardando fuori dall’oblò.
«Buongiorno, capitano.» disse. «T’Pol ha l’influenza.»
«L’influenza? Sta molto male?»
«È un po’ K.O..»
Archer si sedette al tavolo. «Phlox l’ha già visitata?»
«Lo sta facendo ora. Io mangio qualcosa, poi le porto una zuppa calda.»
Jonathan annuì.
Trip lanciò uno sguardo fuori dall’oblò, mentre mangiava una fetta di pane tostato con la marmellata. «Abbiamo cambiato rotta?»
Archer annuì. «Sì, ieri sera stavo guardando le mappe che ci hanno dato su Kiepel e ho notato un pianeta abitato, con una società che ha scoperto la curvatura da una decina di anni. Ci stiamo dirigendo là.»
L’interfono trillò in quel momento. «Phlox a Capitano Archer.»
«Qui Archer.» fece lui.
«Il comandante T’Pol si è presa un bel raffreddore.»
«E come ha fatto?» chiese Trip.
«Immagino che non facesse molto caldo nella caverna in cui è stata trattenuta su Kiepel.»
Archer sospirò. «Starà bene?»
«Un paio di giorni di riposo al caldo e sarà come nuova.»
La voce di T’Pol, leggermente nasale a causa del raffreddore, interruppe il medico: «Posso coprirmi bene…. etciù!…. e venire in….. etciù etciù etciù etciù!»
«Sì, certo. Si riposi, comandante.» disse Archer, sorridendo. «Ordine del medico e del capitano.»

Trip guardò T’Pol stesa a letto, con una coperta di pile intorno alle spalle, due scatole di fazzoletti di carta a portata di mano, un cuscino di semi riscaldati con le microonde e un PADD. «Hai tutto?»
«Posso alzarmi, Trip, se mi serve…. etciù!…. qualcosa.»
«Hai sentito gli ordini.»
«Sì…. ho…. etciù!» Alzò gli occhi arrossati al cielo. «Comincio a non poterne più.»
Trip le sorrise e le diede un bacio sulla fronte. «Se hai bisogno di qualcosa chiamami, ok? Torno per pranzo, così ti porto qualcosa di caldo.»
T’Pol annuì. Prese in mano il PADD, ma riprese a starnutire.
«Cerca di riposare.» le disse Trip, sorridendole.
«Non ho…. etciù!…. le forze di contraddirti.» Abbassò il PADD. «Buon lavoro….»
Trip le sorrise. «Buon riposo.»

Quando T’Les rientrò in camera, T’Pol era chinata in avanti sulla scrivania e fissava il PADD. «Sei riuscita?»
La bambina scosse la testa. «No, mi dispiace. Non riesco a capire la domanda.»
La donna si chinò accanto alla figlia. «Il problema non è difficile. Devi solo rileggerlo attentamente.»
T’Pol si morse leggermente il labbro inferiore. Passò un minuto buono a rileggere il testo del problema, quindi scosse la testa. «Sono diventata stupida, forse.»
«Non pensarlo nemmeno per un istante.» T’Les accarezzò i capelli della figlia, quindi le passò la mano sulla fronte. «Sei un po’ calda. Ma è normale, ricordi cosa ha detto il dottore?»
«Che avrei avuto la febbre spesso per un po’ di tempo. Ma mi sento così stanca….»
«Lasciamo stare la geometria, per ora.» T’Les sollevò la figlia tra le braccia. «Ora ci vogliono un po’ di coccole.»
«Starò bene?»
«Il dottore ha detto che è solo questione di tempo.» T’Les camminò fino alla propria camera, si sedette sul letto tenendo T’Pol in braccio.
T’Pol appoggiò la testa alla spalla di sua madre. «Ma io voglio tornare a correre…. voglio andare al parco, m’aih.»
T’Les sospirò leggermente e baciò la figlia sulla fronte. «Devi aver pazienza…. Devi avere pazienza, amore mio.» Le accarezzò i capelli finché non la sentì addormentarsi. Poteva riportarla nel suo letto, così si sarebbe potuta cambiare per la notte, ma preferì scivolare sulle lenzuola, tirare le coperte sopra sé e la bambina e addormentarsi così, stringendola tra le braccia.

T’Pol si risvegliò sentendo la gola farle male. Ma c’era anche qualcosa di piacevole. Deglutì sentendo dolore e si girò leggermente verso sinistra.
«’Giorno….» sussurrò Trip. «Dormito bene?»
«Mhm…. ho….» Cercò di schiarirsi la voce. «Ho mal di gola.»
«Phlox aveva detto che sarebbe arrivato.» Le diede un bacio dietro l’orecchio. «Vado a prenderti una tazza di latte caldo.»
«No.» T’Pol si tirò a sedere. «No, ora mi lavo, mi vesto e mi alzo.»
«Phlox ha detto che devi riposarti.» disse lui, prendendole una mano.
«Mi aveva detto due giorni, siamo al terzo.»
«Hai detto di avere mal di gola, però.»
T’Pol guardò Trip, poi abbassò lo sguardo sulle loro mani unite. «Sì, ma credo sia per i troppi starnuti. Non…. non mi piace stare a letto ammalata.»
Tucker la tirò verso di sé. «A nessuno piace stare a letto ammalati, per questo esistono le coccole.»
T’Pol appoggiò una mano sul suo petto. «Basta, ora, sono guarita.»
«Devi aver pazienza.»
Lei scosse la testa. «No, non voglio aver pazienza.» si tirò su. «Ora vado a lavarmi, così posso andare in pl…. etciù!»
«Ecco.» replicò Trip.
T’Pol si massaggiò leggermente la gola. «No, non ce la faccio a stare rinchiusa qui dentro per un’altra ora, non ci…. etciù! etcitù!…. riesco.»
Tucker si girò sul fianco, quindi si tirò in piedi. «Non ci provo nemmeno a convincerti del contrario. Hai la testa troppo dura. Stai attenta a non pestare la fronte nella consolle, quando starnutisci, o rischi di romperla.»
«La fronte o la consolle?» chiese T’Pol.
«La consolle, ovviamente.»

«Sullo schermo.» Jonathan Archer si alzò in piedi.
Hoshi digitò sulla consolle e sullo schermo apparve un grande pianeta verde. «Che bello.» disse la ragazza.
«Rilevo quattro stazioni orbitali, capi…. etciù!» T’Pol si mise una mano davanti alla bocca, imbarazzata. «Scusate.»
Archer le sorrise simpateticamente. Poi si rivolse a Hoshi. «Provi a contattarli.»
Lei annuì. «Stanno rispondendo.»
Una voce aspra e veloce esclamò: «Sì?!»
Il capitano rimase un istante in silenzio, un po’ stupito, poi disse: «Salve, solo il capitano Jonathan Archer dell’astronave terrestre Enterprise. Veniamo in pace.»
Lo schermo passò allo statico per qualche istante, poi comparve il volto di un umanoide verdastro, con squame e orecchie palmate. Hoshi lo sentì mugugnare qualcosa in sottofondo.
Archer la guardò ma lei scosse la testa. «No, non credo di aver capito.»
«Scusi…. non abbiamo capito quello che ha detto.» replicò Jonathan.
L’Umanoide, che non stava guardando verso il capitano, ma alla sua destra, disse: «225 per 100,5 fa 22612,5.»
Il capitano si girò verso T’Pol, che annuì.
«Diviso 5 fa 4522,5. Bene.» L’umanoide verde, con fare soddisfatto, pigiò un tasto sulla consolle, quindi si girò verso Archer. «Sì? Diceva?»
Lui sorrise e replicò. «Salve, sono il capitano Jonathan Archer dell’astronave terrestre Enterprise. Veniamo in pace.»
«Sì, bene, cosa volete?»
«Siamo in missione esplorativa e siamo arrivati qui per conoscervi.»
L’Umanoide lo fissò attraverso lo schermo. «Conoscere me? E perché? Sono solo un capo stazione…..»
«Be’…. il suo popolo.»
«I Vineliani? Come mai questo interesse?»
«Come le dicevo siamo in missione esplora–»
Il capitano fu interrotto dall’Umanoide che, girandosi alla sua sinistra urlò: «Che cosa stai facendo?! Quel pacco non va lì, cavolo!» Poi si rivolse di nuovo ad Archer. «Diceva?»
«Siamo venuti per conoscervi.»
«Non avete proprio niente da fare, eh? Va bene, vi metto in contatto con il ministero delle politiche estere.» Non aveva quasi finito la frase che, giratosi di nuovo verso sinistra urlò: «Sposta quel carrello!» Sbuffò. «Oh, ma su questa stazione devo pensare a tutto io?!» Digitò sulla consolle. «Sì, capitano….. capitano alieno, ora giro la sua comunicazione.»
Lo schermo si riempì di statico.
«Bene, credo che questo primo contatto sia stato decisamente unico.» disse Archer.
«Buongiorno.» La voce aliena, tradotta istantaneamente, non era supportata dalle immagini. «Sono Veoliet, il Ministro degli esteri di Vinelia. Cosa posso fare per voi?»
«Siamo esploratori. Viaggiamo per conoscere nuovi popoli e stabilire con loro relazioni pacifiche.»
«Ah, bene, sì, la cosa è piacevole, capitano Alienno.»
Jonathan si schiarì la voce. «Veramente il mio nome è Archer.»
«Ah, scusi, ma il capo della stazione 2 mi ha detto che si chiamava così. Un attimo che correggo….» Ci fu qualche minuto di silenzio, intervallato solo da leggero ticchettio dei tasti di una consolle.
«Scusi, signor Veoliet…. non vedo la sua immagine.»
«Ah? Boh, strano. Aspetti un attimo, chiamo un tecnico…. Vadir! VAAAAAAAAAAAAAADIR!»
«Sì, che c’è capo, eh?»
«Non si vede l’audio.»
Archer sentì in sottofondo T’Pol starnutire e si chiese se non fosse il caso di mollare tutto e andarsene.
«Eh?» chiese la voce del tecnico.
«No, volevo dire che non si sente il video.»
«Ma qui c’è tutto. C’è questo alieno rosa sullo schermo. Certo che il rosa…. ma come si fa immaginare un alieno rosa? Che cos’è, il nuovo telefilm di fantascienza?»
Archer rise leggermente. Era una situazione demenziale.
«No, sono alcuni vivitatovi…. vimi…. visitatou….. gente venuta qui per trovarci.»
«Ah, son veri? Spero non mi abbiano sentito.»
«No, credo che sentano. Ma non ci vedono.»
«Belle figuracce.» replicò il tecnico. «Forse c’è la telecamera sporca.» In quel momento, come se davanti alla telecamera ci fosse stato un panno (e Archer era quasi sicuro che fosse così), l’immagine apparve, riprendendo i due alieni di profilo. Il tecnico pulì con cura l’obiettivo di un’altra telecamera verso cui i due stavano guardando, quindi buttò il panno di nuovo sopra la telecamera che li stava riprendendo, che però questa volta fu coperta solo a metà. –Meglio di niente.– pensò Archer.
«Ma sono rosa davvero o c’è un’interferenza nell’immagine?»
«Siamo rosa davvero.» rispose Archer, sorridendo.
«Ah, ecco.» Veoliet sorrise. «Sì, mi diceva, capitano Archer?»
«Siamo venuti in pace, per conoscere nuovi popoli.»
«Ah, bene, piacere!» esclamò lui, sorridendo. «E da dove venite?»
«Dalla Terra, nel sistema Sol.»
«Ah sì! Bello! No, non lo conosciamo. E come mai da queste parti?»
Archer fece qualche passo avanti, arrivando alle spalle di Travis. «Siamo arrivati qui grazie alle mappe di Kiepel, un sistema vostro vicino.»
«Quello dei gialli e dei blu?»
«Sì, esatto.»
«Ah, sì, buoni vicini, troppo impegnati ad ammazzarsi tra di loro per venire qui a dar fastidio. Bene, mi ha fatto piacere incontrarvi. Se capitate ancora da queste parti, passateci a salutarci.»
Archer rimase a fissare per qualche istante il profilo di Veoliet. «Ah…. mi scusi, ma…. pensavamo di poter scendere e visitare il pianeta.»
«Perché?» chiese il Vineliano.
«Be’, di solito…. è così che facciamo, quando conosciamo nuove persone. Naturalmente potete visitare la nostra nave.»
Veoliet si grattò leggermente una scaglia sulla fronte. «Ah, usanza strana. Sì, be’, certo. Dovrete attraccare, prima…. vediamo…. 5 per 8 fa 41….»
Archer si frenò appena in tempo dal dire: “No, fa 40”.
«Meno 2 fa 38…. Va bene, potete attraccare al molo 4.»
Il capitano non si azzardò nemmeno a chiedere con quale calcolo fosse arrivato a quel risultato, ma sperò che fosse corretto.

«È gente un po’ strana….» disse Archer, mentre scendeva verso l’hangar di lancio assieme a Trip e a Hoshi. «Non ci hanno dato particolari indicazioni né restrizioni, riguardo il nostro sbarco, ma preferisco che scendiamo solo noi, per ora.»
«Ecco….» fece Trip, con una voce che sembrava leggermente imbarazzata. «A questo proposito, c’è una cosa che dovevo dirti, capitano….»
Archer entrò nell’hangar. «Cosa intendi, Trip?»
Tucker fece un sorriso tirato e indicò verso la Navetta Due. Da lì potevano distintamente vedere T’Pol seduta all’interno.
Jonathan rise leggermente. Entrò nella navetta. «Che cosa ci fa qui, comandante?»
«Sono il suo primo ufficiale, direi che è normale che io partecipi allo sbarco per un primo contatto.»
«Ma è raffreddata.»
«Sto bene, capitano e comunque non sono contagiosa.»
Archer lanciò uno sguardo a Tucker, che scrollò le spalle in un gesto che voleva dire in tutto e per tutto: “È il *tuo* primo ufficiale.”
«Allora partiamo.» rispose Jonathan.

La Navetta Uno era stata recuperata da Kiepel in pessime condizioni, così, per scendere su Vinelia, avevano usato la Navetta Due. Hoshi aveva sempre pensate che se avesse grattato via e scambiato i nomi delle due navette, poche persone – se non nessuno – si sarebbero accorti dello scherzo. Forse Trip, forse Jonathan, ma magari nemmeno subito. T’Pol, forse.
“Un buon ingegnere sa vedere le differenze.”
Archer fece atterrare la Navetta nel punto indicato dal Ministro degli esteri. Trip aprì il portello e scese, quindi porse la mano a T’Pol e poi a Hoshi per aiutarle a scendere. «Sentite che aria fresca!» disse. Un piccolo velivolo rumoroso sfrecciò sopra di loro lasciando una scia di fumo nero dietro di sé.
«Sei stato rinchiuso troppo a lungo in un’astronave.» disse Archer, ridendo. «Ecco il nostro comitato di accoglienza.»
Veoliet e altri due Vineliani erano in piedi a pochi metri dalla navetta. «Benvenuti su Vinelia.» disse il Ministro.
«Grazie.» disse Archer, passando poi a presentare gli altri tre.
«Bene, spero che la nostra capitale vi piaccia.» Indicò la strada dietro di loro. «Venite, vi portiamo nel centro, oggi c’è un festa.»
Trip lanciò uno sguardo a Hoshi e le sorrise: «L’ho detto, dove vai tu, si trova sempre una festa.» le sussurrò.
La ragazza sorrise, ma non rispose a Tucker: «Di che festa si tratta?»
«È il Giorno dell’Incontro, ricordiamo quando i popoli del nostro pianeta si sono uniti.»
Sbucarono nella piazza principale e i tre Umani furono stupiti dalla quantità di gente che circolava, mangiava, chiacchierava, festeggiava in un enorme spiazzo pieno di ogni totalità di verde.
«Possiamo offrirvi qualcosa?» chiese uno dei due Vineliani. Prese un piatto da uno stand e lo porse al capitano.
T’Pol vi passò vicino un analizzatore. «Contiene stricnina. È un veleno sia per gli Umani che per i Vulcaniani.»
«Oh, peccato. Be’, non buttiamolo.» disse il Vineliano, iniziando a mangiare. «È un peccato che non possiate mangiare la stricnina, è quello che dà gusto a questo piatto.»
–Evviva.– pensò Archer. Sempre più strani.
«Ora ci vogliate scusare, ma il nostro Ministero ci richiama. Sentitevi liberi di girare, magari trovate qualcosa che potete mangiare.» I tre Umanoidi verdi si congedarono, lasciando i quattro alieni “stranamente rosa” in mezzo a una massa verde.
«Si può mangiare qualcosa qui in giro?» chiese Trip.
T’Pol, con l’analizzatore in mano, rispose: «Mi dispiace deluderla, comandante, ma tutti questi cibi contengono alcaloidi nocivi.»
«Be’, allora giriamo un po’, cerchiamo di scoprire qualcosa su questo pianeta.» disse Archer.
Camminarono in mezzo alla folla ascoltando qua e là le conversazioni attraverso il traduttore universale. Trip aveva rubato l’analizzatore a T’Pol e passava in rassegna qualsiasi alimento gli capitava a tiro – e borbottava per la quantità di veleni che puntualmente ci trovava. Per qualche secondo, Hoshi si chiese come faceva a mantenersi così in forma nonostante la sua passione per il buon cibo.
«T’Pol.» chiamò Archer.
La Vulcaniana si fermò un istante, lasciando andare avanti Trip e Hoshi, per mettersi al fianco del capitano.
«Il discorso che ci ha fatto Veoliet su Kiepel mi ha fatto pensare.» Archer si girò verso il suo primo ufficiale. «Non riesco a togliermi questo pensiero da quando siamo scesi. Veoliet ha detto che Kiepel è un buon vicino perché i Gialli e gli Azzurri erano in guerra e di conseguenza non facevano guerra con Vinelia.» Jonathan sospirò. «Ora c’è la pace su Kiepel.»
«Se sta pensando di aver interferito in maniera scorretta,» T’Pol gli lanciò uno sguardo. «mi permetterei di darle torto. In fondo il processo di pacificazione tra Gialli e Azzurri era già in atto, attraverso Katem.»
«Possiamo proporre il trattato di pace che abbiamo già sottoscritto con Trekapa e Kiepel. Non è molto impegnativo, ma dovrebbe aiutare a mantenere la pace.»
T’Pol rimase in silenzio per qualche istante: «È anche probabile che questi pianeti non abbiano interesse alla guerra.»
«Lo spero.» disse Archer. Si fermò, notando che Sato stava digitando sul traduttore universale. «C’è qualche problema, Hoshi?»
«C’è una frase che non riesco a tradurre…. è come se fosse in un’altra lingua.»
Archer le sorrise. «Non fa niente, proseguiamo.»
«Il fatto è che la frase viene ripetuta molto spesso.» spiegò Hoshi. «Credo sia importante.»
Trip fermò una donna che passava di lì. «Mi scusi, che cosa significa quella frase che ripetete spesso?»
La donna si ritrasse al tocco di Tucker e gli lanciò uno sguardo di traverso, ma poi rispose: «È una frase rituale.» disse. «Tra poco verranno liberati i troguari.»
«I che?»
La Vineliana sbuffò. «Ma senta, da che pianeta viene?!» esclamò e, prima che Trip potesse rispondere, si allontanò.
«Che cos’è un troguaro?» chiese Trip.
«Non ne ho idea.» rispose Hoshi.
«ARRIVANO!!!!!!» All’urlo generalizzato nella strada, i quattro cercarono di spostarsi, ma la folla che si muoveva in maniera decisamente disordinata rendeva loro difficile capire da che parte andare.
Trip prese al volo il polso di T’Pol che – starnutendo – lo seguì verso un lato della strada. «Trip!» urlò lei, cercando di farsi sentire sopra il rumore della folla e dei troguari che arrivavano da lontano. «Abbiamo perso il capitano e Hoshi!»
«Saranno dall’altra parte della strada!» Tucker si girò verso il centro svuotato della strada e vide una mandria di una specie di bisonti, più piccoli e verdognoli, che correvano e muggivano alzando un polverone enorme.
«Sarà lunga?» chiese Trip.
«Più lunga è la sfilata dei troguari e più fertilità avranno i nostri campi.» spiegò un ragazzo accanto a loro.
«Ah.» rispose Trip.
«Forse un tempo i troguari venivano utilizzati per arare i campi e concimarli.» disse T’Pol, guardando i solchi sulla strada.
«Beaucoup de merdes.» disse Tucker.
«Come, scusa?» chiese T’Pol. Dovevano quasi urlare per sentirsi sopra il rumore della mandria.
«Una volta a teatro si augurava “tanta merda” agli attori e ai ballerini perché voleva dire che c’erano tanti cavalli davanti al teatro: tanti cavalli, tante persone, quindi lo spettacolo era un successo.» Trip le sorrise.
«Quanto può durare una sfilata di una mandria di troguari?» chiese T’Pol al ragazzo che aveva dato la spiegazione.
«Una mezz’ora se va male!» rispose lui. «Un’ora se va bene.»
«Ah!» esclamò Trip.
«Due ore se ci va alla grande! Ma generalmente qui nella capitale la mandria è piccola, quindi la fanno girare in cerchio per un’ora.»
«Grandioso.» borbottò Trip. «Dobbiamo chiamare Archer!»
«Aspettiamo qualche minuto.» disse T’Pol. «Se la mandria si dirada possiamo vedere dov’è.»
«Spostiamoci almeno in una strada laterale.» Trip indicò dietro di loro.
«Va bene.» rispose T’Pol.
Mentre si allontanavano, non notarono lo sguardo del ragazzo che li seguiva.

Archer teneva la mano di Hoshi stretta nella sua. Erano bloccati in mezzo a una folla verde che urlava di gioia e inneggiava a troguari, e aveva perso di vista Trip e T’Pol. Aveva sentito dire da alcuni Vineliani che la corsa dei troguari poteva durare anche un’ora. Non sembrava che nessuno avesse intenzione di lasciare la postazione prima della fine della corsa. «Proviamo a spostarci in giù!» Archer gridava per sovrastare il rumore della folla e dei troguari. «Credo che Trip e T’Pol siano stati spinti di là!»
Cercò di aprirsi un varco tra la folla, ma i Vineliani non sembravano aver intenzione di spostarsi, né, in realtà, di far caso alla loro presenza. «Permesso!» urlava Hoshi. «Abbiamo bisogno di passare!»
In dieci minuti non si erano mossi più di due metri.
«Cosa ne dice se fingo di svenire?» chiese Sato. «Magari ci lasciano andare via.»
Archer sospirò. «Lasciamola come ultima risorsa. Vieni.»

«Mai vista una strada tanto deserta su un pianeta tanto abitato.»
Tucker e T’Pol stavano camminando lunga una via perpendicolare al percorso dei troguari.
«Sono tutti a vedere la corsa.» rispose T’Pol.
«Non proprio tutti….» disse Trip, bloccandosi. Le mise una mano sul braccio per fermarla.
«Che c’è?» chiese lei, alzando lo sguardo dal comunicatore. Per gli ultimi dieci minuti aveva tentato di contattare il capitano e l’Enterprise, ma senza successo. L’Enterprise era probabilmente in un punto dell’orbita troppo distante e il comunicatore del capitano doveva essere chiuso tra le case.
Davanti a loro c’erano quattro Vimeliani in quelle che sembravano divise. Uno di loro si fece avanti e fissò Tucker: «Dove state andando?»
«Abbiamo perso il nostro capitano e l’ufficiale alle comunicazioni.» rispose T’Pol. «Stiamo girando intorno al percorso dei troguari per ritrovarli.»
«E perché non state assistendo alla corsa?»
Trip e T’Pol si scambiarono uno sguardo. «Scusi, gliel’ha appena detto.» replicò Trip. «Stiamo cercando il nostro capitano.»
«Non è un buon motivo per perdersi la corsa.»
«Ma voi chi siete?»
Colui che aveva parlato sfoderò un tesserino con scritte aliene. «Polizia statale.»
«Oh, bene.» Trip fece un passo avanti. «Abbiamo bisogno di rintracciare la nostra astronave, è in orbita, e il nostro capitano.»
«Non ci avete ancora risposto.» replicò uno dei poliziotti.
«Vi è forse sfuggito che non siamo di questo pianeta.» Tucker si mise le mani sui fianchi. «Non siamo interessati alla corsa di troguari, vogliamo ritrovare il nostro capitano.»
«Certo. E nel farlo, vagate per le vie vuote.» Il poliziotto gli fece cenno di proseguire lungo la strada. «Venite con noi.»
«Senta….» Trip rise leggermente. «Abbiamo solo bisogno di ritrovare il nostro capitano.»
«E noi abbiamo solo bisogno di scoprire cosa siete venuti qui a fare.» I quattro poliziotti sfoderarono quattro armi biforcute.
«Che diavolo sono quelle robe?» esclamò Tucker.
T’Pol sospirò. «Sono taser, Trip. È meglio che li seguiamo.»

«Trip, rispondi!» urlò Archer al comunicatore. «T’Pol!» Sbuffò. «Dannazione!»
Il rumore della folla e dei troguari era ancora fortissimo e anche se avevano raggiunto una via perpendicolare non erano riusciti né a uscire dalla folla, né a ritrovare i compagni dispersi. Erano ormai passati tre quarti d’ora.
«Se Trip e T’Pol sono riusciti a uscire da qui, forse si sono diretti alla navetta.»
«Sì, se son riusciti a uscire.» rispose Archer. Provò di nuovo a chiamare l’Enterprise, senza successo. «Non ci resta che aspettare.»
«Ma se anche Trip e T’Pol stanno aspettando….»
«Quando la folla si diraderà possiamo cercarli. Ci ritroveremo. Hai sentito cosa dicono in giro: considerano questa manifestazione come la più sacra dell’anno…. lasciarla potrebbe essere considerato un grave insulto.»
Hoshi si avvicinò di più al capitano. Osservò i troguari correre e la gente stringersi nelle vie. «D’accordo.» sussurrò, ma Archer non la sentì. «Spero solo che Trip e T’Pol non abbiano lasciato la manifestazione….»

T’Pol sapeva che erano passati quarantatré minuti da quando era stata rinchiusa da sola in una saletta provvista di acqua potabile anche per lei e di alcuni tramezzini che le sarebbero stati fatali. C’erano sbarre alle finestre e la stanza era poco illuminata, ma per il resto il posto era relativamente accogliente, aveva un tavolo e un paio di sedie comode.
Si accostò alla finestra e lanciò uno sguardo tra le sbarre.
Nonostante avessero percorso circa due chilometri, da dove erano stati trovati dalla polizia, poteva ancora sentire il rumore della corsa dei troguari e del pubblico che acclamava.
Recuperò un tovagliolino di carta dal vassoio con i tramezzini e si soffiò il naso.
Le avevano lasciato l’analizzatore, ma non il comunicatore. Se Archer era ancora invischiato nella folla, probabilmente non li stava cercando. Si chiese dove fosse Trip. Arrivati alla centrale di polizia, i quattro che li avevano scortati lì con i taser spianati li avevano divisi, nonostante le loro potreste.
Quando la porta si aprì, sperò di vedere entrare Trip. Invece era uno dei poliziotti.
«Buongiorno.» le disse.
«Non direi.» replicò lei. «Sono rinchiusa qui da tre quarti d’ora, mi avete diviso dal mio compagno e non so nemmeno il perché.»
L’umanoide verde le indicò la sedia e si sedette su quella dall’altra parte del tavolo. «La prego, si sieda.»
T’Pol lo fissò per qualche istante, poi andò a sedersi. «Mi spiega cosa ci facciamo qui?»
«È quello che vorremmo sapere anche noi.»
La Vulcaniana sospirò: «Gliel’abbiamo già spiegato.»
«Sì, la versione del “ci siamo persi”.» Il Vineliano scarabocchiò qualcosa su di un PADD. «È il trucco più vecchio del mondo, tra le spie.»
T’Pol sgranò gli occhi: «“Spie”?!» esclamò. «Ma se è stato lo stesso Ministero degli Esteri a invitarci quaggiù!» Prese un profondo respiro e s’impose di calmarsi.
Il Vineliano non fece una piega. «Non siamo esattamente sulla stessa linea d’onda del nostro Ministro. Lui è troppo…. aperto e spesso lascia che spie sbarchino sul pianeta.»
«Siamo qui solo per esplorare pacificamente.»
«Sono esattamente le stesse cose che ci ha detto il suo…. “compagno”. Saremmo stati portati a crederci, se non fosse che vi abbiamo trovato in giro per la città mentre si teneva la nostra più sacra cerimonia…. quindi con la città deserta.» Il Vineliano digitò di nuovo sul PADD e T’Pol ebbe la tentazione di chiedergli se voleva che lo aiutasse con qualche definizione delle parole crociate. –Pekh, questa viene dalla mente di Trip.– pensò.
«Anche voi eravate in giro.»
Lui sbatté il PADD sul tavolo. «Siamo obbligati a fare i turni e alcuni di noi hanno pescato la pagliuzza corta, se intende quel che dico. Se non ci fosse feccia come voi in giro, nessuno di noi sarebbe obbligato a saltare la cerimonia.»
«Le posso assicurare che–»
«La smetta per favore. Anche se fosse vero quello che dite, di non aver interesse nella cerimonia…. è stato quando abbiamo fatto le analisi che abbiamo avuto una conferma dei nostri dubbi.»
«Analisi? Intende sui comunicatori?»
«No, no, quei cosi non ci interessano. Analisi su di lei.»
T’Pol lo fissò con uno sguardo che avrebbe potuto fulminare. «Mi avete analizzato senza il mio consenso?»
«Avevamo dei dubbi, che sono stati dissipati.» Il poliziotto si alzò in piedi e recuperò il PADD. «Lei è diversa dagli altri. Non è… “Umana”.»
«No, sono una Vulcaniana. E non era necessario violare la mia privacy per saperlo, ve l’avrei detto, se solo me l’aveste chiesto.»
«È l’unica della sua razza sulla nave, vero?»
T’Pol annuì, fissando il Vineliano. Dove voleva arrivare?
«Ma non solo. Abbiamo scoperto il suo stato di salute.»
Lei incrociò le braccia e lo fissò: «“Stato di salute”?»
Il poliziotto prese un tovagliolino di carta dal vassoio e glielo passò. «Ha una sindrome da raffreddamento.»
T’Pol non prese il tovagliolino, che lui quindi appoggiò sul tavolo. «Mi spiega qual è il punto?»
Il Vineliano tornò a sedersi. «Lei è un’esponente di una razza superiore, che viene trattenuta a bordo di una nave di Umani, che la fanno lavorare anche quando è ammalata. È ovvio che tutto ciò è fatto contro la sua volontà. E noi siamo disposti ad aiutarla a liberarsi.»
«Io sono dove sono per mia assoluta volontà. Sono il primo ufficiale dell’Enterprise.»
Lui rise. «Sì, certo, e mi vuol far credere che stia insieme al pazzoide che abbiamo di là per sua volontà?»
T’Pol lo fulminò: «Che cosa intende?»
«Diciamo che noi poliziotti vineliani siamo famosi per il nostro spirito di osservazione e sappiamo che è la sua amante. Ma deve esserci obbligata…. una Vulcaniana non starebbe mai con un Umano del genere.»
«Questi non sono affari suoi.» ribatté T’Pol.
«Le diamo la possibilità di andarsene, da questa prigione, da questo pianeta e dalla nave di Umani…. ma deve dirci cosa sta cercando il signor Tucker.»

«Attento, capitano!» urlò Hoshi. Afferrò Archer per un braccio e lo tirò verso di sé appena in tempo.
Jonathan era troppo concentrato a urlare al comunicatore per far caso alla quantità di “tortine di troguaro” che la mandria aveva lasciato per la strada. «Uh, grazie, Hoshi. Sarà un anno fertile.»
«Ancora niente?»
«Baird a capitano Archer.»
Lui lasciò andare un sospiro di sollievo. «Qui Archer. Dove vi trovate?»
«Siamo ancora attraccati al molo 4, signore. L’orbita della stazione ci riportati sopra la capitale. Va tutto bene?»
«Non proprio.» Archer sospirò. «C’è stata una manifestazione e abbiamo perso Trip e T’Pol. Dica a Fisher di cercare di stabilire la posizione e comunicatecela al più presto.»

Archer entrò nella saletta e T’Pol gli andò subito incontro. «Capitano!» esclamò. Era una Vulcaniana, ma Archer poté decisamente constatare che era felice di vederlo.
«Cosa sta?»
«Sto bene, a parte….» Indicò il cestino della spazzatura dietro di sé, pieno a metà di fazzoletti di carta usati. «Dov’è il comandante Tucker?»
«Andiamo a prenderlo ora.»
«Quei poliziotti ci lasciano andare?» chiese lei. Era incredula, ma uscì subito dalla saletta.
«Sì, è stato solo un malinteso. Ho parlato con il Ministero Veoliet, ha chiarito la situazione con la polizia e ordinato il vostro rilascio.» Camminarono lungo un corridoio, al seguito di una guardia che T’Pol non aveva mai visto. Hoshi camminava praticamente incollata al fianco sinistro di Archer.
«Aspettate qui.» disse la guardia.
«Perché?» chiese Archer.
«È la procedura.»
Il capitano sospirò. Si girò verso T’Pol: «Che cosa le hanno fatto?»
«Nulla. Mi hanno tenuto per queste cinque ore in quella stanza e mi hanno fatto alcune domande, per lo più stupide.» T’Pol abbassò la voce: «Pensavano che siamo spie.»
«Lo pensano tuttora, ma per fortuna il Ministro è dalla nostra parte. Siamo stati autorizzati a lasciare la superficie del pianeta e ad andarcene.» Si sfregò il dorso della mano sotto il naso. «E sinceramente, dopo il vostro arresto e la quantità di “tortine di troguaro” in cui sono stato, non vedo l’ora. Stavo solo pensando al….» La sua frase venne interrotta dall’apertura della porta alle sue spalle.
Tucker apparve sulla soglia, aveva l’aria assonnata, ma quando vide Archer si affrettò ad abbassarsi le maniche della divisa e a passarsi una mano trai capelli spettinati, come una recluta sorpresa in disordine da un ammiraglio.
«Trip!» esclamò il capitano. «Stai bene?»
«Sì. Sì, tutto bene.»
I quattro poliziotti che li avevano portati lì arrivarono alle spalle di Tucker. Il capo fissò T’Pol: «La nostra proposta è ancora valida.»
Archer si girò verso la Vulcaniana, che rispose al Vineliano: «Le ho già detto che non sono interessata.»
«Di cosa–?»
T’Pol interruppe il capitano. «Possiamo andare?»
Lui annuì. Fece cenno a Trip di passare avanti, lanciò uno sguardo ai poliziotti, che non sembravano molto felici di vederli andare, quindi seguì i tre ufficiali verso l’uscita.
L’aria si era fatta fresca, il cielo era rannuvolato e c’erano pochi Vineliani in giro per le strade.
«State bene?»
Trip e T’Pol annuirono.
«Di cosa parlava quel poliziotto?» chiese Archer, affiancandosi alla Vulcaniana.
«Ha la ferma convinzione che io sia tenuta sull’Enterprise contro la mia volontà.»
Archer rise leggermente: «Sapesse com’è iniziato tutto.» Si girò verso Tucker. Lo trovò a camminare dietro di loro, con lo sguardo basso. «Trip, stai bene?» chiese, mentre si fermava di un passo per affiancarlo.
Lui alzò lo sguardo. «Sissignore.» rispose. «Sto bene.»
Jonathan gli mise una mano sulla spalla e lo sentì trasalire. «Cosa ti hanno fatto, lì dentro?»
«Delle domande. Pensavano fossi una spia. Ma io…. io non sono una spia, signore.»
Archer lo fissò per qualche istante. Tucker teneva lo sguardo fisso sulla strada lastricata e il capitano ebbe l’impressione che non fosse per paura di inciampare in una “tortina di troguaro”. «Lo so, Trip…. Ma…. stai bene?»
Tucker alzò lo sguardo su di lui, incrociando i suoi occhi per una frazione di secondo, prima di distoglierlo. «Sì, sto bene, signore, sono solo stanco.»
«La Navetta Due è qui dietro, ora torniamo a bordo.»
Camminarono velocemente e in silenzio, Jonathan non poté fare a meno di notare che Tucker rimaneva volutamente indietro rispetto agli altri. Si chiese il perché. Aprì il portello laterale della navetta e porse la mano a Hoshi e T’Pol per aiutarle ad entrare, poi guardo verso Trip, fermo a un paio di metri dalla navetta.
«Ehi? Non entri?»
Trip alzò appena gli occhi, guardando l’apertura. «È stretto, là dentro.»
«È la Navetta Due, Trip, la conosci benissimo.» ribatté Archer. Lasciò l’uscio e le due donne dentro la navetta e si avvicinò a lui. «Ti hanno tenuto in una stanza stretta, Trip?»
«Era…. sì, era un po’ stretta.»
Jonathan annuì. «Preferisci che ti faccio portare su con il teletrasporto?»
«Siete ancora qui?»
I due uomini si girarono verso la voce: era il capo del gruppetto di quattro poliziotti che li aveva seguiti fin lì.
«Stiamo per andarcene.» rispose Archer. Si girò verso il suo capo ingegnere. «Trip?»
Tucker guardò T’Pol che gli tendeva una mano. La prese ed entrò nella navetta. «Ma stai bene?» chiese T’Pol, mentre Archer avviava la navetta.
«Sì.» rispose Tucker. «Sono solo stanco.»

Phlox apparve alla finestrella con il suo classico sorriso enorme. «Siete puliti. Potete uscire.»
Erano stati in sala di decontaminazione per pochi minuti, durante i quali T’Pol aveva fatto un accurato resoconto di quello che era successo loro dopo che erano stati divisi da Hoshi e Jonathan.
Tucker era stato praticamente in silenzio tutto il tempo e aveva detto che i Vineliani gli avevano fatto le stesse domande che avevano rivolto a T’Pol, tranne naturalmente l’insinuazione che fosse ostaggio di alieni cattivi. Poi aveva declinato l’invito di Archer a farsi visitare da Phlox, ma Trip gli aveva assicurato che era solo stanco e che sarebbe andato in infermeria al primo segno di problema.
Archer aveva acconsentito e aveva messo i tre ufficiali in libertà, Hoshi aveva detto che avrebbe fatto una doccia di un’ora per togliersi di dosso l’odore dei troguari.
«Ti do una mano a lavarti e cambiarti.» disse T’Pol, mentre andavano verso il ponte C.
«No, non è il caso che ti bagni.» fece lui. «Sei ancora raffreddata.» Ad un tratto svoltò a destra, mentre T’Pol stava per proseguire a sinistra.
«Dove vai?» gli chiese.
«Nel mio alloggio.» rispose Trip, tenendo lo sguardo basso.
«C’è qualcosa che non va, vero?» ribatté T’Pol avvicinandosi a lui. «Trip. Rispondimi.»
«Scusa…. ma sono davvero stanco e ho bisogno di stare un po’ da solo…. Scusami…. scusami.» Così dicendo girò velocemente l’angolo.
T’Pol, però, lo seguì. «Trip!»
Lui si fermò in mezzo al corridoio, ma non si girò verso di lei.
«Ma che cosa ti succede? Da quando sei uscito da quella stanza sei strano.»
«Sono solo stanco, T’Pol.» sussurrò lui, tenendo lo sguardo sul pavimento. «Per favore…. voglio andare a dormire….»
Lei gli si avvicinò di qualche passo. «Se hai bisogno per qualsiasi cosa…. chiamami, va bene?»
Tucker annuì, quindi si defilò in fretta.

Quando Archer entrò in sala macchine, notò subito che c’era qualcosa che non andava, ma Hess gli stava già andando incontro e quindi accantonò il pensiero. «Ha detto che voleva vedermi, tenente?»
Hess l’aveva chiamato pochi minuti prima, dicendogli che doveva parlargli “in privato”.
«Sì, signore.» disse lei, quindi abbassò la voce. «Non sono solita riportarle problemi di questo genere, quando sono piccoli, e non mi permetterei mai di mettere nei guai il comandante Tucker, ma….» Hess deglutì nervosamente e, senza guardare Archer negli occhi, proseguì: «Questa mattina è in ritardo di quasi un’ora al suo turno. Non è da lui. Non risponde all’interfono e non vorrei che gli fosse…. successo qualcosa, ecco.»
Archer annuì. «Grazie per avermi avvisato.» Le mise una mano sulla spalla. «Ci penso io ora, lei resti ai motori.» Uscì dalla sala macchine quasi di corsa. Entrò forzando l’apertura e sentì subito il rumore della doccia. Probabilmente Trip aveva solo dormito troppo.
O almeno così sperava.
«Trip.» chiamò. «Trip, stai bene?»
Dato che non riceveva risposta, decise di aprire la porta del bagno. C’era molto vapore in giro e faceva caldo. Jonathan si affacciò all’apertura della doccia e vide Tucker seduto sotto il getto bollente.
«Trip? Trip, cosa c’è?»
Lui alzò la testa e lo fissò con uno sguardo vacuo che gli diede i brividi. «I-io….»
Archer chiuse l’acqua e prese un salviettone. «Vieni.» Ci avvolse Tucker, quindi lo aiutò ad alzarsi e a tornare in camera. Lo aiutò a sedersi sul letto. «Mi spieghi cos’è successo?»
«Ho…. ho freddo, signore…. non riesco a scaldarmi.»
«Ti porto da Phlox.»
«No!» esclamò lui. «Voglio dire…. no, non serve.»
«Trip….» La sua frase fu interrotta dal campanello. Archer sospirò e andò ad aprire.
«Capitano.» disse T’Pol, leggermente stupita. «Ero venuta per vedere Trip, in sala macchine mi hanno detto che non si è presentato al suo turno…. ho chiesto a Fisher di sostituirmi per qualche minuto in plancia.»
«Trip non sta bene.» rispose Archer e si scostò per farla entrare.
«Che cos’hai?» gli chiese, avvicinandosi.
«Ho freddo…. tutto qui.» rispose, a voce appena percettibile.
«Devi asciugarti bene.» replicò T’Pol. «Metterti vestiti caldi.» Andò in bagno per recuperare altre salviette.
«NOOOO!» urlò Trip, quando Archer cercò di togliergli l’asciugamano.
Archer si bloccò e ritrasse le mani. «Si può sapere cosa ti prende? È da ieri che ti comporti in modo strano.»
«Non mi toccate…. non mi toccate….» Iniziò a tremare. «No, per favore no….»
«Trip, cos’hai?» T’Pol si chinò davanti a lui.
«Io chiamo Phlox.» rispose Archer.
«No, no no no no no…. niente medici, no….»
«Ma, Trip….»
«Aspetti, capitano.» T’Pol osservò Trip per qualche istante. Tremava, aveva la pelle d’oca, le pupille dilatate ed era decisamente in ansia. Gli prese a forza una mano e gli girò il braccio. «Questa è una crisi di astinenza.»
«Cosa?!» esclamò Archer. Come poteva avere Trip una crisi di astinenza…. e come poteva T’Pol conoscerle così bene? Poi guardò il braccio di Trip. C’erano due evidenti segni di aghi sul suo braccio. «Merda.» Questa volta decise di chiamare Phlox senza attendere oltre.
«No, per favore, no….» Tucker cercò di ritrarre il braccio dentro il salviettone, ma T’Pol gli trattenne la mano. «Ti aiutiamo ad asciugarti e a vestirti, ma poi devi farti vedere da Phlox.»
Trip si tirò in piedi di scatto, divincolandosi da lei. «No, no no no no…. non voglio andare dal medico….»
–Dannazione! Possibile che non siamo riusciti a notare che qualcosa non andava proprio?!– pensò Archer. Si avvicinò a Trip e lui indietreggiò fino all’angolo. «Senti, ti hanno iniettato qualcosa…. che ti sta facendo male. Hai bisogno di cure.»
Tucker si sedette a terra e si strinse le braccia intorno allo stomaco. Sentiva crampi fortissimi. «No…. No….»
Phlox entrò in quel momento. Gli passò davanti il tricorder e Trip si strinse ancora di più nell’angolo.
«Che cos’ha?» chiese Archer.
«Non riesco a capirlo. Dovrei fargli un esame approfondito nella camera a immagini.»
«NOOOOO!» Trip urlò e si tirò in piedi. «Là dentro no!»
Archer lo bloccò prima che potesse allontanarsi. «Trip, calmati.»
«Non voglio andare nella camera a immagini…. io non ci voglio andare lì…. morirò lì dentro….»
Jonathan spinse Trip per farlo sedere sul letto.
«Devono averlo drogato.» disse T’Pol. «Ha dei segni di puntura sul braccio e questi sembrano sintomi di una crisi di astinenza.»
«Ha ragione.» disse Phlox. «Inizierò analizzando il suo sangue.»
«Può dargli un tranquillante?» chiese Archer.
Phlox prese l’ipospray per i prelievi. «No, finché non so cos’ha nel sangue, non posso dargli nulla.»
«Basta, vi prego, basta….»
Il Denobulano gli prelevò velocemente il sangue. «Ha la pelle gelida, fatelo rivestire e scaldatelo.» Alzò la provetta. «Tenetelo qui tranquillo, io vado a esaminare il sangue.»
T’Pol guardò il medico uscire, quindi recuperò i vestiti dall’armadio. «Trip, hai sentito cosa ha detto Phlox? Devi vestirti, stare al caldo. Va bene se ti aiutiamo?»
Lui annuì leggermente.
«Va tutto bene, Trip. Phlox risolverà tutto.» sussurrò Archer.
«Mi fa male lo stomaco.» sussurrò Tucker.
«Quando torna chiediamo a Phlox se puoi bere un po’ di latte.»
T’Pol lo aiutò a vestirsi. «Sdraiati sul letto, prendo un’altra coperta.»
Trip fece come lei gli aveva detto.
Archer chiamò la plancia: «Hoshi, siamo ancora nel raggio di comunicazione con Vinelia?»
«Sì, capitano.»
«Perfetto. Contatti il Ministro Veoliet, gli dica che ho urgente bisogno di parlare con lui. Dove ci troviamo, ora?»
«Sì, ecco….» disse la voce gioviale di Travis. «Stavo per chiamarla, avremmo scovato un campo di lune in direzione 143.2. Posso invertire la rotta?»
«Questo ci riporta nei pressi di Veoliet?» Vide Tucker rintanarsi sotto le coperte.
«Saremmo leggermente più vicini, signore.»
«Va bene, impostate la rotta.» Archer sospirò e tornò a sedersi accanto a Trip. «Come va? Un po’ meglio?»
Lui annuì. «Mi dispiace. Mi dispiace tanto.»
«Non è colpa tua.» Archer gli mise una mano sul braccio e lo massaggiò lentamente. Tucker lo osservò come se fosse la prima volta che sentiva un massaggio.
La porta dell’alloggio si aprì e Phlox apparve sulla soglia. «Capitano.» disse il medico, facendo cenno ad Archer di uscire.
Cattivo segno.
«Rimanga qui con lui.» disse a T’Pol, quindi uscì. «Cos’ha trovato, dottore?»
«Gli hanno somministrato un potente alcaloide, in dosi piuttosto alte. Al momento non posso far nulla per il comandante, ma cercherò una cura.»
«Come mai non ce ne siamo accorti ieri?»
«Credo che sia per via della trasformazione del composto. A contatto con il sangue umano genera una reazione chimica che ne amplifica l’effetto. Nel sangue del comandante ci sono ancora molte molecole che si stanno trasformando.»
Jonathan scosse la testa. «Vuol dire che il peggio non è ancora arrivato?»
«Temo di no.»
«Può dargli qualcosa per aiutarlo?»
Phlox scosse la testa. «No. Con le conoscenze che ho al momento su questo composto, lo stato di veglia permette all’organismo di metabolizzarlo più in fretta.»
«Ma così la crisi di astinenza peggiorerà.»
«È vero, ma finirà anche prima.»
Archer sospirò. «Può mangiare? Può bere del latte? Ha detto di avere mal di stomaco.»
Il medico annuì. «Sì, certo. Non ci sono controindicazioni. Ma suggerirei di tenerlo nel suo alloggio e non di lasciarlo solo.»
«Va bene. Spero che Hoshi riesca a mettermi in contatto al più presto con Veoliet.»

Archer guardò all’interno dell’alloggio. Tucker era steso sul fianco destro, fissava il vuoto ma sembrava tranquillo.
T’Pol si avvicinò al capitano. «Dopo aver mangiato sembra essersi calmato…. anche troppo.»
Jonathan sospirò. «Phlox non è ancora arrivato a nulla e Veoliet nega qualsiasi coinvolgimento. Dice che probabilmente Tucker ha mangiato qualcosa che gli ha fatto male.»
«C’era del cibo nella mia cella, ma dubito che Trip abbia mangiato qualcosa, sapeva che era nocivo.»
Archer lanciò uno sguardo al suo capo ingegnere, poi riportò l’attenzione su T’Pol: «È ora di pranzo, vada a mangiare. Sto io con lui.»
T’Pol rientrò nella stanza e si accovacciò di fianco a letto. «Vado via per qualche minuto.» sussurrò a Trip. Gli accarezzò i capelli. «Torno tra poco. Adesso rimane qui con te il capitano.»
Lui annuì leggermente.
T’Pol si alzò e passò accanto al capitano. «Tornerò al più presto, signore.»
«Stia tranquilla.» Archer attese che la porta si chiudesse alle sue spalle, quindi si avvicinò lentamente al letto. Si sedette sul bordo e mise una mano sul braccio di Trip. «Come ti senti, ora?»
Tucker alzò leggermente le spalle, senza guardare il capitano.
«Phlox sta lavorando per trovare una cura…. un antidoto o qualcosa per farti stare meglio.»
Trip si portò una mano sul collo. «Non…. non….»
Archer si chinò in avanti per sentirlo, dato che stava sussurrando. «Come hai detto?»
«Scusi….» sussurrò.
Jonathan sospirò. «Trip, cosa c’è?»
«Non voglio…. non voglio un’altra dose…. non la voglio….»
«Intendi di quella cosa che ti hanno dato?»
Lui annuì. «Mi far stare bene qualche minuto, ma poi…. poi non mi piace, sto male. La prego…. non ne voglio più.»
«No, no, stai tranquillo.» Archer gli sorrise. «Phlox troverà qualcos’altro.»
Trip si strinse le braccia intorno.
«Hai freddo?»
Lui scosse la testa.
No, non aveva freddo. Aveva paura.
Archer sospirò. «Se c’è qualcosa che posso fare per te, dimmelo.»
«Grazie….» sussurrò lui. «Grazie, signore.»
Jonathan si alzò dal letto e andò a sedersi alla scrivania. Si chiese cosa gli avessero fatto, dopo averlo drogato.

Archer stava osservando le rilevazioni che Fisher gli aveva mandato sul terminale di Trip, quando la porta si aprì e T’Pol entrò con un vassoio. «Questo è il tuo pranzo.» disse la Vulcaniana a Tucker. «Menù su ordine del medico.»
Trip si tirò a sedere e prese il vassoio. «Grazie.» sussurrò. Se lo appoggiò sulla gambe e iniziò a mangiare in silenzio.
T’Pol e Archer si allontanarono, stando sulla soglia dell’alloggio. «Phlox non riesce a trovare un antidoto alla droga. Verrà tra un paio di ore a fargli un nuovo prelievo per vedere se diminuisce con il metabolismo.»
Il capitano annuì. «Stiamo arrivando presso quel sistema di lune scovato da Fisher. Torno in plancia. Se ha bisogno di me, mi chiami.»
T’Pol chiuse la porta dietro di sé e si avvicinò a Trip. «Come va?»
«Va meglio.» disse lui, finalmente con un tono di voce normale. «Forse sta passando.»
«Bene.» T’Pol si sedette accanto a lui.
Tucker alzò lo sguardo. «Hai mangiato?»
«Sì. Prima di tornare qui.»
Trip andò avanti a mangiare in silenzio per diversi minuti. Poi disse: «Ti hanno fatto qualcosa?….. Intendo…. quei poliziotti vineliani.»
«No, mi hanno rinchiuso in una stanza, ma non mi hanno fatto nulla. Erano convinti che io fossi vittima di rapimento e plagio da parte vostra.» T’Pol lo osservò per qualche istante, poi disse: «C’è qualcosa di cui vuoi parlare?»
Trip si affrettò a scuotere la testa, abbassò lo sguardo sul vassoio e riprese a mangiare in silenzio.

«Phlox?»
«Purtroppo è come temevo.»
Archer incrociò le braccia: «Cioè?»
«Le molecole che girano nel sangue del comandante Tucker si stanno accumulando.»
Jonathan sospirò. «Ma non sta assumendo altra droga.»
«No, ma posso dire con una certa sicurezza che il sangue umano fa da catalizzatore alla reazione che la assembla.»
«Mi sta dicendo che in pratica…. il corpo di Trip sta producendo la droga da sé?»
Phlox annuì. «Sì. La quale si accumula nel sistema nervoso e quando la reazione cessa avviene la crisi di astinenza, seguita da un altro periodo di accumulo.»
Il capitano incrociò le braccia. «E quanto andrà avanti tutto questo?»
«Considerando la quantità di droga che ha nel sangue, temo almeno una settimana.»
«Ma non è possibile andare avanti così!»
«È per questo che sto cercando una cura, capitano.» replicò Phlox.
Lui annuì. «Faccia presto, dottore.» Stava per uscire dall’infermeria, ma Malcolm Reed entrò in quel momento.
«Capitano? Come sta il comandante Tucker?»
Archer sospirò leggermente. «Non molto bene.»
«C’è qualcosa che posso fare?»
«Temo di no.» Archer mise una mano sulla spalla di Reed. «Siamo arrivati in orbita attorno a quella luna azzurra?»
«Sissignore. Vengo ora dalla plancia. Vuole un rapporto a riguardo?»
“The show must go on.” pensò Archer. «Sì, mi dica.» Uscirono dall’infermiera, iniziando a camminare verso Ia plancia.
«È una piccola luna con grandi mari, poca terra verde, atmosfera di ossigeno e azoto. Nessun segno di vita intelligente.»
«Qualcuno che la rivendica?»
«Nessun segno. Ma è a metà strada tra Kiepel e Vinelia, immagino che sia di uno dei due pianeti.»
Archer annuì. «Sì, è probabile. Restiamo in orbita, per ora.»

La stanza era illuminata da luce azzurrognola, proveniente di riflesso dalla luna.
«È molto bella, vuoi venire a vederla?» chiese T’Pol. Gli tese una mano. «Dai, vieni.»
Trip si alzò dal letto e si accostò lentamente all’oblò, quasi come se avesse paura che qualcuno gli potesse saltare addosso.
«Magari il capitano ci lascia fare un giro.» continuò lei.
A quel punto, Trip si tirò indietro di colpo. «Scendere? No, no…. non voglio, no.»
«Calmo, Trip. Non sei obbligato.»
Tucker iniziò a camminare in giro per la stanza. Le sue mani tremavano e T’Pol colse al volo l’inizio di una nuova crisi. «Siediti.» gli disse. Si chiese se il discorso dello sbarco avesse innescato la crisi o se fosse comunque in arrivo.
«No, io….» Trip si ritrasse dal suo tocco. Si strinse le braccia intorno alla vita.
«Hai ancora mal di stomaco? Vuoi del latte?»
«Noooo!» urlò lui. «Non mi toccare!»
«Trip, ora calmati. È una crisi, lo so, ma se ti lasci aiutare….»
«AIUTARE?!» urlò. «Io non voglio essere aiutato! Voglio solo che mi lasci in pace!» Tucker si girò di scatto verso di lei e la spinse forte.
Presa alla sprovvista, T’Pol perse l’equilibrio e cadde indietro, battendo la testa contro la scrivania.
Trip la guardò a terra. «Ti odio.» disse. «Ti odio!»
Strappò il monitor del terminale e iniziò a sbatterlo con rabbia contro il corpo immobile di T’Pol.
Poi ad un tratto vide il sangue verde. Lasciò cadere il monitor e guardò le sue mani, ricoperte di sangue. Guardò T’Pol. Con una mano tremante raggiunse la sua gola, cercando un battito. «No….» sussurrò. «Cosa ho fatto?…. Cosa ho fatto?!» Si tirò in piedi. «L’ho uccisa…. Ho ucciso T’Pol, ho ucciso…. il mio amore….» Aprì l’ultimo cassetto della scrivania sbloccando la serratura, ed estrasse una pistola a fase. Guardò la luna fuori dall’oblò. «Devo sbarcare….» Avrebbe seguito il suo consiglio…. sarebbe sbarcato.
Uscì dal suo alloggio, scendendo di corsa verso l’hangar navette. La Navetta Uno era ancora in riparazione, ma in quel momento l’hangar era deserto.
Salì sulla Navetta Due e chiuse il portello. Digitò i comandi per aprire l’hangar, che però restò chiuso.
«Merda!» urlò. –Lo sapevo, mi stanno tenendo qui…. mi danno la caccia!—
Aprì il portello e salì di corsa in sala comandi. Digitò freneticamente alcuni comandi, ma nulla rispondeva ai suoi ordini. Tornò nella Navetta Due e iniziò ad avviare una procedura di bypass dei comandi di bordo. Era lunga, ma forse ce l’avrebbe fatta. Ignorò i segnali acustici che lo avvertivano di errori nei codici immessi.
Poi sentì il rumore delle porte che si aprivano, voci sommesse e passi che si avvicinavano alla navetta. Si girò di scatto, puntando l’arma in faccia ad Archer.
«Possiamo parlare?» chiese il capitano.
«Hai fatto sigillare i portelli dell’hangar.» disse Tucker, con voce tesa. «Perché?»
Archer lo osserverò per qualche istante. «Trip….»
«Non avvicinarti!» urlò lui. La mano che impugnava la pistola, tesa davanti a lui, tremava.
«D’accordo. Resto qui.» Archer alzò leggermente le mani. «Perché non abbassi la pistola? Io sono disarmato.»
Trip scosse velocemente la testa. «No. No no no no no…. I portelli, apri i portelli.»
«Che vuoi fare? Prendere una navetta e scendere sulla superficie?»
Tucker deglutì con fatica, quindi annuì. –Ho ucciso T’Pol. Ho ucciso T’Pol. Ho ucciso T’Pol. Ho ucciso T’Pol.–
«D’accordo. Ti accompagno io.»
«No!» urlò Tucker. Stava sudando e i suoi movimenti erano nervosi. «No, io…. io devo stare solo, vuoi capirlo? Vuoi capirlo?!»
«Trip, se scendessi da solo sulla superficie, io dovrei inseguirti, perché avresti rubato una navetta della Flotta Astrale.»
Jonathan parlava, ma lui faceva fatica a seguirlo.
«Ti lascerò giù, da solo. Ti darò rifornimenti…. e tutto quello di cui hai bisogno. Ma ora, devi abbassare quella pistola.»
La mano di Trip iniziò a tremare ancora più forte. «Tu non capisci!» Le lacrime iniziarono a rigargli le guance arrossate. «Io…. io l’ho uccisa.» Abbassò l’arma. «Io l’ho uccisa.»
«Trip….» Archer fece un passo avanti, deciso ad entrare nella navetta.
Ma Tucker agì più velocemente di lui, alzò di nuovo la pistola, ma questa volta la puntò sulla propria tempia.
–HouccisoT’PolhouccisoT’PolhouccisoT’PolhouccisoT’PolhouccisoT’PolhouccisoT’PolhouccisoT’Pol.–
Premette il grilletto.
«TRIP, NOOOOOOO!»

«Amore, svegliati.»
C’era qualcosa che non andava. Aprì gli occhi e guardò il volto di sua madre che gli sorrideva.
«Trip, dai, alzati, dormiglione. È ora di andare a scuola.»
«’Rivo, ma’.» rispose lui. Tutto pian piano stava tornando al suo posto. Sbadigliò e si stirò.
«Al, datti una smossa!» esclamò sua madre, con un sorriso. «Oggi i miei due maschietti sono proprio pigroni.»
«Arrivo prima io!» esclamò Lizzy, correndo davanti alla porta della stanza dei fratelli.
Trip sbadigliò di nuovo e si tirò a sedere.
«Mamma, hai fatto i waffle?» chiese Albert.
«Sì, sbrigatevi o vostra sorella se li mangerà tutti.»
Trip recuperò le ciabatte da sotto il letto. «Quand’è che le verrà la mania di fare la modella, così la smette di affogarsi di cibo?»
Lei baciò il figlio sui capelli.
«Elaine.»
Trip alzò lo sguardo verso la porta, dove un uomo alto era in piedi.
«Dai, vai, cucciolo.» disse la madre, spingendolo verso la porta.
Trip svicolò fuori di corsa.
«Quando lo obbligherai a mettere a posto quel casino?»
Elaine sospirò e gli sorrise. «Lo sai com’è fatto Trip.» Iniziò a rassettare la stanza.
«Mi dispiace per Albert, obbligato a condividere la stanza con un tale caos.» disse lui. Osservò il lato destro della stanza, decisamente più in ordine del sinistro. «Ho pensato che dovremmo proprio concedergli di prendersi una stanza in mansarda, così se ne starebbe un po’ in pace.»
«Io sono mesi che lo dico.»
«Anzi, io ci metterei Charles in soffitta.» Scosse la testa. «Stai mettendo a posto tu?»
«Sì. Ne parlerò ai ragazzi.»
L’uomo scosse la testa. «Sei troppo permissiva, Elaine.»
Lei gli sorrise. «Oh, James, dai.»
Lui sospirò. «Scendo a vedere se stanno mangiando.»

«Charles, ti ho detto di tirare su il finestrino.»
Trip si chinò in avanti e chiuse il finestrino dell’auto.
Lizzy alzò le spalle.
Albert lanciò uno sguardo ai suoi fratellini. Era Lizzy che aveva chiesto a Trip di tirare giù il finestrino, ma James aveva sgridato lui.
L’uomo si fermò davanti alla scuola superiore. Tirò un amichevole e leggero pugno sulla spalla di Albert. «Vai, campione.»
Fece ancora un centinaio di metri e si fermò davanti all’edificio che ospitava sia le scuole elementari che le medie. Lizzy scese con un salto dall’auto e Trip iniziò a spostarsi verso destra per scendere.
«Charles, aspetta, devo parlarti.»
«Ma io voglio che sia Trip ad accompagnarmi a scuola.» si lamentò Lizzy.
«Cucciola vai, ti raggiungo prima di entrare.» le disse Trip.
La bambina incrociò le braccia e fece il broncio.
James le sorrise. «Va bene, Elizabeth, ti accompagno io e poi torno qui.» Scese dall’auto e girò intorno, fino ad arrivare accanto a Lizzy. «Andiamo.»
«Ma io voglio che mi ci porti Trip!»
James prese per mano la bambina: «Charles ti ci porterà domani.»
Lizzy restò con il broncio, ma si lasciò accompagnare fino alla porta di scuola.
Trip li osservò dall’auto, vide James dare una carezza a Lizzy, che, finalmente sorridente, corse dentro la scuola. Poi l’uomo tornò verso di lui. Invece di sedersi al posto di guida, s’infilò sul sedile posteriore, di fianco a Trip.
Il ragazzo abbassò lo sguardo. Vide l’orologio e disse: «Dovrei entrare a scuola, o rischio di fare tardi.»
«Ci mettiamo solo due minuti.» rispose lui. «Vedi, non capisco a che gioco stai giocando, Charles.» Aspettò qualche secondo, ma Trip non disse nulla. Era teso e non lo guardava. «Guarda Albert com’è bravo. È ordinato, ubbidiente. Mi spieghi….» Spinse l’indice contro la tempia del ragazzino. «….cosa c’è lì dentro?»
Trip abbassò la testa senza rispondere.
«Senti un po’, ragazzino, io credo di aver capito a cosa punti.» Gli prese con violenza i capelli nel pugno. «Se stai tentando di rovinare il mio matrimonio con tua madre, ti assicuro che sarò io quello che ti rovinerà.»
Lui non rispose, trattene un urlo che spingeva per salire nella sua gola per il dolore e la rabbia.
No, questo non era l’uomo che sua madre meritava. Possibile che lei non se ne accorgesse?
«E ora fila a scuola. E ti assicuro che se non ci saranno buoni risultati, se non ti punirà tua madre, ci penserò io.» James gli tirò una pacca sulla nuca.
Trip scese velocemente dall’automobile, quindi corse verso l’entrata della scuola.
Lì, finalmente, era al sicuro.

Elaine chiuse la cerniera della valigia e si girò verso Trip, in piedi sulla soglia. «Allora, cucciolo? Perché hai la luna di traverso?»
«Non voglio che te ne vai.»
Sua madre gli sorrise. «Sto via solo dieci giorni.» disse. «Lo sai che la zia Martha ha bisogno di un aiuto. Tra poco la sua prima bimba nascerà e io sono un’esperta in bambini.» Si avvicinò a lui. Non aveva nemmeno più bisogno di abbassarsi, Trip era ormai alto quasi quanto lei. Gli accarezzò i capelli. «Non credi?»
Trip annuì. «Sì, tu sì, ma James no.» ammise.
«E cosa c’entra?» Elaine rise leggermente. «Se una persona non ha mai avuto figli propri, questo non vuol dire che non sia brava coi bambini, non credi?»
Il ragazzo non rispose, ma avrebbe voluto dire: “Ma certo, ma questo non è il caso di James.”
«Vedrai, vi divertirete. E poi quando tornerò, sarà finita la scuola e potremo iniziare a progettare le vacanze. Anzi, puoi cominciare a pensarci in questi giorni, non credi?» Gli diede un bacio sulla guancia. «Il mio cucciolo.»
«Elaine.» La voce di James fece trasalire Trip. «Andiamo?»
Lei gli sorrise. «Sì, dammi solo un minuto. Ti raggiungo di sotto.»
James baciò sua moglie, prese la valigia e uscì.
«Era bello quando papà ti chiamava “Gracie”.» sussurrò Trip.
Elaine si sedette sul letto e gli fece cenno di sedersi accanto a lei. «Vieni.»
Trip andò a sedersi.
«Lo so che papà ti manca tanto. E hai ragione, manca tanto anche a me e ai tuoi fratelli.» Gli sorrise. «Ma James ha promesso di prendersi cura di voi come se foste i suoi figli. Dagli un po’ di fiducia, cucciolo.»
Lui tirò su con il naso, quindi disse: «Però non mi vuole chiamare “Trip”.»
Elaine rise: «Questo è perché odia i soprannomi.»
«Sì, ma “Charles” era il nonno….»
Lei annuì. «È vero. Ma è anche il tuo nome.»
Trip alzò le spalle. «Ma tu mi chiami Trip. E anche papà. E Al e Lizzy.»
Già, nessuno di loro veniva chiamato con il nome di battesimo. Albert era Al, Elizabeth Lizzy, Elaine Gracie, Charles II Charlie e Charles III Trip.
Ma James non era Jamie, non era Jim, non era Jimmy. Era solo James.
Elaine lo tirò a sé e gli diede un bacio sulla guancia. «Cercate di andare d’accordo, ok? Conto su di te, che sei il mio cucciolo.»
«Sì, ma’.» replicò lui e si sforzò di sorriderle.
«Cerca di avere qualche idea per la tua stanza in mansarda, mentre sono via, va bene?» Si tirò in piedi. «Ora vado, altrimenti la zia Martha rischia di partorire prima che io arrivi.»

«Mi manca la mamma.» disse Lizzy.
«Tornerà tra nove giorni.» rispose Albert.
Trip le sorrise. Mancava anche a lui.
«Ho deciso che da questa sera Charles dormirà nella sua nuova stanza in mansarda.» disse James.
I tre ragazzi lo guardarono stupiti.
«Ma….» balbettò Albert.
«Charles si è offerto volontario e prendersi la stanza in mansarda, ricordi, Albert?»
«Quella stanza non è ancora pronta.» continuò Albert. «Non è nemmeno stata imbiancata.»
«Non di recente.» continuò James. «Ma vostro padre aveva iniziato a sistemare la camera per voi due ragazzi, quando dovevano allestire la nursery per vostra sorella Katherine nella camera di Albert.»
Lizzy era nata da poco più di due anni quando Elaine era rimasta incinta e poi aveva avuto un aborto spontaneo. Avrebbero chiamato battezzato la bambina Katherine e poi naturalmente l’avrebbero chiamata con un qualche soprannome.
Albert lanciò uno sguardo a Trip, che scosse leggermente la testa.
«Qualcosa non va, Charles?» chiese James, con tono duro.
«No, va tutto bene.» mentì lui.
James guardò nei piatti dei tre ragazzi: i due maschi avevano ripulito tutto. «Elizabeth, qualcosa non andava nel tuo purè?» Il suo tono era decisamente più dolce.
«Non mi piace fatto così.»
James le rivolse uno sguardo interrogativo.
«Lo voglio come lo fa la mamma.» disse lei.
«E come lo fa la mamma?» chiese lui.
Lizzy alzò le spalle.
«Lo fa con il latte, non con il brodo.» spiegò Trip.
James lo fulminò con lo sguardo. «Perché non vai fare il letto in mansarda, Charles? Credo che per questa sera tu abbia mangiato abbastanza.»

Quando sentì la porta della mansarda aprirsi ebbe la tentazione di nascondersi sotto il letto o uscire dalla finestra per salire sul tetto.
Ma per fortuna non era James.
«Al, che ci fai qui?»
«Porto le arance al carcerato.» disse suo fratello. Gli passò un budino e un cucchiaino. «Il dolce che hai saltato.»
«Se James ti becca si arrabbierà.»
Al si sedette di fronte a lui sul letto. «No, non si arrabbia mai con me.»
«E nemmeno con Lizzy, per fortuna.» Trip aprì il budino e iniziò a mangiare di gusto.
«Dovreste parlarne alla mamma.» continuò Al. «Non è giusto come ti tratta. Vabe’, non sarai perfetto, ma sei in gamba. Un po’ casinista.»
Trip rise. «Già.»
«Parlo sul serio, però. Io non so perché ce l’ha con te, ma devi dirlo alla mamma.»
«No, non voglio.» Trip finì il budino. «Da quando è morto il papà, non ho mai visto la mamma così serena come da quando si è risposata con James. Lui può non piacermi, ma…. se piace a lei, io lo devo accettare.»
Al si appoggiò alla sponda del letto. «Perché mai farà così?»
«Lui era innamorato della mamma alle superiori. Quando lei ha scelto nostro padre…. lui l’ha odiato. E forse io glielo ricordo.»
Il ragazzo sbuffò. «Non è giusto.»
Trip alzò le spalle e rise. «Comunque guardati in giro. Non è male, con un’imbiancatura, qualche pannello di legno lì, il parquet e un computer, la stanza diventa perfetta.»
Al gli sorrise. «Hai proprio il carattere della mamma. Non vedo l’ora che lei ritorni.»

Elaine era seduta sul divano con in mano un PADD, Al era seduto ai suoi piedi e Lizzy quasi in braccio a lei, mentre Trip, alla sua sinistra, aveva la testa appoggiata alla sua spalla. «E questo è il suo primo bagnetto!» Stava facendo scorrere le foto della nipote sul PADD.
«È bella!» esclamò Lizzy.
«È vero.» Baciò sua figlia sulla fronte.
«Allora l’hanno chiamata Katherine?» chiese Al.
«Sì, come la vostra sorellina.» Sorrise e baciò Trip sulla fronte. «Allora, come la chiamiamo noi?»
«Kate?» propose Al.
«Kat!» esclamò Lizzy. «Miao miao!»
«Katie.» sussurrò Trip.
«Carino.» dissero gli altri tre.
«Miao miao!» continuò Lizzy.
«Ragazzi, perché non andate a prendere il gelato?» propose Elaine. Poi prese la mano di Trip. «Rimani un minuto?»
Lui annuì e tornò a sedersi accanto a lei.
Elaine passò il dorso delle dita sulla guancia del figlio. Sul lato sinistro della bocca c’era un vistoso livido violaceo. «Adesso che non c’è qui Lizzy, mi spieghi cos’è successo?»
«Niente, ma’. Stavo giocando a handball e a un mio compagno è partito un colpo storto. E mi ha preso in pieno. Ma non mi fa male.»
Elaine annuì lentamente, quindi abbracciò il figlio. «Il mio cucciolo…. Dobbiamo sistemare la tua stanza in soffitta. Vuoi il parquet chiaro o scuro?»
Trip sorrise. «Chiaro.» disse. «Ma’, io volevo chiederti una cosa….»
Al e Lizzy tornarono in sala con il gelato. Dietro di loro c’era James.
I bambini distribuirono i gelati, quindi si sedettero accanto alla madre per mangiarlo.
«Allora, Trip?»
Lui alzò lo sguardo sulla madre. «Mhm?»
«Cosa mi dovevi dire?»
«Ah….» Lanciò uno sguardo a James, ma poi infilò una mano nella tasca dei jeans ed estrasse una pagina stampata da un sito internet. «Mi piacerebbe andare a questo campo estivo.»
Elaine non guardò il foglio, ma lanciò uno sguardo interrogativo al figlio. «Hai sempre odiato i campi estivi.»
«Lo so, ma’…. però questo è…. be’, è un campo sponsorizzato dalla Flotta Astrale, potrebbe essere interessante.» Trattenne il fiato. Se sua madre gli avesse detto di sì, era fatta. Sarebbe stato per un mese lontano da James. Ma anche da sua madre e dai suoi fratelli.
«Fammi vedere.» Elaine prese il foglio e lesse. «Ah, ecco. Laboratori di costruzioni, di astronomia e di elettrotecnica. Ho capito perché ci tieni.»
«Posso andarci?» chiese. «Si porta il primo lunedì di vacanza e si torna dopo un mese.»
«Un mese?!» esclamò Elaine. Poi prese un profondo respiro per calmarsi. Andò avanti a leggere. «Almeno possiamo venirti a trovare nei weekend.»
«Allora, ma’? Che ne dici?»
«Direi di sì, cucciolo, se ci tieni tanto.»
«Se ti prendi quell’impegno,» s’intromise James. «devi portarlo a termine.»
Trip si limitò ad annuire.
«Albert, vuoi andarci anche tu?» chiese James.
«Manco per sogno!» esclamò lui.
James rise e diede un’amichevole pacca sulla spalla al ragazzo. «Andiamo a fare un paio di tiri a baseball, che ne dici?»
Albert lanciò uno sguardo a Trip, poi disse: «Va bene.» Tese la mano a Lizzy. «Vieni sull’altalena, che ti spingo tra un tiro e l’altro.»
I tre uscirono, lasciando nuovamente Trip e Elaine da soli.
Lei lo prese tra le braccia e gli accarezzò i capelli. «C’è qualcosa che non va, Trip?»
Lui scosse la testa. «Voglio solo andare a quel campo, ma’.»
«E io come faccio senza il mio cucciolo per un mese?» gli chiese, quindi lo baciò sulla fronte. «Non è che poi ti vergogni quando ti vengo a trovare?»
«Non potrei mai vergognarmi di te, ma’.»

«Jonathan?»
Archer alzò lo sguardo e vide A.G. Robinson arrivare verso di lui. «Chi si vede. Il grande skipper della Pegasus.»
Robinson gli sorrise. «Hai già completato il tuo equipaggio?»
Jonathan annuì. «Perché me lo chiedi?»
«Ho un favore da chiederti.» A.G. si sedette davanti a lui e gli passò un PADD. «In fondo me lo devi. Sei sull’Enterprise anche grazie a me.»
Archer sospirò. «Cos’hai?»
«Mi hanno scaricato questo tale dal progetto della Deadalus.»
«Il motore a ioni? Mio padre diceva che non avrebbe mai funzionato e guarda com’è finita.»
«Già.» A.G. annuì. La Daedalus si era vaporizzata nei cieli della California assieme a tutto il suo equipaggio e il progetto del motore a ioni era stato accantonato.
Archer guardò il PADD e disse: «Tenente Charles Tucker III. Che cos’hai contro di lui?»
«È una testa calda. E io non lo sopporto. Ho già sopportato per troppi anni te.» A.G. gli sorrise.
«Vabe’, d’accordo, me lo prendo io. Chissà che non si appassioni a Qo’nos e rimanga a vivere tra i Klingon.»
Robinson rise. «Hai davvero intenzione di riportare il Klingon a casa sua?»
Archer sorrise. «Certo.»

«Capitano, mi permetto di dirle che gli inserimenti dell’ultimo momento possono destabilizzare l’equilibrio dell’equipaggio.»
Archer aprì la porta del suo ufficio alzando gli occhi al cielo. «Sì, ma non credo che questo sia il caso.» Mentiva. Non era sicuro che questo tenente Tucker fosse un buon elemento – era finito troppo spesso nei guai al CAFA – d’altra parte dove un favore a Robinson. Ma di sicuro non avrebbe dato ragione all’ufficiale scientifico che Soval gli aveva imposto.
«Ho letto il curriculum del signor Tucker e–»
Archer lo interruppe. «Signor Sakel, la decisione è già stata presa. Ora, per favore, controlli le impostazioni di rotta.»
Sakel gli refilò uno sguardo gelido, ma girò sui tacchi e obbedì.
Pochi secondi dopo, il campanello dell’ufficio di Archer suonò.
«Avanti.»
Un giovane entrò e gli passò un PADD. «Tenente Charles Tucker III a rapporto, signore.»
Archer gli sorrise. «Si sieda.»
Trip prese posto vicino alla scrivania. Si sentiva teso e quella situazione non gli piaceva. Sapeva che il suo improvviso trasferimento dalla Pegasus all’Enterprise era stata una mossa mirata di Robinson, con il quale non andava decisamente d’accordo.
«Ho letto dei suoi studi sul motore a ioni.»
–Iniziamo male.– pensò lui. «Sì, signore. Purtroppo…. non è andato a buon fine.»
«Ha fatto in tempo in queste poche ore a dare un’occhiata al motore a curvatura dell’Enterprise?»
Tucker annuì. «Sì, signore, lo conosco piuttosto bene.»
«Vorrei assegnarla alla sala macchine, al gruppo del comandante Kelby.» Scorse il PADD per qualche istante. «Crede di poter lavorare con lui?»
Lui abbassò lo sguardo per un istante. «Sì, signore.»
«Bene.» Archer si alzò. «Allora è assegnato al turno delta.»
–Ottimo.— pensò lui. –Il turno più sfigato della nave. Pazienza.— Si alzò in piedi, pronto ad essere congedato.
Ma Archer lo stupì con una domanda: «Come vuole essere chiamato?»
Rimase a fissarlo più a lungo di quanto non si rese conto.
«Charles?» chiese Archer. «O Charlie?»
Tucker lasciò andare un lieve sorriso. «Trip. Gli amici mi chiamano Trip.»
Archer gli rivolse uno sguardo interrogativo: «Trip?»
«Mio padre era Charles Tucker, e suo padre anche, io arrivai per terzo, quindi, triplo nome…. Trip.»
Jonathan sorrise. «Be’, originale, quanto meno.» Gli tese la mano. «Benvenuto a bordo, Trip.»
«Grazie, signore.»

«Capitano, posso parlarle?»
Erano partiti dalla Terra da poche ore, Sakel aveva già dimostrato tutta la sua supponenza e stronzità vulcaniana e Hoshi si era spaventata un po’ troppe volte.
Ma cosa poteva farci? La loro missione era destinata a durare otto giorni, poi avrebbe spinto Sakel a calci fuori dall’Enterprise e avrebbe cercato di convincere l’ammiraglio Forrest di lasciarli vagare nello spazio per un po’.
Alzò lo sguardo su Malcolm Reed. «Tenente?»
«In privato.»
Archer annuì. Il turno alfa era finito, poteva concedere un po’ tempo al suo ufficiale agli armamenti. «Venga nel mio ufficio.» Entrati, il capitano gli fece cenno di accomodarsi. «Allora, tenente Reed, cosa deve dirmi?»
«Mi sono permesso di guardare il curricolo del nuovo arrivato.»
Jonathan sospirò. «Il tenente Tucker?»
«Sì, signore. Non è un buon curricolo.»
Archer stava per scoppiare a ridere, ma si trattenne. «Tenente, lei sa che io sono stato sospeso dal servizio per sei mesi, quando ho fatto il test con l’NX-beta senza il consenso dei miei superiori?»
Reed arrossì. «Mhm, sì, ecco, ehm…. sì, capitano. Ne ero a conoscenza.»
«Ma ha accettato lo stesso di essere il mio ufficiale tattico.»
Malcolm sorrise leggermente. «Eh, sì, signore.»
«Io non credo che il tenente Tucker sia un cattivo elemento.»
«N-no, b-be’, signore, solo che….» balbettò Reed.
«Bene. Anche perché, visto che siamo su una nave piccola e non abbiamo molti alloggi, l’ho dovuto assegnare come suo compagno di stanza.» Vide Reed fare un balzo sulla sedia. «Così lo terrà d’occhio, no? Ma non si preoccupi, è assegnato al turno delta, quindi vi incrocerete raramente.»

«Salve.» Trip tese la mano all’uomo seduto al terminale che non si era scomodato nemmeno a distogliere lo sguardo dal monitor quando lui era entrato. «Sono il tuo nuovo compagno di stanza.»
Solo allora, Reed alzò lo sguardo e gli strinse la mano «Tucker, giusto?»
«Già, sono io. E tu sei il tenente Reed, il nostro ufficiale tattico.»
«Sì, così pare.»
Trip si guardò in giro. La stanza non era grande, ma abbastanza da avere due letti paralleli, e non a castello come nella maggior parte degli alloggi della piccola nave. C’era un oblò nello spazio tra i due letti. «Carino come alloggio.»
«Sì, ma il migliore, capitano escluso, ce l’ha il nostro primo ufficiale.»
«Che tipo è?»
«È Vulcaniano.» rispose Reed. Poi decise di cercare di essere un po’ amichevole con questo nuovo arrivato. «Il mio letto è quello a destra.»
Trip annuì. «Ok.» Aprì l’armadio a sinistra e ci buttò dentro la borsa. «Io sono nel turno delta.»
«Hai già conosciuto il tuo capo squadra?»
Tucker si sedette sul letto: «Eleanor Hess? Sì. Ragazza in gamba.»
«E quanto a te? Com’è che sei arrivato qui?»
Lui iniziò a spogliarsi. «Incompatibilità di carattere con il mio precedente capitano.»
Reed si alzò in piedi. «Ah, be’…. non dirlo al capitano, ma A.G. Robinson non piaceva nemmeno a me. Un casinista.» Si sedette sul proprio letto, di fronte a Tucker. «Lo sai che lo stile di comando di Archer è piuttosto…. come dire?»
«Libertario?» propose lui.
«Sì, diciamo libertario.»
«La cosa non mi dispiace.» rispose Trip. «Mi preoccupa di più il Vulcaniano in plancia.»
Reed annuì. «Anche a me. Ti dirò, mi sentirei più a mio agio con Porthos in plancia.»
«Plancia a tenente Tucker. Una sua amica in linea per lei dalla Terra.»
Malcolm lo guardò interrogativamente. «Dalla Terra?»
Trip gli sorrise. «Ho potenziato un pochino Echo 1.»
Reed rise e si alzò. «Un pochino? Be’, ti lascio parlare con la tua amica…. qualcuno di intimo?»
«La mia migliore amica.»
«Se finisci presto, raggiungimi in mensa che ceniamo insieme.»
«D’accordo.» Trip attese che Malcolm uscisse, quindi accese il terminale e prese la comunicazione. «Ciao, mamma.»
«Ciao cucciolo!» Elaine sorrise dallo schermo. «Come va il tuo nuovo assegnamento?»

Trip Tucker era in piedi in piedi in mezzo al corridoio, con ancora la pistola in mano, il braccio teso davanti a sé, quando Archer e Reed lo raggiunsero.
«Tempismo perfetto, Trip.» disse Archer. Fece cenno a Reed di mandare la sua squadra avanti.
A terra, svenuto a causa del colpo di phaser sparato da Trip, c’era Klaang. Era fuggito dall’infermeria e per quasi quattro ore gli avevano dato la caccia per la nave, per quanto piccola fosse, sembrava che il grosso Klingon riuscisse a sfuggire continuamente alla squadra di Reed.
«Ho avuto fortuna, signore.»
Jonathan gli sorrise. «Sì, come per Echo 1.»
«No, signore.» Trip sorrise. «Per Echo 1 è stato che me la cavo con l’elettronica.»
«Bene, ora che abbiamo recuperato Klaang, che ne dice, signor Tucker, di cenare nella mensa del capitano?»
Lui abbassò lo sguardo. «Be’, signore…. per me sarebbe un onore….»
«Bene, allora andiamo.» Archer gli diede una pacca sulla spalla. Arrivati in mensa senza altra parola da parte di Tucker si sedettero a tavola e ricevettero i piatti dal cameriere.
«Questa non è una visita nell’ufficio del preside, Trip. Si rilassi.»
«Mi scusi, è che…. sinceramente ho qualche problema con l’autorità.»
«Non l’ho notato.» disse Archer.
Tucker ebbe la tentazione di saltare in piedi e scappare, ma si trattenne. «Mi scusi.»
«Non deve scusarsi.» replicò il capitano. «Parlavo sul serio. Lei sembra nato per i motori a curvatura.»
Trip gli sorrise. «E lei sembra nato per il comando.»

Il comandante Kelby avrebbe voluto sbattere la testa contro la paratia. Il motore sussultava e lui non sapeva più da che parte prendere. Per un qualche motivo gli accoppiatori di flusso di antimateria non funzionavano come dovevano e la camera di intermix stava letteralmente dando i numeri. Premette l’interfono, nella sua ultima speranza: «Kelby a sub-comandante Sakel…. ho bisogno di aiuto.»
La voce di Sakel arrivò in plancia poco dopo che aveva lasciato il suo posto. «Capitano, la matrice di curvatura è stata compromessa da una subroutine klingon.»
«Quel figlio di un cane.» rispose Jonathan. L’atmosfera in plancia era tesa.
«La pressione è di nuovo in aumento, signore.» disse Travis Mayweather.
«Curvatura 5,2.» ordinò Archer.
Travis obbedì, ma non poté fare a meno di constatare: «Ma non ce la faremo a mantenerla a lungo.»
Jonathan annuì. Il suo timoniere aveva ragione. Sospirò: «Non abbiamo altra scelta, Travis.»
Quando il turbo ascensore si aprì alle spalle di Archer, il capitano ebbe la tentazione di girarsi e urlare: “SAKEL, CHE CAZZO CI FAI QUI?! SCENDI SUBITO IN INGEGNERIA E DAI UNA MANO A KELBY!”. Ma si bloccò quando vide Tucker sulla soglia. «Che cosa ci fa qui, tenente?»
«Posso avere un rapporto della situazione in ingegneria?» chiese.
Jonathan sbuffò. «Mi scusi, ma non abbiamo tempo da perdere.» L’Enterprise sussultò di nuovo e Archer ordinò curvatura 5,3.
Reed lanciò uno sguardo a Trip e gli fece cenno di avvicinarsi. «Abbiamo 47 minuti prima che il reattore ci abbandoni. Il Klingon ha alterato le nostre subroutine d’ingegneria. Se scendiamo sotto curvatura cinque, il reattore esploderà.»
Tucker si girò verso Archer: «So cosa fare per salvare la nave.»
Il capitano si alzò in piedi e si avvicinò a lui. «Che cosa intende?»
«Utilizzando la curvatura di emergenza.»
Archer scosse la testa: «Ci terrà nel campo per solo un minuto.»
«Mi faccia provare!» esclamò Tucker.
«No, non se ne parla.» Archer tornò verso la sua poltrona. «Travis, curvatura 5,4.»
Trip prese il capitano per il braccio prima che lui potesse sedersi: «Non abbiamo altre alternative, capitano.»
«Che cosa può risolvere in un minuto?!» ribatté Archer.
«Una partenza a freddo.» rispose Tucker. «Dovrò spegnere il reattore e poi resettare tutti gli algoritmi. Una volta riattivato il reattore di curvatura, le subroutine torneranno alla normalità.»
«Non abbiamo tempo, signor Tucker!»
«Ho già pensato ad una scorciatoia.»
Archer fissò per qualche secondo l’uomo che aveva davanti. Le immagini della Daedalus che esplodeva gli stavano passando davanti agli occhi. Trip era stato uno degli ingegneri impegnati nel progetto…. ma non il capo. Non l’unico. Probabilmente non era colpa sua. «Una scorciatoia?»
«Per decrittare quelle subroutine ci vorrebbero delle ore. Meglio depurarle, cancellandole del tutto.» spiegò Trip.
«Ma non abbiamo abbastanza tempo. È un’operazione impossibile.»
Trip avrebbe voluto esclamare: “Sta’ a vedere!”, ma si trattenne e disse: «È disposto a scommetterci la sua nave, signore? È disposto a scommetterci il motore di suo padre?»
Uh-oh, ecco perché Robinson lo odiava. Jonathan premette l’interfono. «Archer a Kelby. Il tenente Tucker sta per eseguire una procedura per salvare la nave. Dategli tutto l’appoggio di cui ha bisogno.» Si girò verso Trip e annuì.
Tucker non se lo fece ripetere due volte, s’infilò nel turboascensore e scese di corsa in sala macchine.
«Cosa avrebbe intenzione di provare sul motore?!» urlò Kelby.
«Sto per eseguire uno spegnimento manuale e riaccensione in meno di due minuti.»
«Non ce la farà mai.» disse Kelby.
«Sta’ a vedere!» esclamò lui. Fece per salire sulla passerella davanti al motore, ma Sakel gli bloccò il passo.
«Il comandante Kelby ha ragione.» disse il Vulcaniano.
«Il capitano mi ha dato libero accesso. Se non è d’accordo, ne parli con Archer.» Spostò Sakel a forza. Si guardò intorno velocemente e individuò subito una persona di cui si fidava. «Hess, per favore, mi dia una mano!»
Trip sfilò velocemente i moduli delle routine, passandoli quasi al volo a Hess. «Spegnimento reattore tra cinque…. quattro…. tre…. due…. uno!» I motori si spensero e la curvatura di emergenza entrò in azione. «Carburante agli iniettori!» ordinò Trip. «Eleanor, controlli i relé.»
Hess annuì e corsa verso la paratia. «È tutto ok!»
La voce del capitano arrivò dall’interfono: «Trip, come va?»
«Ancora un minuto, capitano.» rispose lui.
«Non ce l’ha un minuto.»
Tucker ignorò il commento di Jonathan, lo sapeva perfettamente: «Pronti a inizializzare la matrice.»
«15 secondi, Trip.» continuò Archer.
«Ci siamo quasi. Potenza al contenimento! Sparate il flusso di antimateria!» La nave iniziò a tremare. Stavano per perdere la curvatura. «Dieci secondi…. nove, otto, sette…. sei….»
«Tenente!» urlò Sakel.
«Cinque…. Quattro…. Forza!» esclamò Trip. «Due… uno….»
Le luci tornarono come per magia sulla nave. La magia di Trip Tucker.
Sorrise. Premette l’interfono. «Sala Macchine a Plancia. Abbiamo potenza di curvatura. Le subroutine sono state ripulite.»
«Grazie per il suo aiuto, signor Tucker.»
«È stato un piacere.»

«Tira aria di promozione.» annunciò Reed sedendosi al tavolo con Tucker. «Appena rimetteremo piede sulla Terra, sarai capo ingegnere di qualche bella nave.»
Trip sorrise leggermente. «Intanto il motore ha bisogno di una bella revisione. Ho chiesto al capitano….» Proprio in quel momento Archer stava entrando in mensa. «….di poter seguire le riparazioni.»
«E cosa ti ha risposto?»
«Naturalmente sì.» disse Archer, sedendosi con loro. «Anzi, ho proprio pensato che ti voglio come mio secondo in comando e capo ingegnere.»
Trip abbassò lo sguardo sul pasto. «Ma ha già entrambi.»
«Sakel lo sbatto fuori a calci in culo appena oltrepassiamo la nube di Oort. E per quanto riguarda Kelby…. ho bisogno di un capo ingegnere che sappia prendere decisioni senza un Vulcaniano che gliele suggerisce.»
«Ne sarà entusiasta.» disse Malcolm. «D’altra parte non possiamo che ammettere tutti che non saremmo qui, se il signor Tucker non avesse avuto quella brillante idea.»
«Possiamo fare una cerimonia per il varo fatta un po’ più con calma.» spiegò Archer. «Potrebbe anche invitare la sua fidanzata a bordo.»
Trip arrossì leggermente. «Ah…. io…. non ho una fidanzata.»
«Un fidanzato?» chiese Reed.
Tucker rise: «Nemmeno.»
«Be’, può sempre invitare la sua famiglia.» continuò Archer.
«Già, così possiamo conoscere Charles Tucker II.» constatò Reed.
Tucker impallidì di colpo. «Charles Tucker II è morto.» disse. Si alzò in piedi. «Ora scusate, sono molto stanco, vorrei andare a letto.»
Archer annuì e lui si allontanò quasi di corsa.
«Mi dispiace….» disse Malcolm. «Io…. non lo sapevo.»
«Nemmeno io.» rispose Jonathan. «Vado a parlargli.»

«Posso parlarle un attimo?»
Tucker era seduto sul letto e stava guardando fuori dall’oblò quando Archer entrò nell’alloggio.
«Capitano….» disse Trip, stupito. Fece per alzarsi in piedi, ma Jonathan lo fermò e andò a sedersi accanto a lui. «Mi dispiace di essermene andato così dalla mensa. Mi perdoni.»
«Non fa niente.» rispose Archer. «Ma mi chiedevo a cosa è dovuta quella reazione.»
Trip abbassò lo sguardo sul pavimento.
«Quand’è successo?» chiese il capitano.
«Avevo dodici anni.»
«Anch’io ho perso mio padre a quell’età.» disse Archer. «E so che, per quanto il tempo passa, sono ferite che non si rimarginano mai davvero.» Fece una breve pausa. «Ma c’è dell’altro.»
Tucker si strinse le braccia intorno. «Be’, mia madre…. si è risposata due anni dopo. Lei era felice, il mio patrigno trattava bene lei e i miei fratelli.»
«Ma non te.»
Lui scosse la testa. «Gli ricordavo mio padre, che lui odiava. E poi non ero ordinato, ero un casinista….»
«Ne hai parlato con tua madre?»
«No. Lei era di nuovo felice e io ho fatto di tutto per tenerle nascosta la cosa. Lui…. mi menava spesso. Faceva in modo che mia madre non se ne accorgesse.»
Archer prese la coperta dai piedi del letto e l’avvolse attorno alle spalle di Trip.
«Ma una volta mi ha fatto un livido enorme qui….» Si toccò un angolo della bocca. «Avevo solo quattordici anni. Ho detto a mia madre che era stata una svista a handball.»
«La proteggevi. Ma era il tuo patrigno quello che avrebbe dovuto proteggerti.»
«Quando mi sono arruolato nella Flotta Astrale, lui ha detto che non ce l’avrei mai fatta…. che avevo troppi problemi con l’autorità per farcela.»
«E invece no.»
Tucker lo fissò per qualche istante: «Ma sono su questa nave perché il capitano Robinson non mi sopporta.»
Archer rise: «Ho avuto anch’io i miei screzi con lui. E poi vuoi mettere l’Enterprise con la Pegasus?»
Trip sorrise. «No, questa nave è molto più bella.»
«Ah be’, su questo non c’è dubbio.» Il capitano mise una mano sulla spalla di Trip. «Devo ammetterlo, ti ho fatto tenere d’occhio, ma mi sono accorto subito che non ce n’era bisogno. Be’, ecco….»
Tucker gli rivolse uno sguardo interrogativo.
Archer rise e proseguì: «La mattina successiva al tuo primo turno sono andato a parlare con Hess. Mi ha detto qualcosa del tipo: “Capitano, ha fatto male ad assegnarlo al turno delta. È quello con più donne e c’è anche Steve Bawman. Dobbiamo aver perso almeno una mezz’ora a testa a fissare il signor Tucker.”»
Trip rise nervosamente.
«Devi aver passato una buona parte della tua adolescenza a spezzare cuori.»
«Be’….» Si schiarì la voce.
La nave fu scossa da un forte colpo. Trip si girò di scatto e premette l’interfono, quasi come se tra lui e Archer si fosse trasmesso telepaticamente un pensiero.
«Capitano a plancia.» disse Jonathan. «Rapporto.»
«Siamo attaccati da una nave sconosciuta.» rispose Sakel.
«Klingon?»
«No, sign–»
«Sakel?! Risponda!» urlò Archer.
«Signore!» urlò Baird. «Il signor Sakel è sparito!»
Trip, che si era affacciato all’oblò, tornò a girarsi verso Archer. «Capitano, ho riconosciuto la nave da un rapporto della Flotta Astrale di quattro anni fa…. è una nave di Orioniani. Sono commercianti di schiavi.»
«E si rubano Sakel?» chiese Archer, mentre, assieme a Tucker, si recava in plancia. «Situazione?»
«Mirano ai motori.» disse Reed, che aveva preso il suo posto alla stazione tattica.
«Manovre evasive.»
«Ci sto tentando, signore.» disse Mayweather. «Ma…. sono arrivati altri quattro vascelli.»
Una serie di forti colpi scosse la nave, poi un volto verde apparve sullo schermo. «Nave terrestre Enterprise, sono il capitano Harrad-Sar, preparatevi all’abbordaggio.»
«Impiccati!» urlò Archer.
Harrad-Sar sorrise e in quel momento Tucker fu sicuro di vedere anche Sakel, alle spalle dell’Orioniano, sorridere – nonostante fosse un Vulcaniano. «Quel figlio di puttana dalle orecchie a punta è una spia.» disse, appena prima che un colpo finale mettesse fine alla breve avventura della nave stellare terrestre Enterprise NX-01.

Quando Trip si era risvegliato, si era ritrovato steso a terra in una gabbia piuttosto affollata.
«Ah, sei vivo.»
Trip si girò verso la voce. Un alieno azzurro, con una sola antenna sbilanciata rispetto alla testa lo stava fissando con un mezzo sorriso beffardo.
«Chi…. chi sei?» chiese.
«Mi chiamo Shran. Ero un comandante della Flotta Imperiale Andoriana, prima di finire in questo buco del cesso di posto.»
Tucker accettò la mano azzurra per mettersi a sedere.
«Sei un Umano, giusto?»
Trip si toccò la tempia. «Sì…. dove siamo?»
«In un mercato di schiavi orioniano.»
Tucker fissò il volto azzurro dell’Andoriano. «Schiavi?»
«Sì, ti portano qui, ti vendono…. ti riportano qui se ti recuperano ancora….»
«E come facciamo a scappare?»
Shran rise. «Indovina? Non si può.»
«Ma–» la frase di Trip fu interrotta da un Orioniano che, entrato nella gabbia, lo tirò su di peso e lo trascinò fuori di lì. «Lasciami andare, figlio di….» Un dolore lancinante che partiva dalla gola gli tolse il fiato. Raggiunse un impianto che aveva sul lato sinistro del collo.
«Più ti ribelli, e più soffrirai.» gli disse l’Orioniano. Lo spinse su un piccolo palco, davanti a una folla di gente di ogni specie, che iniziò a fare offerte per lui.
«No….» sussurrò. «Tutto questo non può essere vero….»
La luce che gli era stata puntata addosso era così forte che non vide chi l’aveva comprato. Qualche minuto dopo venne condotto dentro la stiva di carico di una nave. Non c’era possibilità di fuga, come gli aveva detto quell’alieno azzurro.

Nessuno gli aveva detto dove l’avevano portato, né per che cosa fosse lì. Le persone che l’avevano portato via dal mercato erano Orioniani. Gli avevano proibito di parlare, di tentare di scappare, di muovere anche un solo passo fuori dagli ordini e lui non aveva potuto che obbedire. Il dolore che provava quando i suoi aguzzini attivavano il congegno sul suo collo era troppo forte. Si chiese se i suoi compagni dell’Enterprise fossero ancora vivi e che fine avessero fatto. Erano stati venduti anche loro come schiavi? Non erano sulla nave che l’aveva condotto lì. Non li aveva visti nemmeno al mercato.
Un grosso Orioniano lo sollevò per un braccio e lo spinse oltre un cancello, che fu subito chiuso dietro di lui. Da terra, cercò di individuare subito delle vie di fuga, ma senza successo. Era in una specie di gabbia, per quel che poteva vedere. Sopra e dietro di lui le pareti erano fatte di sbarre, ma davanti a lui poteva vedere alberi e piante. Ebbe un brivido, quando immaginò di essere finito in uno zoo.
«Ehi.»
Trip si voltò e vide un alieno che gli tendeva la mano.
«Io sono Ravis.» [Ravis è l’alieno che Hoshi incontra su Risa.]
«Dove siamo?»
«In un campo di schiavi.» rispose Ravis. «E io ho il piacere di parlare con….?»
Lui esitò qualche istante, poi disse: «Trip Tucker. Sei il mio comitato di benvenuto?»
«Diciamo così.» rispose Ravis. «Vieni, ti faccio da guida.»
Oltre passarono gli alberi e si ritrovarono in uno spiazzo erboso, decorato con fiori e piante, dietro il quale c’era una grande casa gialla.
C’erano diverse persone, alieni di vari tipo. Alcuni erano impegnati a raccogliere frutta e verdura, altri erano seduti a tavoli di legno come se fossero tutti impegnati in un festoso picnic.
«È uno zoo, questo?»
«No, te l’ho detto, è un campo di schiavi.»
Trip si guardò in giro. «Ma campo in che senso? Io vengo da un mercato….» La voce gli morì in gola quando notò le donne che si aggiravano nel campo: erano tutte incinte. «No…. no, non può essere.»
Ravis gli mise una mano sulla spalla. «Sì, la maggior parte di noi vengono usati per la riproduzione.»
«La maggior parte?»
«Alcuni vengono comprati da padroni che cercano schiavi di bell’aspetto.»
Trip ebbe un conato di vomito a vuoto.
«Scavare le miniere di dilitio su Rura Penthe sarebbe molto peggio.» Gli batté la mano sulla spalla. «Vieni, ti troviamo qualcosa da mangiare.»

«Posso chiederti una cosa, Ravis?» Tucker stava mangiando una zuppa di verdure che Ravis gli aveva procurato. Gli aveva detto che lì gli schiavi andavano d’accordo, non c’erano lotte e – nonostante lo scopo per cui erano stati rapiti – si viveva bene.
«Direi che è lecito.» rispose lui, mentre sbucciava alcuni qurnic, un ortaggio simile alle patate.
«Ho visto una decina di donne. Sono tutte incinte?»
«Attualmente sì. Ci sono ventidue donne nel campo e tutte aspettano un figlio.»
Trip girò la zuppa con il cucchiaio. «E quanti uomini?»
«Con te siamo diciotto. Non siamo molti, ma in fondo non servono molti uomini.»
«E…. e i bambini? Cosa ne fanno dei bambini?»
«Li vendono a persone che voglio bambini.»
«Per farne cosa?»
Ravis abbassò lo sguardo ed esitò. «Generalmente li allevano come loro figli.» rispose. «Ma non so più di questo.»
Trip sospirò. «Avevo dei compagni a bordo della mia nave. Si può sapere dove sono finiti?»
Ravis scosse la testa. «Come vi hanno preso?»
«Mi sono fatto solo una vaga idea. Avevamo un ufficiale vulcaniano a bordo. Ha fatto la spia, il figlio di puttana appuntito.» Trip finì la zuppa. «Odio i Vulcaniani.»
Ravis gli sorrise leggermente. «Ci sono due Vulcaniani qui.» gli disse. «Sono brave persone.»
«Saranno l’eccezione che conferma la regola.»
Ravis prese la sua ciotola e la mise in un lavandino. «Ti troverai bene qui, vedrai.»
Trip sospirò. Andò alla finestra e guardò fuori: le persone sembravano serene, era vero, ma lui non poteva vivere in gabbia. Non poteva vivere lontano dalle navi stellari. E poi cosa stava pensando sua madre? Che era morto? Il pensiero gli strinse il cuore. Sua madre di sicuro stava soffrendo.

Mancavano ancora due ore alla cena e Trip decise di fare un giro per il campo. Il clima era caldo e soleggiato, il luogo sembrava un angolo di paradiso impiantato dentro una gabbia. Le persone erano cordiali, fortunatamente non dovevano esserci rivalità e tutti cercavano di aiutarsi.
Sul lato sinistro della casa c’era un piccolo orticello. Trip stava per tornare indietro quando notò una donna inginocchiata nella terra che stava raccogliendo qualcosa.
«Salve.» disse.
La donna si girò e lo fissò per qualche istante. «Salve.» rispose, con tono piatto.
Era Vulcaniana. Ravis gli aveva detto che c’erano due Vulcaniani nel campo, e visto che la donna era evidentemente incinta, l’altro Vulcaniano doveva essere il suo compagno. Trip la fissò per qualche istante. «Ci conosciamo?» chiese.
«Non vedo come.» rispose lei, tornando a raccogliere ortaggi rotondi.
Trip si avvicinò a lei. «Sì, noi…. noi ci conosciamo.» La cosa era strana anche per lui. «Ti chiami T’Pol.»
Lei alzò un sopracciglio. «Tutti gli schiavi di questo campo lo sanno. Cosa vuoi da me?»
–Tutti cortesi, eh?– pensò lui. «Sono nuovo di qui.» Le tese la mano. «Charles Tucker III. Ma gli amici mi chiamano Trip.»
Lei non prese la sua mano. «Cercherò di ricordarlo.» rispose.
«Una donna incinta non dovrebbe fare questi lavori.»
«Solo l’unica che mangia i plomeek, qui.»
Trip si chinò accanto a lei. «Posso aiutarti?»
T’Pol lo fissò per qualche istante. «Sei Umano?»
«Già.» rispose lui. «Servivo sulla nave Enterprise. Ma…. un tale ci ha traditi e sono finito qui.»
«È successa la stessa cosa a me e a Koss.»
«Koss è….»
«L’altro Vulcaniano del campo.» rispose lei.
«È il padre del bambino?»
T’Pol annuì. «Ti ha mai detto nessuno che sei troppo curioso?»
Lui rise. «Sì, qualche volta.» Mise i plomeek che aveva raccolto nel cesto della Vulcaniana. «Guarda. Seriamente…. io credo davvero di averti già visto da qualche parte.»
«Non è possibile.» rispose lei. «Non sono mai stata sulla Terra. E da anni sono qui.»
«Hai già avuto altri figli?»
T’Pol si alzò, senza rispondere: «Non sono affari tuoi.» rispose, allontanandosi.
Tucker sospirò. «Ottimo primo contatto….»

Gli schiavi del campo parlavano tranquillamente a cena, come se quel gruppo di quaranta persone fosse semplicemente una grande famiglia. Nessuno parlava di come e perché erano finiti lì, né dei bambini in arrivo.
Trip aveva chiesto di potersi sedere vicino a T’Pol e nessuno aveva posto obiezioni – nemmeno lei, anche se non si era dimostrata entusiasta. Koss era andato a sedersi da tutt’altra parte, senza minimamente preoccuparsi dove lei si trovasse.
«Vuoi provare la zuppa di plomeek?» chiese T’Pol, d’un tratto.
Trip era stupito dall’approccio della Vulcaniana. «Posso?»
«Mi hai aiutato a raccogliere i plomeek, è il minimo che possa fare.» Gli passò la zuppiera.
«Come sei arrivata qui?»
«Servivo sulla Seleya assieme ad altri Vulcaniani.» rispose lei.
«Anche Koss?»
Lei annuì. «Sì, e un nostro collega ci ha traditi. Era un spia. Ci ha rovinati.»
«Che cosa facevi sulla nave?»
«Ero l’ufficiale scientifico.» T’Pol appoggiò il cucchiaio nel piatto vuoto. «E tu?»
«Ingegnere su una nave a curvatura.» Guardò il piatto vuoto della Vulcaniana. «Hai mangiato abbastanza? Vuoi che ti vada a prendere qualcosa?»
Lei lo fissò per qualche istante: «Perché sei così gentile con me? Si dice che sia stato un Vulcaniano a fottere te e la tua nave.»
«È come se già ti conoscessi….» Le sorrise. «Come se fosse stato il destino a portarci entrambi qui.»
Un campanello iniziò a risuonare nell’aria.
«Che succede?!» esclamò Tucker.
«Stanno arrivando dei compratori.» disse T’Pol. Si alzò da tavola. «Dobbiamo andare tutti nel prato davanti alla casa.»
Trip rimase fermo, colpito dalla freddezza con cui reagivano i suoi compagni di sventura. «Ma….»
«Ti conviene fare in fretta.» disse la Vulcaniana, ma Trip fu comunque l’ultimo a uscire.
I due Orioniani che l’avevano condotto lì poche ore prima stavano scortando quattro alieni umanoidi, dalla pelle rosa con macchie a spirali.
Nessuno degli schiavi osava parlare.
«Le donne rientrino.» disse una guardia.
Trip si girò verso T’Pol, che gli rivolse uno sguardo che lui interpretò di “incoraggiamento alla Vulcaniana”. Avrebbe voluto prenderle la mano e scappare, ma sapeva che non era possibile. Doveva trovare un’altra via di fuga.
I quattro alieni si misero a camminare davanti alla fila di schiavi, osservandoli come fossero semplice merce. Si fermarono davanti a Ravis e davanti a un altro paio di ragazzi, prima che la donna dicesse: «Jikkal, voglio lui.» indicando Trip.
«No….» sussurrò lui.
«L’abbiamo portato qui oggi, non è ancora addestrato.»
«Sì, ma piace alla mia dolce consorte, quindi prendiamo lui. Se non sarà abbastanza docile, ci penserà Iuika.»

Trip tirò le lenzuola in modo da potercisi avvolgere. Gli faceva schifo rimanere in quel letto, ma non aveva scelta, l’avevano chiuso in quella camera. Aveva scoperto che gli alieni che l’avevano comprato erano i Monarchi di un pianeta chiamato Trekapa e i loro consiglieri. Iuika aveva la capacità di modificare e cancellare i ricordi ed era così che Jikkal, il re, l’aveva minacciato.
Si raggomitolò contro il muro. Il suo patrigno aveva ragione. La sua avventura nella Flotta Astrale era finita male. Tirò su con il naso. Ma non era stato per la sua impulsività, non era colpa sua.
Era colpa di Sakel.
Aveva chiesto a Jikkal di poter inviare un messaggio a sua madre, solo per poterle dire che stava bene. Che le voleva ancora tanto bene. Ma lui gli aveva solo riso in faccia e gli aveva detto di scordarsela, o ci avrebbe pensato Iuika a cancellare sua madre dalla sua memoria.
Aveva voglia di piangere. Gli mancava sua madre, gli mancavano i suoi fratelli, i suoi compagni dell’Enterprise e anche T’Pol, che per qualche motivo sentiva così vicina.
Sentì dei passi e vide una forma umanoide arrivare verso di lui.
«Chi sei?!» urlò, spaventato. Poi rimase a fissare l’uomo che gli assomigliava in maniera impressionante.
«Sono te.» Era vestito di nero e aveva in mano una lunga spada ricurva con l’impugnatura nera, su cui alla tenue luce della notte brillava una stella argentata contornata da una corolla. «Non è questo che ti aspettavi dalla vita, vero?»
«Sto…. completamente impazzendo?» chiese.
«Non proprio. Sei sotto l’influsso di una droga molto forte. Due guardie di Vinelia che ti credono una spia ti hanno drogato per fartelo ammettere. Ma tu non sei una spia. E ti sei rifugiato nel primo universo che hai trovato, dove la tua vita è stata resa impossibile da una spia.»
«Sakel.» rispose lui.
Trip annuì. «Allora vuoi andartene?»
«Ma dove?»
«Nell’universo da cui sei partito. La tua anima nauta può tornare là.»
Lui scosse la testa. «E come?»

Quando Trip aprì gli occhi, notò subito qualcosa di familiare: il soffitto dell’infermeria dell’Enterprise. Si girò leggermente verso sinistra, quando sentì qualcuno chiamare il suo nome.
«Trip.»
«T’Pol?» chiese. «Cosa….?» Lasciò andare un gemito di dolore.
«Ti sei sparato a distanza ravvicinata con una pistola a fase.»
Tucker deglutì, aveva la gola secca e gli faceva male. «Mi…. mi dispiace di averti uccisa.» Non credeva che da morti si potesse sentire così tanto dolore. Né che sarebbe finito nello stesso luogo di T’Pol. Non poteva essere il paradiso, lui aveva commesso un omicidio, e aveva ucciso proprio lei, la sua T’Pol. E poi non si immaginava che l’aldilà assomigliasse così tanto all’infermeria dell’Enterprise.
«Non mi hai uccisa.» rispose T’Pol. «Sì, mi hai spinto, io ho sbattuto contro la scrivania…. ma capisco, non eri in te. È colpa della droga.»
«Ma…. dopo io….»
«Ero mezza intontita e non ho potuto fermarti, ma sei rimasto a guardarmi qualche secondo, poi hai preso una pistola dalla tua scrivania e sei corso fuori.»
Trip chiuse gli occhi per qualche secondo. «Avevo il tuo sangue sulle mani.»
«No, te lo sei immaginato.»
«Mi sono immaginato anche di essermi sparato?»
«No, quello l’hai fatto davvero.» T’Pol gli strinse la mano. «Ma fortunatamente la pistola era su stordimento. Hai solo una bruciatura sulla tempia.»
Trip fece per tirarsi a sedere, ma si trovò bloccato. «Cosa….?»
«Phlox dice che sei pericoloso per te stesso…. e per gli altri.»
Lui sospirò e si lasciò cadere indietro. «Non sono morto, non ti ho ucciso, sono legato e…. ho un mal di testa atroce.»
T’Pol gli lasciò andare la mano si chinò in avanti per massaggiargli lentamente la nuca. «Vediamo se così va meglio.»
«Scusa….» sussurrò lui. «Io non volevo darti quello spintone.»
«Lo so.» sussurrò lei. «Non sono arrabbiata.» Gli diede un bacio sulle labbra, quindi si tirò indietro. «Phlox pensa di aver trovato una possibile cura.» Indicò dietro di lui. «Ti sta completamente cambiando il sangue.»
Trip lanciò un’occhiata alla flebo rossa appesa sopra il letto. «Come?»
«Più di un terzo dell’equipaggio ha un gruppo sanguigno compatibile con il tuo. Stanno tutti donando il sangue per te.»
Trip sentiva un formicolio alle gambe e guardò verso il fondo del letto. «T’Pol!» urlò. «Ci sono…. ci sono gli Xindi insettoidi!»
T’Pol seguì il suo sguardo. «Dove?»
«Scappa! T’Pol, vai via!» Urlò.
«Cosa succede, Trip? Non ci sono Xindi.»
«Mi stanno mordendo le gambe…. scappa, salvati!»
T’Pol si tirò in piedi e sollevò le coperte.
«Cosa stai facendo?!» esclamò Trip. «Ti faranno male!»
T’Pol iniziò a massaggiargli lentamente la gamba sinistra. «Calmati.»
La tenda si aprì e apparve Archer. «Oh.» disse. «Scusate, non volevo interrompere–»
T’Pol lo richiamò. «Capitano, dica subito a Phlox che Trip ha ancora visioni e gli stanno venendo i crampi.»
«Ah, sono crampi.» disse Archer, poi sparì dalla loro vista.
«Sta passando?» chiese lei.
Trip annuì. «Sì…. sì, ora non vedo più gli Xindi.»
Phlox tornò poco dopo con Archer. «Come sta, comandante?»
«Sto male.» disse lui. «Mi dispiace…. mi dispiace tanto.»
Jonathan gli sorrise. «Stai tranquillo. Va tutto bene, ora.»
Phlox guardò sul tricorder: «La quantità di droga nel suo sistema è ormai minima. Un’altra trasfusione e dovremmo essere sotto i livelli di tossicità. Anche i crampi passeranno.»
«Cos’è successo?» chiese. Ricordava di essere nella casa di Jikkal e Ilidal, ma non era sicuro che fosse successo davvero.
«T’Pol mi ha avvertito che eri scappato dal tuo alloggio con una pistola e Malcolm ha visto che stavi cercando di aprire le porte dell’hangar. Mi hai fatto davvero spaventare, quando ti sei sparato, lo sai?»
Trip gli lanciò uno sguardo colpevole: «Scusa.»
Archer annuì e gli sorrise. «Scuse accettate.» Gli mise una mano sulla spalla. «Devo tornare in plancia, ho ben tre ufficiali superiori che al momento non possono lavorare.»
«Tre?» chiese Tucker.
«Tu, T’Pol che deve farti da infermiera, e Malcolm.»
Trip lanciò a Jonathan uno sguardo interrogativo. Non ricordava di aver fatto fuori anche Reed. «Cos’è successo a Malcolm?»
«Ti ha donato il sangue ed è svenuto.»
Trip spostò lo sguardo su T’Pol, che era passata massaggiargli il braccio. «Non mi ricordavo che Reed avesse il mio stesso gruppo sanguigno.»
«No, infatti, lui è zero negativo.»
Trip le sorrise. «Ti fa male la testa, dove ti ho fatto sbattere?»
«No. Sto bene.» Lo coprì con cura e tornò a sedersi accanto al letto. Appoggiò delicatamente un braccio alla sua spalla e iniziò ad accarezzargli la guancia. «Devi essere stato in un posto terribile.»
Lui la fissò per qualche istante. «Come…. come lo sai?» balbettò.
«Stavi male.»
«Quando ero…. in quella stanza, con le guardie vineliane…. mi hanno…. drogato per farmi ammettere di essere una spia, ma…. ma ho visto come sarebbe stato avere a bordo una spia….» Trip chiuse gli occhi. «Scusa, T’Pol…. non ne voglio parlare…. vorrei solo poter dimenticare quell’universo….»
Lei annuì. «Va bene, Trip.» Si chinò in avanti e appoggiò la guancia alla sua, sussurrandogli all’orecchio: «Ora dormi, Trip. Dormi e riposa.»

«Ciao, T’Pol.» Quando T’Pol lo chiamava, Tavek aveva sempre un mezzo sorriso – qualcosa più di un sorriso vulcaniano e meno di uno terrestre. Per un Vulcaniano era decisamente uno sprazzo di gioia. «Come stai?»
«Io sto bene.» rispose lei. «Tu e T’Murr state bene?»
Lui annuì. «Sì, qui va tutto bene.»
«Ti chiamo perché ho bisogno…. per Trip.»
«Che cos’è successo?»
«Ha avuto una pessima esperienza…. e io…. voglio aiutarlo a dimenticare.»
Tavek incrociò le braccia. «E io come posso aiutarti?»
«So che oltre al fullara, c’è anche un altro metodo per cancellare i ricordi. Attraverso una fusione mentale.» Non gli disse che lo sapeva perché lui l’aveva fatto con lei stessa.
«Ci vogliono anni di addestramento per farlo, T’Pol. Dove siete?»
Lei sospirò. «Dall’altra parte del quadrante rispetto a Flora 4.»
«T’Pol, gli Umani si sono abituati a convivere con emozioni e ricordi. Trip ce la può fare.»
«Ma sta male.» sussurrò lei. «E io….»
«E tu stai male con lui.» concluse Tavek. «Posso spiegarti come fare.»
«Può essere pericoloso?»
Tavek scosse la testa. «No, ma potrebbe non funzionare.»
«Correrò il rischio.»

Trip si fermò sulla soglia dell’alloggio di T’Pol. «Forse dovrei andare a dormire altrove.»
«Phlox ti ha dichiarato libero dalla droga, non sei più pericoloso.»
Tucker abbassò lo sguardo. «Sì, però….»
T’Pol gli mise una mano in mezzo alla schiena e lo spinse avanti. «È tardi, Trip, ho voglia di andare a letto.»
Lui si lasciò spingere avanti. «Posso dormire nel mio alloggio.»
«Non lo senti come fa freddo qui, oggi? Ho bisogno che mi scaldi.»
«Qui non fa freddo.» rispose lui.
T’Pol sbuffò e si sedette sul bordo del letto. «Ho sfogliato qualche libro terrestre…. di quelli…. romantici. Cercavo qualche frase per invitarti a fare sesso con me, ma credo di non esserci portata.»
Trip fece un passo indietro e si scontrò contro la paratia, dove faceva l’angolo del bagno. «T’Pol, io….»
Lei lo fissò e iniziò velocemente e spogliarsi. «Servizio completo.» gli disse.
«No, T’Pol, dopo quello che è successo, io….»
Lei ormai era completamente nuda. «Ho freddo.» disse stendendosi sopra le lenzuola. «Vieni.»
Trip raccolse da terra i vestiti di lei.
«Smettila!» esclamò lei. «Sono sporchi, vieni qui e scaldami tu.»
Trip salì sul letto, ancora in abiti civili.
«Che cosa c’è stato di così terribile che ora mi rifiuti?»
«Non è colpa tua, T’Pol.»
«Ma tu fai sembrare che sia così.»
Trip abbassò lo sguardo sul copriletto. «È che…. quelle visioni mi tormentano. Io vorrei solo poterle rimuovere, dimenticarle per sempre.»
«È questo che vuoi davvero?» chiese lei, appoggiandogli una mano sulla guancia.
Lui annuì, tenendo lo sguardo basso.
T’Pol lo spinse sul letto. «La tua mente nella mia mente…. i tuoi pensieri nei miei pensieri…. le nostre menti sono una sola…. – yen-tor…. yen-tor, k’diwa….- Ricorderò io, per te…. Vivrò io per raccontare.»

Quando Trip si era svegliato, la mattina dopo, si sentiva più leggero. T’Pol si stava già mettendo a sedere sul letto.
«Già ora di andare al lavoro?» sussurrò lui.
«Sì, ma tu sei ancora esonerato, per oggi.»
Trip si girò sul fianco. «Come farai senza di me?»
«Me la caverò.» rispose lei, alzandosi. «Ma solo per un altro giorno.»
Tucker le sorrise. «Mi è venuta un’improvvisa voglia di chiamare mio padre.»
«Fallo, hai tutta la giornata a disposizione.»
Trip si stirò. «È una cosa strana, di solito non ho queste “improvvise voglie” di chiamare qualcuno…. magari mia madre…. ma non mio padre. Chissà perché?»
«Non stare a pensarci troppo e chiamalo.»
Trip le rivolse uno sguardo interrogativo. «Mi stai suggerendo di essere impulsivo?»
T’Pol alzò le spalle. «Questa impulsività non può portare a danni.»
«Pranziamo insieme?» chiese lui.
Lei annuì.
«Qui a letto?»
T’Pol annuì di nuovo.
Trip si tirò di scatto a sedere: «Che cos’hai, scusa?»
«Cos’ho? Perché me lo chiedi?»
«Penso che mi diresti di sì persino se ti dicessi di saltare il turno.»
Lei distolse lo sguardo e rimase un secondo in silenzio. «Ma…. me lo vuoi davvero chiedere?»
«No, ma…. non è mica che dato che mi hanno strapazzato un po’ su Vinelia ora devi dirmi sempre di sì.»
T’Pol tornò a sedersi sul letto e si chinò in avanti per baciarlo. «Sono contenta di riaverti qui con me.» Gli strinse la mano dolcemente. «Chiama tuo padre.»
Trip la lasciò uscire, quindi si alzò dal letto e si sedette al terminale. Avviò una connessione con la Terra, sperando di non essere completamente fuori raggio.
L’immagine del salotto della casa dei suoi genitori apparve per un secondo solo, sostituita subito da quella dei pantaloni di suo padre. «Che diavolo è successo qui?» sentì dire da Charles Tucker II.
Sentire quella voce, per qualche strano motivo, l’aveva tranquillizzato. Vide la telecamera venire rimessa al suo posto. «Trip? Ciao, ragazzo, come stai?»
«Sto bene, pa’. Tu? Tutto bene?»
«Alla perfezione, a parte che Owen è stato qui a giocare col terminale, ieri, e la telecamera è caduta via.» Gli sorrise. «Ma tu? Come stai?»
«Sto bene.» gli sorrise.
«Volevi parlare con la mamma? Adesso è fuori, è andata dalla Jenny, posso chiamarla.»
«No, no, non fa niente. Volevo salutare te.»
Charlie Tucker iniziò a frugare vicino al monitor. «Sia che tua madre mi aveva lasciato dei file da mandarti, in caso ti avessi sentito prima di lei…. Aspetta, eh…. ecco. Te li posso mandare subito?»
«Sì, grazie.» Trip guardò la parte destra del monitor: «Ok, sono arrivati.»
«Bene, quando ti fai vedere di nuovo sulla Terra?»
«Non so, ora siamo nella parte inferiore del settore, sarà difficile che torni presto.»
«Ah, aspetta, tua madre mi ha chiesto di dirti se T’Pol preferisce il rosa o il giallo.»
Trip fissò suo padre sullo schermo. «Rosa o giallo?»
«Sì, per i fiori, in caso veniste a sposarvi qui in giardino. Vuole piantare delle rose.»
Lui scoppiò a ridere. «Glielo chiederò.»
«Trip.» Suo padre lo richiamò dallo schermo. «Non ti sembra il caso di ufficializzare davvero il vostro rapporto, prima che la metti incinta per sbaglio e dovete fare tutto di corsa?»
“Per sbaglio”…. Trip abbassò lo sguardo. «Be’, lo chiederò a lei…. in fondo…. spetta a lei la decisione, o almeno metà della decisione, no?»
Charlie annuì. «Sì, è vero.» Gli sorrise. «Ciao, Trip. Cerca di star bene.»
«Anche tu.» rispose lui. Chiuse il collegamento e aprì i file che gli aveva mandato: erano le analisi del DNA dei suoi fratelli e di suo nipote. Premette l’interfono. «Tucker a Phlox. Posso venire un salto da lei?»

T’Pol incrociò Archer in corridoio. «Sta andando in infermeria?» le chiese.
«Sì.»
«Sta bene?»
«Io sì. Trip mi ha chiesto di andare là.»
«L’ha chiesto anche a me.»
Archer aprì la porta e lasciò che T’Pol passasse per prima. Trip era in piedi davanti al monitor e Phlox vicino a lui.
«Qualcosa non va?» chiese Jonathan.
«Ho chiamato mio padre, che mi ha inviato dei file che mia madre aveva preparato per me.» Indicò lo schermo. «Si tratta delle sequenze del DNA di mia sorella, mio fratello e suo figlio.»
Phlox indicò lo schermo. «Quelle sequenze di DNA mutato che avevo trovato nel DNA del comandante Tucker non sono presenti in Albert e Owen Tucker. Ma ci sono nel DNA di Elizabeth Tucker.»
«E questo cosa vuol dire?» chiese Archer.
«Che Elizabeth è una nauta….» Trip prese un profondo respiro. «Potrebbe essere in un altro universo. Potrebbe essere viva.»

Charles “Trip” Tucker si girò quando sentì qualcuno che gli tirava la manica. «Zio Trip, guarda.»
Lui sorrise alla bambina dai capelli biondi, Katherine “Katie”, e poi guardò cosa gli stava mostrando. «È un bellissimo disegno.»
La bimba indicò le due figure e disse: «Questi siete tu e T’Pol.» disse. Tra le due figure aveva disegnato un enorme cuore rosso.
Trip rise. «È delizioso.» Si alzò in piedi. «Andiamo a farlo vedere a T’Pol.»
Il giardino dei suoi genitori era pieno di rose gialle e rosa, che sua madre aveva piantano alcuni mesi prima. «Guarda che bello.» disse a T’Pol.
«È davvero dolce.» rispose lei. Si girò verso Elizabeth “Lizzy”, seduta accanto a lei. «Tua figlia è una vera artista. Ha preso da te.»
Lizzy le sorrise. «Sì, è vero. Suo padre non sa tirare una riga dritta con il righello.»
«Katie, viene a giocare!» gridò Owen “Owy”, passando di lì. Prese la bimba per mano e corsero via insieme.
T’Pol si massaggiò il ventre.
«Ha scalciato?» chiese Lizzy. «Quella vivacità dev’essere tipica dei Tucker.»
«Anche T’Pol non era proprio una bambina tranquilla.» disse T’Les, sedendosi vicino a Elaine “Gracie”.
«PAAAAAAALLAAAAAAAA!» urlò Charles “Charlie” da lontano.
«Eh, papà, smettetela di tirarla apposta in questa direzione!» esclamò Albert “Al”, tirando un calcio alla palla per allontanarla. «Qui c’è una donna incinta!»
«E mica facciamo apposta! E poi è solo rotolata.» rispose Charlie. Poi prese i due nipoti per mano e disse: «Spostiamoci più in là, pargoli.»
«Avete già deciso il nome?» chiese Margareth “Maggie”, la moglie di Albert.
«T’Mir.» disse Trip.
«Sarà difficile trovarle un soprannome.»
«Vedremo cosa ci verrà fuori.»
«Comunque ancora non siete sposati.» rise Daniel “Dan”, il marito di Lizzy.
«In realtà l’abbiamo fatto….» disse Trip.
«Cerimonia della Flotta Astrale?» chiese Al.
«Be’, non proprio, noi….» Trip lanciò uno sguardo a T’Pol.
«Ci siamo sposati con una cerimonia caitian.»
«I Caitian sono delle specie di gattoni, giusto?» chiese Al.
«Esatto.» fece Trip. «Abbiamo avuto il primo contatto coi Caitain due anni fa.»
«E com’è questa cerimonia?»
«Ah be’…. c’è…. c’è di mezzo un tatuaggio.»
Tutti guardarono T’Pol e Trip interrogativamente. «Durante la cerimonia, viene fatto un tatuaggio con il nome del partner…. qui.»
Al fissò suo fratello: «E tu hai il suo nome scritto lì?!»
Trip sorrise e indicò T’Pol: «Anche lei!»

«Posso chiederti una cosa?»
Trip annuì. Era sdraiato prono sul suo lato del letto e T’Pol si era messa a cavalcioni sopra di lui per fargli neuropressione.
«Pensi davvero che Lizzy sia passata in un altro universo?»
Tucker rimase in silenzio per qualche istante, poi disse: «Non lo so…. forse è solo la sua anima nauta che è altrove. In un posto bello, dove tutti noi abbiamo figli.» Fece una breve pausa: «Tu credi nel katra, no?»
«Katra nauta?»
Trip rise e poté vedere con la coda dell’occhio che lei aveva assunto quell’espressione di “imitazione vulcaniana del sorriso”. Si girò, facendo sedere T’Pol sulle sue anche. «Sai a cosa stavo pensando?»
«A cosa?»
Trip sorrise. «Che sarà difficile inventarsi un soprannome per T’Mir!»

FINE

(26 febbraio 2011)

Pubblicato 26 luglio 2011 da MicioGatta in Enterprise, fanfic, I Naviganti, Star Trek

Una risposta a “I Naviganti 20: Live to Tell (racconto su Star Trek: Enterprise)

Iscriviti ai commenti con RSS .

  1. Pingback: I Naviganti « Fabuland

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: