I Naviganti 10: Myra & Shedar (racconto su Star Trek: Enterprise)   1 comment

Dedicato a mia Madre

*******

Rating: NC-17 – qualche scena un po’ spinta.

Genere: Romanzo – avventura – familiare – amicizia

Riassunto: Dopo l’incontro con le donne Patragane (che non sono come Archer se l’aspettava!), i nostri raccolgono due strane aliene, Myra e Shedar, che girano tutte sole la Galassia a bordo di un’astronave particolarissima.

Spoilers: Tutta Enterprise, più qualche riferimento qua e là a tutto Star Trek.

Dichiarazioni: “Star Trek: Enterprise” e tutti i suoi personaggi sono proprietà della Paramount e dei suoi autori. Questo è un racconto di fantasia, creato da una fan al solo scopo di intrattenimento e senza scopo di lucro.

Scarica il racconto in formato PDF: I Naviganti 10 Myra e Shedar

*******

I Naviganti 10: “Myra e Shedar”

Nella buona sorte e nelle avversità,
nelle gioie e nelle difficoltà
se tu ci sarai
io ci sarò.
(883, “Io Ci Sarò”)

(15 aprile 2009)

La casa era vuota. Le folle non le piacevano, ma la solitudine, in quel caso, era anche peggio.
T’Pol si chiese perché, in effetti, avesse lasciato la festa in anticipo.
In fondo Trip era rimasto là.
Già, ma lei sarebbe stata vista come l’adulta controllatrice, mentre Trip, probabilmente, era là a far baldoria con i neoguardiamarina, con T’Mir e Izar.
E probabilmente era Izar quella che si stava divertendo di più alla festa.
La ragazza sapeva perfettamente come godersi la vita.
Era abbastanza tardi, ma non aveva sonno e decise di sedersi sul divano a leggere un po’, prima di coricarsi. Si prese una tazza di latte tiepido zuccherato. Trip era solito berne a tarda sera, mentre il film che stava vedendo volgeva alla fine. Il latte conteneva un composto dall’incredibile nome di triptofano che, nemmeno a farlo apposta, conciliava il sonno.
Svuotò la tazza lentamente, prendendo brevi sorsi e gustandosi il sapore intenso e dolce del latte.
Aveva appena finito di bere, quando sentì la porta di casa aprirsi e passi leggeri entrare, senza alzare lo sguardo dal PADD che stava leggendo, disse: «Sei tornata presto, T’Mir.»
«Veramente non sono T’Mir.»

T’Pol alzò lo sguardo stupita su Surek, in piedi sulla porta della sala. La somiglianza con Trip, in quel momento, la colpì. T’Mir e Izar avevano preso più dalla parte materna, erano minute e dai capelli scuri, ma Surek era alto, aveva i capelli biondo scuro, i suoi occhi erano dello stesso azzurro inteso di quelli di Trip. E ora il giovane guardiamarina, nella divisa della Flotta Astrale, sembrava la versione giovane di suo padre. «Che cosa ci fai già a casa?» chiese. Si era messo nei guai? Di nuovo?
«Anche tu sei casa.» disse Surek.
«Io non amo i bagordi terrestri, lo sai.»
Lui le sorrise e andò a sedersi sul divano accanto a lei. «Volevo stare un po’ con te.»
«Dovresti stare coi tuoi amici, invece. Stare fuori, divertirti.»
«La festa è durata abbastanza.» replicò lui. «Trip e T’Mir si sono staccati per andare a guardare le stelle all’osservatorio, Izar è con un gruppo di amici a ballare. Papi mi ha detto di star tranquillo, che la controllava lui.»
«E perché non sei rimasto anche tu a ballare?»
Surek le sorrise e appoggiò la testa alla sua spalla. «Perché abbiamo tanto tempo da recuperare.»
T’Pol spense il PADD e si girò per abbracciare il figlio. «È sbagliato. Non devi stare con i vecchi come me e tuo padre, devi stare con quelli della tua età.»
Surek nascose il volto contro il collo di T’Pol. «Tra poco partirò per la prima missione da guardiamarina…. non ti vedrò per tanto tempo.»
«Esiste la posta subspaziale. Ma ho i miei dubbi che la userai.»
Il ragazzi si tirò su e le lanciò uno sguardo interrogativo. «Perché dici così?»
«Lontana dagli occhi, lontana dal cuore.»
Lui rise leggermente e le diede un bacio sulla guancia. «Non dal mio, m’aih k’diwa.» (madre amata)
T’Pol sospirò. «Vedremo.»
«T’Mir non ti chiama tutti i giorni?»
La Vulcaniana esitò un istante. «T’Mir chiama tutti i giorni suo padre.»
«E non chiede di te?»
Lei annuì, lentamente.
«Bene, allora io chiamerò tutti i giorni te e chiederò di Trip.»
T’Pol prese delicatamente il viso di Surek tra le mani e lo baciò sulla fronte.
Il ragazzo l’abbracciò e lei decise di godersi l’abbraccio del figlio ancora per qualche minuto.
Sentì la porta sbattere molto forte e si chiese cosa fosse successo. Forse Izar aveva litigato con Trip.
Aprì gli occhi. «Che succede?» chiese, con voce assonnata.
«Non lo so.» replicò Trip. «Ma siamo stati colpiti.» L’uomo si stava rivestendo alle deboli luci di segnalazione sul pavimento dell’alloggio di lei sull’Enterprise.
T’Pol si mise a sedere, accese la luce e raccolse la biancheria intima e l’uniforme che erano finite sulla sedia la sera prima. Percepì una decelerazione e guardò fuori dall’oblò. «Ci stiamo fermando.»
Trip premette l’interfono: «Tucker a plancia. Allora, che succede?» Aveva già provato pochi minuti prima, senza successo.
T’Pol finì di sistemarsi l’uniforme. La visione di Surek si stava lentamente sciogliendo. Aveva sognato raramente nei primi sessant’anni della sua vita. Negli anni sull’Enterprise aveva recuperato il tempo perduto.
Non sognava tutte le notti. Ma sognava più spesso quando Trip dormiva nel suo stesso letto. I Vulcaniani erano telepati per contatto, probabilmente dipendeva, almeno in parte, da questo.
«Qui Archer.»
Trip tirò un sospiro di sollievo, quando sentì la voce di Jonathan.
«Siamo sotto attacco?»
«No. Tranquillo. Un incidente.» disse. La sua voce era calma, sembrava quasi celare un sorriso. «Ma ho bisogno di te per le gondole. Chiama anche T’Pol, fatti dare una mano. Archer chiudo.»
Trip le sorrise leggermente: «Sentito il capo? Andiamo.»

Tucker e T’Pol arrivarono in plancia contemporaneamente. Non era una novità, l’equipaggio si era abituato a quella “coppia mista” più di quanto loro stessi se ne fossero assuefatti. Non erano nemmeno l’unica coppia della nave.
Archer stava parlando con qualcuno sullo schermo.
«No, abbiamo avuto un piccolo problema con la griglia dei sensori….»
«Sì, non vi preoccupate.» diceva Archer. «Abbiamo già avuto un problema del genere. Se questa è una zona in cui sono presenti microsingolarità è meglio che ci spostiamo al più presto.»
«Possiamo trainarvi?»
«NO!» esclamò Archer, di scatto. Poi replicò: «No, no, grazie.»
Quando Archer si girò verso il turboascensore, dal quale stavano uscendo Trip e T’Pol, permise ai due appena arrivati di vedere l’uomo sullo schermo.
«Capitano Patramileto.» disse T’Pol.
«Questo spiega tutto.» sussurrò Trip.
Archer si girò verso di lui: «Situazione?»
«La gondola di dritta ha una grossa crepa.» rispose. «Massima curvatura 2,8.»
«Vi inviamo le coordinate.» disse Patramileto. Premette un paio di tasti alla sua sinistra e urlò, quando la consolle iniziò a sparare scintille.
«Ricevute.» disse Carstairs, dalla consolle di comunicazioni.
«Possiamo andarci insieme.» disse Patramileto.
«Perché invece,» gli sorrise Archer. «non ci precedete? Noi…. arriviamo subito dopo di voi.»
–Ottima mossa, capitano.– pensò T’Pol.
«Va bene. Certo.» Patramileto sorrise e premette un pulsante. Di nuovo la consolle fece partire delle scintille. Una manica della divisa del capitano patragano andò in fiamme. Doveva essere un incidente frequente, perché uno spruzzatore automatico si attivò per spegnere il fuoco. «Patramileto, chiudo.»
Archer sospirò. «Bene, rotta verso Patraga.»
«La loro tecnologia non è compatibile con la nostra.» disse Trip.
«Già. Ci forniranno assistenza e materie prime per riparare la gondola.»
«Ma com’è successo?»
Archer sospirò. «Sono usciti dalla curvatura e ci son venuti addosso.»
Trip sorrise leggermente. «Se non li conoscessimo bene, direi che fanno apposta per sabotarci.»
«Più che altro, temo che un giorno scateneranno una fine del mondo.» disse Jonathan. Sorrise a Trip. «Ma per sbaglio.»

Archer annuì verso Hoshi. La ragazza fece volare le mani sfiorando la superficie della consolle. Sullo schermo, il pianeta Patraga venne sostituito dal volto di un essere patragano.
Aveva però qualcosa di diverso dai patragani che avevano incontrato finora.
I suoi lineamenti erano più delicati, aveva le stesse macchie azzurrognole, ma la pelle più scura. A differenza dell’equipaggio della Patraga 1, che portava i capelli corti, aveva lunghi capelli scuri, intrecciati in una complessa pettinatura che ricordò vagamente ad Archer quella degli Aenar.
Era una donna.
«Buongiorno, capitano Archer.» disse. La sua voce era leggera e lenta, parlava quasi al limite dell’udibilità, aveva un modo di fare molto composto. «Sono Milegana, la Prima Monarca di Patraga. Per noi è un onore incontrarvi.»
Archer sorrise. «Grazie. Mi fa piacere visitare il vostro pianeta. Saprete che la nave Patraga 1 ci ha aiutato, alcuni mesi fa, a recuperare il mio capo ingegnere.»
«Sì, ma è stato un onore aiutare un popolo così elevato come il vostro.»
“Elevato”? Caspita, raramente qualcuno aveva definito gli Umani “elevati”. «Be’, la vostra tecnologia è molto avanzata.»
«Sì, sì….» La donna mosse leggermente una mano, come a voler sminuire quel punto. «Ma la vostra cucina, capitano, è ciò che di meglio si possa desiderare.» Si chinò leggermente in avanti. «La pasta alla norma. Capitano, la vostra pasta alla norma è qualcosa di cui si potrebbe vivere tutta la vita.»
Archer sorrise. Be’, sì, era buona, però non la considerava paragonabile alla tecnologia di curvatura.
«Ho saputo» proseguì la Prima Monarca. «che la nave Patraga 1 ha incrinato una delle vostre gondole.»
Il capitano annuì. «Già. È per questo che abbiamo accettato il vostro invito.»
«Attraccate pure alla….» Qualcuno apparve alle spalle di Milegana. «Mi scusi, capitano.» La donna si girò e parlò con una giovane alle sue spalle.
Archer lanciò un’occhiata a T’Pol. –Strano.– pensò. –Non ha ancora incendiato nulla.–
«Ora?!» disse la Monarca a un volume di voce più alto che Archer poté udire. «Sto parlando con il Capitano Archer!» La Patragana sospirò, quindi tornò a guardare allo schermo, sorridendo. «Potete attraccare alla Stazione 7. Non preoccupatevi: lì tutto il personale è femminile. Vi saremmo molto grati se scendeste a visitarci.»
«Volentieri.» Archer sorrise. «La nostra missione è quella di incontrare nuove specie. Sarà un onore scendere sul vostro pianeta.»
Milegana gli sorrise. «Grazie. Ora mi scusi, purtroppo devo lasciarvi alle attenzioni della Terza Monarca. La Seconda Monarca sta per partorire ed è richiesta la mia presenza.»
Dopo che la comunicazione venne chiusa, Archer si girò verso T’Pol: «Sbaglio e c’è qualcosa che non va in questi Patragani? Nessun danno per tutta la comunicazione.»

Tucker alzò lo sguardo, quando sentì delle voci. Sulla passerella della gondola stavano camminando quattro Patragane. Si potevano distinguere le donne dagli uomini per i tratti più delicati, la pelle più scura e i capelli lunghi, intrecciati in pettinature complesse e altri tratti tipici delle femmine umanoidi. Le quattro arrivarono da lui accompagnate da Reed. Si salutarono e si presentarono.
«Guarda che danno.» disse Lopigana. «Scommetto che al timone c’era Patragheto.»
«Sì, in effetti sì.» sorrise Trip.
«Già. Cretino.» replicò lei.
«Lo conosce bene?» chiese lui.
«Anche troppo.» rispose Lopigana. «È quel pirla di mio marito.»
«È un peccato che le nostre tecnologie non sia compatibili.» disse Mihigana, scivolando con grazia attraverso la ringhiera della passerella. «Altrimenti potevamo montarvi una paratia qui…. e là.»
«Pensate che i vostri strumenti possano aiutarci a saldare questa breccia?» chiese Reed.
«Sì, direi che i saldatori laser-B dovrebbero funzionare.» Mihigana estrasse uno strumento e lo provò su un pezzo di paratia che si era ricontorto verso l’interno. «Sì, pare di sì. Ci vorrà un po’, ma sistemeremo il danno.» Con una mossa precisa del polso, fece rigirare lo strumento sul dorso della mano e, facendolo scivolare sull’avambraccio, lo fece finire in una tasca laterale della divisa.
«Wow.» disse Trip. «Quella mossa non l’avevo mai vista.»
«Ah, be’, cosette.» replicò Mihigana, leggermente imbarazzata.

Letagana, la Terza Monarca, aveva una netta somiglianza con la Prima Monarca e, quando si sedettero al tavolo, per mangiare cibo terrestre, la Patragana spiegò loro che era la terza di quattro sorelle, e che avevano anche quattro fratelli. La prima nata era stata eletta Prima Monarca. A parte quello della Prima Monarca gli altri erano un titoli acquisiti, tanti fasulli quanti inutili. In pratica non facevano altro che continuare il loro normale lavoro e avevano qualche onere aggiuntivo come aiutanti della Prima Monarca.
Seduto al tavolo assieme a T’Pol e Hoshi, Archer sorrise alla donna. «Così, siete una monarchia elettiva.»
«Be’, a dire la verità non proprio. Siamo chiamate “Monarche”, ma il nostro mandato a una durata definitiva, poi dobbiamo essere rielette. Sì, il nome giusto dovrebbe essere “presidentesse” o “cancelliere” o qualcosa del genere, ma l’ultima volta che è stata proposta una modifica del protocollo, i nostri uomini si sono incasinati e ci abbiamo rimesso una stazione orbitale.»
«Una stazione?»
«Sì, per fortuna nessun morto.» La Patragana osservò qualche secondo Archer. «Nella vostra specie i maschi sono tutti abili come lei?»
Archer sorrise. «Be’…. alcuni sì, altri no.»
«Interessante.» disse Letagana.
Archer lanciò uno sguardo a T’Pol. Poi prese coraggio e chiese: «Questa domanda è per caso riferita a….» Si interruppe. Come poteva chiederglielo, con tatto?
«Al fatto che i maschi patragani combinano un casino via l’altro?» Fu la stessa Terza Monarca ad andargli in aiuto.
«Sì. In effetti…. sono delle persone deliziose, non mi fraintenda, però….»
«Sono dei vaccari.» replicò Letagana. «Ho saputo del vostro incontro con Patramileto, che tra l’altro è uno dei nostri capitani meno imbranati…. Se non erro nel rapporto parla di un incidente con la camera di attracco, che venne depressurizzata per sbaglio, una lingua attaccata al vetro della sua mensa, una patata finita fuori dal piatto, una brocca di tè rovesciata addosso al suo primo ufficiale, un vassoio rotto…. Probabilmente dimentico qualcosa.»
Archer le sorrise: «Non sono stati gravi problemi.»
«Il problema grave, capitano, è che tutti nostri maschi sono così. Tutti.»
«È un fattore genetico?» chiese T’Pol.
«Sembra di sì, ma chi lo sa. A dire la verità, non siamo ancora riusciti a scoprirlo. Vede, a differenza delle altre specie umanoidi che abbiamo incontrato, noi Patragani mettiamo sempre al mondo due gemelli, una femmina e un maschio.»
In effetti Archer ricordava che uno degli ufficiali della Patraga 1 doveva tornare in fretta al pianeta natale per la nascita dei primi due gemelli del fratello.
«Questo ha permesso un ottimo equilibrio tra maschi e femmine sul pianeta, ma, non sappiamo di preciso perché, nel corso dei secoli si è creato uno squilibrio tra le abilità dei maschi e delle femmine. E tutti i maschi patragani sono imbranati almeno come il capitano Patramileto. Per questo motivo abbiamo dovuto sviluppare una tecnologia resistente…. non tanto alle lune ultramagnetiche o agli asteroidi, quanto ai nostri maschi.» Letagana si sporse leggermente in avanti, parlando più sottovoce. «Dovreste vedere alcuni che casini riescono a fare sulla superficie del pianeta. C’è da aver paura a stargli nel raggio di pochi chilometri.»
«Se non erro l’equipaggio della Patraga 1 era formato da soli uomini.» disse T’Pol. «Perché non reclutate anche donne?»
Letagana le sorrise cordialmente: «Abbiamo un utero da proteggere.» spiegò. «Non possiamo rischiare. Studiamo a terra. A volte in orbita.»
T’Pol stava per ribattere, ma un Patragano entrò di corsa della sala. Naturalmente prima ancora che potesse avvicinarsi alla Monarca, inciampò nei suoi stessi piedi e cadde. «Monarca Letagana, la Seconda Monarca ha partorito.»
Il volto di Letagana s’illuminò di un sorriso di gioia e di speranza. «E i bambini?»
«Il maschietto ha vomitato sulla sua copertina di nascita.»
Letagana abbassò le spalle di colpo, delusa. «Eh, pazienza, sarà per la prossima volta.»
«Qualche problema?» chiese cortesemente Archer.
«I maschi patragani iniziano dai primi minuti di vita a dimostrare la loro imbranataggine. Mio nipote ha vomitato sulla sua copertina di nascita, la quale è una sorta di “benvenuto al mondo”, per noi Patragani. Diciamo che speravamo che questa “maledizione” dell’imbranataggine finesse. Due secoli fa, un profeta predisse che il figlio di una Monarca avrebbe spezzato la maledizione. Ma dato che era un maschio, è molto probabile che si sbagliasse…. probabilmente si sarà confuso.»
«Confuso?» chiese Hoshi.
«Sì, probabilmente credeva di essere un profeta e non lo era.» Letagana alzò un vassoio e sorrise: «Pizzette?»

Trip si girò sul fianco. «Avanti.» disse. A quell’ora poteva essere Malcolm in preda a qualche problema che non sapeva come risolvere da solo (tipo un colpo di fulmine per una Patragana), Archer che doveva chiedere il suo aiuto per i motori, o T’Pol.
Sperò che fosse quest’ultima.
«Posso entrare?» sussurrò T’Pol, sulla soglia.
«Certo.» disse lui, sorridendo, ma tenendo gli occhi chiusi. Alzò la coperta per farla sdraiare accanto a lui.
La Vulcaniana si tolse gli stivali, scalciandoli via velocemente, quindi si tolse l’uniforme e, rimanendo in biancheria intima, s’infilò a letto. «Come vanno le riparazioni?»
«Penso che in un paio di giorni, massimo tre, avremo finito.»
«Hai lavorato con le Patragane?»
«Sì. Mai visto gente usare gli attrezzi in quel modo. Sembrava di avere a che fare con delle prestigiatrici.» Trip sbadigliò. Si era svegliato presto, aveva lavorato tutto il giorno.
«Hai sonno? Vuoi che vada nel mio alloggio?»
Trip aprì gli occhi e guardò T’Pol alla debole luce di segnalazione. «No, tranquilla. Dormo meglio quando ci sei qui tu.» Le fece scorrere un braccio intorno alle spalle. «Piuttosto, dimmi di te. Com’è andata?»
«È stato istruttivo. I Patragani mettono al mondo sempre due gemelli e il maschio è sempre impacciato.»
«Dev’essere problematico per delle donne così abili vivere con maschi così. Quando si accoppiano che cosa fanno? Li legano e conducono loro?»
T’Pol si strinse a lui. «Usano delle camere con le pareti completamente imbottite.»
Trip rise. «Posso capirli.» Le diede un bacio sulla fronte. «Sei venuta qui per questo?»
«No.» disse lei. «Mi chiedevo come fai ad andare in quell’universo.»
«Quello con T’Mir e Izar?»
«Sì.» E Surek, pensò.
«Non lo so…. quando mi addormento ogni tanto lo sogno. Probabilmente è solo tale, solo un sogno.»
«Quindi non ci puoi…. andare quando vuoi?»
«No, non credo. Perché me lo chiedi?»
«A volte vorrei potermici rifugiare più spesso.» ammise. «Solo che non sono in grado di farlo da sola. Credo che avvenga solo quando sono in contatto con te.»
Trip aprì gli occhi: era per questo che, ultimamente, T’Pol dormiva con lui più spesso? Forse era sbagliato cercare quel mondo in continuazione, ma non glielo avrebbe detto questa notte. Aveva esordito parlando di bambini. «D’accordo, allora, se vuoi fare una fusione mentale….»
«No, credo che mi basti stare qui.» T’Pol appoggiò una mano sul suo petto. «Non voglio tenerti sveglio. Solo che mi piacerebbe capire come funziona.» [NB: qui non sanno ancora che Trip è un Nauta!]
Lui annuì. «Io so che ogni tanto li sogno…. Forse semplicemente me li invento….»
«Forse.» sussurrò lei. Si strinse tra le braccia e si avvicinò il più possibile a Trip. Aveva freddo. Chiuse gli occhi e decise di lasciarsi trasportare dove il sogno l’avrebbe condotta.

«Guardale.» sussurrò Tucker, salendo sulla passerella con Archer. «È uno spettacolo.»
Jonathan sorrise. Era vero: le tecniche patragane che stavano sistemando la paratia della gondola assieme alla squadra di riparazione dell’Enterprise, erano veramente bravissime. La loro abilità era stupefacente, soprattutto se paragonata all’imbranataggine dei maschi.
«Se continuiamo così, ora di domani sera avremo riportato la gondola a nuovo.» disse Trip. «Mihigana mi ha invitato a vedere l’installazione di curvatura sul Patraga.»
«Ci fermeremo un giorno in più.» disse Archer. «Così darò a tutti la libera uscita.»
Berengaria bye bye!
«Ne val la pena, è un bel pianeta.» Archer si appoggiò alla ringhiera, continuando ad osservare le Patragane e i suoi uomini al lavoro. Ne guardò una che riceveva qualche sorriso di troppo da Reed. «Chi è la Patragana a cui Malcolm continua a sorridere?»
«Si chiama Pletigana. È una specialista dei rivestimenti per i sistemi di curvatura. Ieri ho avuto la netta sensazione che stesse facendo il filo a Malcolm.»
«Be’, adesso mi sembra il contrario.» Il capitano sorrise.
«Sì, Pletigana ha perso interesse in Malcolm alla terza volta che lui si è chiuso una mano nella borsa degli attrezzi.»
Jonathan rise leggermente. Povero Malcolm, era un Patragano umano. «A tal proposito devo parlare con te e T’Pol. Ieri la Terza Monarca ci ha chiesto di poter fare uno studio sul nostro DNA.»
«Degli uomini?»
«Di uomini e donne, umani, vulcaniani e denobulani.» specificò lui.
«Per scoprire perché i loro maschi sono imbranati e le femmine hanno questa manualità meravigliosa?»
Archer annuì.
«Non siete scesi a mangiare, ieri? Basterebbe loro recuperare una forchetta.»
«Vogliono il nostro consenso. Tra un’ora nel mio ufficio.»
Trip annuì e si unì alla squadra di riparazioni.
Quando un’ora dopo entrò nell’ufficio di Archer, la paratia della gondola era già stata riparata per metà. Il capitano stava parlando con qualcuno e quando Trip si avvicinò poté vedere la Prima Monarca sul video del terminale.
«Certo, sarò lieta di passarle tutti i dati che abbiamo. Non vedo l’ora di poter cenare con lei, capitano.»
La Monarca chiuse la trasmissione e Archer si girò verso Trip. «La Prima Monarca di Patraga mi ha appena detto che ci passerà tutti dati che hanno su Berengaria. Dice che non sono molti, ma che dovrebbero permetterci di recuperare qualche giorno perso qui.»
«E il fatto che non vede l’ora di averti a cena?» Trip si sedette davanti alla scrivania di Archer, sorridendogli.
«Trip….»
«Sembra che tu le piaccia.»
Archer sospirò.
«Primo Monarca Jonathan Archer. Suona….»
«Malissimo.» dissero assieme, scoppiando a ridere.
«Non è questione di piacerle.» disse Archer. «Sono probabilmente stanche di avere in giro maschi che fanno sempre danni e adorano la nostra cucina.»
«Che non sai cucinare gliel’hai detto?»
Jonathan scosse leggermente la testa: «Se riusciamo a ottenere qualche analisi di Berengaria, avremo già qualcosa da presentare al Comando di Flotta, prima che decidano di richiamarci perché ancora non le abbiamo fatte.» Il capitano premette l’interfono: «Archer a ponte.»
Gli rispose Hoshi. «Qui Sato, signore.»
«Hoshi, dica a T’Pol di raggiungermi nel mio ufficio.»
«Il comandante non è in plancia, signore. Vuole che inoltri la sua richiesta?»
«No, non c’è problema, la chiamo io. Archer chiudo.» Era strano che T’Pol non fosse alla sua postazione. «Archer a T’Pol.»
Nessuna risposta.
«T’Pol, qui è il capitano, mi risponda.»
Il capitano alzò lo sguardo su Trip. «L’ho lasciata alle 7:00 nel mio alloggio.» disse lui. Si alzò in piedi e uscì. Di corsa, arrivò al suo alloggio ed entrò. La luce era spenta, ma dall’oblò entrava qualche raggio del sole giallo e caldo di Patraga.
La Vulcaniana era ancora rannicchiata sul letto, dove l’aveva lasciata, ancora addormentata, quella mattina.
«T’Pol?»
Lei non rispose.
Trip si inginocchiò accanto al letto e le mise una mano sulla gola per sentirle il battito. Non fu necessario. T’Pol si mosse leggermente, come fosse a disagio per le dita fredde di Trip.
«T’Pol, scotti.» disse lui. «T’Pol, mi senti?»
La Vulcaniana mugugnò qualcosa sottovoce, tirandosi le coperte fino al mento.
Trip premette l’interfono: «Tucker a Phlox. Per favore, venga subito nel mio alloggio. T’Pol sta male.»

«È uno stato febbrile provocato da un virus.» disse Phlox, indicando l’immagine sul monitor dell’infermeria.
«E da dove può aver preso questo virus?» chiese Archer. «Prima di scendere su Patraga abbiamo mandato il suo genoma col nostro e quando è tornata a bordo ha passato la scansione biomolecolare.»
«La mia ipotesi è che questo sia un virus subdolo, che è riuscito a bypassare le scansioni, oppure che l’abbia preso dalle Patragane che sono venute a bordo.» spiegò il medico. «Loro potrebbero essere delle portatrici sane.»
«Ma T’Pol non è entrata in contatto con le Patragane.» obiettò Archer.
«Lei no, ma io sì.» disse Trip. «Come si può trasmettere questo virus?»
«Non ne so ancora abbastanza per poterglielo dire.» rispose Phlox. «Potrebbe essere avvento tramite le tecniche.»
«Abbiamo lavorato a contatto e ci sono state varie strette di mano.» disse Trip. «Nulla di più. Ma allora perché io non sono infetto?»
«Questo virus ha bisogno di legarsi a cellule che hanno un alto contenuto di rame. Nel corpo umano il rame è una minima parte.»
Archer ricordò che anche i Patragani avevano sangue verde basato sul rame. «Può trovare una cura?»
«Devo studiare il virus. Al momento sembra che non sia pericoloso, l’unico problema è lo stato febbrile dovuto alle difese immunitarie del comandante che cercano di combattere il virus. Posso farle scendere la febbre per evitare danni ai tessuti, ma per eliminare il virus ci vorrà un po’ di tempo.»
«Chiederò ai Patragani.» disse Archer. Poi si corresse: «Alle Patragane. Se il virus viene da loro, è probabile che abbiano una cura.»
«Capitano, chiedo il permesso di scendere anch’io.» disse subito Trip.
«Permesso accordato.» disse Archer. Poi si rivolse a Phlox. «Ci metta tutto quello che ha scoperto sul virus su di un PADD.»
Phlox annuì.
I due uomini si incamminarono velocemente verso l’uscita, poco prima di oltrepassare la soglia, Archer si risolve nuovamente al medico: «Si prenda cura di T’Pol, mentre noi siamo via. Ci tenga informati di qualsiasi novità.»

Appena sbarcarono dalla navetta, la Prima Monarca Milegana andò loro incontro. Con Archer e Tucker era scesa anche Hoshi, in caso ci fosse bisogno di qualche traduzione.
Dietro di lei, un Patragano maschio che stava scortando la Prima Monarca, inciampò quattro volte prima di giungere in prossimità della navetta.
«Ho ricevuto la vostra trasmissione.» disse Milegana. «Ho inviato subito i dati al….» S’interruppe, quando il maschio che la scortava le cadde addosso, facendola spostare di mezzo metro.
«Mi scusi, Prima Monarca.»
«Patralio, ti prego, puoi andare a dire in cucina di preparare una cena terrestre? Grazie.»
«Ma il protocollo dice che la Prima Monarca deve sempre essere accompagnata….»
La Patragana gli fece cenno di andare via: «Certo, mi accompagnerà il Capitano Archer. Sciò sciò, via!»
Patralio se ne andò, cadendo un paio di volte sulla strada.
«Vorrei invitarvi a cena, ma credo che sia più urgente recarci al centro di ricerche mediche.» Indicò un edificio a pochi passi da dove erano sbarcati. «Ho già inviato i dati che ci avete fornito.»
Entrarono nell’edificio bianco latte. Un portinaio all’ingresso fornì agli umani tre pass, non prima di averne spaccato uno ed essere riuscito a chiudersi una mano in un cassetto.
La Prima Monarca li condusse in un laboratorio, ampio e spazioso, dove poterono scorgere solo Patragane.
«Abbiamo dovuto vietare agli uomini di lavorare con agenti pericolosi, come i virus. So che può sembrare una legge ingiusta, ma è a protezione nel nostro stesso popolo.»
–E anche di quello degli altri.– pensò Archer.
Una biologa patragana arrivò verso di loro, presentandosi come Matigana. «Avete il campione?»
Archer annuì e porse alla biologa una provetta che conteneva liquido verde. «È un campione del sangue del mio ufficiale scientifico. È Vulcaniana.»
La scienziata prese la provetta e andò verso un tavolo da laboratorio. Inserì la provetta in un analizzatore. «Sì, come temevo.»
Trip fece un passo avanti, ma Jonathan gli mise una mano sul braccio.
«Lo conosciamo, è il virus della febbre strichiana.»
«Sapete curarlo?» chiese subito Trip.
«Non è autoctono del nostro pianeta, lo portarono gli alieni con cui abbiamo avuto il Primo Contatto, gli Strichiani. Cercarono di conquistare il nostro pianeta, ma si estinsero prima sul loro e poi sul nostro.» Spiegò la biologa. «Quando ormai stavano per perdere la battaglia, scatenarono in giro questo virus. Morirono prima loro di noi, che nel frattempo avevamo trovato un vaccino.»
«Un vaccino non è una cura, però.» disse Archer.
«No.» rispose Matigana. «Devo dirvi che la febbre strichiana, per lo meno sui Patragani, ha un decorso estremamente lento, la malattia talora dura decenni, mai meno di un paio di anni.»
«Il comandante T’Pol è già in stato di incoscienza.» insistette Trip.
«Sì, è normale.» continuò Matigana. «Ho letto la comunicazione del vostro medico, i sintomi sono gli stessi. Riprenderà conoscenza nel giro di qualche giorno. Questo virus dà uno stato febbrile che va diminuendo fino ad assestarsi su una differenza minima. Il soggetto può riprendere una vita più o meno normale.»
«È per questo che non avete sviluppato una cura?»
«No, una cura è stata sviluppata, ma parliamo di medicina di cinquant’anni fa. Da allora non ci sono stati più casi di febbre strichiana perché siamo tutti vaccinati.»
«E com’è finito quel virus nel sangue di T’Pol?» chiese Archer.
«Questo è ancora da scoprire.» disse la biologa. «Ho mandato una squadra ad indagare sui luoghi e cibi di ieri sera e sulle quattro tecniche che erano a bordo della vostra nave. Fortunatamente il virus è incompatibile con la fisiologia umana.»
Matigana premette un pulsante su un terminale. «Qui Matigana. Abbiamo bisogno del campione di antivirus della febbre strichiana. Priorità verde.»
–Verde?– si chiese Archer. Poi ricordò che i colori dipendevano anche dal sangue. Per i Terrestri il rosso era un colore che attirava l’attenzione, per i Vulcaniani il verde. Doveva essere lo stesso per i Patragani.
«Non so però che effetto potrà fare sul suo ufficiale.» continuò Matigana. «Dica al suo medico di studiarlo, prima.»
Archer annuì.
Una porta sul fondo del laboratorio si aprì ed entrò un Patragano.
Matigana si girò: «Che diavolo….?!»
«Ho pensato di portartelo io, Matigana….» Il Patragano le lanciò un sorriso dolcissimo.
«Ferm….!» stava urlando la biologa, quando il maschio inciampò in un carrello pieno di provette. Il Patragano cadde in avanti, il carrello si rovesciò, facendo cadere tutte le provette che conteneva.
Matigana si lanciò in avanti per cercare di prevenire il disastro.
Un rumore di cento vetri infranti si diffuse nell’aria, quando la biologa non riuscì ad arrivare in tempo.
Paratie di emergenza si alzarono velocemente a chiudere il laboratorio, trasformandolo in una camera stagna.
Matigana osservò il disastro a terra e lanciò uno sguardo al Patragano, come se volesse fulminarlo: «Mi spieghi che cosa ci fai qui, tu?»
«Ehm…. ecco io….»
Matigana strinse i pugni e ringhiò: «Togliti dai piedi. Subito.»
«Ma…. siamo chiusi in quarantena. Dove posso andare?»
«LONTANO DAI MIEI OCCHI!»
Il povero Patragano si tirò in piedi di scatto e, inciampando e scontrandosi con altri mobili sulla sua via, andò a rifugiarsi in fondo al laboratorio.
Matigana raccolse la provetta con la cura e si alzò. «Questa è ancora intera.» disse. «La spediremo su con priorità massima.» Matigana corse verso le porte di ingresso, che ora erano sigillate.
Archer si girò verso Sato, pallidissima in volto. «Tranquilla, Hoshi.» le sorrise. «I virus patragani non attaccato i terrestri.»

Le Patragane avevano dato loro una stanzetta con quattro letti, nella parte della zona di quarantena più riservata.
Hoshi era rannicchiata su un letto e non aveva toccato cibo.
Jonathan andò a sedersi con lei sul letto. «Dovresti mangiare qualcosa.»
«Grazie, ma non ho fame.»
«Devi tenerti in forza.» Archer lanciò uno sguardo a Trip, che stava mangiando una fetta di torta.
«La quarantena mi fa paura.»
Non aveva tutti i torti. Era morta, in quarantena, una volta.
«Lo so. Ma ora, guardiamarina, mangi. È un ordine.» Il capitano si alzò e tornò sul suo letto.
Hoshi iniziò a inforcare qualche fusillo, mangiando lentamente.
Archer restò ad osservarla per qualche secondo, poi si rivolse a Trip: «Hai sentito T’Pol?»
«È ancora incosciente.» rispose l’ingegnere. «Ma Phlox dice che la cura è quasi pronta. Ha modificato quella patragana e dovrebbe funzionare.»
Sato abbandonò il piatto sul comodino. «Troveranno una cura anche per noi?»
«Prima dobbiamo capire se abbiamo davvero qualcosa.» disse Archer. Le sorrise, ma capì che aveva paura. «Se vuole posso chiedere alla dottoressa di darle qualcosa per aiutarla a dormire.»
Hoshi si mosse a disagio sul letto. «Io…. sì, forse è meglio.»
Jonathan le sorrise e si alzò dal letto, uscendo dalla camera. Avevano il permesso di girare la zona di quarantena senza problemi, mentre ai maschi patragani era stato vietato. Il capitano individuò subito Matigana a un tavolo da laboratorio.
«Dottoressa? Posso disturbarla un minuto?»
La Patragana si girò verso di lui e gli sorrise. Aveva i capelli leggermente spettinati, alcuni ciuffi neri erano usciti dall’intricata acconciatura e aveva un’aria decisamente stanca. «Non ci sono novità per ora. Gli esami non sono ancora pronti, ma in breve arriveranno.»
«Non sono venuto per questo. Il mio ufficiale alle comunicazioni può avere qualcosa che la aiuti a dormire?»
«Certo.» Matigana si girò verso un’assistente, anche lei presente al momento della contaminazione e le indicò di dare un blando sonnifero a Hoshi. Poi tornò a guardare Archer. «È probabile che questi virus non attacchino la vostra fisiologia.» Sembrava volesse scusarsi.
Archer si sedette su una sedia accanto al tavolo. «L’antivirus che avete fornito al dottor Phlox sembra adatto, con qualche modifica.»
«Per alcuni virus che ci sono sfuggiti oggi, purtroppo, non abbiamo ancora trovato una cura. Comunque sto mandano tutti i dati disponibili al suo medico.» Matigana sospirò. «Mi dispiace, è colpa mia.»
Archer scosse la testa. «È stato un incidente.»
«Sì, come tanti altri che avvengono per colpa dei nostri maschi.» Abbassò lo sguardo su un vetrino. «Patranigo, il tipo che ha fatto il disastro…. be’, lui ha un debole per me.»
Jonathan sorrise leggermente.
«Solo che non è ricambiato.» continuò la dottoressa. «Capisce, capitano, io…. io non ne posso più di uomini che fanno casini…. non li sopporto più.»
In fondo Archer le capiva. Qualche volta avrebbe voluto cambiare il suo ufficiale tattico.
«Voglio un maschio come…. come voi.» Matigana sospirò. «Riuscite persino a…. a mangiare senza combinare disastri. Usate le posate senza rompere niente.» Era frustrata. Ma probabilmente non solo per i maschi. La situazione di quarantena aveva peggiorato la situazione.
«Avrei voluto parlarne prima con il mio ufficiale scientifico…. ma non potendolo fare, direi che, se vuole, può esaminare il mio DNA.»
Matigana gli sorrise. «Grazie, capitano. Spero solo di riuscire a farla uscire presto da qui.»

Archer accese la luce di emergenza sopra il suo letto. Hoshi e Trip stavano dormendo da poco più di un’ora, ma lui non era riuscito ad addormentarsi. Ora si era svegliato del tutto, quando aveva sentito il suo ufficiale alle comunicazioni lamentarsi nel sonno.
Si alzò e si avvicinò al suo letto. «Hoshi, che c’è?» sussurrò. «Hoshi?»
La ragazza si girò verso di lui, aprì leggermente gli occhi: «Fa freddo.» disse. «Ho i brividi.»
–Maledizione.– pensò Archer. Lui non aveva freddo. Anzi, aveva leggermente caldo. «Ti prendo un’altra coperta.» Il capitano prese la coperta dal suo letto e la stese sopra Hoshi, rimboccandogliela con cura. «Cerca di dormire ancora un po’.» le sussurrò, massaggiandole lentamente il braccio. «Andrà tutto bene, Hoshi….»
Attese che la ragazza si riaddormentasse, quindi lasciò il suo letto e andò da Trip. Anche lui stava dormendo: era rannicchiato sul fianco, con le coperte tirate fino alle orecchie. «Trip?» sussurrò.
«Mhmffff?» fece lui.
«Hai freddo?»
«Sì, fa un freddo cane.» replicò, ma a Jonathan parve che il suo capo ingegnere stesse ancora dormendo. Tolse la coperta dal quarto letto e gliela mise addosso. Quindi si diresse verso il fondo della stanza ed uscì. Camminò velocemente verso il tavolo al centro del laboratorio.
Matigana era ancora seduta alla sedia, ma aveva la testa appoggiata alle braccia incrociate sul piano del tavolo.
«Dottoressa?» chiese Archer.
La Patragana sbatté leggermente le palpebre e si tirò a sedere.
«Mi scusi, devo averla svegliata.»
Matigana scosse la testa. «No, non c’è problema…. attendevo i risultati delle analisi, ma non sono ancora pronte.» Premette alcuni tasti. «Nemmeno il dottor Phlox ha ancora trovato nulla…. per ora è una buona notizia. Dovrebbero mancare le analisi solo di alcune colture.»
«I miei ufficiali hanno iniziato ad avere freddo.» disse lui. «È un sintomo?»
Matigana sospirò. «Mi aspetti qui.» Prese un tricorder medico e andò nella stanza dei due ufficiali. Tornò poco dopo. «I suoi ufficiali hanno 36,2°C e 36,4°C. Per i miei dati sono temperature normale, per gli umani.»
Archer annuì. «Quindi niente febbre?»
«No, per ora no.»
Il capitano tirò un sospiro di sollievo.
Matigana lo fissò quindi alzò il tricorder su di lui.
«Sono io, vero?» disse Archer. «Non sono loro che hanno freddo, sono io che ho caldo.»
La dottoressa non rispose, ma il suo sguardo era più che eloquente.
«Che cos’ho?» chiese il capitano.
Matigana scosse leggermente la testa. «Non lo so ancora.» Sembrava quasi sull’orlo del pianto e Archer se ne dispiacque. Stava per dirle qualcosa, quando il computer emise un suono. La dottoressa corse al terminale. «I suoi due ufficiali sono puliti.» disse. Fece una pausa. «Lei ha la febbre zidobriana.»
«Ho passato la mia coperta a Sato, sono stato vicino a lei per alcuni minuti, poco fa.»
Matigana scosse la testa. «Questi virus e batteri da laboratorio sono attivi per il contagio aereo solo per pochi minuti, da quando vengono esposti all’aria. Dopo, il contagio può avvenire solo per contatti più stretti.»
«Vorrei far tornare subito a bordo Tucker e Sato.»
Lei annuì, i suoi occhi erano lucidi. «Avviso gli assistenti di decontaminazione.»

Trip aprì gli occhi e guardò verso la porta a vetri sul fondo della stanza. Non sentiva più freddo come prima, ora stava bene. Al di là della porta, Archer stava parlando con la dottoressa Matigana.
Si tirò in piedi, quindi raggiunse la porta. Fece per aprirla, ma la trovò bloccata. Batté la mano sul vetro e il rumore svegliò Hoshi.
Archer si girò verso la porta e, vedendo Trip in piedi e Hoshi che lo stava raggiungendo, si avvicinò.
«Capitano, che succede?» chiese Tucker.
«Va tutto bene, Trip.» rispose. «Tra poco tornerete a bordo dell’Enterprise.»
«Sì, ma che cosa sta succedendo?» insistette lui.
«Siete puliti.»
Hoshi si avvicinò al vetro. «E lei capitano?»
Archer esitò: «Ho un virus, ma…. la dottoressa Matigana e il dottor Phlox lo cureranno in breve.»
«Restiamo qui con te.» dissero Trip e Hoshi contemporaneamente.
«No.» rispose Archer. «Trip, tu devi riportare su Hoshi.»
I due si scambiarono uno sguardo. «Non puoi farti trasportare nella sala di decontaminazione dell’Enterprise?» chiese lui.
«Resterò qui ancora per un po’ di tempo.» disse Archer. «Hanno più dimestichezza col virus che ho preso, è una malattia che hanno da secoli.» spiegò. «Se non troveranno nulla, tornerò a bordo. Ma ora voi dovete salire. Siete puliti. Dovete andare.» Prima che uno dei due potesse obiettare qualcosa, concluse: «Questo è un ordine.»
Trip annuì leggermente. Non poteva fare altro.
«Fatemi sapere come sta T’Pol.»
Hoshi appoggiò il palmo sul vetro e Archer fece lo stesso dall’altra parte, sorridendole. «Tranquilla, Hoshi. Ci vediamo tra poco.»

Trip scostò la tenda quel poco che bastava per infilarcisi dietro. Dopo essere salito a bordo e aver chiesto a Phlox notizie di T’Pol e averle passate ad Archer, si era fatto una lunga doccia bollente.
Phlox gli aveva detto che la febbre di T’Pol era scesa, ma che purtroppo aveva dovuto interrompere la ricerca della cura per trovare quella contro la febbre zidobriana, che, a differenza del virus preso dalla Vulcaniana, avrebbe avuto un decorso di pochi giorni.
T’Pol stava dormendo, ma Phlox aveva detto a Tucker che, talora, aveva ripreso conoscenza per qualche istante. La cura patragana, modificata al volo per la fisiologia vulcaniana, sembrava aver effetto, ma Phlox avrebbe voluto avere il tempo per studiarla più approfonditamente.
Trip sperò che avvenisse in quei momenti, ma la Vulcaniana continuava a dormire. S’infilò a letto accanto a lei, mettendole un braccio intorno ai fianchi e stringendola a sé.
La baciò sulla fronte e lei, nel sonno, si accoccolò accanto a lui.
Tucker sospirò. Purtroppo i Patragani erano davvero pericolosi. Involontariamente, ma decisamente pericolosi.
Il capitano non aveva del tutto torto. Rischiavano di innescare una fine del mondo da un momento all’altro.

Jonathan Archer, seduto sul letto nella camera di decontaminazione, chiuse il comunicatore e lo appoggiò sul comodino. Sorrise a Matigana, che era entrata in quel momento.
«Come sta il suo primo ufficiale?»
«È stabile.» rispose lui.
Matigana annuì e rimase ferma vicino al letto. «Generalmente noi non…. riceviamo alieni sul nostro pianeta.»
«Sì, il capitano Patramileto me ne aveva parlato, durante il nostro primo contatto.»
«Le ha anche spiegato perché?»
«Non ne ha avuta occasione.» rispose Archer. «Ma l’avevo immaginato.»
«Già.» Matigana lasciò andare un leggero sorriso amaro. «I nostri maschi.»
«Però mandate loro in avanscoperta.»
La Patragana annuì. «Sì, ma quelli meno imbranati.»
Nella mente di Archer balenò l’immagine di Patragheto con la lingua attaccata al vetro. Povere donne. «È sempre stato così?»
«Da quando ne abbiamo memoria storica. Non sappiamo perché. Ci sono solo leggende a riguardo.»
Archer batté sul materasso accanto a sé. «Le va di raccontarmele?» Almeno avrebbero passato un po’ di tempo.
Matigana accettò l’invito e si sedette. «Be’, vede, un tempo il popolo patragano era molto religioso. Si dice che durante la creazione, Ganapatra, l’essere creatore, fece un solo essere, a immagine e somiglianza di sé stesso. Un essere unico, che poteva duplicarsi. Però, mentre lo creava, venne distratto dalla bellezza del pianeta Patraga, dove decise poi di lasciare l’essere. Questi, però, era imperfetto per via della distrazione e pregava Ganapatra di renderlo più perfetto. Ganapatra, però, non poteva renderlo più perfetto, perché ormai la creazione era stata fatta.»
C’era certamente qualcosa di familiare con molte delle religioni che Archer conosceva.
«Allora divise l’essere in due parti, Patra e Gana, maschio e femmina, che si sarebbero aiutati a vicenda. La divisione, però non venne fatta equamente….» Matigana sorrise leggermente. «….come avrà notato. Sono solo le donne che mettono al mondo i figli, con tutti i problemi che dà la gravidanza. E sono solo i maschi che sono imbranati.»
Una divinità casinista, insomma, pensò Archer. Rispecchiava i Patragani.
«Un’altra leggenda dice che questa è una maledizione mandata da una Patragana maltrattata dal marito perché non riusciva a dargli eredi. Maledisse tutti i maschi. Un profeta di quattrocento anni fa predisse che il figlio di una Monarca avrebbe spezzato l’incantesimo.»
Jonathan sorrise leggermente: «Sì, questa l’ho sentita. Mi hanno anche detto che però essendo un maschio, probabilmente si è sbagliato.»
«Sì, ad esempio aveva predetto un’eclissi di Sole, sbagliò di più di tre mesi, quando gli astronomi del tempo già sapevano predire gli avvenimenti astronomici in base alle leggi fisiche. Ma il fatto più clamoroso è che un giorno predisse la sua morte, che secondo lui sarebbe avvenuta otto mesi dopo, per mano di una potente donna politica che, secondo lui, lo odiava per la sua predizione per la fine della maledizione maschile, che l’avrebbe avvelenato. Quando quel giorno uscì dallo studio per andare in bagno, inciampò in un gradino, scivolò sul pavimento bagnato, si aggrappò alle tende della finestra che si ruppero lasciandolo cadere dal quinto piano, e lui morì sul colpo.» Matigana rise leggermente: «Per quel che ne sappiamo, non ne ha azzeccata una. Quando è nata la genetica moderna, abbiamo pensato che la mancanza dei maschi derivasse dal gene che determina il sesso, quello maschile ha un braccio in meno. Però questo non spiegherebbe l’intraprendenza maschile: loro hanno molto più coraggio di noi nell’affrontare qualsiasi situazione, compresa l’esplorazione spaziale.»
«E non spiega nemmeno perché altri popoli non hanno il vostro stesso problema.» concluse Archer. «Nei maschi umani il quarto braccio nel cromosoma Y è molto corto.»
Matigana annuì. «Allo stadio attuale degli studi, non abbiamo trovato nulla che spieghi la loro imbranazione.» Abbassò lo sguardo. «Però ho scoperto, purtroppo, chi ha fatto entrare nel laboratorio Patranigo è stata una donna del livello di archivio biologico. È…. piuttosto imbarazzante, capitano.»
Archer le lanciò uno sguardo interrogativo. «Che cosa intende?»
«Quando siete arrivati sul pianeta, si è sparsa la notizia della vostra abilità. Le Patragane che hanno riparato la gondola dell’Enterprise e le donne presenti al vostro pranzo con la Terza Monarca erano estasiate.»
«A dire la verità era il mio capo ingegnere ad essere estasiato a vedere la vostra abilità manuale.»
«Certo, ma per le donne patragane è normale. Quel che non è normale è vedere maschi così abili.»
Archer scosse leggermente la testa: «Qualche volta anche noi falliamo.»
«“Qualche volta” è ben diverso da “sempre”.» Matigana sospirò. «L’archivista ha mandato su Patranigo sperando che combinasse un disastro che vi bloccasse qui. E così è stato. Ci dispiace così tanto…. Abbiamo già preso provvedimenti a riguardo.»
«Perché ci voleva bloccati qui?» chiese Archer. «Avrete avuto altre visite di maschi alieni.»
Matigana gli sorrise. «Ma voi siete i più affascinanti, capitano.»
Archer rise leggermente. «Ma non abbiamo le macchie. E abbiamo il sangue rosso, non verde.»
«Trova che la macchie siano belle?» chiese Matigana avvicinandosi a lui.
«Molto sexy.» replicò Archer, sorridendole. Le prese una mano, guardando le macchine azzurrognole che aveva sul dorso. La pelle era liscia e morbida. «Fin dove arrivano?»
«Fino in fondo.» disse lei, ricambiando il sorriso.

«Non è stato regolare.»
Era la voce di Trip.
«Sì che lo è stato.»
«Assolutamente no. Avete giocato sporco.» Trip rise. «Comunque non fa niente. Ti va un gelato?»
«Sì, ok.»
Trip apparve sulla soglia della sala insieme a Surek. Guardò le due donne sul divano: T’Mir e T’Pol erano abbracciate strette.
«Che cosa è successo?» chiese Trip. «T’Mir…. io non credevo di vederti qui.» Già, doveva essere a casa sua, con Malcolm, o al Comando della Flotta, per fare i preparativi per la partenza per la prossima missione.
T’Mir gli sorrise, restando abbracciata a sua madre. «Ciao, papi.» disse solamente.
«Che c’è?» Trip avanzò e andò a sedersi sul tavolino ti fronte alle due donne. «Non stai bene?»
Surek, sulla soglia, si dileguò in cucina.
«No, sto bene.» rispose lei.
«Allora che c’è?»
T’Mir sorrise: «Sono incinta, papi.»
Trip rispose in automatico al sorriso, ma poi tornò subito serio. «È di Malcolm?»
«Ovviamente….» disse lei, stupita. «È mio marito….»
«Io lo uccido….» esclamò Trip alzandosi in piedi. «Adesso vado ad ammazzare Reed.»
Fece due passi verso la porta, ma fu fermato da T’Pol: «Trip, piantala.»
Tucker si fermò e guardò le sue donne sul divano. Ma come si era permesso Malcolm? Lei era sua figlia…. la sua bambina…. la piccola T’Mir…. e lui l’aveva….
«Papi, smettila.» ribatté lei come se gli avesse letto nel pensiero.
Sì, avrebbe ammazzato Malcolm….. ma solo nella sua mente. S’impose di calmarsi e tornò a sedersi accanto a T’Mir. «Ora stai bene?»
Lei annuì. Sciolse l’abbraccio con T’Pol e andò ad abbracciare il padre. «Volevo dirvelo tutti insieme, ma m’aih l’ha capito prima ancora che potessi dire una sola parola.»
Trip le sorrise e la baciò sulla fronte. «Se tu sei contenta, lo sono anch’io.» le disse. –Anche se ammazzerò Malcolm.–
T’Pol si alzò in piedi. «Vado a prendere il gelato per tutti.» Andò in cucina, dove Surek, seduto al tavolo, stava giocherellando con un PADD.
«Ciao m’aih.» disse, quasi sottovoce.
«Hai sentito tutto?»
«Non avevo intenzione di origliare, ma sai come sono le nostre orecchie.» Surek le offrì un leggero sorriso. «A parte la minaccia di morte a Malcolm, mi sembra che sia una buona notizia. Era molto tempo che cercavano di avere un bambino.»
La Vulcaniana annuì e mise una mano sulla spalla di Surek: «È una femmina.»
«Una femmina chi?»
T’Pol sbatté leggermente le palpebre e si ritrovò a pochi centimetri da Trip. «La figlia di T’Mir, è una femmina.»
Trip, steso accanto a lei, le sorrise e le tirò le coperte sulle spalle. «Intendi T’Les?»
Lei annuì, poi aprì gli occhi del tutto. «Io….?»
«Sì, stavi sognando.»
T’Pol riguardò in giro: «Siamo in infermeria? Che cosa è successo?»
«Hai preso un virus patragano. Phlox ha sintetizzato l’antivirus che ci hanno dato i Patragani modificandolo per te. Ma la sua azione è piuttosto lenta.»
Lei annuì leggermente. «Ho freddo.»
Trip la baciò sulla tempia. «Vado a prenderti un’altra coperta.» Quando tornò, T’Pol era si nuovo addormentata. Restò qualche minuto ancora con lei, poi andò da Phlox: «Novità?» chiese.
«Credo di essere sulla buona strada…. Ho già avvertito il Centro di Ricerca patragano.» Gli sorrise. «Lei però dovrebbe dormire ancora un po’.»
L’ingegnere annuì. «Mi prendo il letto di fianco a quello di T’Pol, doc.»
«Si accomodi.» rispose il medico, mentre riprendeva il suo lavoro.

Quando riaprì gli occhi, Matigana era in piedi accanto al letto, con tricorder medico in mano. «Hai dormito bene?»
Lui le sorrise. «Sì, grazie.» Si tirò a sedere, ma fece fatica. «Quanto tempo è passato?»
«Quattro ore.» La Patragana gli sorrise leggermente, quindi si sedette sul bordo del letto. «Ti s’è alzata la febbre. Hai dolori?»
«Sì, dolori muscolari.»
«È la febbre zidobriana.» disse Matigana. Gli sorrise. «Ma c’è una buona notizia.»
Archer ricambiò il sorriso: «Hai trovato qualcosa?»
«No, non io. Il tuo medico, Phlox. Mi ha comunicato che potrebbe essere vicino a una cura.» Gli mise una mano sul viso. «Se davvero fosse così, avrebbe sconfitto la più grande piaga del mio popolo.» Si spostò in avanti e lo baciò.
«Siete molto avanzati, perché non l’avete sconfitta prima?»
«La stavamo studiando, qui al Centro di Ricerca. Un secolo fa la malattia divenne latente. Da allora la studiamo solo per capire il suo funzionamento, non era mai successo che venisse liberata.» Matigana sospirò. «Se il dottor Phlox troverà la cura, tu dovrai tornare sulla sua nave, vero?»
Archer annuì. «Dobbiamo analizzare la zona di Berengaria e stiamo rimandando da parecchio tempo.»
«Però mi dispiace.» disse lei. «Mi saresti piaciuto molto come marito. E non solo a me.»
Jonathan rise. «C’è da dire che siete molto pratiche.»
«Incoraggiamo i nostri maschi ad intraprendere carriere teoriche, o artistiche. Questo riduce i danni che possono provocare. Alle donne rimangono i lavori pratici.»
Archer poté notare malinconia negli occhi della dottoressa. Sapevano che non poteva durare più che poche ore: se avessero trovato una cura, lui sarebbe tornato a bordo. Se la ricerca fosse stata vana…. sarebbero morti dopo pochi giorni.
«Sei il tipo da una donna in ogni spazioporto?» gli chiese Matigana.
Archer rise: «No.»
«Be’, nemmeno io sono da un uomo in ogni lettiga.» La Patragana gli sorrise. «Volevo solo che tu lo sapessi.»
Lui annuì. «Se non….» La sua frase fu interrotta dal cicalio del suo comunicatore.
«Phlox a capitano Archer.» La voce del medico tradiva felicità e anche orgoglio, che furono confermati dalle sue parole: «La cura è pronta.»
Matigana sorrise a Jonathan: «Umani e Denobulani saranno sempre i benvenuti su Patraga. Anche se temo che voi non potrete dire di venire volentieri qui.»
«No, ti sbagli.» disse lui. Le mise una mano sulla spalla. «Ricordati che è grazie al capitano Patramileto che ho salvato il mio capo ingegnere. Voi siete delle persone ospitali, gentili e disponibili.»
«Con maschi casinisti e imbranati.»
«E con femmine deliziose.»

Il portello stagno si aprì e l’aria familiare dell’Enterprise lo avvolse. Era piacevole tornare a casa.
Vide subito Trip, in piedi vicino alla porta, con diversi altri membri dell’equipaggio. Stava per salutarli, quando si ritrovò investito – piacevolmente – da un abbraccio.
«Capitano!» Era Hoshi. «Sta bene?»
«Sì.» Archer sorrise e ricambiò brevemente l’abbraccio. «Sto bene, Hoshi.» Salutò gli altri.
«Bentornato.» disse Reed. «La nave è pronta per lasciare l’orbita.»
Archer annuì. «Benissimo. Ai vostri posti, pronti a partire. Berengaria ci aspetta. Anche da troppo tempo.»
Sorridendo, gli uomini e le donne dell’equipaggio si dileguarono velocemente.
«Trip.» chiamò Archer, fermando il suo capo ingegnere. Attese qualche istante in modo che tutti gli altri fossero fuori portata d’orecchio e chiese: «T’Pol come sta?»
«Phlox dice che è fuori pericolo, ma la cura procede molto lentamente.»
«Prepara i motori. Siamo in ritardo di almeno un anno. Partiremo in breve, se Phlox dà l’ok.»
Tucker annuì e lasciò il capitano per scendere in sala macchine.
Archer andò in infermeria, dove Phlox lo aspettava. Il medico lo salutò con la sua solita allegria e lo invitò a sedersi sul letto biomedico. Il capitano lanciò uno sguardo alla tenda bianca tirata sul fondo dell’infermeria, quindi si sedette.
Phlox fece passare velocemente un tricorder accanto a Jonathan. «Direi che va tutto bene.»
«Non si fida delle analisi di Matigana?»
«“Matigana”?» chiese il Denobulano, sorridendogli.
Archer si schiarì la voce: «La dottoressa Matigana. Dopo aver passato due giorni in isolamento con una persona, si finisce per essere abbastanza…. amici.» Il capitano si girò verso la tenda bianca. «Come sta T’Pol?»
«Si riprenderà.» disse Phlox. «Riguardo a lei, confermo la diagnosi della dottoressa Matigana, il virus è del tutto scomparso e lei ha solo bisogno di bere tanta acqua, di un buon pasto e risposo.»
«Posso parlare a T’Pol?»
«Non so se è sveglia.» rispose il medico. «È una faccenda urgente?»
«No.» Archer scese dal lettino e andò ad aprire leggermente la tenda per vedere se poteva entrare.
T’Pol, rintanata sotto almeno tre coperte dell’infermeria, si girò verso di lui. «Capitano.» disse. «Chiedo scusa se non mi alzo. Non ne ho le forze.»
«Stia tranquilla.»
«Il dottor Phlox dice che mi rimetterò tra qualche giorno. C’è bisogno di me sul ponte di comando?»
«No, no.» Archer le sorrise. «Per qualche giorno, ma solo per pochi, possiamo cavarcela. Ora cerchi di riposare e riprendersi.»
«Capitano….»
«Sì.» La interruppe. «Ho già detto a Trip di portarle il PADD a connessione veloce con i dati che ci hanno fornito le Patragane.»
«Grazie.» T’Pol si tirò le coperte fino al collo.
«Ora riposi. Buona notte.»
«Buona notte, capitano.» rispose lei. «Grazie di tutto.»

Trip finì d’infilare i piatti nella lavastoviglie. T’Pol piegò la tovaglia e la infilò al suo posto nel cassetto. Era tardi, dopo aver mangiato erano stati a tavola a parlare per quasi due ore e il tempo era volato.
Il discorso era partito dal nervosismo di Trip verso Malcolm.
T’Mir era incinta, a bordo dell’Intrepid, il padre era Malcolm e nonostante fossero regolarmente sposati (a differenza di Trip e T’Pol), Tucker aveva decisamente i nervi a fiori di pelle a riguardo.
Secondo T’Pol, lui semplicemente non riusciva ad accettare il fatto che T’Mir fosse cresciuta abbastanza da fare sesso.
D’altra parte era stata la stessa cosa con la T’Mir dell’altro universo.
Avevano poi parlato di Izar, che invece sembrava già abbastanza grande da poter fare di tutto, ma ancora troppo piccola per poterlo fare seriamente. In quel momento era a Roma, a studiare arte, l’unica cosa in cui sembrava porre abbastanza passione e serietà per poterci costruire una vita.
Stavano per uscire dalla cucina, quando sentirono la porta d’ingresso aprirsi.
Surek entrò e li salutò quasi sottovoce. «Vi spiace se sto qui, stanotte?»
Trip scosse la testa. «No, figurati. Questa è anche casa tua.»
«Che cosa c’è?» gli chiese T’Pol.
«Niente. Sono un po’…. stanco. Vado a letto. Buona notte.» Così dicendo si defilò e andò in camera di T’Mir.
«C’è qualcosa che non va.» disse Trip.
T’Pol annuì. «Vai a dormire, ci penso io.»
«Ma….»
La Vulcaniana lo bloccò subito: «No, sei troppo agitato per la gravidanza di T’Mir. Vai a dormire, ci penso io.»
Tucker non poteva darle torto.
T’Pol entrò nella stanza di Surek e lo trovò steso prono sul letto, ancora in divisa, con il piumone tirato a qualche modo sulle spalle. «Surek?»
«Mhm?» fece lui.
«Che cosa c’è?»
«Niente.» rispose il ragazzo.
T’Pol si avvicinò al letto. «Il vizio di tenere le scarpe a letto l’hai ereditato da tuo padre.»
Surek mugolò qualcosa di incomprensibile nel cuscino, quindi girò il volto appena per dire: «Prometto che domani cambio io le lenzuola.»
La Vulcaniana scosse la testa. Iniziò a sfilargli uno stivale.
«Lascia stare, m’aih.»
T’Pol gli sfilò anche l’altro stivale: «Che cos’è successo?»
Surek scosse la testa.
T’Pol si sedette accanto a lui sul letto e gli mise una mano in mezzo schiena. «Surek. Togliti l’uniforme, ora.» Gli massaggiò lentamente la schiena. «Dimmi che cos’è successo. Hai litigato con Sofik?»
«No….» sussurrò lui. Si mise a sedere. «No, non abbiamo litigato.»
T’Pol gli mise un braccio intorno alle spalle. «E allora? Cosa c’è?»
«Sofik mi ha lasciato.» disse alla fine il ragazzo.
Lei gli strinse leggermente un braccio. Sofik era una Vulcaniana, non era stata promessa sposa perché i suoi genitori avevano deciso di lasciarla libera di scegliere il suo compagno. E, fino a quella sera, aveva scelto Surek.
«Che cos’è successo? Avete avuto una discussione?»
Surek scosse la testa. «No. Mi ha detto che ha parlato coi suoi. Che non se la sente di vivere tutta la vita con un mezzo umano. Che non vuole rischiare di non poter aver figli e che non può sopportare le mie emozioni.»
T’Pol non disse nulla, lo lasciò parlare, gli permise di buttar fuori tutta la sua amarezza. Lo tenne stretto a sé finché Surek, sfinito, non si addormentò.
Gli rimboccò le coperte e lo lasciò dormire.
Andò in camera, dove Trip la stava aspettando sveglio. «L’ho sempre detto che Sofik era una stronza.» disse.
T’Pol gli lanciò uno sguardo addolorato. «Lo so.» rispose lei. Quella ragazza aveva ferito anche loro. «Ma non volevo crederlo.» Si sdraiò accanto a lui, appoggiandosi alla sua spalla, e iniziò a piangere in silenzio.
«T’Pol….» La voce di Trip era solo un sussurro. «T’Pol, che c’è?»
Sentì la sua mano sulla guancia e aprì gli occhi. «Trip?» chiese, assonnata.
«Stavi piangendo nel sonno. Stavi facendo un brutto sogno?»
Lei chiuse gli occhi e si strinse sotto le coperte. «Ho freddo.» disse, cambiando discorso.
Trip si alzò dal letto: «Vado a prenderti un’altra coperta.»
T’Pol annuì leggermente e chiuse gli occhi, sentendo i passi di Trip attraverso l’infermeria dell’Enterprise.
Perché in quell’universo le cose erano andate così diversamente? Perché non avevano messo al mondo T’Mir? Né Izar, né Surek….
Forse, a un certo punto, aveva preso una svolta che l’aveva portata a quel punto.
Non riusciva a capire dove aveva sbagliato.
Si chiese se non avrebbero potuto prendere un’altra svolta, per riuscire ad aggiustare le cose.
Mentre si addormentava, di nuovo in preda alla febbre, con un desidero poco vulcaniano, sperò che un giorno o l’altro, una piccola T’Mir sarebbe stata presente anche in questa sua vita.
Un detto terrestre echeggiò nella sua mente ormai annebbiata dal sonno….
“Attenta a ciò che desideri. Potresti ottenerlo.”

«Hoshi?»
La giovane annuì. «Approssimativamente 943 XB di dati, capitano.»
«Bene. Inizi a inviarli al Comando di Flotta.» Archer sorrise. «Non è stato facile arrivare in questo sistema, ma alla fine ce l’abbiamo fatta.»
«L’ammiraglio Gardner sarà contento.» commentò Reed.
Archer si girò verso la postazione scientifica: «T’Pol….» Vide Fisher. Il marinaio gli offrì un leggero sorriso. «Marinaio Fisher,» si corresse. «inizi l’analisi partendo dai dati che abbiamo raccolto direttamente sulla superficie.»
Il pianeta Beregaria IV non rientrava nella classe Minshara. Erano stati per poco tempo sulla superficie con tute ambientali, ci sarebbe voluto un bel po’ di lavoro di terraforming per poterlo abitare. Ciononostante, c’erano abbastanza materie prime per poter costruire agevolmente una stazione spaziale.
Archer si rivolse a Travis: «Bene, timoniere. Possiamo allontanarci. Rotta verso 47 Ursae Maioris.»
«Sissignore.» disse allegramente il giovane che non aveva potuto pilotare molto negli ultimi giorni, dato che l’Enterprise era rimasta in orbita standard.
Lasciando il pianeta e il suo sole giallo, così simile al Sole della Terra, Archer sorrise tra sé: questa missione era andata davvero bene, non c’erano stati intoppi. Gli dispiaceva un po’ che T’Pol non fosse stata presente, ma era ancora bloccata in infermeria dalla febbre strichiana.
Tanto sarebbe stato lento il decorso della malattia, tanta era lenta la guarigione.
–Ti rifarai, T’Pol.– pensò. –Quando guarirai, ti porterò su un bel pianeta.–

C’era qualcosa che disturbava il suo sonno.
E non si trattava del peso sulla schiena, no, a quello si era ormai abituato.
«Porthos….» mugugnò nel cuscino, muovendosi un po’ perché il cane gli permettesse di girarsi sul fianco.
Porthos rotolò via e andò a sdraiarsi a qualche centimetro da lui.
«Guardiamarina Baird a Capitano Archer.»
Jonathan allungò la mano alla cieca, nel buio, per premere il pulsante di comunicazione. «Qui Archer.» disse, la sua voce tradiva espressamente il fatto che si fosse appena svegliato. D’altra parte se Baird era sul ponte doveva essere piena notte.
«Signore, abbiamo ricevuto un segnale, ma è molto debole e non riusciamo a decifrarlo.»
Archer soppresse un sospiro: era proprio Baird il linguista del turno gamma, doveva essere lui a decifrarlo. Accese la luce e si mise a sedere. «Il segnale è in avvicinamento?»
«Sì, signore.»
«Navi in vista?»
«No. Non ne rileviamo. Ecco, capitano…. il segnale si sta ripetendo.»
Jonathan si alzò in piedi. «Chiami Sato. Modificate la rotta. Sto arrivando in plancia. Archer chiudo.»

Quando Archer arrivò sul ponte, Hoshi era già al lavoro sul segnale.
«Scoperto qualcosa?»
«Ho pochissime frasi su cui lavorare.» disse la linguista. «Il fatto che si ripeta può indicare un segnale di soccorso.» Le sue mani volavano sopra la consolle, facendo qualche breve pausa durante le quali Hoshi ascoltava attentamente i suoni all’auricolare.
Sul ponte, tutti stavano trattenendo il fiato. Solo Sato avrebbe potuto decifrare un messaggio del genere.
Hoshi si fermò. Si tolse l’auricolare e, tirandosi dietro l’orecchio un ciuffo di capelli che le era uscito dalla coda, passò l’audio sugli altoparlanti.
«Chiamata di soccorso. Chiediamo aiuto. Motori in avaria. Capo ingegnere ferito. Forniture mediche finite. Chiamata di soccorso….» Il messaggio, quindi, si ripeteva uguale.
«La nave è in vista?» chiese Archer.
«Non ancora.» disse Fuller, seduta alla stazione scientifica.
«Avviciniamoci.» ordinò il capitano al timoniere. «Curvatura 4,2.»

Una nave affusolata, piatta, color argento, fluttuava al minimo dell’energia di fronte al cielo stellato.
Era piccola, sarebbe entrata nell’hangar di lancio dell’Enterprise, se avesse avuto i portelli più larghi.
«Hoshi, invii il segnale di saluto.»
«Sissignore.» rispose la giovane.
Attesero pochi secondi, quindi Hoshi guardò Archer e annuì. «Stanno rispondendo.» Digitò velocemente sulla consolle, poi disse: «La matrice di traduzione si è agganciata.»
«Abbiamo il video?»
«Sì.»
Sullo schermo apparve il volto di un essere umanoide, ma la trasmissione era molto disturbata.
«Qui è il capitano Archer, dell’astronave terrestre Enterprise. Abbiamo ricevuto la vostra richiesta di soccorso.»
«Capitano Shedar, della nave stellare Elnath.» rispose una voce aliena, all’apparenza femminile. «Grazie per essere venuti.»
«Come possiamo esservi utili?» chiese Jonathan, facendo un passo avanti.
«La nostra nave è in grave avaria, i motori sono andati in sovrafusione e abbiamo finito le scorte mediche. Potete darci una mano?»
Archer annuì. «Certo, attraccate al nostro portello laterale.»
«È una manovra che non ci è possibile.» disse il capitano Shedar. «Il nostri due portelli di attracco si sono fusi quando è andato in avaria il motore.»
«Possiamo tentare di aprirli dall’esterno.» disse Archer.
«No, è troppo pericoloso. I due portelli ventrali della vostra nave danno accesso allo stesso hangar?»
Archer annuì: «Sì. Che cosa ha in mente?»
«Una riconfigurazione della mia nave.» spiegò lei. «Posso tentare di utilizzare i motori idraulici per farla avvolgere su sé stessa. In questo modo dovrebbe entrare.» Shedar premette alcuni tasti sulla consolle. «Capitano Archer, chiudo momentaneamente le comunicazioni per effettuare la riconfigurazione. Shedar, chiudo.»
Sullo schermo apparve la vista della nave.
«Wow….» sussurrò Archer, quando vide la manovra in avvio: la Elnath, in effetti, si stava arrotolando su sé stessa. Sarebbero riusciti davvero a infilarla nell’hangar. Il capitano premette un pulsante: «Archer ad hangar navette. Aprire entrambi i portelli.»
La Elnath iniziò a muoversi lentamente, coi razzi di manovra, verso la sezione ventrale dell’Enterprise.
Archer chiamò Trip, Malcolm e Phlox, quindi si diresse verso l’hangar navette.
Il Denobulano, avendo bisogno di poco sonno, era già sveglio e Archer lo trovò già nella sala di controllo dell’hangar.
«Notizie dall’equipaggio?» chiese Archer, guardando la nave che entrava nell’hangar.
«Le scansioni evidenziano solo due segni vitali a bordo, capitano.»
«Due? Una nave che può avvolgersi in quel modo ha un equipaggio di soli due componenti?»
«Potrebbero esserci a bordo forme di vita che non rileviamo o parte dell’equipaggio può essere deceduto con lo scoppio del motore.»
Archer annuì. «Patogeni?»
«Nessuno.» Phlox gli sorrise.
La Elnath, entrata nell’hangar, era rimasta a circa mezzo metro dal pavimento e ora si stava svolgendo recuperando la sua forma iniziale. Si appoggiò con grazia quando i portelli vennero chiusi.
Mentre l’hangar veniva pressurizzato, Trip e Malcolm entrarono nella saletta di controllo.
«Vi siete persi lo spettacolo.» disse Archer. Aprì la porta e, insieme agli altri tre, scese per andare a sbloccare i portelli della Elnath.
Reed lo aprì velocemente con una pistola a fase. Tenendo l’arma nella mano abbassata, entrò nella nave, seguito dagli altri.
«Capitano Shedar.» chiamò Archer. «Stiamo entrando.»
La porta sul fondo della piccola stanza d’ingresso si aprì.
Sullo schermo non erano riusciti a vedere chiaramente Shedar.
Archer fu colpito dal suo aspetto. Era una giovane donna, la sua pelle era chiarissima. Aveva capelli neri, lisci e lunghi che ricadevano sopra le spalle. Indossava una divisa nera. Poteva sembrare una normale terrestre, se non fosse stato per gli occhi. Brillavano in modo particolare, e sembrava che vi fosse riflessa una galassia.
«Capitano Archer?» chiese lei, guardando Reed.
«No.»
Archer fece un passo avanti. «Sono io.»
Shedar rimase a fissarlo per qualche istante, poi disse: «Mi scusi, la ricezione video era praticamente nulla.»
Jonathan le sorrise leggermente, poi presentò gli uomini. «Abbiamo rilevato solo due segni vitali qui.»
«È una nave piccola.» disse Shedar. Si rivolse a Phlox: «Lei è il medico? Il mio capo ingegnere è ferito. Può venire?»
Il Denobulano annuì e le sorrise. «Certo.»
Seguirono Shedar sul retro della nave. Il capitano alieno aprì una porta sul fondo: «Myra, ce l’abbiamo fatta.»
«Bene.» disse una voce femminile. Archer entrò per primo nella piccola stanza, dove c’erano due letti affiancati. Su uno dei due, un’aliena, apparentemente della stessa razza di Shedar, era seduta. Aveva la pelle più scura, come fosse abbronzata, aveva i capelli più corti, pieni di boccoli neri.
«Salve, sono il Capitano Archer della nave terrestre Enterprise. Lui è il mio medico, Phlox.»
Myra sorrise ai due uomini.
«Ha una frattura alla gamba destra.» disse Shedar, rivolta a Phlox. «Abbiamo finito le forniture mediche.»
«La fasciatura è fatta a regola d’arte, però.» disse il Denobulano, mentre analizzava l’aliena con un tricorder.
«Shedar è un medico.» disse Myra.
«Dobbiamo portarla in infermeria.» disse Phlox. «Non conosco la loro specie, ma credo di poterla curare senza problemi.»
Shedar sfilò un PADD pentagonale da uno scomparto vicino al letto: «Qui ci sono informazioni anatomiche sulla nostra specie.» disse, porgendolo al Denobulano. «Se ci fosse bisogno, io posso supportarla.»
Archer si rivolse a Malcolm: «Aiuta Phlox. Io starò qui con Trip e il capitano Shedar per dare una prima occhiata ai sistemi della nave.»
Quando Reed aiutò Myra a sollevarsi notò che avrebbe potuto portarla agevolmente in braccio senza particolare fatica.
«Ci porta al motore?» chiese Archer.
Shedar annuì e accompagnò Jonathan e Trip verso il centro della navetta.
«Siete stati attaccati?»
«Non hanno fatto in tempo.» spiegò Shedar. «Myra ha sovraccaricato i motori e ci siamo allontanate a tutta velocità.»
«Chi erano?»
Shedar esitò un istante, poi disse: «Si chiamavano qualcosa come “Klingon”, credo. Li conoscete?»
«Sì.» disse Archer. «Abbiamo avuto occasione di incontrarli più di una volta.»
«Certo che una nave del genere ingolosirebbe chiunque.» disse Trip.
Shedar lo guardò: «Sta dicendo che se questa nave non fosse così rovinata, ci avreste sparato addosso anche voi per prendervela?»
«Assolutamente no.» rispose lui, un leggero sorriso sul suo volto. «Avremmo cercato di contattarvi per proporvi uno scambio di tecnologia.»
«Si può salvare qualcosa?»
«Devo studiarci un po’.» disse Trip. «Ma non sembra troppo complesso.»
«Myra è sempre riuscita a tenerlo insieme da sola, con qualche aiuto da parte mia.» spiegò.
Un interfono dall’hangar richiamò Archer, che lasciò Trip e Shedar ai motori e uscì per rispondere: «Qui Archer. Mi dica, Phlox.»
«Ho fatto alcune analisi sul comandante Myra. Soffre di una leggera malnutrizione, vorrei effettuare lo stesso esame su Shedar.»
«La accompagno da lei.» Archer rientrò nella navetta. «Capitano Shedar?»
La donna, che stava parlando del motore con Tucker, si girò verso di lui.
«Il dottor Phlox vorrebbe vederla.»
«Qualcosa che non va con Myra?»
«Malnutrizione.»
Shedar sospirò. «Sì, in effetti i nostri replicatori sono guasti da diversi giorni.» Si alzò in piedi.
«Se non le spiace rimango qui a studiare un po’ questo motore.» disse Trip.
Lei gli sorrise. «Grazie.» Uscì dalla navetta con Archer. «Myra starà bene?»
«Phlox è un medico molto bravo.» disse lui. «Possiamo modificare la rotta per darvi un passaggio. Questa è la nave più veloce della Flotta Astrale.»
«A che velocità va?»
«Curvatura 5.»
«Un bolide.» disse Shedar.
«Dove eravate dirette?»
«Da nessuna parte e ovunque.» rispose lei. «Vaghiamo per la galassia.»
Archer aprì le porte dell’infermeria: «È un po’ strano.»
Shedar gli rivolse un sorriso che a Jonathan sembrò un po’ nervoso. «Come stai, Myra?»
«Bn….» fece lei, che stava mangiando. Deglutì, quindi disse: «Bene, il dottor Phlox mi sta curando la frattura e intanto mi ha dato da mangiare.» Indicò una scodella: «Frutta vera.»
Phlox si girò con tricorder verso Shedar: «Da quanto non mangiate un pasto decente?»
«Da troppo.» sorrise il capitano alieno.
«Allora prescrivo una buona colazione.»
«Nella mensa del capitano.» aggiunse Archer. «Dopo che vi sarete sistemate.»
Phlox prese un’altra scodella. «Intanto inizi con queste.»
Shedar gli sorrise. «Grazie.» Andò a sedersi accanto a Myra.
«Noi stiamo viaggiando verso 47 Ursae Maioris.»
«Va benissimo.» rispose Shedar. Sorrise ad Archer. «E grazie di tutto.»

«Myra.»
….
«Myra.»
….
«Myraaaa.»
….
«MYRA!»
Myra aprì gli occhi e fissò Shedar. «Dormivi già?»
«Sì, dormivo già.» replicò lei. «Che hai?»
«È ora di andare a colazione col capitano.» rispose Shedar.
Archer aveva assegnato loro un alloggio piccolo ma confortevole, di certo più grande della loro stanza sulla Elnath.
Dopo essersi lavata, mentre Shedar si godeva il suo turno in bagno, Myra si era stesa sul letto e si era addormentata. Si tirò a sedere senza molta voglia. «Va bene, vengo.» Si tirò in piedi. La gamba, ormai, non le faceva più male.
«Non dirmi che non hai fame.»
«Phlox mi ha dato un sacco di frutta!» Myra sorrise. «Che ne pensi di questa nave? È gente affidabile?»
«Sembrano tutti buoni. Sia gli umani, sia il denobulano.»
«Sembrano sempre così.» replicò Myra.
«No.» replicò Shedar. «I Klingon si sono dimostrati subito aggressivi.»
«Per lo meno non sono ipocriti.»
«Non credo che questi Umani siano cattivi.»
«Spero che tu abbia ragione.» Myra premette il pulsante per aprire la porta. «Intanto tu guardati in giro.»
Shedar fermò Myra sulla porta: «Cerchiamo di non farci scoprire.»
Myra annuì. «D’accordo.»

Archer le aveva fatte accomodare al tavolo nella sua mensa. Aveva fatto preparare per loro diverse specialità terrestri che sia Shedar sia Myra avevano provato.
«Da che pianeta venite?» chiese Archer.
Myra, appena sentì la domanda, prese una cucchiaiata di budino alla vaniglia.
«Be’, non credo che lo conosca.» disse Shedar.
Jonathan le sorrise: «Proviamo.»
«No, davvero è un posticino ai confini con lo spazio cardassiano…. un’inutilità galattica.»
«In effetti non conosco lo spazio…. cardassiano.» ribatté Archer.
«È un po’ più in là.» disse Myra, indicando fuori dall’oblò.
Il capitano lanciò uno sguardo dove la donna aveva indicato e notò la stella Regolo.
«No, veramente è di là.» Shedar indicò in un’altra direzione.
«Be’, quel che è.» Myra scrollò le spalle.
Shedar le lanciò un’occhiata.
«Qualcosa non va?» chiese Archer.
Myra abbassò lo sguardo su una fetta di torta alle fragole.
«No, niente.» rispose Shedar.
«Non ho senso dell’orientamento.» rispose Myra.
«Una cosa un po’ strana per un’esploratrice.»
Myra gli sorrise garbatamente: «È per questo che giro sempre con Shedar.»
«Siamo una buona squadra.» replicò lei.
«Avete tutti gli elementi che servono per mandare avanti una nave.» Archer sorrise al capitano della Elnath.
Shedar rispose al sorriso.

Myra abbassò il PADD e guardò la compagna di viaggio, stesa sul letto parallelo al suo, che fissava un PADD senza vederlo.
«Dove andiamo, quando la Elnath sarà riparata?» le chiese.
Shedar non rispose.
«Che ne pensi di andare verso il Sagittario?»
«Mhm….» rispose il capitano.
«O verso Sham…. Alfa Sagittae.»
«Va bene….»
Myra si tirò in piedi di scatto, facendo trasalire Shedar, come se si fosse svegliata in quel momento da uno stato di trance.
«Ti piace davvero!» esclamò Myra.
«Chi?»
«Chi?! E me lo chiedi anche?!»
«Ah, ehm, e….» balbettò Shedar. «Ma…. ma di che cosa parli?»
Myra le lanciò un sorrisetto e mosse leggermente il PADD. «Qual è l’arma che ha in mano Orione?»
«Un arco. Cosa c’entra?»
«Anche una clava.» Myra rise.
Shedar si morse la lingua. «Caspita, non ti si può nascondere nulla!»
«Sei innamorata cotta del capitano Archer!»
«Falla finita!»
Myra incrociò le braccia, restando a fissarla.
«Non è così!» esclamò Shedar, senza guardare la compagna di viaggio. «Io non ho nessun inte….» Si bloccò. «Ma non hai visto quanto è affascinante?!»
«No, non l’ho visto.» replicò lei. Si alzò in piedi, camminando lentamente per controllare che la gamba non le facesse male. «Senti, Shedar, la Elnath è in avaria. Non so nemmeno se questa volta riusciremo a sistemarla. Fermiamoci.»
«Qui?»
«Qui, mi sembra una bella nave. Phlox mi ha detto che è l’unico medico a bordo, un aiuto in più potrebbe servirgli. E io posso andare a lavorare in sala macchine. Un pulitore di iniettori in più fa sempre comodo.»
«Lo sai che non possiamo!» esclamò Shedar.
«Non possiamo nemmeno vagare per sempre.» Myra tornò a sedersi.
«Non sappiamo ancora molto di questi umani. Potrebbero non essere così amichevoli e affidabili come sembrano ora.»
Myra annuì. «Lo so.»
Shedar si alzò in piedi e andò ad appoggiare il suo PADD sulla scrivania. «Si riveleranno come tutti gli altri, quando scopriranno….»
«E noi non lasceremo che lo scoprano.»
Il capitano sospirò e si girò per appoggiarsi alla scrivania. «È troppo difficile.»
«Rinunceresti ad Archer, allora?»
«Ma se lo conosco da meno di dodici ore!» esclamò Shedar.
«“Colpo di fulmine”, hai presente?»
Shedar sospirò. «Piantala. E poi lo sai benissimo qual è il punto. Poi tu? Qui, sola?»
Myra scosse la testa. «Io non ho avuto un colpo di fulmine.»
Il capitano le sorrise. «Che ne dici del capo ingegnere? Sareste colleghi.»
«Ha una bella voce. Ma…. insomma, sembra un bacchettone.»
«Non stiamo parlando della stessa persona.» replicò lei. «Intendo quello alto, con gli occhi azzurri.»
«Ah, allora ho capito chi intendi. Non so, il mio traduttore universale non traduceva alcune delle parole che diceva.»
«Non ti sembra carino?»
Myra alzò gli occhi al cielo.
«Facci due parole!» esclamò il capitano.
«No.» rispose Myra.
«Allora dovremo sistemare la Elnath e ripartire.»
«Non sarà così immediato.» disse Myra. «I danni sono estesi, se fossimo in una stazione di riparazione ci vorrebbe almeno un mese.»
«Quanto siamo distanti dalla più vicina stazione?» chiese il capitano.
«Tre settimane, ma è la stazione Jupiter, nel Sistema Solare della Terra. Saremmo troppo vicine a un pianeta altamente abitato.»
Shedar scosse la testa. «Non è fattibile.»
Myra si alzò in piedi e andò vicino al suo capitano: «In ogni caso, Shedar, è necessario che trovi qualcosa. Il cibo della mensa di Archer non ci sosterrà ancora a lungo. Abbiamo bisogno di altro.»
La donna si scostò di colpo. «Lo so.» disse, sottovoce. «Lo so, Myra, ma non possiamo rischiare.»
«Stiamo già rischiando.»
Shedar sospirò. «Vedrò quello che posso fare. Ma non voglio che ci esponiamo. Non possiamo permettercelo.»

Quando Myra entrò nella sua nave, trovò una squadra di riparazioni dell’Enterprise alle prese con la paratia superiore della sala macchine.
Solo il capo ingegnere, l’uomo che era arrivato assieme al capitano e all’ufficiale tattico appena erano arrivate nell’hangar dell’Enterprise, stava guardando il motore.
Myra si fermò all’ingresso della sala macchine.
Trip, sentendo i passi, si girò verso di lei. «Questo motore è affascinante.» disse.
«Ho visto che i suoi uomini stanno sistemando la paratia dorsale.»
«Ha fatto un bel botto, per aprirla in due.»
Myra annuì, stando a debita distanza da Tucker. «Massima curvatura 2,5.» spiegò lei. «Con la sovrafusione del motore arriviamo a 3,2. Ma il rischio è quello.»
«Temo che non abbiamo i pezzi di ricambio per ripararlo. Se ho ben capito, il plasma viene spinto attraverso gli iniettori in orizzontale, quindi si espande in questa camera di decompressione.»
L’aliena incrociò le braccia. «Come lo sa?»
Trip le sorrise: «Diciamo che ho una certa affinità coi motori. Questo sembra funzionare a compressione orizzontale.»
«Compressione biassiale orizzontale a bolle discontinue.» precisò lei.
«Decelerare dev’essere un supplizio.»
Myra annuì.
Trip guardò la donna, ferma sulla soglia. «Ci vorrà un bel po’ per ripararlo, sempre che troviamo le parti adatte.» Si alzò in piedi. «Forse converrebbe costruirne uno da capo.»
«Forse.» replicò lei.
Tucker le lanciò uno sguardo: «Qualcosa non va?»
Lei scosse la testa. «No.» Fece qualche passo indeciso avanti. «Devo….» Indicò un portello laterale. «….devo controllare le schede del processore per le routine subspaziali.»
Trip si scostò di poco, per permetterle di operare nel portello, ma per poter continuare a vedere l’interno. «Ne avete due?»
«Due per lato.» spiegò lei.
«Quattro schede di controllo delle routine? È un sistema molto ridondante.»
Myra annuì. «Non abbiamo basi d’appoggio, dobbiamo avere un motore che riesca a supportarsi il più possibile da solo.» Avrebbe voluto che l’ingegnere sparisse. –Vai via….– pensò nella sua mente. –Vattene….–
«Però alla fine vi siete dovute fermare. Da quanti anni siete in giro?»
«Quindici.» replicò lei, velocemente.
Trip era stupito. «Quindici anni? E mai un guasto?»
«Mai nessun guasto a cui non siamo riuscite a porre rimedio da sole o con pochi aiuti.» Sospirò leggermente.
«Quella scheda sembra bloccata.» disse Tucker. Si avvicinò velocemente al portello e infilò una mano nell’apertura per aiutare Myra a toglierla. Così facendo, toccò involontariamente la mano di lei. Una scintilla partì tra le loro mani, come una normale scarica di energia elettrostatica.
Myra urlò e si ritrasse di scatto.
«Mi scusi.» disse Trip, sorridendole. Tolse la scheda e gliela porse. «Era un po’ incastrata.»
Myra fece un passo indietro. «Non mi tocchi.» disse.
Tucker le lanciò uno sguardo interrogativo: «No, mi scusi, io non volevo passarle la scossa….»
«Lei… lei non mi ha capito. Esca di qui.»
Trip appoggiò la scheda su una consolle. «Sto cercando di aiutarla.» Le offrì un sorriso sincero. Non aveva mai visto una reazione così spropositata per una scossa di energia elettrostatica. Forse la sua razza era influenzata dall’elettricità più degli Umani…. e dei Vulcaniani.
Myra si girò di scatto e corse fuori dalla Elnath. Premette il primo interfono che trovò nei paraggi. «Myra a capitano Archer….»

Tucker entrò nell’ufficio del capitano. Archer era in piedi e guardava fuori dall’oblò.
Cattivo segno.
«Mi hai chiamato?»
Jonathan sospirò e si girò. «Ho ricevuto una chiamata dal comandante Myra. Mi ha chiesto di allontanarti dalla sua nave.» Lo fissò. «Che cos’è successo?»
Trip sospirò e incrociò le braccia. «Le ho passato involontariamente una scossa di energia elettrostatica.»
«Forse per loro è qualcosa di insostenibile.»
«Ho cercato di scusarmi. Non mi ha nemmeno voluto ascoltare.»
Archer annuì. «Sono aliene un po’ strane, se ne stanno molto sulle loro. Tutte le volte che cerco di parlare del loro mondo natale divagano, ne sminuiscono l’importanza. Non ho ancora capito di preciso dove si trova.» Incrociò le braccia: «Per evitare altri incidenti, stai lontano dalla loro nave e possibilmente anche da loro.»
Tucker sospirò. «D’accordo.»
Jonathan sapeva che al suo capo ingegnere sarebbe dispiaciuto molto. Amava studiare motori alieni e aiutare a ripararli. «Hai scoperto qualcosa lavorando sulla Elnath?»
«Ha una configurazione un po’ strana, ma niente di completamente fuori dalla norma.» Trip scosse la testa: «Credi che ci stiano nascondendo qualcosa?»
«Di questo ne sono praticamente certo.»
Il campanello dell’ufficio suonò. Trip si scostò dalla porta, lasciando spazio.
All’avanti di Archer, la porta si aprì ed entrambi gli uomini furono stupiti di vedere entrare Myra.
«Vi disturbo?» disse, la sua voce era sottile, quasi impercettibile.
«Stavo giusto per andarmene.» disse Trip. Le fece cenno verso la porta, ma Myra non si scostò.
«Io….» Sembrava nettamente imbarazzata. «Volevo scusarmi.»
«Credo che sia stato solo un fraintendimento da entrambe le parti.» Le sorrise Archer.
«No, colpa mia. Ho iperreagito.» replicò lei, poi guardò Tucker. «Le porgo le mie scuse.»
«Nessun problema.» sorrise Trip.
«Spero di non averle fatto passare un grosso guaio con il suo capitano.»
Jonathan sorrise. «Stia tranquilla. Non avevo ancora iniziato a ribaltarlo.»
Myra prese un profondo respiro. «Le scosse elettrostatiche a volte scatenano sensazioni molto forti.» spiegò. «Mi rendono un po’…. emotiva.»
«Stia tranquilla.» disse Archer.
«Vi lascio in pace.» disse lei. Si rivolse a Trip: «E mi scusi per….»
Tucker scosse la testa. «Tranquilla.»
Myra si defilò velocemente.
Trip liberò un lungo sospiro e si lasciò cadere in una poltroncina. «Ok, probabilmente sono telepati per scossa.»
Archer rise. «La loro nave è conciata male?»
«Fosse per me l’abbandonerei nello spazio. È un rottame.»
E se lo diceva Trip….
Jonathan gli sorrise: «Allora applicati una messa a terra, perché avremo quelle aliene a bordo per un bel po’.»

Quando Shedar entrò nella camera, trovò Myra che camminava avanti e indietro. «Cos’hai?» le chiese.
«Sto andando in crisi di astinenza.»
«Lo so. Pure io.»
«Be’, allora è ora che ci mettiamo in ballo.» disse Myra.
«Che cos’hai? Generalmente riesci a controllarti anche più di me.» Shedar la fissò.
«Ho parlato col capo ingegnere.»
Il capitano si sedette sul suo letto: «Allora dovresti essere più calma, non più agitata.»
Myra si sedette davanti a lei: «Ho avuto un breve contatto fisico con lui. Mi sono agitata, ho perso il controllo.»
«Cosa gli hai detto?»
«Niente!» esclamò Myra. «Niente di compromettente. Ho già appianato la situazione. Gli ho fatto credere che il problema fosse in una scossa di energia elettrostatica.»
«E l’ha bevuta?»
Myra annuì. «Il problema è che…. ora non….» Sospirò. «Sto per impazzire…. se non facciamo qualcosa rischio di….»
«Tu non rischi di fare cazzate.» disse Shedar. «Te ne starai qui tranquilla e cercherai di rilassarti.»
Myra scosse la testa. «No, non posso.» disse. «Devo entrare ancora in contatto con lui.»
Shedar guardò il suo capo ingegnere – la sua amica. «Stai attenta. Non possiamo farci scoprire. O….» S’interruppe. «Lo sai quali sono i rischi.»
La donna si chinò in avanti. «Ne abbiamo bisogno. Lo sai.»
Shedar annuì e chiuse gli occhi. «Ti chiedo solo di fare attenzione.»

Tucker entrò nella sala macchine della Elnath. «Posso entrare?»
Myra alzò lo sguardo e gli sorrise. «Salve, comandante.» disse. «Prego, venga.»
«Ho dato un’occhiata a quei condensatori.» disse Trip. «Non credo che ci sia nulla da salvare.»
«Sì, lo temevo. Sono le prime cose che partono nella sovrafusione.» Gli sorrise. «Mi vorrei scusare ancora per come mi sono comportata prima.»
Trip le sorrise. «Stia tranquilla. Dimentichiamocene. Può capitare…. se eravate da quindici anni su quella nave, senza molti contatti…. questa situazione può essere molto diversa.»
Myra annuì. «È molto gentile, da parte sua, comandante Tucker.»
«Nessun problema.»
La donna indicò davanti a sé. «Mi dà una mano per vedere cosa possiamo recuperare da questo motore?»
Lavorarono per un’oretta, riuscendo a recuperare parte del motore.
«Ha fame?» chiese Trip.
Myra si alzò, aggrappandosi alla consolle. «No, non ho fame. Ma la gamba destra ha ripreso a farmi male.»
«Vuole che chieda a Phlox di scendere?»
«No, no.» Myra gli sorrise. «Credo che vi stia già disturbando abbastanza.» Fece un passo, poi cadde addosso a Tucker.
Trip la prese tra le braccia per non farla cadere a terra. «Ehi! Sta bene?»
«Mi perdoni! La gamba….» replicò lei, aggrappandosi alle sue spalle. «Mi fa molto male. Credo di averla sforzata troppo.» Scosse la testa, imbarazzata. «Che stupida, sono stata troppo tempo accovacciata.»
«È meglio che la porti da Phlox.»
«No, no!» esclamò Myra. «È troppo disturbo.»
Trip le sorrise. «Andiamo, l’accompagno.» Le fece passare un braccio intorno alle spalle. «Si appoggi a me.»
Myra cercò di fare un passo. «Temo di non riuscirci.»
Tucker la tirò verso di sé, per evitare che cadesse. «Be’, non è un grosso problema. È leggera: le va bene se la porto in braccio?»
«Lei è troppo gentile, comandante.»
Trip le sorrise e la sollevò facilmente tra le braccia. «Mi lascerà prendere qualche trucco dal suo motore, vero?»
Myra gli sorrise, mettendogli un braccio intorno alle spalle. «Tutto quello che vuole.»
Tucker entrò in infermeria con l’aliena in braccio e la fece sedere sul lettino biomedico.
«Grazie, è stato davvero molto gentile.»
«Di nulla.» Trip le sorrise. Si allontanò da lei, infilandosi dietro una rientranza dell’infermeria. «Doc?» chiese. «Ah, T’Pol, ciao!»
La Vulcaniana lo salutò di ritorno e si alzò in piedi. «Se abbiamo finito….» disse.
«Sì, può andare.»
«Come stai?» chiese Trip.
«Il dottor Phlox dice che domani potrò tornare al mio posto sul ponte.»
«Bene.» Trip indicò oltre la griglia di metallo forato che li divideva dal resto dell’infermeria. «Doc, di là c’è il comandante Myra con un dolore alla gamba.»
«Ho capito, levo le tende!» esclamò ridendo il medico, lasciando di due “amanti delle stelle” da soli – o quasi. Raggiunse il comandante alieno e le sorrise. «Ha sforzato la gamba?»
«Un po’.» disse Myra, guardando altrove.
«Vediamo subito.» Phlox estrasse un tricorder e iniziò a farlo passare vicino alla gamba destra dell’aliena. «Le ossa si stanno saldando bene, ormai le fratture sono impercettibili…. è strano che….» Si interruppe, guardando il tricorder. «Comandante…»
«Non mi sento molto bene.» disse Myra. Chiuse gli occhi, respirando profondamente.
«C’è uno squilibrio nel suo flusso sanguigno. Si sdrai.»
Myra fece come il medico le aveva indicato.
«Ha fatto colazione, questa mattina?»
L’aliena annuì leggermente.
«Non capisco.» disse Phlox. «Lo squilibrio indica uno stato di malnutrizione peggiore di quello di quando l’ho visitata la prima volta.»
«Sono solo stanca.» disse lei. Fece per alzarsi ma Phlox le mise una mano sulla spalla. «No, non si alzi. Le farò preparare un concentrato proteico.»
Myra scosse la testa. «No, non serve.» Si alzò a forza. «Mi scusi, dottor Phlox, vorrei vedere Shedar, ora. Senza offesa per lei, ma il mio capitano ha più dimestichezza con la mia razza.»
«Penserò io a chiamare il capitano Shedar.» disse Phlox, ma Myra ormai si era alzata dal lettino. «Comandante Myra!» esclamò Phlox. «Devo insistere che lei….» Non fece in tempo a finire la frase, perché l’aliena crollò a terra.

Shedar s’infilò dietro la tenda bianca e guardò il suo capo ingegnere. «Ehi, come stai?»
«Stanca.» ripose lei. «Phlox mi ha costretto a mangiare una pappetta bianca che sa di avena edraita.»
Shedar si girò, controllando che nessuno le potesse sentire. «Lo sai benissimo che non servirà a nulla.» Sospirò e si sedette sul letto accanto a lei. «Posso immaginare che non sia andata bene con il capo ingegnere.»
Myra scrollò le spalle e si tirò a fatica le coperte fino al collo.
«Cos’è successo?»
«Ha già una ragazza.» disse lei. «Una Vulcaniana.»
Shedar sospirò: «L’ufficiale scientifico di Archer.» Mise una mano sopra quella di Myra. «Bene, allora la soluzione è semplice.»
«No.» Myra scosse la testa. «Non possiamo farlo.»
«Non posso lasciarti morire di malnutrizione.»
«Shedar!»
«Che capitano sarei se lo facessi?»
Myra si tirò a forza su un gomito. «Shedar, ci hanno esiliate dal nostro mondo, per questo. Non possiamo permetterci un altro esilio.»
«Forse no.»
«Ma dai, Shedar! Pensi davvero che gli Umani saranno diversi dagli altri? Se dovessero scoprirci….»
«Non ci scopriranno.»
«È troppo rischioso.»
Il capitano scosse la testa: «È troppo rischioso non farlo. Ma ho bisogno della tua collaborazione.»

«Avanti.» disse Tucker, senza aprire gli occhi.
«Sono io.» disse T’Pol, entrando. «Ti disturbo?»
«No.» Trip, ancora ad occhi chiusi, alzò le coperte per invitarla ad infilarsi a letto accanto a lui. Aspettò che la Vulcaniana si sdraiasse, quindi la tirò verso di sé. «Fai fatica a dormire?»
«Un po’.»
Trip le diede un bacio sulla fronte: «Non sarai agitata per domani?»
«Per domani?» chiese lei.
«Riprendi servizio dopo due settimane di febbre.»
«No, non sono agitata.» rispose lei. «Desideravo solo stare un po’ con te.»
«Io non mi lamento di certo.» replicò Trip. «Vuoi un po’ di neuropressione?»
T’Pol tardò qualche secondo a rispondere. «Sì, magari.»
Trip si mise a sedere, quindi prese la Vulcaniana per i fianchi e, non troppo delicatamente, la fece sdraiare prona. T’Pol soppresse un urlo di sorpresa e istintivamente strinse tra le dita il cuscino. Chiuse gli occhi e ricordò ciò che qualche anno prima aveva detto a Phlox: “‘Delicato’ non è una parola che associo al signor Tucker.”
Trip infilò una mano sotto di lei per slacciarle la camicia del pigiama.
T’Pol fece per alzarsi.
«No, stai giù.» le disse Trip. «Ci penso io.» Le sfilò la camicia, quindi, si mise a cavalcioni sopra di lei, senza sfiorarla, se non sui fianchi. Iniziò a premere lentamente, ma con decisione, ai lati della sua spina dorsale.
Lei trattene il fiato: era piacevole, senza dubbio, ma era anche intenso.
«T’Pol?…. T’Pol!» Trip si fermò, non ricevendo risposta. «Ti sei dimenticata come si respira durante la neuropressione?»
Lei esitò un instante, poi disse: «No, no…. riprendi pure.»
Trip proseguì per diversi minuti, poi si chinò in avanti e la baciò sul collo. La aiutò a girarsi, poi, prendendola sotto le ginocchia, la tirò a sé. T’Pol si aggrappò alle sue spalle, stringendosi a lui, lasciandosi andare al piacere.

«Non dovresti farlo.»
T’Pol alzò lo sguardo in direzione della porta della cucina. «Buongiorno anche a te, Surek.»
Lui le sorrise, leggermente imbarazzato, la salutò ed entrò. Camminò fino al tavolo, dove T’Pol stava piegando dei vestiti. Lui l’abbracciò e le diede un bacio sulla guancia. «Sei sempre gentile, con me.» Iniziò ad aiutarla a piegare. «Non dev’essere stato facile, per te, adattarti a questa vita.»
«Tuo padre mi ha aiutato molto.»
“Tuo padre” riferito a Trip gli piaceva molto. Le sorrise. «Non dev’essere stato facile nemmeno per lui.»
T’Pol annuì leggermente. «All’inizio soffrivamo tutti e tre di mal di terra. L’unica che non ne soffriva era Izar, era ancora troppo piccola.»
«Certo, però….» Surek prese una delle divise di Trip. «Stare qui, fare…. la casalinga.»
«Non faccio solo quello. Insegno all’Accademia.»
«Lo so. Ma non viaggi più tra le stelle.»
T’Pol gli mise una mano sulla spalla. «Surek, l’abbiamo fatto volentieri per le bambine. E l’avremmo fatto anche per te.»
«Avrei voluto averti come madre dall’inizio.»
Lei annuì: «Anch’io.»
Surek rise leggermente: «Così avresti piegato i miei pannolini, invece delle mie uniformi.»
T’Pol indicò i vari plichi di vestiti: «Bene, allora adesso aiutami a metterli via.»
Surek le sorrise. «Con piacere, m’aih.»

Archer arrivò in plancia più tardi, quella mattina. Aveva passato un’oretta nell’hangar navette dove la Elnath era parcheggiata. La nave aveva una struttura interessante, ma per quanto la squadra di riparazioni stesse tentando disperatamente di rimetterla in sesto, aveva dubbi che sarebbe tornata a volare. Shedar gli aveva ronzato intorno per tutto il tempo, fortunatamente lui trovava piacevole la sua compagnia. Gli ricordava Vega: entrambe medici, persone solari, sorridenti e dolci.
«Come sta il suo capo ingegnere?» stava chiedendo Archer, mentre salivano verso la plancia.
«Ieri sera l’ho aiutata ad avviare un sonno fortificante.»
«Fortificante?»
«Sì. Non avete nulla del genere? È un sonno speciale, durante il quale il corpo riposa più del sonno normale, recupera energie e permette di utilizzare al meglio il nutrimento.»
«No, ma forse i Vulcaniani hanno qualcosa del genere. Una sorta di meditazione e autocura….»
«Esatto. È una via di mezzo.»
«Voi conoscete i Vulcaniani?»
Shedar annuì. «Li abbiamo incontrati un paio di anni fa.»
«Phlox mi ha detto che anche lei ha segni di malnutrizione, ma che sta migliorando.»
Lei sorrise: «Già. Anzi, se non le spiace, faccio un salto in sala mensa.»
«Si accomodi.» Archer fermò il turboascensore al ponte della mensa, quindi lo fece ripartire per arrivare in plancia.
Il ponte di comando era quasi vuoto. Reed, seduto alla sua stazione, stava leggendo da un PADD. Archer immaginò che fosse qualcosa riguardante gli aggiornamenti delle armi, ma decise di non indagare: se era qualcosa di lavoro, Malcolm avrebbe fatto la solita figura del bacchettone secchione. Se fosse stato un libro che leggeva per piacere, in teoria, non avrebbe potuto leggerlo in quel momento. Improbabile che fosse quest’ultimo. Meglio non indagare.
Travis era al timone, ma sembrava avere la mente altrove. Era annoiato, probabilmente, la rotta verso 47 Ursae Maioris era stata navigata abbastanza a lungo da non avere sorprese sul tragitto.
A parte i due ufficiali evidentemente annoiati, c’era invece T’Pol, seduta alla stazione scientifica, indaffarata a esaminare i dati raccolti su Berengaria.
«Bentornata in plancia.» le disse Archer, sorridendole.
Lei alzò lo sguardo, lo fissò per un istante e poi disse: «Grazie, capitano.»
«Trovato qualcosa di interessante?»
«Be’, io….»
Archer le lanciò un’occhiata. “Be’, io”?
T’Pol esitò. «Forse il pianeta Berengaria IV può essere…. terraformato.»
Il capitano annuì lentamente. A quella conclusione era arrivato anche lui. E senza il “forse”. «Si sente bene, T’Pol?»
«Certo, capitano.» T’Pol accennò un leggero sorriso imbarazzato e a quel punto Archer fu sicuro che T’Pol *non* stava bene. Pensò di lasciar perdere per un po’, lavorare alla stazione scientifica non le avrebbe comunque fatto male.
«Capitano?» chiamò Travis. «Rilevo qualcosa di strano a dritta.»
Un leggero sorriso del giovane timoniere fece intendere ad Archer che poteva essere qualcosa di interessante. Il capitano si girò verso T’Pol: «Rilevamento?»
La Vulcaniana gli rivolse uno sguardo stupito.
«T’Pol.» ripeté Archer. «L’analizzatore, alle sue spalle.»
Lei si alzò di scatto, raggiungendo l’analizzatore in questione. Lo guardò come se fosse la prima volta che lo vedeva. Archer si alzò: «Comandante, che cos’ha? L’ha sempre saputo usare ad occhi chiusi.»
T’Pol si girò verso il capitano, un lampo di panico passò nei suoi occhi appena prima che la plancia iniziasse a vorticare intorno a lei. Cercò di aggrapparsi alla consolle, ma l’unica cosa di cui si rese conto, quando riuscì a ragionare di nuovo, era di essere distesa appena dietro la postazione scientifica, due braccia forti la stavano sorreggendo e il suo volto era appoggiato contro una divisa blu dall’odore familiare.
«T’Pol?…. T’Pol, mi sente? T’Pol!» Sentì una mano appoggiarsi al suo volto.
La Vulcaniana alzò lo sguardo. «Capitano…. quanto sono stata svenuta?» chiese.
«Pochi secondi. Come si sente?»
Più che altro sentiva una gran voglia di rimanere sdraiata tra le braccia di Archer, anche se avrebbe preferito Trip. Non era corretto indugiare e si tirò a sedere. «Ho avuto una strana sensazione…. Il tempo scorreva troppo veloce, faticavo a mettere insieme le informazioni necessarie al mio lavoro in tempi appropriati…. e poco fa ho avuto la netta sensazione di vedere il mio corpo dal fuori.»
«L’accompagno in infermeria.» Le porse una mano per aiutarla ad alzarsi, quindi entrò con lei nel turboascensore.
«Mi dispiace, capitano.» sussurrò. «Ero convinta di poter riprendere il mio lavoro.»
«Non si preoccupi del lavoro. L’importante è che stia bene.»
«Non sono stata molto utile, ultimamente.»
Archer le sorrise leggermente: «Lei è sempre utile, T’Pol. Anche solo per ciò che rappresenta a bordo di questa nave.»
Entrando in infermeria, trovarono Phlox in agitazione. «Stavo per chiamarla.»
«Che cosa succede?» chiese Archer, mentre spingeva, senza toccarla, T’Pol verso il lettino biomedico.
Phlox guardò la Vulcaniana: «Lei non sta bene?»
«Ha avuto uno svenimento.» rispose il capitano per lei.
Il medico alzò un tricorder: «La dopamina è un po’ alta. Per il resto, mi sembra tutto normale. Ma preferisco tenerla in osservazione per un paio di ore.»
«Sono stata qui per giorni, dottore.» obiettò T’Pol.
«Due ore in più non le faranno male.»
«Ma….»
Phlox la fulminò con lo sguardo. «Comandante.»
T’Pol prese un profondo respiro, ma capì che era inutile obiettare. «Posso utilizzare ancora il PADD a connessione veloce, capitano?»
Archer annuì.
La Vulcaniana si defilò sul fondo dell’infermeria.
«Che cosa doveva dirmi?»
Phlox spense il tricorder. «Riguarda la nostra ospite.»
«Il comandante Myra?»
Il medico annuì. «Sì. Ieri sera, quando sono venuto a controllare i suoi segni vitali, erano a dir poco strani.»
«Che intende per “strani”?» chiese Jonathan.
«Quattro movimenti respiratori al minuto e circa un battito cardiaco ogni dieci secondi.»
Il capitano annuì. «Ma è un’aliena.» Scosse la testa. Anche Archer lo era per Phlox e viceversa. «Intendo che la sua fisiologia è diversa.»
«Non molto diversa da me o da lei.» disse. «Voglio dire, al femminile.» puntualizzò. «Battiti cardiaci e atti respiratori sono del tutto simili ai nostri.»
«Shedar…. il capitano Shedar mi ha detto che era in un “sonno fortificante”.»
Phlox scosse leggermente la testa. «Sarebbe tale, se non fosse accompagnato da un’attività cerebrale ben più intensa del sonno REM.»
«Dove sono ora?»
«Il comandante Myra stava bene, ha insistito per essere dimessa ed è tornata con il capitano Shedar nel suo alloggio.»
Archer sospirò: «Non credo che sia corretto invadere troppo la privacy di queste due donne. Sono già state abbastanza sfortunate. Ma…. mi tenga informato.»
Phlox annuì e Jonathan lasciò l’infermeria. Forse avrebbe dovuto parlarne con Shedar.

Shedar porse a Myra un bicchiere pieno di liquido rosso. «Vitamine.»
«Sa di fragola?»
«Ovviamente.» Shedar le spinse in bicchiere tra le mani e si sedette sul proprio letto, di fronte a Myra. «Allora?»
Myra prese un lungo sorso di succo. «È stato…. incredibile.»
Shedar sbuffò. «Avrai anche le tue capacità, Myra, ma in quanto ad abilità descrittiva lasci molto a desiderare.»
Myra rise leggermente. «Lo so…. ma non è tanto quello che ho visto ad avermi colpito.»
Il capitano sospirò. «Mi tieni sulle spine.»
«Io credo…. credo che il comandante Tucker sia uno di noi.»
Shedar la fissò. Rimase in silenzio per qualche istante, osservandola mentre beveva il suo succo alla fragola. «Intendi…. uno come me…. o uno come te?»
Myra finì il succo, guardando il fondo del bicchiere. «Come noi.» Alzò lo sguardo sull’amica. «Come entrambe.»
Shedar si alzò in piedi e iniziò a camminare per la stanza: «Allora è vero. Esistono davvero, non è una leggenda.»
«Non credo che lui lo sappia.» disse Myra.
«E tu come hai fatto a capirlo?»
«La Vulcaniana. È una telepate per contatto.»
Shedar si lasciò cadere indietro sul letto. «Pensi che anche Archer lo sia?»
«Non ne ho idea. Secondo me è probabile che molti Umani lo siano, senza saperlo. Sono diversi dai Vulcaniani.»
«Ma è comunque è probabile che non ci vorranno più tenere a bordo.»
Myra le sorrise. «Lo so. Però possiamo cercare di capire se Archer è uno di noi.»
Shedar esitò.
«Eh dai!» esclamò la sua compagna di viaggio. «Forza, cosa ti costa?! Posso anche darti informazioni utili a tenerti stretto il bel capitano.»
Shedar si mise una mano sugli occhi e sospirò. «D’accordo. Vedrò quel che posso fare.»

«Phlox mi ha detto che il suo capo ingegnere si è rimessa.» Erano seduti al tavolo della mensa del capitano. Archer passò all’aliena un piatto di melanzane grigliate.
Shedar annuì. «Sì, sta bene, ora. Grazie.»
«I segni di denutrizione stanno diminuendo in entrambe.»
Lei decise che era il momento di cambiare discorso: «Dove siamo diretti?»
«Questa mattina il mio timoniere ha scovato un pianetino di classe Minshara. Abbiamo variato rotta, per visitarlo. Questo potrebbe comportare un paio di giorni di ritardo rispetto alla rotta prevista in precedenza.» Archer le passò un piatto di pollo in insalata. «Spero che non sia un problema.»
«Per noi? No, si figuri, noi semplicemente vaghiamo per la galassia, sarebbe assurdo pensare di essere in ritardo.»
Archer le sorrise. «Mi dica di più: per che motivo vagate per la galassia?»
«Mhm?» fece Shedar.
«State facendo qualche tipo di ricerca? Una…. ricerca spirituale?»
Archer notò che la domanda aveva messo nettamente in difficoltà Shedar.
«Ah be’…. sì, è una sorta di ricerca…. interiore.»
«Trovare sé stessi tra le stelle…. è qualcosa che posso capire. Come effettuate questa ricerca interiore?»
«Be’…. vaghiamo. Meditiamo. Talora anche il sonno fortificatore è utile allo scopo.»
«Sognate durante questo sonno?»
Shedar annuì leggermente. «Esatto.»
«E non tornate mai sul vostro pianeta?»
«No. Gliel’ho detto, capitano, è un granello di sabbia insignificante.»
Archer mangiò in silenzio per qualche secondo: «Molti come voi sono in giro per lo spazio?»
«Crediamo di sì.»
Jonathan le lanciò uno sguardo interrogativo. «Credete?»
Shedar trasalì. «Voglio dire…. no, cioè…. sappiamo che dal nostro pianeta qualcuno è partito prima di noi, quindi…. immaginiamo che siano ancora in giro.»
Archer le versò del tè alla passiflora. «Non avete contatto con la vostra gente da molto tempo, dunque?»
Shedar scosse la testa. «No….»
«Non c’è una dottrina filosofica del vostro pianeta che vi aiuti in questa ricerca?»
«No, capitano. L’unica cosa che il nostro pianeta ci ha dato è la Elnath.» Gli lanciò un sorriso teso. «Ma la vostra missione mi sembra molto più interessante della nostra. Quanti pianeti avete visitato?»
Jonathan notò che Shedar, una volta ancora, stava cambiando discorso. Decise che anche lui, ancora una volta, avrebbe lasciato perdere.

Quando il capitano Archer scese nell’hangar navette, la squadra di riparazioni aveva lasciato da pochi minuti il suo lavoro per il riposo notturno.
Solo Trip era ancora al lavoro, seduto a terra vicino al motore, stava smanettando su un circuito.
«Stato delle riparazioni?» chiese Archer.
«Alto mare.» replicò l’ingegnere.
Jonathan si sedette accanto a lui. «Pensi che ce la faremo a rimetterla in sesto?»
«Credo che l’unica possibilità sia quella di portarla in una stazione di riparazioni.» Indicò un elemento a forma di dodecaedro. «Vedi quello? È lo stabilizzatore della reazione materia-antimateria. Non ho mai visto una struttura così complessa per un elemento del genere e non ne vedo nemmeno l’utilità. Ma senza quello, ovviamente la nave non può funzionare.»
«E non abbiamo la possibilità di replicarne uno.» disse Archer.
«Già.» Trip estrasse un altro componente. «Loro non sembrano aver fretta.»
«No, infatti.»
«Tu ne hai?»
«Io? Fretta?»
«Sì, dico, hai fretta di liberartene?»
Archer sorrise e scosse la testa. «No, sono tipe un po’ strane, ma discrete. Oggi ho cercato di capire perché sono in viaggio, ma nonostante tutti i miei sforzi non posso dire di averlo capito. Shedar sembra avere una sorta di avversità verso il suo pianeta.»
Trip esitò un istante, poi disse: «C’è una cosa strana riguardo questo motore. Myra mi ha detto che è un motore a compressione biassiale orizzontale a bolle discontinue. Li hai presenti?»
«Sì, vagamente. Un collega di mio padre ne aveva progettato uno, ma gli sbalzi dati da questi motori alle navi non erano sostenibili dall’equipaggio. È probabile che sul loro pianeta abbiano trovato il modo di farli funzionare meglio.»
Trip scosse la testa. «No, è questo il punto.» Indicò gli iniettori. «Quando questa nave decelera, gli sbalzi sono così forti che farebbero vomitare anche un lupo di spazio come te.»
Archer incrociò le braccia. «Per loro fermarsi dev’essere un supplizio.»
«Lo era.» Trip indicò l’interno del motore. «Vedi quel ponte di fibre?»
«Sì….»
«È stato aggiunto successivamente, credo quattro o cinque anni dopo la costruzione del motore. Questo permette delle decelerazioni più graduali, con sbalzi decisamente più sopportabili.»
Archer annuì. «Forse hanno scoperto qualcosa attraverso qualche contatto.» Guardò Trip, ma vide che l’ingegnere non era per nulla convinto. «Qual è la tua idea?»
Tucker esitò. «Quindici anni fa, quando queste due aliene sono partite dal loro mondo, avevano circa quindici, sedici anni…. Forse Shedar qualcuno di più, ma è un medico, non un meccanico.»
«Ti ho perso.» disse Archer.
«La nave è troppo piccola per ospitare più di due ufficiali. I letti, lo spazio e i replicatori di cibo non potrebbero sostenerne di più. Eppure queste aliene dicono di essere in giro da quando hanno vent’anni o meno.»
«Stai dicendo che hanno preso il posto di un altro equipaggio…. o che hanno mentito sull’età?»
«Sto dicendo che non sono in giro per la galassia di loro spontanea volontà.»
Archer restò a fissare il motore aperto, rimuginando su ciò che gli aveva appena detto Trip. «Esattamente da cosa l’hai capito?»
«Due persone così giovani non sono adatte a pilotare da sole una nave come questa. Per i primi due o tre anni dev’essere praticamente stato impossibile per loro decelerare, per via del motore a bolle discontinue. Questo le avrà portate abbastanza lontane dal loro pianeta da non aver possibilità di tornare indietro in breve tempo. Una volta acclimatate allo spazio, appresi i rudimenti dei motori, non avevano più motivo di tornare indietro.»
Jonathan sospirò: «Ammesso che tu abbia ragione, con quale motivazione un pianeta allontanerebbe due ragazze così giovani?»
Tucker scrollò le spalle: «Sei tu che hai detto che ci nascondono qualcosa.»
«A dire la verità mi sembrano abbastanza innocue. Ma teniamo gli occhi aperti.» Jonathan batté una mano sulla spalla di Trip, quindi si alzò e uscì dalla navetta. Non solo gli sembravano innocue, ma Shedar gli piaceva anche.

Quando Shedar tornò nell’alloggio, trovò Myra seduta sul letto, più o meno nella stessa posizione dove l’aveva vista quando se n’era andata a pranzare col capitano.
«Non hai mangiato?»
Myra scosse la testa.
Shedar sospirò.
«Non mi va di uscire.» spiegò lei.
«Non m’interessa.»
«Fammi fare un giro e poi vado a mangiare.»
«No, prima vai a mangiare e poi ti fai un giro.»
Lei ignorò il suo capitano. «Sei stata con Archer più di un’ora, l’hai trovata o no?»
«Non puoi reggerti in piedi senza mangiare.» continuò Shedar.
Myra a quel punto si tirò a sedere e, scandendo le parole, le chiese: «Hai trovato la porta, Shedar?»
Il medico sospirò. «Sì, l’ho trovata.»
«Bene. Allora mi faccio un giro e poi vado a mangiare.»
«Non puoi saltare pasti.»
«Shedar.»
«Sono il tuo guardiano, è mio compito proteggerti.»
«Allora sfodera la spada di titanio e difendimi.» fece lei. «Ma dato che non ci sono nemici in vista, come guardiana hai anche il compito di trovarmi porte. Ne hai trovata una, fammela attraversare.»
Shedar sospirò. Si sedette davanti a lei e alzò le mani, coi palmi in avanti. Myra fece lo stesso. Avvicinarono lentamente le mani, finché i loro palmi si toccarono. A quel punto, di colpo, Myra cadde indietro sul letto. Le sue pulsazioni scesero a sei al minuto e i respiri a quattro.

Jonathan Archer, nel suo ufficio, si guardò intorno. Tutto sembrava vagamente più piccolo.
Premette l’interfono: «M…. Archer. Archer a Shedar.»
«Qui Shedar. Va tutto bene?»
Jonathan rise. «Mi sento un pelino…. fuori fase.»
«Come sempre, in questi casi. Fai in fretta.»
«Sarà fatto, capitano. Archer chiudo.» Si lasciò andare indietro sulla sedia. Chiuse gli occhi e cercò di entrare in una fase leggera di meditazione. Per questo cervello non era la prima volta.
Stava per raggiungere uno stadio più alto quando sentì il campanello.
Come se di colpo dovesse fuggire, si tirò in piedi di scatto. Dimenticandosi completamente di avere venticinque centimetri buoni in più di altezza, pestò una craniata nella trave del soffitto dell’ufficio. Il mondo intorno diventò improvvisamente nero e crollò a terra.

Myra si rialzò di scatto dal letto urlando.
Shedar le mise un braccio dietro le spalle: «Che cosa è successo?! Sei stata via meno di dieci minuti.»
Lei si sfregò una mano sulla testa. «Mi sono dimenticata di essere più alta.»
Il capitano non poté trattenere una risata. «Scusa.» disse. «Scusami. Lo so che non dovrei ridere.»
Myra scosse la testa. «Fa niente. Sono gli ospiti maschili che mi indispongono.»
«Ci dev’essere stato un altro motivo. Non molli gli ospiti quando perdono i sensi. Nella Vulcaniana ci sei stata una notte intera.»
Dopo qualche istante di silenzio, Myra concluse: «Sono stata spinta via.»
«Da cosa?»
«O “da chi”.» replicò lei. Scosse la testa. «Non lo so.»
«Archer è uno di noi?»
«No, non per quel che io son riuscita a capire. Però so che ha già fatto meditazione.»
Shedar si sedette sul bordo del letto. «Bene.» Le sorrise. «Raccontami tutto quello che hai captato.»

«Capitano?»
«Capitano!»
Due voci – una maschile e una femminile – lo stavano chiamando. Ma aveva troppo mal di testa e voglia di restarsene sdraiato, ovunque fosse, a dormire ancora un po’.
«Capitano Archer!» esclamò la voce maschile, dallo strano accento.
Se era un capitano, era necessario che aprisse gli occhi e tornasse al suo dovere.
«Mhmff?» farfugliò. Aprì gli occhi e si ritrovò a fissare due esseri che erano a dir poco strani.
La donna aveva un’acconciatura strana, ma lei era molto bella. Ciò che però gli saltò agli occhi maggiormente furono le sue orecchie a punta.
L’uomo però era ancora più strano. I suoi occhi di un azzurro troppo intenso erano striati a raggiera e sul suo volto si alzavano stranissime creste. Questi estrasse da una tasca uno strumento che emetteva un leggero ronzio e una luce blu e la fece passare davanti al suo volto.
Lui chiuse gli occhi, infastidito.
«Un leggero trauma cranico.» disse l’uomo. «Ma niente di grave. Sta bene, capitano?»
–Capitano?– Con l’aiuto dei due strani individui si tirò a sedere e quindi andò a mettersi sulla sedia. Si guardò in giro in quel che gli sembrava un ufficio di un sottomarino.
Se lui era un capitano, quello aveva senso.
Ciò che non aveva senso erano questi due tizi truccati in modo così strano.
«Stiamo raggiungendo Draylon.» disse la donna.
«Ah, sì, bene.» replicò lui.
«Il dottor Phlox ha detto che posso tornare sul ponte, se per lei non ci sono problemi.» disse la donna.
«Sì, certo.»
«Capitano, è sicuro di stare bene?»
Lui annuì. «Posso….» Scosse la testa. «Potete andare.»
Non troppo convinti i due lasciarono l’ufficio.
Si lasciò andare indietro sulla sedia. Si girò e quello che vide fuori dalla finestra lo lasciò a bocca aperta. C’era un campo stellato sullo sfondo e gli astri più vicini si muovevano a una velocità incredibile. Rimase a fissare l’oblò per qualche secondo, quindi si alzò e la vista del suo riflesso lo distolse dallo stupore per le stelle.
Si fissò, vedendo semplicemente sé stesso.
«Oh mamma….» sussurrò.

T’Pol aprì la porta della sala macchine e individuò subito Tucker alle prese con il motore. Vi salì velocemente sopra per raggiungerlo. «Qualche problema?»
Trip sollevò lo sguardo. «No, revisione di routine.» Quando l’ingegnere infilò un cacciavite nell’apertura, una scintilla partì e subito dopo una leggera nuvoletta di fumo nero si dissolse appena sopra le mani di Trip, che sussurrò: «O quasi.» Lanciò un sorriso a T’Pol: «C’è solo qualche condensatore da cambiare.»
«Tra quattro ore arriveremo a destinazione.»
«Su Travisland.» disse Trip.
T’Pol gli lanciò uno sguardo interrogativo.
«Un gioco di parole.» spiegò lui. «Sei riuscita a fare le analisi.»
«Classe Minshara, nessuna vita intelligente superiore.»
«Carino, se fossimo i primi, potremmo piantare una bandiera.»
T’Pol gli lanciò uno sguardo di sussiego, ma poi decise di cambiare discorso. «Archer ha già previsto la squadra di sbarco: oltre a lui, Mayweather e Reed.»
«Sì, lo so, T’Pol, ha scaricato anche me.» spiegò Trip.
«Non era mia intenzione insinuare di essere stata “scaricata”.»
Tucker le sorrise. «Allora sei venuta qui solo per….» Lanciò un’occhiata intorno a sé. La sala macchine era pressoché deserta, gli unici ingegneri presenti erano dietro al motore intenti a revisionare i cavi di calibrazione posteriore. Trip si spostò in avanti e la baciò sulle labbra.
T’Pol esitò un istante, poi si ritrasse.
«Immagino di no.» disse lui.
«No, dovevo parlarti di altro.»
Trip si riavvicinò a lei: «Una notte di calma potremmo venire qui a far l’amore sopra il motore. Sarebbe molto erotico, per me.»
Lei gli lanciò un altro sguardo di sussiego che lo fece ridere. «Quando io e il dottor Phlox siamo entrati nell’ufficio del capitano, l’abbiamo trovato steso a terra, sembrava confuso.»
Tucker tornò serio: «Che cos’ha detto Phlox?»
«Sembra che il capitano abbia sbattuto contro una delle travi del soffitto del suo ufficio.»
Lui incrociò le braccia. «Non è esattamente una…. “roba da Archer”.»
«No.» continuò lei. «E quando si è risvegliato sembra stordito. Una situazione che mi ha ricordato molto la mia.»
«Sì, ultimamente ci sono state un po’ di cose strane. E questo da quando sono salite a bordo le due aliene.»
T’Pol prese al volo un cavo che Trip stava spostando, per dargli una mano a cambiare i condensatori. «Concordo che siano un po’ strane, ma non credo che siano nocive.»
«Spero che sia come dici tu.» disse Trip. «Mi passi il crimper?»
T’Pol gli passò lo strumento. «A cosa ti riferisci?»
«A te non sembrano un po’ strane?»
«Anch’io ti sembravo strana all’inizio.»
«No, non strana. Vulcaniana.» Trip le sorrise.
«Ho letto il tuo rapporto sulla loro nave.»
Trip le passò indietro il crimper e T’Pol lo infilò ordinatamente nella borsa, quindi prese il cavo che lui aveva appena finito di crimpare.
«Loro sembrano simpatiche, ma svicolano di brutto.» fece lui.
«Forse sono solo persone riservate.»
Trip annuì. «Forse….»

«Al?» Archer si guardò in giro. «Al?! Dove sono?! Dove mi trovo?» Si alzò in piedi, facendo attenzione alle travi sul soffitto. «AL?!»
Un cicalio lo fece trasalire. Proveniva da un altoparlante vicino al computer. Con qualche incertezza, premette il pulsante vicino. «Mhm…. Capitano Archer.» disse.
«Signore, qui Mayweather. Stiamo per arrivare in prossimità del pianeta.»
In prossimità del pianeta. Già. “Pianeta”. Generalmente era complesso saltare dentro a una vita così, senza sapere nulla, ma ora era anche più strano. Aveva lo stesso volto che lui riconosceva come proprio, anche se invecchiato di almeno dieci anni. Ma era tutto completamente diverso. Era davvero nello spazio o tutto ciò era solo uno scherzo della sua mente?
«Signore?» la voce dell’uomo dall’altra parte dell’interfono attirò la sua attenzione. «Usciamo dalla curvatura, signore?»
«Ah…. sì, sì, usciamo dalla…. curvatura…. A-archer chiudo.» Sì, se solo avesse avuto la minima idea di cosa volesse dire “curvatura”. Guardò fuori dall’oblò. Forse la curvatura era ciò che permetteva di muoversi così velocemente, forse intendevano la piega dello spazio e del tempo che faceva muovere la nave.
Non seppe dire per quanto tempo era rimasto a fissare le stelle fuori dall’oblò, ora ferme, mentre si avvicinavano al pianeta, quando il campanello lo fece trasalire. «Avanti.» disse.
Una graziosa ragazza orientale fece il suo ingresso. «Signore.»
Lui le sorrise. Quant’era carina…. «Mi dica….?» Che grado aveva? Aveva un grado? Come si chiamava?
«Capitano, dalle analisi del pianeta, abbiamo riscontrato che ci sono resti di quella che sembra una civiltà abbastanza evoluta. Credo che le potrebbe servire una linguista esperta.»
Archer annuì.
Hoshi esitò un istante, fissandolo. «Capitano?»
«Sì, ha ragione.»
«Allora posso scendere con voi?»
«Ah!» Jonathan le sorrise. «D’accordo, certo.»
«Siamo in orbita, tra quando scendiamo?» continuò Hoshi.
«Facciamo due ore?»
La ragazza lo fissò: «Due ore, signore?»
«Tre ore?» propose lui
Sato esitò un istante, non era solita obiettare ciò che il capitano diceva: «Pensavo che saremmo scesi subito, signore.»
«Ah, sì, certo…. ma…. questa volta, scendiamo tra un’ora.» rispose lui. –Appena riesco a capire che cavolo sta succedendo….–
«Sì, signore.» disse la ragazza, indecisa. Rimase a fissarlo. Dopo qualche istante, disse: «Con permesso.» E uscì dall’ufficio.
Archer guardò la porta chiusa, attese qualche istante, quindi urlò: «AAAAAAAAAAL!!!!!!!!!!!»

Quando il marinaio Rostov entrò in sala macchine per il suo turno, fu meravigliato di non trovare il comandante Tucker davanti alla consolle, a curvare il suo motore. Di solito, a meno che non fosse stato chiamato dal capitano, passava il suo turno lì e lui lo trovava al lavoro anche se era ormai ora di smontare. Rostov decise comunque di mettersi al lavoro e solo pochi istanti dopo avvertì un leggero sussurro che veniva da sopra il motore. Salendo sulla scaletta laterale con cautela, sbirciò oltre al bordo e ciò che vide non gli sembrò poi così strano. Anzi. L’aveva già visto un sacco di volte.
I comandanti Tucker e T’Pol erano seduti sopra il motore, stavano parlando a bassa voce, Trip sorrideva, sfiorava talora le mani della Vulcaniana e lei lo lasciava fare, talora rispondeva con un gesto appena accennato.
Rostov ridiscese la scaletta e, prima di tornare alla consolle, chiamò Trip, per annunciarsi.
Tucker si tirò dritto: «Che succede, Rostov?» chiese.
«Inizio il mio turno, signore.»
Trip lanciò uno sguardo a T’Pol: «È già ora? Tu mi fai volare il tempo.»
Lei annuì e si alzò.
Trip chiuse il portello. «Continuo domani la revisione.» Porse la mano a T’Pol per aiutarla a scendere dalla scaletta, un gesto più cavalleresco che utile, dato che la Vulcaniana era in grado di scendere da sola.
«La sala macchine è tua, Rostov.» disse Tucker, sorridendogli. «Buon lavoro.»
T’Pol aprì la porta e la tenne per lui.
«Hai impegni stasera?» le chiese, usciti in corridoio.
«La squadra di sbarco raccoglierà diversi dati, ma il capitano non vuole che stia in plancia…. inizierò ad analizzare i dati dal mio alloggio, utilizzando il PADD a connessione veloce.»
Trip annuì. «Ho saputo che il capitano ha rimandato la discesa di un’ora.»
«Abbiamo rilevato delle città abbandonate. Il guardiamarina Sato s’è offerta di scendere.»
Lui sorrise: «Hoshi ha smesso di pensare alle buche e ha iniziato a godersi il viaggio.»

«Le rovine si estendo per più di venticinque chilometri quadrati.»
Travis si sporse sopra la spalla di Hoshi, guardando sul PADD che la giovane aveva in mano. «Pensi di trovare delle incisioni da decifrare?»
«Lo spero.» Hoshi gli sorrise. «Non dovremmo scendere con le tute EVA?»
In quel momento, il capitano Archer entrò nella navetta. «È tutto pronto?» chiese.
«Sì, capitano.» rispose Mayweather. «Il tenente Reed sta arrivando.»
Chi fosse il tenente Reed, il capitano – o meglio, colui che aveva preso il posto del capitano – non l’aveva ancora capito. In realtà non aveva capito quasi nulla di quel posto.
Nel frattempo Travis aveva ripreso la conversazione con Hoshi. «T’Pol ha controllato l’atmosfera, è respirabile e priva di patogeni. Sarà una bella scampagnata.»
«Com’è il tempo laggiù?»
«Smettila di preoccuparti delle nuvole e goditi il viaggio!» rise Travis.
Reed entrò nella navetta. «Con T’Pol ho individuato un buon luogo di atterraggio, capitano.» gli passò un PADD.
Era una buona cosa, avrebbe potuto cercare qualche dato aggiuntivo, se avesse capito come funzionava. D’altra parte lui i computer li sapeva usare!
«È vicino alle rovine?» chiese Sato.
«Proprio dietro, tranquilla.» rispose Malcolm. Chiuse il portello. «Possiamo partire?»
Archer, intento a smanettare sul PADD, lo ignorò.
Reed si schiarì la gola: «Capitano?»
Lui alzò lo sguardo: «Ah, sì…. come diceva?»
«Possiamo partire?»
«Sì, sì, certo.» Andò a sedersi sul retro della navetta, senza far caso agli sguardi straniti degli altri tre. Continuò a smanettare sul PADD, senza trovare nulla di utile, finché non sentì una forte accelerazione verso il basso. Lanciò uno sguardo fuori dall’oblò e quando guardò fuori ebbe un attacco di panico: soffriva di vertigini e ora si trovava a fluttuare nello spazio vuoto tra un’astronave immensa e un pianeta giallognolo. Si aggrappò al sedile. Respirò lentamente, tenendo gli occhi chiusi.
Cercò di concentrarsi sulle voce calme dei tre ufficiali che, fortunatamente, sembravano ignorare la sua paura.
«Guarda che meraviglia!» Travis indicò davanti a sé, quando entrarono nell’atmosfera.
«Quella è una torre.» disse Malcolm. «Sembra un paese medievale!»
«È bellissimo.» sussurrò Hoshi.
«Sì, ok, ma quando atterriamo?!» esclamò Archer, senza quasi rendersene conto.
Hoshi si girò verso di lui, stupita. «Capitano, si sente bene? Mi sembra pallido.»
«Sì, sto bene.» sussurrò lui. –Mi viene solo da vomitare, soffro di vertigini, stiamo volando nello spazio verso su pianeta deserto…. oh mamma!–
«Devo rientrare, signore?» chiese Travis.
«No, atterriamo.» disse lui. L’ultima cosa che voleva era tornare indietro ora. Voleva appoggiare i piedi sulla terra ferma.
«Sissignore.» rispose il timoniere. «Ecco, tenente.» disse rivolgendosi a Malcolm. «La pianura che ha individuato dev’essere quella.»
La navetta virò leggermente, cambiando direzione e si appoggiò aggraziatamente sulla superficie.
«Ci siamo!» esclamò Travis. Era decisamente il più eccitato, nonostante avesse vissuto quelle esperienze fin da bambino.
Archer tentò di aprire il portello, desideroso di appoggiare i piedi a terra…. terra ferma, finalmente. Nonostante i suoi sforzi, forse anche a causa del panico che ormai lo stava attanagliando, il capitano Archer non riuscì ad aprirlo.
Sentì qualcuno alle sue spalle. Si girò appena, sorridendo imbarazzato.
«Permette?» chiese Reed. Sembrava vagamente in imbarazzo anche lui. Senza fatica, aprì il portello, quindi fece cenno ad Archer di passare.
Lui scese e si guardò in giro.
Un mondo alieno.
Questa era follia pura…. probabilmente era impazzito. Be’, a questo punto, tanto valeva godersi il viaggio. Attese che gli altri ufficiali fossero sbarcati, quindi si avviò verso le rovine.

Myra si rigirò nel letto, passando in meno di dieci secondo dal fianco sinistro al destro e di nuovo al sinistro.
«Cos’hai?» chiese Shedar, continuando a leggere.
«Non riesco a dormire.» disse lei.
«Motivo?»
«Sei tu il medico.»
Shedar si girò a fissarla.
Myra sbuffò: «Sono i motori.»
Il capitano rimase in silenzio ad ascoltare. «Non li sento. Come fanno a tenerti sveglia?»
«Proprio il fatto che non si sentono mi tiene sveglia. Il comandante Tucker deve averli messi al minimo per l’orbita standard.» spiegò.
«E quindi?»
«Voglio avvicinarmi.»
«Cioè vuoi scendere ad avviare quelli della Elnath?»
«No, voglio avvicinarmi il più possibile a quelli dell’Enterprise.»
Shedar appoggiò il suo PADD al comodino e si tirò a sedere. «Non credo che ti lascerebbero entrare in sala macchine.»
«Non ho bisogno del permesso di nessuno, se sono il primo ufficiale.»
Shedar sospirò. «Ho un po’ paura a mandarti ancora attraverso quella porta.»
«Per che motivo?»
«Non voglio esagerare. Potrebbero scoprirci.»
Myra si alzò in piedi. «Se c’è qualche dubbio in giro, chi meglio dell’ufficiale scientifico può saperlo? Posso anche tentare di capire cosa è successo al capitano Archer.»
«Ora lui è sulla superficie.» constatò lei.
«Shedar…. Possiamo anche accumulare abbastanza energia per tirare avanti un po’ di tempo.»
Il medico sospirò. «D’accordo, ma sii prudente. Promesso?»
Myra sorrise: «Promesso!» Si sedette di fronte a lei, alzò le mani e quando i loro palmi si sfiorarono, cadde indietro sul letto, nel “sonno fortificante”.

T’Pol/Myra aprì gli occhi. Si tirò a sedere sul letto. In quell’alloggio il rumore dei motori era più forte. Si chiese come mai T’Pol fosse a letto ora, quando il capitano era sulla superficie. Avrebbe dovuto essere in plancia. Non era molto facile leggere i pensieri della Vulcaniana. Aveva una mente ben disciplinata, più della maggior parte degli alieni in cui aveva viaggiato.
Quando l’aveva lasciata di corsa, T’Pol aveva avuto uno svenimento. Per questo il medico le aveva imposto riposo.
Ora, Myra riuscì a scoprire che la plancia era stata lasciata a Donna O’Neill e che, a parte gli ufficiali di plancia di quel turno, gli altri erano in libertà, anche se non potevano ovviamente scendere sul pianeta.
La sala macchine doveva essere libera.
Decise di non cambiarsi. Uscì dall’alloggio a piedi nudi e si diresse con sicurezza verso la sala macchine. Quella era la prima cosa che aveva imparato, una volta attraversata la porta che l’aveva condotta ad essere T’Pol.
Aprì lentamente la porta di accesso e guardò all’interno: era vuota. I motori lavoravano a basso regime, quel che bastava per tenere l’Enterprise in orbita e per garantire il supporto vitale.
T’Pol raggiunse velocemente la scaletta laterale, salì sopra il motore e camminò fino al centro.
Si sdraiò sul fianco sinistro, piegando le gambe, e appoggiò entrambi i palmi e l’orecchio sinistro alla copertura del motore.
Chiuse gli occhi e rimase ad ascoltare il leggero ronzio che le conciliava il sonno.

Hoshi Sato raggiunse il capitano alla base dei resti di un edificio in pietra gialla, dalla forma squadrata. «Malcolm e Travis hanno trovato l’ingresso alla piramide.»
Sbarcati sul pianeta, la cosa che li aveva colpiti maggiormente era l’immensa piramide incastonata tra i resti di edifici cubici quasi distrutti. Dall’orbita si confondeva con il resto del paesaggio decadente.
Archer annuì. «Ha visto queste iscrizioni?» chiese a Hoshi, indicando le incisioni sul muro. «Sono meravigliose. Assomigliano ai simboli vinca di Romania.» Indicò una serie di simboli e poi un’altra più in basso. «Queste serie sono uguali.»
Sato incrociò le braccia e lo fissò: «Capitano, da quando è esperto di lingue antiche?»
Archer stava per rispondere ma si bloccò in tempo. Indicò vagamente il muro: «No, no…. ho solo notato che…. be’, questo muro mi sembra interessante.»
Lei gli sorrise: «Decisamente.»
«Dubito però che senza una tavola comparativa…. una “stele di Rosetta” aliena potremo tradurla.»
Hoshi gli refilò uno sguardo fermo: «Mi sottovaluta, capitano.»
Jonathan si girò verso di lei. «No, no…. io….» Le sorrise, imbarazzato. Possibile che questa donna…. questa…. bambina…. vabe’, sì, era una ragazzina, fosse in grado di capire una lingua aliena mai vista senza paragoni? «Be’, dov’è l’entrata alla piramide?»

Trip Tucker si girò sul fianco destro, tenendo gli occhi chiusi. Poi si rigirò di nuovo sul sinistro.
Sbuffò e aprì gli occhi. No, non riusciva a dormire.
Quando aveva potuto scegliere l’alloggio sull’Enterprise, cinque anni prima, appena dopo la scelta del capitano Archer, aveva deciso per un luogo dal quale avrebbe potuto sentire i motori anche a basso regime. Ora li poteva sentire, il loro ronzio regolare non aveva imperfezioni.
Ma c’era qualcosa che non andava.
Non era sicuro che fosse nei motori.
Si vestì in fretta e uscì per recarsi in sala macchine. Pensò di passare da T’Pol, ma era tardi, non voleva svegliarla.
Entrò in sala macchine e salì sulla passerella. Controllò che i parametri fossero regolari: anche se quell’operazione veniva svolta dai computer, preferiva sempre dare un’occhiata di persona.
Tutto era normale.
Ricordò che quel giorno aveva lavorato sui pannelli superiori con T’Pol.
Forse aveva paura di aver lavorato in modo distratto, era questo che lo stava tenendo sveglio?
Generalmente i motori riuscivano a togliergli dalla mente qualsiasi cosa.
Talora anche T’Pol.
Per sicurezza, decise di controllare. Magari aveva solo scordato di chiudere il portello. La sala macchine era vuota, quindi decise di salire sopra il motore appoggiando un piede sulla consolle, mossa poco ortodossa che sapeva di aver insegnato ad almeno una figlia in un altro universo.
Quasi scivolò indietro, quando vide qualcosa – qualcuno – sopra il motore.
Recuperò l’equilibrio e riuscì a vedere che era….
«T’Pol?»
La Vulcaniana era stesa sopra il motore, girata sul fianco sinistro, con i palmi premuti sulla copertura.
«T’Pol, stai bene?» chiese Trip avvicinandosi velocemente.
Lei sbatté le palpebre un paio di volte, come se si fosse appena destata da un dormiveglia.
«Ehi….» Trip si chinò accanto a lei. «Cosa c’è?»
«Niente….» sussurrò lei. «Non riuscivo a dormire.»
«E sei venuta qui a lavorare?»
«No, sono qui per stare vicino ai motori…. Il loro ronzio mi concilia il sonno.»
«Non me l’avevi mai detto.» Le sorrise. «Sembra più un’idea da ingegnere che da scienziata. Cos’è che ti preoccupa?»
«Nulla.» rispose lei.
«Allora ti dispiace se condivido il ronzio con te?»
T’Pol scosse la testa. Fino a quel momento non si era quasi mossa. Quando Tucker si sdraiò accanto a lei, la Vulcaniana alzò un braccio per cingergli i fianchi.
«Sai che però qui è un po’ duro per dormirci sopra?» sussurrò Trip, con le labbra appoggiate alla fronte di lei.
«Potremmo anche non dormire.»
Trip riaprì gli occhi di scatto: «Che cosa intendi?»
«Siamo soli?»
«Qui sì. Per ora.» Trip le sorrise, avendo intuito dove lei volesse andare a parare. «Non starai pensando….?»
«Non l’hai detto tu, proprio qui, poco fa?» Sciolse l’abbraccio e si distese supina, continuando a fissarlo.
«Che ti è successo?» Tucker rise leggermente. «Di solito nemmeno mi baci in una zona pubblica, oggi vuoi–»
La sua frase fu interrotta da un bacio di T’Pol.
Oh be’, nessuno sarebbe andato in sala macchine, con molta probabilità.
Forse.
Ma a questo punto avevano iniziato, tanto valeva proseguire.
Si svestirono quel poco che bastava per unirsi.
Trip non riuscì a pensare ad altro se non che aveva ragione quando aveva detto a T’Pol, poche ore prima, che sarebbe stato molto eccitante, per lui, fare l’amore sopra il motore a curvatura.
Fu un incontro veloce, quasi frenetico.
Lui si rese conto di non aver messo molto cervello in quello che aveva fatto e generalmente a T’Pol questo non piaceva. Ma era come inebriato. Aveva la vaga impressione che fosse lo stesso per T’Pol, tanto che dovette rivestirla lui, dato che lei si era lasciata andare contro il motore, tenendo semplicemente il volto appoggiato al petto di Tucker.
«Stai bene?» le chiese.
Lei si limitò ad annuire, tenendo gli occhi chiusi.
Trip si sdraiò sulla schiena, tirando con sé la Vulcaniana. «Hai il pon-farr, T’Pol?»
«Cosa?» farfugliò lei.
Tucker spalancò gli occhi di colpo. “Cosa”? Si sforzò di non commentare. Guardò la Vulcaniana, che aveva un’espressione soddisfatta che di rado le aveva visto e mai assieme all’imitazione vulcaniana del sorriso, che raramente durava più di una frazione di secondo.
Trip si tirò a sedere, tirandola con sé. Lei emise un leggero gemito. «Che fai?»
«Vieni con me.» rispose lui. La prese per mano e la tirò verso la scaletta.
T’Pol si lasciò trascinare di malavoglia fuori dalla sala macchine. Dopo alcuni passi gli chiese: «Dove stiamo andando?»
«Tra poco lo vedrai.» Trip aprì la porta alla fine di un corridoio e spinse dentro T’Pol. «Letti.» disse lei, sorridendo. Si avviò verso i lettini dalle basse sponde. «Si sentono i motori da qui?»
«No.» Trip chiuse la porta della cella alle spalle di T’Pol.
Lei si girò di scatto, guardandolo con occhi sgranati. «Trip, cosa fai?»
«Tu non sei T’Pol.»
La Vulcaniana appoggiò i palmi sul vetro. «Trip, ti prego, fammi uscire.»
«Chi sei?»
«Sono T’Pol, non mi riconosci?»
Lui scosse la testa. «No, il problema è proprio questo: non ti riconosco.»
«Andiamo, abbiamo anche fatto sesso.»
Trip sospirò. «Chi sei? Sei il capitano Shedar? O sei Myra?»
Lei fece qualche passo indietro, restando a fissarlo. «Sono…. sono T’Pol.»
Tucker rimase a fissarla. Gli tornò alla mente quando T’Pol era stata plagiata dal chip romulano. Ebbe i brividi. «T’Pol….» sussurrò.
Lei si girò e andò a sdraiarsi su una delle brande, chiuse gli occhi e non rispose.

Poiché il capitano Archer non sembrava aver intenzione di comandare la squadra – e in effetti quella era una cosa più che strana – Malcolm Reed decise di prendere in mano la situazione e condurre l’avanscoperta. L’entrata alla piramide era nascosta tra due colonne di pietre squadrate ed era così piccola che anche Hoshi dovette abbassarsi per passare. Il corridoio era leggermente in discesa e, nonostante all’interno di esso potessero stare tranquillamente in piedi, avevano l’impressione che il soffitto fosse troppo basso.
«Non dovevano essere molto alti.» disse Mayweather, appena dietro Reed.
«O forse hanno semplicemente deciso di fare questo corridoio in modo da scoraggiare la gente ad entrarci.» propose Archer, che chiudeva la fila.
«Fermatevi un attimo!» esclamò Hoshi e si bloccò di colpo.
Archer, che non le aveva fatto attenzione, le andò contro. «Ehm…. Scusi, guardiamarina.» disse.
Sato gli sorrise e in quel momento lui capì che doveva esserci qualcosa, o per lo meno doveva esserci stato in passato, tra di loro.
Pensò che questo poteva spiegare cosa ci facesse una ragazzina che al tempo del varo doveva essere praticamente una bambina, su una nave che attraversava lo spazio desolato. Ma probabilmente c’era qualcosa che al momento gli sfuggiva.
Archer fece per spostarsi, dato che era praticamente appiccicato a Sato, ma lei lo trattenne chiamandolo: «Guardi qui, capitano!»
Doveva per forza accostarsi al suo volto per vedere dove lei indicava, illuminandolo con la luce della torcia: «Cos’è?»
«Credo di aver trovato una chiave di lettura.»
«Cioè?» chiese Travis.
–Più che “cioè”, le avrei chiesto come caspita ha fatto!– pensò Jonathan.
«Vedete qui?» Indicò un simbolo.
«Un labirinto?» chiese Reed.
«Il cervello. E questa è la piramide.» Hoshi indicò alcuni simboli. «Questa scrittura assomiglia vagamente a quella delle Edraite.» Fece scorrere l’indice sul muro. «Una scritta in diagonale. È affascinante.»
«E cosa dice?» chiese Reed.
«Be’, non posso esserne sicura, però da quello che riesco a capire…. dice che questo è una specie di…. tempio della cultura. Vi dovrebbe essere conservato…. qualcosa, ma non saprei dire….» Indicò un simbolo a forma di spirale. «Qualcosa che contiene la cultura di questo popolo….» Passò a una diagonale superiore. «Prima che venisse….» Si interruppe. «È strano.»
–Quello che stai facendo tu è strano!– pensò Archer, ma disse: «Cosa?»
«Sembra che questa civiltà sia stata distrutta da un’alluvione…. una sorta di diluvio universale.»
«E da cosa lo capisci?» chiese Reed.
Hoshi indicò quattro tratti ondulati sovrapposti a un altro simbolo formato da un triangolo sopra un quadrato. «Onde, case.» disse.
«Ma su questo pianeta l’acqua è praticamente inesistente.» constatò Travis.
«Infatti.» ribatté Hoshi.
«Forse hanno utilizzato questa piramide per conservare quel che potevano della loro cultura.» propose Archer.
«Be’, per scoprirlo non ci resta che andare avanti.» Guardò il capitano e lo stesso fecero Hoshi e Travis.
Ma Archer era distratto, stava osservando i glifi.
«Capitano?» chiese Sato, ma non ottenne risposta.
«Capitano, proseguiamo?» insistette Reed.
«Ah, sì, sì, certo.» disse lui, come se si fosse risvegliato di colpo. «Certo, andiamo avanti.»

Myra si tirò a sedere sul letto urlando.
Shedar, che stava dormendo nel letto parallelo, si svegliò di colpo. «Che succede?!»
«Merda!» esclamò Myra e saltò in piedi.
«“Merda” cosa?» chiese Shedar, alzandosi a sua volta.
«Mi ha scoperta.»
«Chi?»
«Trip.»
«Chi?!»
«Trip! Lui! Trip! Voglio dire…. il comandante Tucker!»
Shedar alzò gli occhi al cielo: «Merda davvero! Non ci voleva!»
«Andiamocene.» Myra si avviò fuori dall’alloggio.
«E come?!» esclamò Shedar, seguendola fuori. «La Elnath è fuori uso, il motore è completamente andato.»
«Non importa, dobbiamo andare via.»
«Ma come ha fatto a capire che non eri tu?»
«Probabilmente perché anche lui è un viaggiatore.» Corsero verso l’hangar di lancio, senza incontrare nessuno.
Shedar si sedette al timone della loro nave. «Non so nemmeno come aprire i portelli del loro hangar!»
«Finché non riesco a far partire i motori, non serve. Inizia a cercare!» Myra s’infilò nella piccola sala motori, che si trovava direttamente a ridosso della plancia. «Non abbiamo nemmeno plasma…. merda!»
Mentre Shedar, con il suo PADD pentagonale, cercava di accedere ai comandi di apertura, Myra iniziò a lavorare freneticamente sul motore. «Riusciamo a rubargli un po’ di plasma?»
«Vogliamo proprio farci odiare?» chiese Shedar. Si alzò in piedi e andò sulla soglia della sala macchine.
«Merda.» sussurrò Myra. «Abbiamo un solo collettore.»
«Riusciamo a decollare con solo quello?»
«No.» Non era la voce di Myra. Non proveniva dalla sala macchine, ma dal portello d’ingresso della Elnath. Era Trip Tucker, che stava puntando una pistola a phaser contro Shedar. «Credo che dobbiate spiegarci qualcosa.»
«Non abbiamo nulla da spiegare.» disse Shedar. «Vogliamo solo andare via.»
«Non credo sia possibile.» disse l’ingegnere. «La vostra nave è fuori uso.»
Myra apparve alle spalle di Shedar. «Ha ragione. Non possiamo muoverci.»
«Bene.» disse Trip. «Ora che siamo d’accordo almeno su una cosa, chi di voi due è dentro T’Pol? E perché?»
«Sono io,» disse Shedar. «ma ho già abbandonato il corpo del comandante.»
Myra scostò delicatamente Shedar. «No, non è vero. Sono stata io.»
Shedar spinse di scatto Myra verso la zona notte, quindi la seguì.
«Fermatevi!» urlò Tucker, maledicendosi per non aver portato con sé una squadra di sicurezza o almeno un comunicatore.
Myra s’infilò tra i due letti e Shedar, in una frazione di secondo, afferrò al volo un grosso bastone, dal quale sfilò una spada leggermente ricurva, dalla lama ondulata e l’impugnatura nera, sulla quale era incisa e colorata in argento una stella a cinque punte, circondata da una corolla che formava un’onda continua.
Shedar tenne davanti a sé la spada, vicino alla spalla, parallela al suo corpo. «Fermo!» urlò a Trip, arrivato sulla soglia.
«Ho una pistola phaser.»
«Lo so.» replicò Shedar. «Non faccia un passo avanti o le mostrerò che le pistole phaser sono più deboli di questa spada.»
«Devo chiudervi in cella fino al ritorno del capitano. Credo che ci dobbiate un bel po’ di spiegazioni.» fece un passo avanti.
Shedar scosse la testa. «Non avvicinarti a lei. Non un altro passo verso Myra.»
La ragazza, seduta a terra dietro Shedar, lanciò uno sguardo a Trip. «Per favore, dalle retta.»
«Siete pericolose.»
«C’è un motivo per cui ci hanno esiliato.» disse Shedar, con tono duro. «Ora vogliamo solo andar via.»
«Non posso permettervelo. Capitano Shedar, deve abbassare quella spada o sarò costretto a sparare.»
Lei scosse la testa.
Trip sospirò. «È un raggio stordente.» spiegò, quindi sparò.
Shedar mosse la spada così velocemente che Trip poté notare solo che la lama aveva intercettato il raggio del suo phaser. La luce entrò nella lama, ne percorse la lunghezza e svanì nel manico nero, senza sortire alcun effetto su Shedar.
«Che diavolo….?» Non fece in tempo a dire altro. Shedar girò la spada rapidamente, togliendo la pistola a Tucker, quindi gli tirò un calcio dietro le caviglie, facendolo cadere a terra.
Senza quasi avere il tempo per accorgersi di quel che stava succedendo, Trip si ritrovò steso sul pavimento della Elnath, con la lama di una stranissima spada puntata a due centimetri dalla gola.
«Fermati, Shedar!» esclamò Myra.
Tucker, da terra, fissava Shedar.
Myra avanzò lentamente. «Lo so, ti devo delle spiegazioni.» Alzò lo sguardo su Shedar: «Per favore….»
Il capitano fece un passo indietro, ma tenne la lama puntata contro Trip.
Tucker si mise lentamente a sedere sul pavimento, restando a fissare Shedar e la spada. Myra si chinò accanto a lui.
«Se la sfiori, ti taglio le mani.» disse il capitano.
«Shedar!» esclamò Myra.
Lei scrollò le spalle, tenendo sempre la spada puntata.
«Ti sei fatto male cadendo?» chiese Myra.
Trip le refilò uno sguardo duro.
Lei si alzò in piedi e gli porse una mano per aiutarlo ad alzarsi. Tucker non l’accettò e si alzò in piedi da solo.
«Siediti lì.» disse Shedar, indicando una poltroncina dietro di lui. «Forza.»
Trip fece come gli era stato ordinato.
«Quanto tempo ci vuole per finire le riparazioni?»
Tucker scosse la testa. «Non è riparabile qui, nel nulla. Non abbiamo i pezzi di ricambio, né le materie prime. E anche avendole, non meno di una settimana.» Fissò Shedar. «Ha intenzione di farmi a pezzi, per questo?»
«No.» fu Myra a rispondergli. «Noi non vogliamo fare del male a nessuno.»
Tucker si girò verso di lei: «Non si direbbe, dato che il suo capitano mi sta puntando contro una spada lunga un metro.»
«Lei ha cercato di fare del male a Myra.» disse Shedar. «È mio compito difenderla.»
«Avrei detto che sa difendersi da sola.»
«Non è così.»
Myra sospirò. «State parlando di me in terza persona. Sapete che è maleducato, oltre che fastidioso?»
«È per quello che sapete fare che vi hanno scacciato dal vostro pianeta?» chiese Trip.
«E lei come lo sa?» chiese Shedar.
«Avete un motore a compressione biassiale a bolle discontinue.» spiegò Trip. «La decelerazione farebbe vomitare anche un lupo di spazio come Travis.»
«Shedar, mi lasci parlare con il comandante Tucker da sola?»
«No.» replicò lei, sempre tenendo la spada tesa.
Myra sospirò. «Shedar è molto protettiva.»
«Sono nata per proteggerti.» disse lei.
«Siete sorelle?» chiese Trip, lasciandosi andare contro lo schienale della sedia. Tra le migliaia di cose che affollavano la sua mente, tra cui l’aver lasciato T’Pol rinchiusa in cella, la risposta a quella domanda era l’ultima cosa che gli interessava. In realtà, visto lo sguardo di Shedar, aveva la vaga idea che non sarebbe uscito intero da lì.
«No.» gli rispose Shedar.
«No, lei è la mia guardiana.» continuò la più giovane.
«Myra!»
«È giusto che lo sappia.»
«Per far che?» chiese Shedar. «Per farci esiliare meglio?»
«Ne ha diritto!»
–Ecco, ora son loro due che stanno parlando in terza persona di me.– pensò Trip. Non osò dir nulla, visto che la spada di Shedar era ancora puntata alla sua gola. Se solo gli avesse tolto gli occhi di dosso un istante….
«E perché mai ne avrebbe diritto?»
«Perché sono stata a letto con lui!» esclamò Myra. Poi si bloccò. «Voglio dire….»
Trip abbassò la testa. «Che situazione….» Sospirò. «E di Archer? Eravate anche dentro di lui, prima?» Le fissò, mentre le due aliene erano finite in un silenzio per metà imbarazzato e per metà colpevole. «L’ho capito solo ora, ma l’ho capito.»
«Ero entrata in lui, ma sono stata sbattuta fuori.» disse Myra. «Shedar non sa entrare negli altri. Io sono la viaggiatrice, lei è la guardiana.»
«Che significa?» chiese Trip.
«Shedar trova le porte e controlla che io stia bene. Io le attraverso e ricarico entrambe di energia.»
«Energia che rubate alle altre persone?»
«No. È come… è come leggere un bel libro o guardare un film.» spiegò Myra, cercando nei ricordi presi da T’Pol ciò che per loro poteva assomigliare ai suoi viaggi. «Non si ruba nulla, l’energia che ne traiamo ci serve per vivere. Senza di essa, noi moriamo.»
«Dite che non rubate nulla, ma non è così. Entrate nelle vite degli altri, le comandate, le…. spiate.»
Myra sospirò e guardò Shedar, che però non fece una mossa. «In realtà Shedar sente solo i miei racconti. O glieli passo tramite contatto. È solo colpa mia.»
«E la vostra razza è così? Una…. trova le porte e l’altra le attraversa?» Alla fine la curiosità di Trip prevaleva.
«No, noi siamo…. una rarità su Svezda.»
«Svezda è il vostro pianeta?»
Myra annuì. «Siamo state esiliate per colpa di questa nostra capacità.»
«È comprensibile.» disse Trip.
«È raro che ci scoprano.» continuò lei. Tucker non disse altro. Myra lanciò uno sguardo a Shedar: no, Trip non sapeva di essere un viaggiatore. –Beato lui.– pensò. «Non lo facciamo per cattiveria. Ci serve per sopravvivere.»
«Stiamo perdendo tempo.» disse Shedar e avanzò di qualche centimetro.
«Ehi, ehi! Stia attenta con quella spada!» esclamò Trip.
«È evidente che non ha dato l’allarme all’equipaggio. Continueremo a lavorare sulla Elnath da sole.» disse il capitano. Avanzò con la spada.
«Alt!» urlò Tucker. «Aspetta! T’Pol, anche se chiusa in cella, sa dei miei dubbi…. e poi…. cosa avete fatto al capitano?»
«Credo che il capitano sia stato preso da un viaggiatore. Ma non sono io.» spiegò Myra.
«Stai parlando troppo, Myra.» disse Shedar. Poi si rivolse a Trip: «Se sta fermo non sentirà nulla.»
Trip le lanciò uno sguardo d’odio: «Vuole tagliarmi la gola?»
«No. Le rendo la scarica.»

Hoshi Sato sbadigliò, ma non per sonno: era per compensare l’abbassamento di pressione delle sue tube di Eustachio rispetto a quella esterna. Essendo una linguista eccezionale, aveva dovuto imparare a difendere il proprio udito. Compensare la pressione tra orecchio esterno e orecchio medio era una delle cose più importanti. Generalmente tutti erano in grado di farlo, tanto più gli astronauti, appena si percepiva il fastidio dato dal cambiamento era quasi un riflesso automatico, ma Hoshi era in grado di prevederlo e di captare i cambiamenti prima ancora che si manifestasse.
«Siamo scesi parecchio.» comunicò agli altri.
«Già…. secondo l’analizzatore siamo ormai una cinquantina di metri sottoterra.» disse Malcolm.
Sato gli sorrise. Lei l’aveva capito senza alcun analizzatore. «Però ho sentito un cambiamento di pressione abbastanza improvviso, quando siamo passati dalla precedente sala a questa.»
Sotto la piramide si districava una lunga serie di sale e corridoi. Non c’erano bivi, per cui la direzione era obbligatoria.
Reed smanettò sull’analizzatore: «È vero.» disse. «Come l’hai capito?»
Hoshi gli sorrise e si batté un dito appena sotto l’orecchio.
«Vuoi dire che tu senti la pressione?»
«Be’, sì, non come suono, ma la sento.»
Reed le sorrise. «Sei piena di sorprese, Hoshi. Capisco perché il capitano t’ha scelto.»
Hoshi rise, ma poi s’interruppe: «Guarda!» esclamò, indicando davanti a loro.
Travis e Jonathan, che erano rimasti leggermente indietro, li raggiunsero.
Oltre l’ennesima porticina, questa volta, non una stanza, ma quella che sembrava una piscina. Appena dopo l’uscita c’era una piattaforma di almeno quattro metri che degradava verso l’acqua. Le loro torce potevano illuminare solo parte della stanza. «Wow.» disse Travis. «È…. completamente ricoperta da mosaici.»
Reed avanzò lentamente verso il bordo e puntò la torcia verso il fondo. «Sembra profonda almeno un paio di metri.» Guardò l’analizzatore. «Due metri e dodici centimetri.»
«Siamo arrivati alla fine del percorso?» chiese Hoshi. «Non vedo come possiamo attraversarla.» Puntò la torcia verso i lati della vasca, ma non c’era bordo: la parete mosaicata si immergeva nell’acqua cristallina.
«Dovremo tornare indietro?» chiese Travis.
«Arrivati fin qui?» Reed sospirò. «Mi sembra un peccato!»
Si girarono tutti a guardare Jonathan.
«Capitano?» chiese Travis. «Cosa facciamo?»
Archer fece qualche passo verso il bordo. «Non ci sono altre aperture?»
«No, probabilmente questa vasca è stata fatta in modo da scoraggiare il raggiungimento della sala principale.» Hoshi fece una breve pausa. «Sempre che esista.» Si girò verso Malcolm: «L’analizzatore dice qualcosa in proposito?»
«Non va oltre quel muro.» rispose lui. «Sembra fatto di un materiale che rifrange le onde di analisi.»
Archer si chinò sul bordo della vasca ed esaminò la vasca con la torcia. Certo, arrivati fin lì era un peccato non proseguire. Sarebbe stato da pazzi. La sua attenzione fu attirata da qualcosa circa trenta centimetri sotto la superficie. «Guardate qui.» disse. «Sembra un gradino.»
«Sì, ma sotto non ne vedo altri.» costatò Malcolm.
«Vero, però….» Archer si stese a terra e infilò il braccio nell’acqua, che era particolarmente calda. Si appoggiò al gradino, con l’intenzione di guardare più avanti nella vasca. Pessima scelta: il gradino cedette di colpo, facendolo cadere in avanti nell’acqua.
«Capitano!» urlò Reed. Gli porse una mano per aiutarlo a uscire, ma in quel momento un tremito nel pavimento e una vibrazione sorda attirarono l’attenzione dei quattro ufficiali.
«Che succede?!» esclamò Hoshi.
Poi, come se di colpo più nulla potesse sostenerlo, il pavimento si piegò in avanti, lasciando cadere in acqua anche i tre che erano ancora rimasti all’asciutto.
Un urlo acuto rimbalzò sull’acqua e tra le pareti lucide.
Archer si spinse in avanti e prese Sato sotto le spalle. «Aggrappati a me!»
Hoshi non se lo fece ripetere due volte.
Assicuratosi che la ragazza stesse bene, Archer si guardò in giro alla ricerca di Travis e Malcolm. Le loro quattro torce galleggiavano sulla superficie della piscina, lanciando fasci di luce distorta nell’acqua. Mayweather e Reed stavano nuotando verso di lui e Archer poté notare che l’ufficiale tattico, nonostante il volo nell’acqua, aveva ancora stretto nella mano sinistra l’analizzatore.
«Capitano! Va tutto bene?» chiamò Travis.
«Qui sì, voi?»
«Sì, tutto a posto.»
Malcolm si guardò freneticamente in giro.
Il pavimento su cui erano pochi minuti prima era ora verticale, vicino alla rampa d’accesso che ormai era irraggiungibile.
«Capitano….» sussurrò Malcolm. Nessuno di loro l’avrebbe ammesso, in quel momento, ma la voce del tenente Reed risuonava di panico.
«Non abbiamo trovato nemmeno un bivio.» disse Archer, tenendo stretta a sé Hoshi. «Quindi vuol dire che da qui c’è una via di uscita.» Afferrò con la mano libera una torcia e si guardò in giro. Tenersi a galla non era difficile, solo faticoso, ma fortunatamente sembrava che il peso su quel pianeta fosse inferiore. –Almeno Newton è dalla nostra parte.– pensò. «Forse sott’acqua.»
«Sott’acqua?!» esclamò Reed. Poi, come fosse imbarazzato, sussurrò uno “scusate”.
«Travis, dai una mano ad Hoshi.» La spinse verso il timoniere. Quindi prese un profondo respiro e s’immerse.
«Capitano!» urlò Reed.
«Ma che hai?» chiese Hoshi, che non si era attaccata a Travis, dicendogli che ce la poteva fare da sola.
Malcolm la guardò imbarazzato. «Niente. Niente, non ho niente.»
Hoshi prese una delle torce e la puntò sott’acqua. «Anche il pavimento della piscina è completamente mosaicato.» disse. «È meraviglioso.»
«Se lo dici tu….» bofonchiò Reed.
Travis prese Hoshi per un braccio. «Vuoi una mano?»
«No, tranquillo.» Gli lanciò un sorriso esitante. «So nuotare!»
Reed, nel frattempo stava cercando un qualsiasi appiglio, ma i muri erano troppo lisci.
Archer riemerse e prese una profonda boccata d’aria. «C’è un tunnel, qui davanti. Credo che porti a un’altra camera.»
«Ma quant’è lungo?» chiese subito Reed.
«Non lo so dire.»
«Possiamo analizzarlo.» disse Travis. «Da sott’acqua il muro di riflessione delle analisi non dovrebbe ostacolarci. Malcolm?»
«Sì, p-probabilmente.» balbettò. Acqua. Essere sott’acqua, dentro un tunnel, e non poter respirare. Avere sopra di sé nient’altro che acqua e un muro che lo divideva dall’aria. Morire annegati su un pianeta deserto! «Ma possiamo tentare di contattare l’Enterprise.» A fatica, con mani tremanti, estrasse dalla tasca sulla manica il comunicatore. «Reed a Enterprise!» esclamò.
Riprovò diverse volte, sempre più nel panico, senza successo.
«Siamo troppo sotto.» disse Archer.
«Sì, è da un bel po’ che non li contattiamo, avranno qualche dubbio! Gli abbiamo detto che entravamo nella piramide, è passato del tempo da allora, si insospettiranno e manderanno una squadra a recuperarci.»
Hoshi si aggrappò istintivamente alla spalla di Travis. «Sì, Trip e T’Pol a quest’ora saranno già in fermento.»
«Per arrivare fin qui ci abbiamo messo un’ora.» disse Archer. «Per arrivare qui anche loro ci metteranno un’ora, sempre che trovino l’ingresso della piramide. Non possiamo aspettare così tanto.»
Reed cercò di aggrapparsi al muro, ma il mosaico era troppo lucido e scivolò, finendo sotto. Archer lo prese per un braccio e lo ritirò su: «Tenente!» urlò. «Respiri profondamente.»
«Non ce la faccio!»
«Sì che ce la fa! Si appoggi a me. E si calmi! È un ordine!»
Reed si aggrappò al braccio di Archer. «Mi perdoni, capitano.»
«Tranquillo. Mi dia l’analizzatore.»
Malcolm glielo porse e lui lo prese stretto nella mano. Sempre tenendo Reed per un braccio, si rivolse a Travis e Hoshi. «Aiutatevi tra di voi, d’accordo?»
«Capitano…. Aspetterà ad entrare nel tunnel?» chiese Sato.
«Sì, tranquilla. Per ora cerco di capire quello che si vede dall’imboccatura.» Gli sorrise. «Tranquilli, andrà tutto bene.» Così dicendo, lasciò il braccio di Malcolm e s’immerse.
Reed cercò di nuovo di aggrapparsi al muro.
«Attaccati a me, Malcolm!» esclamò Travis, prendendolo per una spalla. «Ma che ti prende?»
Il tenente si aggrappò alla spalla del timoniere. «Be’, io….» Era nettamente imbarazzato. «Soffro di fobia di annegare.»
Hoshi si avvicinò a lui: «Stai tranquillo. Il capitano troverà il modo di farci uscire da qui…. E sono sicura che il comandante Tucker stia già cercando un modo per recuperarci.»

Trip sbatté le palpebre cercando di schiarirsi le idee. Cos’era successo?
Ricordava che Shedar gli aveva avvicinato la punta della spada fino a sfiorargli la spalla e poi tutto era diventato nero.
Anche ora intorno era tutto nero.
Cercò di controllare se la spalla fosse ancora al suo posto, ma non riuscì a muoversi.
Era legato!
«Mrd!» cercò di urlare, ma si accorse che era stato persino imbavagliato.
Cercò di slegarsi, ma alla fine, in preda alla frustrazione e alla rabbia, si lasciò andare nella poltrona, cercando di riprendere le forze. Si sentiva come se gli avessero sparato con un phaser. E soprattutto si sentiva un idiota.
Tentò ancora inutilmente per diversi minuti di sciogliersi dalle fasce che gli tenevano fermi i polsi. Poi la porta d’ingresso della stanza si aprì. Trip socchiuse gli occhi contro la luce, d’un tratto troppo intensa.
«Come ti senti?» era la voce di Myra. Sentì che gli toglieva il bavaglio, ma sapeva anche che era inutile urlare. Probabilmente avevano sigillato la Elnath e questo significava che dal fuori nessuno l’avrebbe potuto sentire.
«Starei meglio se non fossi legato a questa poltrona.» disse.
«Lo so, ma sei anche a conoscenza del nostro segreto.» rispose Myra. Gli porse un bicchiere di acqua. «Vuoi bere?»
«Posso fare da me, se mi sleghi.»
Lei scosse la testa. «Scusa.» Gli tenne il bicchiere e Trip bevve alcuni sorsi. «Cosa mi avete fatto?»
«Shedar ha riscaricato il colpo di phaser su di te. Non ti ha fatto altro.»
Trip guardò l’aliena. «Mi avete legato.»
«Era necessario.»
«Certo, e ora che cosa farete?»
«Finiamo di riparare a qualche modo la Elnath, poi partiamo.»
«Non riuscirete a partire. Ve l’ho già detto.» replicò Trip.
«Per questo lei verrà con noi.» disse Shedar, entrando nella stanza.
«È un rapimento.» costatò Trip.
«No, semplicemente la stiamo tenendo tra i suoi simili.» Shedar gli sorrise leggermente, prima di uscire. «Le stiamo facendo un piacere, comandante Tucker!»
«Così, quando vi scoprono, rapite le persone?» chiese Trip a Myra, che si era seduta sul letto di fronte a lui.
«No, non è la nostra prassi. È la prima volta che succede, ma è anche la prima volta che incontriamo un viaggiatore coi tuoi poteri.»
Trip sospirò. «Io non ho nessun potere. Sono solo…. bravo a riparare i motori.»
Myra si alzò in piedi e si avvicinò a Trip. «Tu hai i poteri di Shedar e i miei assieme. E non solo. Puoi viaggiare non solo in altre persone. Tu viaggi in altri universi.»
Tucker la fissò, cercando di capire se quella ragazza credesse in ciò che stava dicendo, fosse completamente pazza o lo stesse prendendo in giro. «Guarda che ti sbagli.» le disse.
«No, non mi sbaglio. Ho dormito con te, una notte. Probabilmente non mi hai notato.»
«Quando?»
«Quella sera che hai chiesto a T’Pol se non ricordava più come respirare durante la neuropressione.» spiegò lei. «È stato molto piacevole.»
«Tu ti sei intrufolata nel mio letto! » ribatté Trip, guardandola duramente. «Ho capito perché vi hanno esiliato!»
«Sì, lo so, è scorretto. Ma se non lo faccio ogni tanto, moriamo. E se tu non fossi un viaggiatore non te ne saresti accorto. Mentre dormivo con te, ho percepito un tuo sogno. Credo che sia dovuto al fatto che la Vulcaniana….» Si corresse: «T’Pol è telepate per contatto. Lei non è una viaggiatrice.»
Tra la confusione del momento, Trip riuscì a pensare che la cosa non lo stupiva.
«In un altro universo…. hai un figlio. Si chiama Surek. È un bel ragazzo, ti assomiglia. E adora sua madre.»
Tucker si mosse a disagio sulla poltrona, per quel poco che poteva muoversi. «Solo io…. e T’Pol sappiamo di questo…. Hai letto nei pensieri di T’Pol. È stato così, vero?»
Myra sospirò. «Ho sognato mentre ero lei. E l’ho potuto fare solo perché tu sei un viaggiatore.»
«E anche se fosse?» chiese Trip.
«Tu puoi capirmi.»
Tucker restò a fissare Myra per alcuni istanti. Viaggiare in altri universi, come aveva fatto T’Mir. Esplorare nuovi mondi attraverso le esperienze di altre persone. Myra aveva ragione. Era affascinante.
«Potremmo provare a guidarti.» disse Myra. I suoi occhi scuri, pieni di stelle, lo fissavano. «Shedar mi ha condotto ad alcune porte. Forse potrebbe condurre anche te.»
«Io sono Umano.» sussurrò Trip.
«Non conta.» Gli appoggiò una mano delicatamente sul petto. «Hai il cuore qui? Come noi?»
Tucker annuì.
«Come ogni creatura vivente intelligente, hai uno spirito, formato da tante anime. Devi solo trovare la tua anima viaggiatrice e liberarla.» Si chinò in avanti, appoggiandogli le mani sulle spalle. «Fidati di me.»
Trip la guardò: «Non credo di avere molta scelta.»
Myra si avvicinò a lui e lo baciò. Trip chiuse gli occhi di scatto.
Gli apparve un mondo dalla vegetazione aliena, dai toni dell’azzurro e del turchese, e fiori dai petali dei colori dell’arcobaleno. Nel cielo verde c’erano due soli, una gigante azzurra e una piccola compagna bianca e la loro luce riscaldava il pianeta costantemente per due terzi della giornata. C’erano spesso quattro arcobaleni in cielo.
Un profumo dolce e fresco si spandeva da tavolate ricolme di frutti di ogni colore.
Il mare aveva lo stesso colore del cielo e la spiaggia, bianchissima, era piena di persone sorridenti.
Decine di bambini correvano, indisturbati, giocavano e ridevano, senza paure.
Svezda.
Quel pianeta era Svezda in uno dei suoi normali giorni di sole di inizio estate. Un piccolo paradiso ai confini dello spazio cardassiano.
Il paesaggio cambiò completamente. Ora era l’interno della Elnath.
Vedeva Myra raggomitolata sul letto, stava piangendo e aveva fortissimi crampi. Non doveva avere più di sedici anni. Shedar, che aveva forse venti o ventuno anni, correva avanti e indietro tra lei e il timone, cercando di pilotare e calmarla al tempo stesso.
Tentava di tenere la Elnath a una velocità costante, ma quando la velocità diminuiva, la nave iniziava a sobbalzare e la decelerazione aumentava i crampi di Myra e faceva vomitare Shedar. Era anche impossibile curvare. Dovevano decidere la rotta molto prima per evitare le stelle e altri corpi celesti, per fare in modo che le variazioni di rotta fossero minime: questo impediva loro di tornare su Svezda.
Poi le immagini si susseguirono più velocemente.
C’erano pianeti, stelle, alieni, città…. il ponte di fibre inserito nel motore per evitare gli sbalzi in decelerazione e poter navigare più agevolmente. Myra diventava sempre più brava come ingegnere, Shedar sempre più brava come medico.
Quando Trip riaprì gli occhi, si rese conto che ora sapeva perché Myra e Shedar entravano nelle vite degli altri. «Ho capito.» sussurrò.
Myra annuì leggermente.
Trip la fissò negli occhi: «Quello che ancora mi sfugge è perché delle 83 anime su questa nave hai scelto proprio T’Pol, la meno fantasiosa di noi.» Tranne Malcolm, forse.
«Perché è la tua fidanzata.» gli rispose lei.
«E quindi?»
«Ricordi quando mi hai passato la scossa in sala macchine?»
Tucker annuì.
«Ho visto le immagini di te come viaggiatore. Per questo mi hai spaventato. E non ho più ragionato…. ma poi…. poi ho scoperto che sei una persona fantastica, sei ironico, sei dolce, e…. abbiamo tanto in comune.»
Lui restò a fissarla. Si chiedeva dove volesse andare a parare, anche se temeva di saperlo.
«Mi sono innamorata di te.»
Infatti.
«Myra, io….» Scosse leggermente la testa.
«Sì, lo so. C’è T’Pol.»
Trip cercò qualcosa da dire, ma era sempre stato più bravo coi gesti che con le parole. E in quel momento era ancora legato alla poltrona.
«Ma no,» continuò lei. «no è questo il punto.»
«Slegami.» disse Trip. «Vi aiuterò con l’astronave.»
Myra annuì leggermente. Fece per raggiungere i lacci che legavano le gambe di Trip alla sedia, quando la voce di Shedar la fermò. «Sei proprio innamorata, eh?»
L’altra sospirò e si tirò dritta.
Trip alzò gli occhi al cielo.
«Credo che ci possiamo fidare di lui.» disse Myra.
«Di lui forse sì, ma della Vulcaniana?» chiese il medico.
«Ha un nome, si chiama T’Pol.» protestò Trip.
«C’è un modo semplice per potersi fidare di lei.» propose Shedar.
«Così però non potrò lavorare ai motori.» puntualizzò Myra.
«Lo potrai fare tramite…. *T’Pol*.» spiegò il medico.
«D’accordo.»
Si sedettero entrambe sul letto di Myra e lei appoggiò i palmi a quelli di Shedar, cadendo subito indietro nel suo sonno fortificante.
«Che cosa le hai fatto?» chiese Tucker.
Shedar si alzò dal letto. Prese una coperta e coprì Myra. «La stessa cosa che devi averle fatto tu passandole la scossa. Solo che io so come farlo.» Si avvicinò a Trip: «Myra sostiene che posso fidarmi di te.»
«Non ti deluderò.» disse Trip.
Shedar restò ferma alcuni secondi, fissandolo. «L’hai baciata?»
Tucker la squadrò socchiudendo gli occhi: «E tu come lo sai?»
«Perché ti ha convinto.» Sospirò. «Ragazza fortunata!» Slegò entrambe le mani di Trip. «Be’, le gambe te le puoi slegare da solo.»
Lui si affrettò a farlo prima che il capitano cambiasse idea. «Myra starà bene?»
«Quando farai uscire la Vulc…. T’Pol dalla cella.» rispose Shedar.
Trip si avviò verso l’uscita. «Ma Myra…. la Myra che è qui?»
«Guarda che il sonno fortificante è stupendo. Per lo meno così lo descrive chi lo sperimenta. Considera i tuoi “film”…. quando è un po’ che non li guardi ti mancano. Il sonno fortificante è per noi quello che per voi è il cinema, la letteratura, la danza, i telefilm…. talora la vita stessa.»
Tucker annuì e decise che non si sarebbe fermato oltre. Aveva “due donne in una” da liberare.

«Perché il capitano non risale?»
Travis sentì che Malcolm gli stringeva il braccio più di quello che sarebbe stato necessario.
Ormai erano diversi minuti che si tenevano a galla alla bene e meglio.
«È appena sceso.» disse Hoshi. «Malcolm, ma da quando hai paura dell’acqua? Se non erro tu discendi da una stirpe di marinai.»
«Non me lo ricordare.» borbottò Reed. «Preferirei non parlarne.»
Lei annuì. «Come vuoi.»
Archer tornò a galla, prendendo di colpo una boccata d’aria.
«Capitano!» Sato nuotò fino ad avvicinarglisi. «Che cos’è successo?»
«Non riesco a far funzionare questo coso.» ammise lui. «Mi dispiace. Ho provato a percorrere parte del corridoio. Non potrei giurarci ma credo che non sia lungo più di quaranta, massimo quarantacinque metri.»
«Meno di una piscina olimpionica.» disse Sato.
«Tutta in apnea?» chiese Reed, la sua voce tradiva la sua fobia.
«Può farcela, Malcolm.» disse Archer, sorridendogli. «Le darò una mano io.»
Lui scosse leggermente la testa. «E se si sbagliasse? Con tutto il rispetto, capitano, ma…. potrebbero essere cento metri. Sott’acqua le misure possono apparire distorte.»
«Possiamo riprovare con l’analizzatore.» disse Travis. Tese la mano verso Archer. «Permette, capitano?»
Lui annuì e passò al timoniere l’analizzatore. Quando il ragazzo svanì sott’acqua, Hoshi sussurrò: «Mi chiedo dove abbia imparato a nuotare.»
«Non lo so.» ammise Jonathan. «L’importante è che lo sappia fare.»
Reed si rese conto che la mano di Mayweather era stata sostituita prontamente da quella di Sato. In quel momento la paura dell’acqua era più grande della vergogna, quindi decise semplicemente di ricambiare la stretta.
Travis tornò a galla poco dopo. «43 metri, signore, c’è una curva di novanta gradi dopo i primi dieci metri, poi è tutto dritto. Alla fine del tunnel c’è una stanza molto ampia e soprattutto asciutta. Possiamo farcela.» Porse l’analizzatore a Reed.
«La stanza mi piace.» disse l’ufficiale tattico. «Quello che non mi piace è la parte di 43 metri in apnea.»
«Andrò per primo io.» disse il capitano. Poi guardò Hoshi. «C’è solo un problema: non credo che lei abbia sufficiente capacità polmonare, guardiamarina.»
«Me la caverò.» sorrise lei.
«Il capitano ha ragione, Hoshi.» disse Travis. «Potresti rimanere senza ossigeno a metà strada. Sei più piccola di noi.»
«Ho anche bisogno di meno ossigeno. E soprattutto sono più abituata a trattenere il fiato di voi!» Hoshi rise.
Jonathan sospirò. «Mayweather, se la sente di partire per ultimo?»
«Nessun problema, signore.» Travis sorrise. Poi, come se avesse letto la domanda nella mente di Reed e Sato, disse: «Sono stato su decine di pianeti. C’erano spesso piscine, mari, laghi…. io e mia sorella li abbiamo sperimentati tutti.»
Archer annuì. «D’accordo. Userà l’analizzatore per controllare quando uno di noi arriverà dall’altra parte. Aspetterà qualche minuto, Hoshi, poi inizierà ad attraversare il tunnel. Controllerò che tutto vada bene stando vicino all’apertura. L’acqua è limpida la vedrò appena dopo la curva.»
Lei annuì.
«Poi partirà lei, Reed.» Archer gli sorrise. «Tranquillo. Ci saremo io davanti a tirarla e dietro Travis a spingerla.»
Malcolm annuì. «Mi fido di voi.»
Archer si avvicinò il più possibile all’imboccatura del tunnel, poi prese alcuni profondi respiri per immettere più ossigeno possibile nel sangue, quindi s’immerse.
Attesero circa due minuti, poi Travis scese verso l’apertura. Risalì quasi subito, sorridendo: «Tutto a posto!» urlò, felice. «Ce l’ha fatta, è arrivato dall’altra parte.»
«Bene, allora tocca a me.» disse Hoshi.
«Tranquilla.» disse Travis, mettendole una mano sulla spalla. «Prendi tutta l’aria che puoi e vai.»
Hoshi fece come lui le aveva detto. S’immerse, scese verso il tunnel, l’acqua negli occhi le dava fastidio, ma decise di ignorarla. Girò l’angolo. Diede un’altra bracciata e si rese conto che aveva fatto almeno un terzo del percorso. Un’altra bracciata. Vedeva la luce. Ancora un paio di bracciate, non mancava molto. Vide Archer in fondo al tunnel. Si era immerso per controllare che lei riuscisse a nuotare. Mancava poco. Probabilmente mancavano meno di venti metri.
Sentì l’acqua spingerle contro i timpani. Le facevano male. Cercò di compensare. Ma d’un tratto l’acqua spingeva troppo forte anche contro i suoi polmoni.
Lasciò andare l’aria e centinaia di bollicine si sprigionarono davanti ai suoi occhi, annebbiandole la vista.
–Sto annegando.– si disse e il suo corpo iniziò a scendere verso il fondo. –Non ce la faccio. Travis aveva ragione…. Sto per morire!–
Chiuse gli occhi, cercò di darsi una spinta avanti, ma capì che il suo sangue aveva troppo poco ossigeno. Anche Malcolm aveva ragione. Potevano morire. Si ordinò di non andare in panico, ma ormai era troppo tardi.
Percepì una voce distorta dall’acqua chiamare il suo nome.
Si chiese come un suono emesso per essere sentito sott’acqua potesse risuonare nell’aria…. come il canto delle balene megattere, estinte decenni prima….
Cercò di aprire gli occhi, ma l’acqua le dava troppo fastidio. Stava per aprire la bocca per respirare. Era un fatto naturale, istintivo: il corpo non poteva trattenere il respiro a lungo e avrebbe respirato. Anche se questo avesse comportato respirare acqua.
Sentì due braccia stringersi intorno a lei. Aprì gli occhi a fatica. C’era Jonathan davanti a lei. La lasciò andare e le prese il viso tra le mani, quindi la baciò.
Hoshi fu sorpresa da principio, ma poi capì che Archer le stava passando l’aria. Respirò quel poco che bastava per riprendere un minimo di forze, quindi riprese a nuotare con l’aiuto di Archer che la trascinava con sé.
Riemersero pochi secondi dopo. Hoshi prende un profondo respiro, seguito subito da diversi respiri veloci, mentre il capitano la conduceva sulla piattaforma asciutta.
Non si erano ancora seduti, quando Hoshi abbracciò Archer. «Grazie.» sussurrò. «Grazie, Jonathan.» disse, appoggiando la guancia alla sua spalla.
«Tranquilla…. va tutto bene.» La tenne stretta a sé qualche secondo e quella sensazione che ci fosse qualcosa di più che amicizia e rispetto tra i due, tornò di nuovo a farsi sentire nel viaggiatore che aveva preso il posto di Archer. «Ora devo controllare che Malcolm arrivi di qui sano e salvo.» disse, sciogliendo a malincuore l’abbraccio di Hoshi.
Lei annuì.
Jonathan prese alcuni respiri profondi e rituffò nella piscina. Hoshi era piccola, aveva potuto trattenere poca aria. Ma Malcolm era fobico. Ciò rendeva la situazione veramente difficile.

Tucker arrivò di corsa alle celle. Nessuno si era ancora accorto che T’Pol era stata rinchiusa lì.
Lei era in piedi vicino alla porta, tranquilla.
Trip aprì la porta e porse la mano a T’Pol: «Scusa, T’Pol.»
«Tranquillo, la tua reazione è stata del tutto logica.» Gli prese la mano e uscì.
«Myra….?»
«Sì, è qui con me.»
Trip le lanciò uno sguardo curioso: «“Lì con te”?»
«Qui, sì, Trip, sono qui. Sono Myra.»
Lui si fermò. «Sei Myra.»
«Sono Myra e sono T’Pol.» replicò lei.
«Com’è possibile?»
«La mente vulcaniana è molto disciplinata. Ma quella di T’Pol è anche aperta a nuove possibilità. Per questo riusciamo a comunicare e a coesistere in modo equilibrato. Non mi era mai capitata una cosa del genere, veramente un’esperienza interessante.»
Trip si chiese chi delle due stesse parlando.
Stavano per scendere nell’hangar di lancio, quando una chiamata fermò Trip: «O’Neill a Tucker.»
L’ingegnere raggiunse un interfono: «Qui Tucker.»
«Comandante, la squadra di sbarco ha saltato il segnale di controllo. Non riusciamo a trovare i loro segni di vita sul pianeta.»
Trip lanciò uno sguardo a T’Pol, che ricambiò. «Arrivo subito in plancia. Fatemi trovare pronti tutti i possibili dati.» Cambiò direzione e tornò indietro. T’Pol lo seguì, restando in silenzio.
«Cosa pensi che possa essere successo?» chiese lei, dopo poco.
«Non lo so. Perché me lo chiedi?»
«Myra chiede se può essere utile il suo aiuto.»
Trip le lanciò uno sguardo interrogativo. «State parlando tra…. menti?»
«Anime.» corresse T’Pol. «Myra ha usato il termine “anime”.»
«Be’….» Tucker esitò. «È bello che vi siate trovate in armonia.»
«Quando c’è una passione comune, è facile trovare armonia.»
Lui rise leggermente: «La passione per la logica?»
«No.» rispose T’Pol.
«Tu.» aggiunse Myra.

«Dai. Un respiro profondo, prendi più aria che puoi e poi sotto.» Il sorriso di Travis Mayweather erano così bello e rassicurante che avrebbe convinto chiunque a fare qualsiasi cosa.
O quasi.
Non aveva ancora convinto Malcolm Reed a mettere la testa sott’acqua.
«No, non credo di farcela.» disse.
«Ma sì che ce la fai!» esclamò lui. «Ce l’ha fatta Hoshi, che ha la metà della tua capacità polmonare!»
Malcolm, che ancora stringeva il braccio del timoniere, scosse la testa. «Ha ragione lei: all’inizio della missione tratteneva il fiato, è abituata all’apnea!»
«Sì, ora però allenta un po’ la presa.» disse Travis. «Mi stai bloccando la circolazione.»
«Scusa.» fece lui.
«Non sapevo che tu avessi paura dell’acqua.» sussurrò il timoniere. «Da uno come te non me lo sarei aspettato.»
«Be’, io sono un astronauta, non un marinaio.»
«Ah, be’, su questo non posso darti torto.» Mayweather si spostò leggermente. «Il capitano ti starà aspettando. E se ti accompagno fino alla curva del tunnel?»
Malcolm era ancora indeciso. «E se non riuscissi ad arrivare di là?»
«Il capitano verrà a prenderti e io terrò d’occhio la situazione con l’analizzatore. Se vedo qualche problema, vengo a prenderti.»
Reed appoggiò una mano al muro, ma non riuscì ad aggrapparsi. «Magari c’è un’altra via.»
«Riesci ancora a stare a galla per tanto? Io non credo di poter reggere per molto ancora.»
Malcolm annuì. Lasciò andare una risata amara: «Facciamolo, allora…. certo che sarebbe il colmo morire affogati su un pianeta deserto.»
«Respira profondamente….» disse Travis, interrompendo il flusso negativo dei pensieri di Reed. «E giù!»
S’immersero assieme e Mayweather lo spinse avanti nel tunnel.
Malcolm nuotò freneticamente e Travis non poté fare altro che pensare che il quel modo avrebbe esaurito l’ossigeno troppo presto. Fecero la curva. Travis gli diede un’altra spinta, poi un’altra ancora, aiutandolo verso il fondo del tunnel, finché non vide Archer arrivare loro incontro. Ora che era lì, pensò il giovane timoniere, non valeva la pena fare dietro front. Si mise a nuotare più velocemente e uscì dall’acqua prima degli altri due.
Malcolm prese la mano che Jonathan gli tendeva e lui lo trascinò verso l’apertura del tunnel.
I polmoni gli bruciavano. L’acqua lo spingeva da ogni lato e gli dava fastidio. Aveva bisogno di respirare. Quando vide la luce, uscito dal tunnel, respirò.
Sentì un vago grido, in sottofondo – Archer che urlava sott’acqua: «No, Malcolm!»
Chiuse gli occhi.
Basta, era fatta.
Aveva respirato acqua e ora il suo corpo sarebbe sprofondato.
Era finita!
Sentì due paia di braccia sollevarlo.
Ma non aveva nemmeno più forze per fare nulla. Sentì improvvisamente freddo e pensò: –Sto morendo.–
Poi sentì qualcosa di duro sotto di sé e l’improvviso dolore sopportabile di una pacca forte sulla schiena.
Sputò acqua.
Molta acqua.
Tossì e sentì un altro colpo sulla schiena.
«Dai, Malcolm!» Una bella voce, dolce.
Aprì gli occhi. «Ah, sono in paradiso….» sussurrò, quando un volto di donna, una bellissima donna, gli si parò davanti.
«Non fare il cretino.»
Be’, una bella donna, ma anche un po’ severa.
«Hoshi?» chiese.
«Sì.» La ragazza rise.
«Come ti senti?» chiese Archer, seduto davanti a lui.
Reed si tirò a sedere. «Non mi sembra vero di essere vivo.» Guardò i tre amici. «Grazie dell’aiuto.»
Archer gli mise una mano sulla spalla. «Te l’abbiamo detto che ce l’avresti fatta.»
Lui annuì, poi si girò e vomitò.
«Calmati, ora.» disse il capitano.
«Possiamo allontanarci dall’acqua?»
Lo aiutarono ad alzarsi, quindi si diressero verso il fondo della piattaforma, dove c’era una piccola apertura da cui proveniva la luce che illuminava debolmente la stanza.
«Wow….» sussurrò Hoshi, che era entrata per prima. Fece qualche passo avanti giusto per lasciar entrare gli altri tre. «È questo che l’acqua stava difendendo.»
«Di cosa parli, Hoshi?» chiese Archer. Poi si bloccò e poté constatarlo di persona.
Erano sbucati in una grande sala, illuminata da lucernari sul soffitto. Le pareti erano state scavate per formare delle librerie piene di volumi.
«È stupendo.» disse Hoshi.
Al centro della sala c’erano dei tavoli e delle panche. Fecero sdraiare su una di esse Malcolm, in quel momento completamente disinteressato ai libri, pensava solo a respirare aria.
Sato si girò verso il capitano: «Posso provare a prendere qualche libro?»
Lui annuì.
Hoshi prese un volume a caso.
«Di cosa parla?» chiese Travis.
Lei scosse la testa. «Non lo so, questi sono caratteri fonetici, non ideogrammi. Dovrei studiarlo un po’.» Si guardò in giro. «Ma qui ci sono talmente tanti libri….»
Fu interrotta da un forte colpo di tosse di Reed. Si girò per guardarlo. «Malcolm, stai bene?»
Lui si tirò a sedere a fatica, aggrappandosi al tavolo. Inspirò a fatica e gli altri poterono sentire distintamente un sibilo.
Archer si avvicinò a lui. «Stai bene, Malcolm?»
Lui annuì. «Sì, ora mi passa….» sussurrò. Tossì ancora e il sibilo si fece più forte.
«Soffri di asma?»
«Sì…. ma il dottor Phlox mi dà…. un medicinale…. una volta al mese….»
«Hai fatto l’iniezione mensile?» chiese il capitano.
«Sì…. quattro giorni fa.» Malcolm faceva sempre più fatica a parlare.
«Qualcosa in questa stanza o nell’acqua deve averti scatenato comunque la reazione. Ascoltami bene, ora prendi profondi respiri molto lentamente.»
Malcolm annuì e fece come il capitano gli aveva detto.
Non funzionò.
Archer gli mise una mano sulla gola. «Calma, Malcolm. Calma.» sussurrò, ma ormai aveva capito quello che stava succedendo. E difatti, si aspettava quello che accadde. Pochi secondi dopo, Reed smise di respirare e perse conoscenza.
«Che cosa gli succede?» chiese Hoshi, spaventata.
Il capitano gli aprì la divisa e appoggiò l’orecchio al centro del petto. «La sua gola si è gonfiata al punto che non riesce più a respirare.» disse.
Travis, dietro di loro, iniziò a chiamare l’Enterprise, ma senza successo.
«Che cosa possiamo fare?»
Archer si tirò su. «Ha bisogno di una tracheotomia.»
«Ma capitano….» iniziò Hoshi.
«È l’unica possibilità di salvezza per Malcolm.» Si girò verso di loro. «Dobbiamo trovare qualcosa di tagliente e un tubicino.»
«E dove possiamo trovarli?!» esclamò Travis.
Archer scosse la testa. «Non lo so, ma se non ci sbrighiamo, Malcolm morirà.»
Mayweather iniziò a guardarsi in giro.
«Forse ho trovato.» disse Hoshi. Estrasse il proprio traduttore universale dalla tasca sul braccio. «Questo contiene una scheda stampata in fibra di vetro e un’antenna.»
«Potrebbe funzionare.» disse Jonathan.
«Ma come facciamo ad aprirlo? E soprattutto chi sa praticargli una tracheotomia?!» La voce di Travis, dal fondo della biblioteca, tradiva panico.
Hoshi lanciò uno sguardo ad Archer.
«La praticherò io. Fidatevi.»
Hoshi scagliò a terra il traduttore, che si aprì. Ne raccolse i pezzi. «Ma non è sterile.»
«Un’infezione ora è il minore dei nostri problemi.» disse Jonathan. Prese da Hoshi la scheda spezzata in due parti, osservando velocemente i circuiti stampati, così sottili che al confronto quelli del suo computer sembravano autostrade.
Sato strappò la piccola antenna interna tubolare dal resto del traduttore. Era sottile, ma non avevano altro. A meno che…. «Se l’antenna non dovesse funzionare…. potremmo usare la carta di un libro, arrotolata. Non sembrano fatti di cellulosa, sembra più pergamena.»
Archer annuì. «Funzionerà.» Con la parte più appuntita della scheda praticò velocemente, con mano ferma e precisione chirurgica, un taglio alla base della gola di Malcolm.
Hoshi iniziò ad avere la nausea. C’era troppo sangue. Non che avesse mai avuto paura del sangue, ma vedere una tracheotomia su un amico era un altro discorso. S’impose di non mollare. Passò l’antenna ad Archer e vide uscirne sangue.
Poi più nulla.
«Che cos’è successo?» chiese.
«Malcolm ha ripreso a respirare.» disse Archer. Le sorrise leggermente. «Grazie dell’aiuto.»
Sato annuì leggermente. «Si risveglierà?»
«Probabilmente sì.»
«Sentirà male?»
Jonathan annuì. «Ma è vivo.» Si girò verso Mayweather. «Restate qui un minuto con Malcolm.» disse. «Vado a lavarmi le mani.»
Lo osservarono mentre usciva dalla biblioteca.
«Cavolo.» disse Travis. «Non sapevo che sapesse fare anche questo.»
Hoshi sorrise. «È pieno di risorse il mio….» Tossì, imbarazzata. «Il nostro capitano.»

Chiusi nel turbo ascensore che saliva verso la plancia, Trip osservava T’Pol.
«Che cosa c’è?» gli chiese.
«Sto cercando di capire dove finisce T’Pol e dove inizia Myra.»
«Myra è qui con me solo con la sua anima viaggiatrice.» spiegò.
«Sì.» replicò lui. «Ma sai che è comunque un po’ strano?»
T’Pol cambiò discorso: «Pensiamo sia il caso che Myra rientri nel proprio corpo.»
«D’accordo.» Tucker fissò T’Pol. «Cosa dobbiamo fare?»
Lei rimase in silenzio per qualche istante. «A riguardo?»
«Per il trasferimento di Myra nel suo corpo.»
La Vulcaniana scosse leggermente la testa: «È già ritornata.»
«Ah….» fece lui.
«È stata un’esperienza interessante.»
«Non ti disturba la cosa?»
«No. Myra mi ha detto di essere entrata in me senza dirmelo. Ora è stato interessante. Non condividerei la mia mente perennemente con lei, ma per qualche minuto è stato affascinante.»
Trip incrociò le braccia: «Tu sai che hai condiviso anche me con lei?»
«Dovrei essere io quella gelosa.» replicò lei. Il turbo ascensore si aprì. «Perché lo sei tu?»
Trip scosse la testa. Uscì sulla plancia: «Situazione?»
O’Neill si alzò in piedi per lasciargli la poltrona del capitano, quindi vide che c’era anche T’Pol. «Comandante.» la salutò. «Abbiamo avuto l’ultimo contatto di routine un’ora fa. Poi più nulla.»
Trip le fece cenno di tenere la poltrona per sé e con T’Pol si avviò verso la postazione scientifica.
«Stavano per entrare in una piramide.» comunicò O’Neill.
«Trovata.» disse T’Pol. «È opaca alle analisi.»
«Forse si sono semplicemente dimenticati di fare il segnale di controllo.»
Per quanto non fosse strano, dato che era successo anche durante la loro seconda missione, T’Pol aveva qualche dubbio che fosse davvero così.

Malcolm stava respirando abbastanza bene, ora, nonostante fosse ancora privo di sensi – il che era un bene, dato che gli era appena stata fatta un’operazione con una scheda in fibra di vetro al posto di un bisturi.
Travis e Hoshi erano con lui, quindi Jonathan decise di girare per la biblioteca alla ricerca di un’uscita.
«Capitano?» era la voce di Hoshi. «Dove ha imparato? Non sono cose che insegnano al CAFA.»
«Be’…. un capitano deve saper fare certe cose, no?»
«Mai sentito.» disse Travis e gli sorrise. Poi fece un cenno rivolto alla sua guancia. «Ha uno schizzo di sangue.»
«Ah…. vado a lavarmi meglio.» Uscì dalla sala della biblioteca e andò nell’angolo più lontano della piattaforma sull’acqua. In realtà lui era un medico. O meglio, il viaggiatore in lui era un medico.
Si specchiò nell’acqua.
Era incredibile, però, quanto gli assomigliasse.
Quando sentì un rumore familiare si girò. «Al!» sorrise.
«Finalmente ti abbiamo ritrovato!» disse l’uomo appena comparso, disse con un sorriso enorme.
Archer cercò istintivamente di abbracciarlo, ma gli passò attraverso. Rise. «Sono finito in un film di fantascienza!» esclamò.
«Meglio.» disse Al. «Sei finito nel futuro di un altro universo. È per questo che non ti ritrovavo.»
«E come hai fatto?»
«Diciamo che ho avuto l’aiuto da una persona abituata a far questi viaggi.» Gli sorrise. «Ho poche informazioni…. ma qui il progetto “Quantum Leap” non è mai andato in porto. Non ha funzionato, tu non sei mai partito, ti sei fatto una famiglia e….» Lo indicò. «Questo capitano Jonathan Archer è uno dei tuoi discendenti. Direi che in parte il tuo progetto è andato in porto comunque, qui e ora.»
Lui annuì e sorrise: «Direi che è ora di saltare e tornare indietro…. a casa.»
(Contenta, Sabina? ;))

T’Pol scosse la testa. «Non rilevo alcun segno di vita.»
Trip sospirò. Da venti minuti stavano setacciando la zona dell’atterraggio dall’orbita, senza alcun risultato.
Il turboascensore si aprì. Shedar e Myra entrarono in plancia.
«Avete trovato il capitano?» chiese Shedar.
Tucker scosse la testa.
«Potrei aiutarvi.» disse Myra.
«Come?» chiese lui.
Shedar scosse la testa. «Non qui.»
«Venite.» disse Trip, dirigendosi verso l’ufficio del capitano, subito seguito dalle due aliene e da T’Pol.
Lasciarono che la porta si chiudesse, quindi Tucker chiese: «Intendete “entrare” nel capitano?»
Myra annuì. «Shedar ha trovato una porta. Se riuscissi ad entrare in lui, anche solo per pochi minuti, forse riuscirei a capire dove sono.»
«Ma hai detto che c’era un altro viaggiatore, dentro di lui.» disse Shedar.
«I viaggiatori raramente rimangono dentro gli ospiti a lungo.»
Trip annuì. «D’accordo. Possiamo tentare.»
Myra andò a sedersi sulla poltroncina dell’ufficio. «Forza, Shedar.»
«Sarei più tranquilla se ti sdraiassi.»
«Non c’è tempo.»
Il capitano sospirò. «D’accordo.» Aprì le mani coi palmi avanti.
Myra le sfiorò e cadde addormentata di colpo.

«I lucernari sono troppo in alto.»
«Dovremmo accumulare i libri per raggiungerli.»
«Non credo che nemmeno tutti i libri di questa biblioteca siano sufficienti per creare una pila abbastanza alta.»
Archer si girò verso le due voci. I suoi vestiti erano ancora inzuppati.
«Probabile.» Travis sospirò.
«E poi non so se sarebbe corretto usare i libri per “scalare”.» disse Hoshi.
«Dobbiamo trovare un altro modo. Capitano?»
«Mhm?» fece lui.
«Sta bene?»
Lui annuì. «Sì….» Si allontanò dai due, guardandosi in giro.
Reed era steso su una panca, entrava e usciva dallo stato di coscienza e aveva un tubetto infilato nella gola. Intorno a lui era pieno di scaffali con libri, ma non erano molto alti. Inoltre erano intagliati nella roccia e proprio di questo stavano parlando i due ufficiali.
Guardò in alto. C’era…. luce…. di una strana forma….

Myra aprì gli occhi. «Mhmffffff….» mugugnò.
«Myra, stai bene?» chiese Shedar.
«Ho freddo…. ho un freddo incredibile.» Si tirò in piedi, di scatto. «Il capitano….!» Cadde a terra.
«Myra!» urlò Shedar. «Myra, stai bene? Mi senti?» Sfilò un tricorder alieno da una tasca.
Trip si chinò accanto a lei. «Cos’è successo?»
«Ho freddo.» disse Myra. «Il capitano ha i vestiti bagnati.»
Trip, d’istinto, tirò la ragazza verso di sé, stringendola per scaldarla. «L’hai visto? Sai dov’è?»
«Il tenente Reed sta male.» disse lei. «C’è…. c’è una biblioteca…. tanti…. tantissimi libri….»
Shedar scosse la testa. «Ha la febbre alta. Sta delirando.»
«Portiamola in infermeria.» disse T’Pol.
«Ancora un minuto.» la fermò Trip. «Myra? Cos’altro mi puoi dire?»
«Il…. il capitano sta bene…. anche Sato e Mayweather….»
Trip la strinse più forte a sé: «Dove sono, Myra?»
«C’è…. una farfalla sul soffitto…. Una farfalla luminosa….»
«Comandante Tucker.» Shedar gli mise una mano sulla spalla. «Myra sta delirando.»
Lui sospirò. La prese in braccio. «Portiamola in infermeria.» Uscì dall’ufficio insieme a Shedar.
T’Pol rimase qualche istante a pensare, quindi tornò sul ponte, alla sua postazione scientifica.
Una “farfalla luminosa sul soffitto”.
C’era qualcosa di familiare.

Quando Travis risalì in superficie, prese subito una profonda boccata d’aria, quindi afferrò la mano che Archer gli porgeva per aiutarlo a risalire sulla piattaforma.
«Trovato qualcosa?» gli chiese il capitano.
Il timoniere scosse la testa, sedendosi sul bordo. Aveva esaminato la parte sinistra del fondo della piscina, visto che Archer aveva esaminato la parte destra. Ma nessuno aveva trovato tunnel, porte, o qualsiasi cosa potesse liberarli da lì.
Jonathan si girò, guardando Sato e Reed attraverso la porta. «Mi sembra strano che il popolo che ha costruito questa biblioteca l’abbia fatta come una trappola.» Osservò Hoshi che, seduta vicino a Malcolm per controllare il suo stato, sfogliava diversi libri. «Forse la risposta è proprio nei libri.»
Travis scosse la testa: «Hoshi è un genio, ma quei libri sono un’infinità.»
Archer annuì leggermente: «Lo so.» Prese il comunicatore e provò di nuovo inutilmente a chiamare. «Ci staranno cercando.»
Mayweather sorrise: «Sì, di questo ne sono sicuro.»

Shedar premette il pulsante di apertura delle porte dell’infermeria per fare passare Trip, che teneva in braccio Myra.
«Phlox!» chiamò Tucker.
Il Denobulano andò loro incontro. «Che cos’ha?»
«Ha brividi forti, la febbre alta.»
«Era già capitato?» chiese Phlox a Shedar.
«Sì, un paio di volte…. forse anche qualcuna di più.»
Tucker fece stendere Myra su uno dei lettini dell’infermeria. «Stava facendo una di quelle…. “fusioni mentali a distanza”.»
«Non è nulla di grave, se curata in tempo.» disse Shedar. «Basteranno dieci milligrammi di metoclopramide monocloridrato, cinquecento milligrammi di paracetamolo e, quando si sveglia, 200 grammi di fragole.»
«Fragole?» chiese Phlox.
«Sì, Myra ha preso la mania delle fragole. Sono piene di vitamine, le fanno bene.»
«Ma che cos’ha?» chiese Trip.
Shedar pensò che il comandante doveva essere in ansia per Myra. Maledisse per l’ennesima volta il suo dono, e soprattutto la politica del suo pianeta, che l’aveva costretta a lasciare Svezda prima di poter finire gli studi. L’anno successivo avrebbe dovuto seguire i corsi di psicologia, avrebbe potuto imparare molto sulle persone. Così, invece, aveva dovuto imparare sul campo…. curando sé stessa e soprattutto Myra. «Diciamo che…. ha fatto indigestione.» disse, per rispondere a Tucker.
«Mi dispiace.» replicò lui. «Probabilmente non avrei dovuto chiederle di cercare il capitano.»
«L’ha fatto perché voleva.» Gli sorrise. «Ho capito perché Myra è innamorata: lei ha un bellissimo carattere.»
Il discorso fu interrotto dall’interfono. «T’Pol a Tucker. Ho trovato la “farfalla luminosa”.»
Trip si girò verso i due medici.
«Stiamo qui noi con Myra.» gli sorrise Shedar.
Lui annuì e si defilò, arrivando sul ponte di corsa.
«Quando Myra ha parlato di “farfalla” mi ha ricordato qualcosa.» gli spiegò T’Pol. «Avevo visto una forma del genere.» Indicò sul monitor. «Sono lucernari.»
«Forme di vita?»
«Il materiale di cui sono fatti riflette le onde degli analizzatori.» spiegò lei.
Tucker annuì: «Non fa niente. È un inizio. Scendo con una squadra di recupero.»

Hoshi chiuse un libro e lo appoggiò al tavolo. Archer si sedette accanto a lei. «Ancora niente?»
Lei scosse la testa. «È un trattato di astronomia.» Raccolse un altro volume.
«Verranno a salvarci.» Jonathan le sorrise. «Trip è un ottimo sub.»
«Ci hanno trovato su Gajtuian.» continuò lei. «Eravamo dispersi, senza memoria….»
«Ma uniti.» concluse Archer. Le prese una mano nella sua. «Questa è la nostra forza.»
«Sì.» Hoshi gli sorrise. Indicò la porticina di ingresso alla libreria. «Mi aspetto di vedere, da un momento all’altro, i nostri varcare quella soglia.»
Jonathan stava per replicare, ma fu interrotto da un rumore stridulo e piuttosto fastidioso. Hoshi si tappò subito le orecchie. Travis si abbassò istintivamente dietro un tavolo.
Archer cercò subito la provenienza del rumore e guardò in alto verso i lucernari dalla vaga forma di libro aperto.
«Bisogno di una corda, ragazzi?» chiese Trip, sorridendo loro dall’apertura sul soffitto.
Anche il capitano sorrise. «C’è bisogno di una barella per Malcolm.» disse.
«Già pronta.»
Archer gli rivolse uno sguardo interrogativo, che comunque Trip fece fatica a vedere, vista la lontananza. «Come lo sapevi?»
«È una lunga storia.» disse, pensando: –Carichiamo velocemente Mister Sfiga e svignamocela.–

Quando Tucker arrivò vicino al letto di Myra, l’aliena stava mangiando fragole con golosità.
«Come ti senti?»
«Mhm!» fece lei. Deglutì. «Bene, grazie.»
Trip le sorrise. «Shedar ti ha già informato?»
Myra annuì. «Sì. Non era un farfalla…. era un libro.»
«Non fa niente, quel che conta è che ci hai permesso di salvarli.»
Lei gli sorrise. «Shedar ha ragione, hai proprio un bel carattere.»
Trip rise leggermente.
«Ricordo male,» proseguì l’aliena. «o quando sono tornata qui con l’indigestione mi hai abbracciato?»
«Avevi freddo.» spiegò Trip. Evitò di farle notare che gli interessava non solo il suo benessere, ma anche ritrovare la squadra di sbarco.
«È stato piacevole.» disse lei. «Anche se so che lo facevi anche perché avevi bisogno di informazioni.»
–Sgamato.– pensò lui.
«È normale.» Abbassò lo sguardo. «Tra poco me ne andrò…. Posso chiederti un altro abbraccio….. questa volta solo per stare bene?»
Trip le sorrise e chiuse velocemente la distanza tra di loro, stringendola tra le braccia. «Sei una brava ragazza, Myra.»
Lei restò qualche secondo a godersi l’abbraccio, poi si staccò. «Non vorrei che T’Pol diventasse gelosa.»
«No, lei è Vulcaniana.» Trip le sorrise. «Il capitano Archer vorrebbe fare due chiacchiere con te.»
Myra annuì e lo guardò andarsene. –No, è un uomo troppo raro…. non troverò mai un ragazzo così….–
Jonathan entrò poco dopo: «Salve.» disse.
«Capitano Archer. Sta bene?»
Lui annuì e le sorrise. «Sì, grazie a lei. Ora sta bene anche il tenente Reed.» Si girò, sbirciando dietro la tenda Phlox che stava curando Reed in maniera più appropriata. «È stata lei a guidarmi, mentre gli facevo la tracheotomia?»
Myra scosse la testa. «No, i corpi mi piacciono dal fuori, dentro mi fanno un po’ schifo.»
«E non è stata nemmeno Shedar.»
«Shedar è una guardiana. Una trovatrice e apritrice di porte. Non le sa attraversare. C’era un altro viaggiatore, dentro di lei. Non so chi fosse, ma da quel che Shedar mi ha raccontato, non era un viaggiatore cattivo.»
«Esistono viaggiatori cattivi?»
Lei annuì. «Sì, ne abbiamo incontrato un paio, anni fa. Un viaggiatore e il suo guardiano. Le storie del mio popolo narrano che tutti i guardiani e i viaggiatori sono cattivi, anche se non sembra. O anche se non lo sono all’inizio.» Appoggiò la ciotola al comodino. «Non voglio diventare cattiva.»
«Perché pensa che possa succedere?» le chiese Archer. «Solo per le leggende? Sono narrate dal popolo che vi ha esiliate.»
«Il comandante Tucker non era felice quando ha scoperto che ero dentro T’Pol.»
Archer sospirò leggermente. «Ma lei ci ha salvato, mettendo in pericolo sé stessa e, da quel che mi ha detto Trip, anche Shedar. Senza di lei, Shedar non riesce a nutrirsi dei suoi “viaggi”.»
«In un certo senso.» ribatté lei. «Ma le indigestioni sono cosette da poco.» Indicò la ciotola di fragole. «Non è che dopo posso averne altre?»
Archer rise: «Sì, certo.»
«Devo chiederle un altro piacere.» continuò Myra. «Sono riuscita ad attuare con il comandante T’Pol una sorta di convivenza equilibrata. Io e Shedar ne abbiamo parlato. Pensiamo che se venissimo accettate su Vulcano, il nostro dono potrebbe essere incanalato in maniera logica…. magari diventare utile come lo è stato oggi.»
Jonathan annuì. «È una buona idea.» Sì, mandare qualcuno con un dono speciale su Vulcano, perché con la pazienza e la logica dei Vulcaniani potesse imparare a usarlo in maniera corretta, era un’ottima idea.
«Solo che abbiamo un problema.» continuò Myra. «La Elnath è distrutta. Praticamente irrecuperabile. Potete darci un passaggio?»
Archer annuì. «Certo. È una deviazione minima rispetto alla nostra rotta.»
Myra gli sorrise: «Grazie. Capisco perché Shedar è innamorata di lei.»
Jonathan lasciò andare una risata imbarazzata.
«E lei, capitano, ha un debole per le dottoresse.»
«Be’, io….»
«Mi perdoni, ma il mio viaggio mi ha fatto scoprire alcune cose di lei…. tra cui Vega Seti e Matigana.»
Archer sorrise leggermente. «Devo andare in plancia. Abbiamo una variazione di rotta da fare.»

T’Pol abbassò il volume del televisore. Lei non lo stava guardando. Quella sera stava leggendo su un PADD aggiornamenti della teoria degli universi paralleli.
Era stato Surek ad accendere il televisore per vedere uno di quei film di cui suo padre era appassionato.
Ma sembrava che il ragazzo non avesse la stessa passione di Trip, perché si era addormentato a metà del primo tempo.
Era appena tornato dal suo primo anno nello spazio come guardiamarina. Era andato tutto bene, aveva superato quel periodo a pieni voti e aveva potuto scegliere di tornare sull’Intrepid.
Dopo essere sbarcato, quella mattina, era andato a casa dei suoi genitori. Aveva pranzato solo con Trip, T’Pol e Izar, perché T’Mir era in orbita per la messa a punto dei motori della nave capitanata da suo marito.
Quella sera, mentre Izar e Trip erano andati a una mostra d’arte, T’Pol e Surek erano rimasti a casa, con l’intenzione di vedere un film.
Pochi minuti dall’inizio del film, Surek si era sdraiato, appoggiando la testa su un cuscino vicino a T’Pol e poco dopo si era addormentato.
T’Pol, allora, aveva abbassato il volume del televisore, aveva spento il suo PADD ed era rimasta a guardare suo figlio dormire per alcuni minuti.
Quando T’Mir e Izar erano piccole passava ore a sorvegliare il loro sonno.
Non aveva potuto farlo con Surek. Da neonato, aveva vissuto in un centro di sperimentazione, da bambino a casa di un Vulcaniano rigido e severo.
Ora finalmente era tornato da loro.
T’Pol si chinò in avanti e lo baciò sulla fronte.
Surek aprì gli occhi e le sorrise.
«Scusa.» disse lei. «Non volevo svegliarti.»
«Ero in dormiveglia.» disse lui. «Anzi, lo sono tuttora….» Sbadigliò e si tirò a sedere. «Credo di non essere riuscito a seguire questo film.»
«Lo trovo noioso.» replicò T’Pol. «Trip mi ha fatto vedere film più interessanti.»
Surek spense il televisore con il telecomando, poi prese il PADD che la madre stava leggendo poco prima. «Questo è interessante.» disse. Si spostò per sedersi vicino a lei, quindi appoggiò la testa alla sua spalla. «T’Mir mi ha detto che “un’altra lei” è venuta qui circa due anni prima che lei nascesse. Non dev’essere stato facile allevare T’Mir…. sapendo già come sarebbe diventata.»
«In realtà, credo che siano molto diverse. La T’Mir dell’altro universo, caratterialmente, assomiglia di più a Izar. In comune con la mia T’Mir, ha il senso del dovere verso la Flotta Astrale.»
«C’è anche un altro Surek?»
T’Pol gli sfilò il PADD dalla mano e lo spense. Si girò e gli mise un braccio intorno alle spalle. «La T’Mir dell’altro universo ci ha detto che doveva avere una sorellina. Ma siamo stati uccisi prima che nascesse. Non mi ha parlato di maschi…. e tu non assomigli a Lorian.» Gli strinse delicatamente un braccio. «Sei unico…. ma anche la nostra T’Mir lo è.»
Surek sorrise e si accoccolò come avrebbe voluto fare un milione di volte da bambino.
T’Pol sentì un leggero suono in sottofondo. Aprì gli occhi.
Non era sul divano di un piccolo appartamento a San Francisco, non era con suo figlio Surek.
Era sull’Enterprise, nel letto del suo alloggio. Guardò Trip, appoggiato alla sua spalla che dormiva come un bambino, con un braccio protettivamente intorno ai suoi fianchi e la fronte contro il suo collo.
Aveva di nuovo sognato quell’universo. La sera prima erano stati a parlare troppo tempo perché Tucker avesse le forze – e soprattutto la voglia – di tornare nel suo alloggio, quindi si era accoccolato accanto a lei e si era addormentato.
«Trip.» sussurrò lei. «Trip, svegliati, è ora di alzarsi.»
Lui sorrise e aprì gli occhi: «Buongiorno, amore.» disse. Sbadigliò e si tirò a sedere. «Dove siamo?»
«Credo in prossimità dello spazio patragano.» rispose lei.
Tucker si alzò. «Siamo in allarme rosso?»
T’Pol stava per chiedergli “perché dovremmo?”, quando capì che Trip stava facendo una battuta. «Forse sarebbe opportuno.» ribatté.
«Torno nel mio alloggio a cambiarmi.» disse. «Ci vediamo per pranzo.»
Lei lo guardò uscire. Le sembrò la temperatura della stanza fosse scesa di dieci gradi di colpo. Si alzò in piedi e andò a lavarsi.
“Quando lui non c’è fa freddo.” le aveva detto T’Mir una volta…. Ma non lì. Non in quell’universo.

T’Pol appoggiò il gomito sinistro alla consolle scientifica, quindi inclinò leggermente la testa di lato per mettere la guancia sulla mano. Con la mano destra premette qualche pulsante, osservando i dati che uscivano sullo schermo. Tutto normale, tutto tranquillo.
Rimase così, seduta “male”, per qualche minuto.
Poi, d’un tratto, si accorse di essere in una posizione decisamente poco adatta e si tirò a sedere.
Si guardò in giro, ma nessuno sembrava aver fatto caso alla sua momentanea “perdita di controllo”.
Reed teneva d’occhio la consolle tattica, ma sembrava disperso nei suoi pensieri.
Mayweather pareva dover crollare in avanti sul timone per la noia. Non stava nemmeno pilotando. Inserita la rotta, l’Enterprise stava viaggiando in modo lineare e tranquillo, Travis era lì solo per controllare che non ci fossero imprevisti – o per porre rimedio ad essi.
Hoshi sembrava quella meno annoiata. Stava digitando velocemente sulla consolle delle comunicazioni.
«Qualcosa di interessante, Hoshi?» chiese Reed, come se avesse letto nel pensiero a T’Pol.
«Sto ascoltando alcune trasmissioni patragane a lungo raggio.» spiegò.
«Facci sentire.»
Hoshi lanciò un sorriso a Malcolm. «Non le sto traducendo.» avvertì.
«/Argolà pielta dijibel garatena./»
«Wow, non si capisce niente.» sorrise Travis.
«È la lingua ufficiale del pianeta, non tradotta.» spiegò Hoshi. «Hanno quattro ceppi linguistici principali, due hanno una struttura piuttosto complessa, simile a quella delle lingue slave terrestri, una è basata su una grammatica di Chomsky e l’ultima, quella che usano per comunicare con noi, ha una struttura bimodale.»
«Se parlavi Latino, forse, ti avrei capito di più.» disse Reed.
«Che cosa stanno dicendo?» chiese Travis.
«Una nave ha appena trovato i resti di un vecchio ripetitore…. sembra sia stato distrutto.» spiegò Hoshi.
«Nemici nelle vicinanze?»
Hoshi scosse la testa. «No. Una nave patragana gli ha sparato contro per errore. Non se ne erano accorti.»
Mayweather sorrise: «Meno male che è gente simpatica.»
Sato annuì. Poi si fece seria. «Aspettate…. questo è un segnale di soccorso.»
«È patragano?» chiese T’Pol.
Hoshi annuì. «Sì. Dicono di essere rimasti bloccati da qualcosa che non riescono ad identificare.»
«La rotta ci porta esattamente nella loro direzione.» comunicò Mayweather.
T’Pol, fatte velocemente alcune analisi, premette il pulsante dell’interfono: «T’Pol a capitano Archer. Stiamo ricevendo un segnale di soccorso da parte di una nave patragana sulla nostra rotta.»
«Aumentiamo la velocità a curvatura 4.» disse Jonathan dall’interfono. «Arrivo subito in plancia.»
Quando il capitano arrivò pochi minuti dopo, T’Pol aveva già finito le analisi.
«Situazione?»
«Sono a un quarto di anno luce davanti a noi.» disse la Vulcaniana. «La nave patragana è infilata per metà in quella che sembra essere un’anomalia spaziale.»
Archer si avvicinò alla stazione scientifica. «Come quelle presenti nella Distesa?»
«Simile.» rispose lei. «Si potrebbe associare a una sorta di sabbie mobili spaziali.»
Jonathan premette l’interfono. «Archer a Tucker. Le gondole riparate dai Pa…. dalle Patragane possono reggere curvatura 4,7?»
«Anche 4,8.» rispose Tucker. «Che succede?»
«Ho bisogno di spingere i motori al massimo.»
«Ricevuto, capitano. Chiudo.»
Archer si girò verso Travis: «Curvatura 4,8, guardiamarina.»

Ciò che fluttuava davanti a loro esisteva contro ogni legge fisica.
Le stelle, i pianeti, le gocce d’acqua, le bolle di sapone e persino la maggior parte dei frutti hanno una forma sferica perché la tensione superficiale tende a minimizzare l’area a parità di volume: in pratica la forma più stabile e simmetrica con il minimo sforzo, com’era tipico – ma non costante – della natura.
L’anomalia che tagliava in due su tutta la lunghezza la nave Patragana era di forma rettangolare e sottile. Sembrava una lama violacea che aveva tirato alla nave un colpo di mannaia inchiodandola al velluto nero dello spazio.
Il capitano Archer si girò verso Sato: «Provi a contattarli.»
Hoshi annuì. Poco dopo, una trasmissione molto disturbata apparve sullo schermo.
Un Patragano (un maschio, decisamente, dato che aveva una vistosa macchia marrone sulla divisa), sorrise dallo schermo. «Oh, salve! Qui è la nave Patraga 12, sono il capitano Patrapilo.» esclamò. «Siete Umani?»
Archer annuì. «Sono il capitano Jonathan Archer, dell’astronave terrestre Enterprise. Abbiamo ricevuto il vostro segnale di soccorso. L’abbiamo inoltrato verso il vostro pianeta.»
«Grazie per essere venuti.» Il Patragano raddrizzò una tazza – probabilmente quella che conteneva il liquido che gli aveva macchiato la divisa. «Non sappiamo cosa sia successo.»
«Avete analizzato l’anomalia che vi ha bloccato?»
L’alieno sembrò imbarazzato. «Be’, in realtà…. ecco, come spiegarlo?»
«I vostri sensori sono guasti?» gli andò in aiuto Archer.
«Li abbiamo fatti fuori per sbaglio.» disse Patrapilo.
«L’anomalia sembra tagliare in due la vostra nave.»
«Sì, non possiamo attraversarla. Fortunatamente nessuno del nostro equipaggio si trovava sulla linea. Ma ora non riusciamo a muoverci.»
Archer annuì. «Proviamo a tirarvi fuori.» Si girò verso Reed. «Prepari i ganci magnetici. Proveremo a tirare la Patraga 12 verso di noi.»
Malcolm annuì.
«Travis, ci porti sopra la nave patragana, a 45°. Restiamo a distanza dall’anomalia.»
«Sissignore.» Travis manovrò la nave con precisione.
«Tenente Reed, ora.»
I ganci si attaccarono con precisione sullo scafo patragano.
«Capitano Patrapilo, stiamo per trainarvi.»
«Fate attenzione!» disse il Patragano. Si sporse in avanti, per avvicinarsi alla videocamera. «Non vorrei che l’anomalia tagliasse in due anche l’Enterprise!» Si alzò in piedi di scatto, pestando una craniata in un visore.
Jonathan annuì leggermente. Premette l’interfono. «A tutto l’equipaggio, qui è il capitano. Chiunque sia sulla linea sagittale della nave deve spostarsi immediatamente di dieci metri di lato.» Aspettò alcuni secondi, quindi si rivolse a Mayweather. «Spostiamoci indietro, lentamente.»
Travis annuì. L’Enterprise iniziò a muoversi indietro. I cavi si tesero e la nave Patragana venne trainata sulla stessa rotta.
«L’anomalia è ferma.» comunicò T’Pol. «La nave patragana ne sta uscendo.»
«Vada avanti così, Travis, lentamente.»
Il timoniere continuò a tirare indietro l’Enterprise.
La Patraga 12 era ormai fuori, quando, di colpo, l’anomalia si allargò.
Tagliò di netto l’Enterprise a metà, ponendosi come uno scudo di metallo liquido a dividere il timoniere dal suo capitano.
«Travis!» gridò Archer. «Indietro tutta!»
Prima ancora che il giovane potesse eseguire l’ordine, l’anomalia si ritirò di colpo e svanì in un punto di luce a metà strada tra l’Enterprise e la Patraga 12. Poi si spense come se qualcuno avesse soffiato sulla fiamma.
«Che cos’era?» chiese Hoshi.
Archer scosse la testa. «Contatti la Patraga 12.»
Sato fece scorrere velocemente le mani sulla consolle. «È in linea.»
«Capitano Patrapilo. State bene?»
Sullo schermo apparve il volto del Patragano. A parte un vistoso ematoma verde sulla fronte, sembrava tutto a posto. «Grazie, capitano Archer. La vostra fama è decisamente meritata.»
«Felice di esservi stato d’aiuto.» rispose lui. «Ora faremo un diagnostica dei nostri sistemi. Vi consiglio di fare altrettanto mentre siamo ancora nei paraggi.»
«Un fenomeno interessante.» disse T’Pol.
«Ha altri dati?»
«Microsingolarità.»
Archer si avvicinò a lei. «Danni?»
«Nessuno. Sembravano…. stabili.» T’Pol pareva stupita da quel fatto.
«Capitano!» esclamò Mayweather.
Archer si girò. «Che cosa succede?»
Fu T’Pol a rispondergli: «L’anomalia non è scomparsa. Si è solo spostata. A duecentomila chilometri da noi.»
«Ma…. ora ci sono due navi patragane.» disse Reed.
«E due Enterprise.» disse Travis. «Che cosa è successo?!»
«Nulla.» rispose T’Pol. «È solo un riflesso. È come se ci specchiassimo nell’anomalia.»
«Ne è certa?»
«Ci sono buone probabilità che sia così. L’anomalia si sta indebolendo. È come se svanisse. E con essa, anche i nostri riflessi.»
Una trasmissione in ingresso della nave patragana interruppe la discussione. «I nostri sistemi sono a posto.» comunicò Patrapilo. «Sì, be’, a parte i sensori esterni e gli sciacquoni, ma quelli erano rotti da prima. I vostri sono tutti in ordine?»
Archer si girò verso Reed, che annuì. «Sì, tutto in ordine. L’anomalia che si è riformata a duecentomila di chilometri da qui sta svanendo. Vedete anche voi il nostro riflesso?»
«Otticamente, sì. Ma non possiamo fare di più. Inoltre mi sembra che tutto stia svanendo.»
«Confermo.» disse T’Pol. «L’anomalia e i riflessi sono svaniti.»
«Tutto in ordine, allora.»
Patrapilo appoggiò la famigerata tazza sul bracciolo della sua poltrona. Naturalmente la tazza si rovesciò e il capitano schizzò in piedi urlando. «Scotta!» Poi si ricompose. «Ah, scusate. Ehm…. Il vostro caffè è fantastico, ma va gustato bollente.»
Archer sorrise – per non ridere. «Per i danni, avete bisogno di aiuto?»
«No, grazie. Per gli sciacquoni ci adattiamo con i secchi d’acqua. Sui sensori esterni ci stiamo lavorando, finiremo in breve. Certo, avendo qualche donna a bordo eviteremmo di dar fuoco a mezza dozzina di alloggi e far scoppiare un fusibile su quattro, però non vogliamo farvi perdere altro tempo.»
«Nessuna perdita di tempo, state tranquilli.»
Patrapilo sorrise. «Grazie. Ma come ormai avrete notato, stare a contatto con noi maschi patragani è un po’ pericoloso.»
Non poteva dargli torto. «È sempre un piacere avere a che fare con voi. Buon viaggio. Archer, chiudo.»

«Avanti!» esclamò Trip, quando sentì il campanello. Era in piedi davanti all’armadio aperto, una mano appoggiata sul fianco e l’altra all’anta.
«Sono venuta in un momento sbagliato?» chiese T’Pol.
Il pavimento dell’alloggio era completamente cosparso di vestiti, uniformi, scarpe, libri, oggetti di ogni tipo, senza un preciso ordine e senza un minimo di riguardo per l’igiene.
«No, no, vieni pure.» Tucker, lasciando aperta l’anta dell’armadio. Lanciò un’occhiata al letto: anche quello era sommerso. Velocemente, prese tutti i vestiti che erano appoggiati e li buttò a terra.
T’Pol alzò un sopracciglio, ma non commentò. Si sedette nel punto in cui lui le aveva fatto spazio e gli chiese: «Cosa stai facendo?»
«Un condotto è partito proprio dietro il mio armadio.»
«Perché non hai raggiunto il pannello dall’esterno? Avresti fatto più in fretta, non dovendo togliere tutta….» Si guardò in giro. Quel disordine le dava una certa ansia. «Sì, insomma, tutto.»
«Lo so, ma comunque dovevo già fare ordine. Il capitano ha detto che dopo aver lasciato Shedar e Myra su Vulcano, torneremo sulla Terra per un po’ di cerimonie e qualche inutile pratica burocratica. Lasceremo l’Enterprise alla stazione orbitale per i controlli, soprattutto dopo che quell’anomalia ci ha divisi in due. Quindi ne approfitterò per fare qualche cambio e lasciare qualcosa a terra.»
T’Pol annuì.
«C’è qualcosa che non va?» le chiese Trip, visto che lei era particolarmente silenziosa.
La Vulcaniana scosse la testa.
«È il disordine, eh?» disse lui. Prese un blocco di vestiti, oggetti, scarpe e componenti di elettronica che, non proprio in maniera ovvia, erano stati accumulati nel suo alloggio, e fiondò tutto nell’armadio. Il pavimento rimase comunque ingombro, quindi Trip spinse il resto dietro la scrivania. Non che fosse in ordine, ma per lo meno era più lontano dagli occhi di T’Pol. «Dovevi dirmi qualcosa?»
Lei esitò. «Non avevo voglia di restare sola.»
Tucker andò a sedersi accanto a lei. «Mi sembri stanca. Vuoi un massaggio?»
T’Pol annuì. «Sì, mi farebbe piacere….. ma…. mi faresti quello che…. quello che fai tu?»
«Va bene.» Trip si tolse gli stivali, appoggiò il cuscino alla spalliera del letto e si sedette, quindi fece sdraiare T’Pol tra le proprie gambe divaricate, facendole appoggiare la schiena contro il suo petto.
Lei chiuse gli occhi e si rilassò tra le sue braccia.
Trip iniziò ad accarezzarle delicatamente le orecchie, le guance, il collo e le spalle. Non erano veri massaggi, ma T’Pol li trovava rilassanti e piacevoli.
«Che cosa c’è?» sussurrò Trip.
«Il capitano ha detto che staremo quattro giorni su Vulcano.» rispose, tendendo anche lei un tono di voce basso. Le carezze delle mani leggermente ruvide di Trip sulle orecchie le facevano sentire un leggero rumore bianco, piacevole perché le impedivano di pensare troppo. «Lascerà libera uscita a tutto l’equipaggio.»
Tucker sorrise. Sapeva dove T’Pol voleva andare a parare, ma voleva che fosse lei a dirglielo.
«Ti va di venire con me?» chiese lei, dopo alcuni istanti di silenzio. «A casa…. di mia madre.»
«Sì.» sussurrò Trip, semplicemente.
T’Pol restò in silenzio a godersi la posizione e le carezze per qualche minuto. Non voleva che ciò che stavano condividendo potesse finire.
Trip le baciò la punta dell’orecchio destro. «Cosa succede?» sussurrò.
Lei scosse leggermente la testa.
Non poteva perderlo, non voleva e non l’avrebbe perso.
Si girò, appoggiando il volto contro il suo collo.
Tucker le accarezzò lentamente i capelli. «Stai pensando a Surek.» sussurrò.
Lei non rispose. Quella di Trip non era una domanda, era un’affermazione e non aveva bisogno di risposte.
«E anche a qualcos’altro.» continuò lui. «C’è qualcosa che ti preoccupa.»
Lei alzò leggermente lo sguardo. «Non voglio che te ne vai.» sussurrò.
Trip non disse nulla. Avevano già discusso a lungo su quella “profezia” e lui era sicuro che sarebbero giunti a una conclusione più allegra di quella prospettata. Certo, lui non era la persona più logica del mondo, ma suicidarsi nel modo prospettato dalla misteriosa fanciulla del PADD non era solo illogico, era da idioti. Tucker aveva la netta sensazione che T’Pol – a riguardo – gli stesse nascondendo qualcosa, ma, conoscendola, doveva avere le sue buone ragioni.
Decise di non chiederle altro. Circondò le sue gambe con le proprie, stringendola a sé con delicatezza, ma anche con una certa forza.
T’Pol chiuse gli occhi e si lasciò andare alla calma e al piacere del momento. –Goditi questi momenti, non dureranno in eterno….– si disse. Sentì l’abbraccio di Trip divenire meno intenso. Stava per addormentarsi.
«Trip?» sussurrò. Le dispiaceva svegliarlo, ma doveva chiederglielo.
«Mhm?» fece lui.
«Vuoi ancora avere un figlio con me?»
Tucker aprì leggermente gli occhi e le sorrise. «Sì, T’Pol.» La baciò delicatamente sulle labbra. «Hai intenzione di stare chiusa in casa tutti i giorni che trascorreremo su Vulcano?» La sua voce era decisamente assonnata e T’Pol si sentì in colpa del fatto che lo stava tenendo sveglio.
«Qualcosa del genere.»
Trip sorrise e si girò sul fianco, spingendo anche lei sul letto. «Va bene, la cosa mi attira….»
Non in quel momento, pensò lei. Aveva troppo sonno.
«A dire la verità mi avevi già convinto alla fase “procreare”.»
T’Pol si lasciò sfuggire l’imitazione vulcaniana del sorriso, ma Trip non poté vederla. «Ne parliamo domani.» gli disse. Gli accarezzò una guancia. «Ora dormi…. -kdiwa animo-….»

Shedar era seduta al tavolo della sala da pranzo (tale perché troppo piccola per essere chiamata “mensa”) della Elnath. Aveva indosso la sua divisa nera, aveva raccolto i capelli in uno chignon. Teneva la sua spada in verticale, stretta in equilibrio tra le ginocchia, mentre con un panno la puliva meticolosamente.
Fece ruotare la spada con una mossa quasi impercettibile delle dita, quindi si mise a pulire l’altro lato della lama.
Myra, che aveva abbandonato la sua divisa nera per una tunica vulcaniana, entrò in sala mentre Shedar stava controllando che tutta la lama fosse perfettamente pulita.
«Il capitano Archer dice che arriveremo nell’orbita di Vulcano tra un paio di ore.»
Shedar annuì, restando in silenzio.
«Non sei molto convinta.»
Il capitano fermò l’operazione di pulitura e si girò verso Myra, intenzionata a risponderle, ma si bloccò. «Come caspita ti sei conciata?» le chiese.
Myra si guardò la veste. «È una tunica vulcaniana. Me l’ha data T’Pol.»
«Stai cercando di “entrare nel personaggio”?»
La ragazza scoppiò a ridere: «Prendi in giro?! Parli a me di entrare nelle persone?»
Shedar recuperò la custodia della spada e la infilò, quindi si mise a pulire meticolosamente l’impugnatura della spada. «Quella tunica non ti dona.» disse. «Sei già bassa, con quella roba sembri larga.»
«Ma non sono larga.» disse lei, guardando la tunica.
«Rimettiti la tua divisa.»
Myra sospirò. «È un ordine da capitano a comandante?»
«È un suggerimento da amica a amica.» Shedar passò il panno sul simbolo del viaggiatore, la stella argentata circondata dalla corolla di onde. «Guarda che i Vulcaniani si vestono anche in modo decente.»
«Sì, ma quando inizieremo tutti i rituali, dovremo vestirci così.»
«Tanto per iniziare, ti farò dare una tunica per persone della tua altezza.»
«T’Pol non è tanto più alta di me.» replicò lei.
Shedar le lanciò uno sguardo di sussiego.
«Sì, be’, forse un po’.» ammise Mira, guardando ai suoi piedi, dove la tunica si ripiegava sul pavimento. Andò a sedersi al tavolo. «Ma tu non sei convinta di Vulcano, vero?»
«Non è che non son convinta. È che non ho idea di cosa ci aspetta e questo non mi piace.»
«Anche quando siamo partite era così.»
«Allora non aveva scelta.» Shedar sollevò la spada e l’appoggiò delicatamente sul tavolo.
«Ora l’abbiamo?» chiese Myra.
Shedar passò l’indice sulla stella a cinque punte sull’impugnatura della sua arma. «No, probabilmente no.»
«So che il capitano Archer ti mancherà.»
«E a te mancherà Tucker.»
«Trip non poteva già essere mio fin dall’inizio. Ma è stato mio più di quanto Archer non sia stato tuo.»
Shedar le sorrise tristemente. «Chi lo sa. Magari un giorno arriverà qualcuno anche per noi.» Rise. «Un bel Vulcaniano.»
Myra rise: «Un Vulcaniano, magari, ma “bel”…. nah, non so se hai notato che i maschi Vulcaniani son tutti brutti.»
«E le femmine son tutte belle.»
«Forse c’è stata la divisione della bellezza come per l’imbranataggine dei maschi nei Patragani.»
Shedar scoppiò a ridere. «Di sicuro quelli mi mancheranno. Non ho mai riso tanto.»

La Vulcaniana che si ritrovarono davanti era completamente diversa dalle loro aspettative. Si erano immaginate una donna alta, dalle spalle grosse (d’altra parte aveva avviato lei la Riforma), abbastanza in carne e anziana.
Invece T’Pau sembrava una ragazzina, era alta poco più di Myra, magra quanto lei e doveva avere la metà degli anni di T’Pol.
Il ministro era già stato informato dalla situazione direttamente dal capitano Archer e Shedar aveva la netta sensazione che tra i due non ci fossero solo sereni rapporti diplomatici. Le sembrava proprio che fossero amici, ma alla fine Shedar si stava chiedendo se esisteva qualcuno che non fosse amico di Jonathan Archer.
L’incontro fu breve, perché, in realtà, il percorso formativo di Shedar e, soprattutto, di Myra era già stato pianificato. Il capitano alieno non sembrava molto sicura della scelta, ma l’entusiasmo di Myra e l’assicurazione che, volendo, avrebbero potuto evadere dal monastero vulcaniano, la convinsero a restare.
O forse fu più la prospettiva di dover riprendere a fuggire che le fece accettare l’idea di restare su Vulcano.
Finito l’incontro, Shedar si avvicinò ad Archer. «Capitano Archer. Vi ringrazio per tutto quello che avete fatto per noi.»
«Spero che vi troviate bene qui.» Le sorrise. «In caso non vi lasciassero divertire abbastanza o abbiate bisogno di una dose di zucchero, c’è sempre l’ambasciata terrestre.»
Shedar rise, ma il capitano stava scherzando solo a metà. «Passerete di qui, ogni tanto?»
Jonathan annuì. «Se non sarete in ritiro, ci incontreremo.»
«Dov’è il comandante Tucker?» chiese Myra. «E…. il comandante T’Pol.»
«Sono andati a trovare un’amica, T’Liz. Anche lei è qui per studiare e sviluppare le sue abilità. Magari la incontrerete.» Archer notò che Myra sembrava leggermente delusa. «Se vuole, posso dire a Trip di passare di qui a salutarla, prima di ripartire.»
La ragazza annuì.
«Aspetti.» disse infine Archer. Prese il comunicatore e chiamò Tucker. «Se sei nei pressi del palazzo dell’Ex Alto Comando, passa di qui. Myra e Shedar vorrebbero salutarti.»
Trip arrivò, da solo, poco dopo.
«Dov’è T’Pol?» chiese Archer.
«Quando mi hai chiamato ci eravamo già divisi. È andata a trovare alcuni ex compagni di università al Centro Ricerche.» Tucker sorrise alle due aliene. «Allora, è tempo di salutarci?»
«Mi vorrei ancora scusare per tutti i problemi che vi abbiamo causato.» disse Shedar.
Trip sorrise e scosse la testa. «Non vi preoccupate.» Si avvicinò alle due aliene: «Vi chiedo solo che quello che avete visto, riguardo me e T’Pol, rimanga tra noi.»
Myra annuì. «Naturalmente.» Gli sorrise e poi, di scatto, lo abbracciò. «Grazie di tutto, Trip. Sei il miglior uomo che si possa trovare nella Galassia. Di’ a T’Pol, da parte mia, che è fortunata.»
Tucker rise leggermente e ricambiò l’abbraccio. Le diede un bacio sui capelli. «Sei speciale, Myra. Lo saresti anche senza il tuo dono.»
Myra si tirò indietro di mala voglia, ma voleva farlo prima che chiunque potesse dirle che era ora di andare. Gli sorrise, quindi si girò e raggiunse Shedar che, con un gruppo di Vulcaniani, stava partendo verso la loro destinazione.
Tucker le salutò da lontano.
«Spero che qui le possano davvero aiutare.» disse Jonathan.
«Anch’io. In fondo mi piacciono, sono due brave ragazze.»
Archer aveva una sua idea, decise, però, di non dirla a Trip. Ma, mentre uscivano dall’edificio, fu Trip stesso a dare parole a quei pensieri: «Myra mi ricorda T’Mir. Si assomigliano.»

«Mi passi quelli?»
Trip, seduto al tavolo della cucina, si girò per prendere una bacinella piena di tuberi tondeggianti. «Sei sicura che non vuoi che ti dia una mano?»
T’Pol scosse la testa. «Ho quasi finito.» disse lei. «Puoi iniziare a preparare la tavola, se vuoi.»
Tucker conosceva ormai quella casa. La prima volta che era stato lì, circa due anni prima, aveva individuato (e riparato) tutti gli elettrodomestici. La seconda era stata una vista veloce e triste, dato che lui e T’Pol erano stati in quella casa alcuni giorni per il funerale di Elizabeth.
Se T’Pol fosse stata umana, Trip avrebbe potuto dire con certezza che gli aveva chiesto di passare quei giorni insieme in quella casa perché non fosse solo un luogo che li accoglieva solo per fatti tristi.
Essendo una Vulcaniana, Tucker poteva avere solo il sospetto che fosse così.
Quando stava finendo di apparecchiare, T’Pol arrivò con un vassoio pieno di cibo e lo appoggiò in centro alla tavola. «È tutto cibo vegetale.» spiegò. «Ma ci sono tutti gli elementi di cui hai bisogno.» Andò a sedersi accanto a Trip.
«Ti avevo già visto alle prese con la colazione, ma devo ammettere che non pensavo sapessi cucinare pranzi così elaborati.»
«Prova questo.» disse lei, senza dare molta importanza al complimento che lui aveva tentato di farle. «Si chiama maprinello. È la prima volta che la preparo.»
Trip prese due cucchiaiate abbondanti dalla ciotola che lei gli porgeva, quindi assaggiò. «Mhm…. ottimo. Mi piace. Se le cose che cucini per la prima volta ti vengono così, wow…. sei una donna da sposare.»
T’Pol gli rivolse uno sguardo interrogativo. «È una battuta?»
Tucker le sorrise. «Solo in parte.»
La Vulcaniana riportò l’attenzione sul cibo. «Prova questi.» disse, passandogli un piatto pieno di dischetti morbidi. «Assomigliano alle melanzane terrestri.»
«Da chi hai imparato a cucinare?»
«Da mia madre. Lei amava cucinare e mi ha sempre tenuto in cucina con lei, quando ero a casa. Non ho mai cucinato molto, perché in realtà ho seguito più le orme di mio padre.»
Trip prese un altro piatto, questa volta era formato da piccoli germogli croccanti. «Ma ti piace?»
Lei esitò un istante. «Sì, mi piace. Non lo farei spesso, ma mi piace.»
«E ti riesce anche bene.»
T’Pol appoggiò il suo piatto al tavolo. «Sono felice che ti piaccia.»
Trip finì di mangiare. «Te l’ho detto che siamo una coppia perfetta. A te piace cucinare, a me mangiare.» le sorrise.
T’Pol si spostò vicino a lui e lo baciò.
«Che ne dici….» sussurrò Trip. «Se mettiamo via in fretta il cibo avanzato e poi….»
T’Pol scosse la testa e lo spinse supino sulla panca. «Lascia perdere.»
Trip si aggrappò al tavolo per non cadere. «Ehi, ehi! Aspetta, T’Pol!»
«Perché aspettare?» Si sedette a cavalcioni sulle sue anche.
«Perché sei tu quella che dice che i preliminari umani sono troppo brevi.»
«Non fa niente.»
Trip le mise una mano sul volto. «Aspetta, qui…. no, dai, abbiamo mangiato qui con tua madre!» Si tirò a sedere a forza e lasciò che T’Pol scivolasse leggermente indietro, restandogli sempre seduta in braccio. «Lasciare in disordine e fare l’amore su una panca? T’Pol, stai bene?»
«Sì, sto bene.» si affrettò a dire lei, prima di baciarlo.
«No, no, fermati.» Trip le prese delicatamente il volto tra le mani. «Sei calda.»
«Sono eccitata.» sussurrò lei, iniziando a muovere i fianchi contro i suoi. «Non vorrai farti scappare l’occasione?»
«Ce la facciamo almeno ad arrivare sul tuo letto?»
Lei si alzò: «Forse. Se ci sbrighiamo.»

Quando la mattina seguente T’Pol aprì gli occhi, si ritrovò nel letto completamente disfatto, le lenzuola attorcigliate le coprivano appena i fianchi ed era rimasto un solo cuscino. Aveva la fronte appoggiata alla spalla di Trip, che la teneva stretta a sé.
«Buongiorno.» le disse.
«Buongiorno a te.» Gli diede un leggero bacio sulla linea della mandibola. «Dormito bene?»
Trip rise leggermente. «Sì, certo, poco, ma bene.»
T’Pol si tirò a sedere e si guardò in giro. «Credo che la mia stanza non sia mai stata così in disordine.» disse. Tutte le coperte erano finite a terra, i loro vestiti erano sparsi in giro e una cornice che conteneva una foto di famiglia era stata rovesciata a faccia in giù sul comodino. “Senza offesa”, aveva detto Trip, quando l’aveva capovolta.
«Ti aiuterò a sistemare. Promesso.»
Lei annuì. «Vado a preparare la colazione.»
Tucker la prese per un polso prima che lei potesse scendere dal letto. «No, tu hai preparato la cena, la colazione tocca a me.» La baciò sulla fronte, quindi si alzò e iniziò a recuperare la biancheria intima.
«Trip?» T’Pol si girò su un fianco per guardarlo. «Trip, mi faresti il latte caldo zuccherato con il cacao, per colazione?»
«Al posto della zuppa di plomeek?» chiese lui, leggermente stupito.
La Vulcaniana annuì. «Gli ingredienti sono nello stesso armadietto di quelli per la colazione.» Si tirò a sedere e, dopo essersi infilata la biancheria, iniziò a sistemare il disordine. Lanciò un’occhiata sotto il letto, ricordando d’un tratto di aver sentito, quella notte, il rumore di una doga che si rompeva.
Entrando con un vassoio, Trip si ritrovò davanti la Vulcaniana ancora mezza nuda, chinata in avanti. «Bella visione.» disse lui.
T’Pol si tirò su. «Abbiamo rotto una doga.» disse, senza dar peso al commento di Tucker sul suo didietro.
«La riparo dopo. Ora vieni a far colazione, altrimenti sul latte e cacao prima si forma una pellicola schifosa e poi si raffredda.»
Lei lasciò perdere sia la rete che il disordine e si mise a sedere sul letto. Trip la tirò verso di sé e le porse una tazza fumante. «Stai attenta che scotta.»
Lei chiuse gli occhi e assaporò la cioccolata liquida lentamente. Era buona.
«A proposito della doga rotta, T’Pol….»
«Era già incrinata.» disse lei. «Da piccola….» Si schiarì la gola, come se ciò che stava per dire fosse decisamente imbarazzante, per lei. «….stavo saltando sul letto e l’ho crepata.»
Trip sorrise. «No, non intendevo….» Sospirò. «Che cos’avevi stanotte?»
«Non t’è piaciuto? Mi pareva il contrario….»
Trip rise leggermente. «M’è piaciuto molto.» Le diede un “bacio al cioccolato” sul collo, quindi le tolse il segno con le dita. «Ma non era esattamente come lo facciamo di solito. T’Pol…. sembrava che avessi…. sì, insomma….. il pon farr.»
T’Pol prese subito un sorso di cioccolata.
«Ma…. questo è impossibile, no? Tu…. l’hai appena avuto….»
Lei sospirò e appoggiò la tazza sul vassoio. «Ho agito impulsivamente. Ti chiedo perdono.»
Trip la baciò sulla tempia. «Tranquilla, va tutto bene.»
«No, non hai capito.» T’Pol si alzò, evidentemente agitata. Riprese a riordinare.
«T’Pol!» esclamò lui. «Di cosa stai parlando?»
Lei sospirò, con un gesto poco vulcaniano, buttò i vestiti sulla poltrona. «Ieri, quando abbiamo lasciato T’Liz, sono andata a trovare un mio ex compagno delle superiori.» Si sedette sul letto e riprese la tazza. Bevve ancora qualche sorso. «È un medico, ora. Fa ricerche nel campo della sessualità.»
Trip continuava a bere tranquillamente dalla sua tazza, senza commentare, senza quasi muoversi.
«Sono stata da lui. Devi sapere che non sempre moglie e marito, quando si sposano hanno il….» S’interruppe per bere.
«Il pon farr?» chiese Trip. Sapeva che per lei era difficile parlare di certe cose. Non che per lui fosse particolarmente più semplice.
«Sì, insomma. Non sono sempre sono sincronizzati. Alcuni studi hanno rivelato che….» T’Pol si avvicinò a lui e gli mise una mano sul viso. «A volte basta un semplice tocco mirato, per passare il pon farr al compagno.»
–Capisco perché i Vulcaniani non amano toccarsi.– pensò Trip. «E quindi?»
«Sono stata al Centro Ricerche per trovare qualcuno che potesse…. “attaccarmi il pon farr”.»
Trip appoggiò la tazza vuota nel vassoio, si lasciò andare contro la spalliera del letto e incrociò le braccia. «Be’, ma…. tu non…. voglio dire…. ti sei…. ti sei fatta attaccare il pon farr….» Si bloccò.
«Da un pazienze del mio ex compagno di scuola.» concluse lei.
«Ma non hai….» Trip scosse leggermente la testa. «Voglio dire, non avete….»
«No, Trip, non abbiamo avuto un incontro sessuale. Mi pareva abbastanza ovvio, dopo che abbiamo quasi rotto questo letto.»
Tucker scoppiò a ridere. «Scusa! Scusa….» Si calmò, la prese tra le braccia e la baciò. «Non vedo il punto, comunque. Gli umani non hanno bisogno del pon farr.»
Lei sospirò e lo abbracciò. «Ti ricordi che ti dicevo che le Vulcaniane sono più fertili durante il pon farr?»
Trip la strinse a sé. «Hai già pensato anche ai particolari per dopo?»
«Potremmo andare a fare un giro sull’altopiano di Salkar. È molto bello.»
Tucker annuì e si sforzò di non ridere. Quant’era pratica quella donna. «E…. dopo che avremo un bambino?»
T’Pol rimase in silenzio. «No…. no, non ho ancora progettato nulla…. Mi aiuterai?»
«Certo che lo farò, T’Pol…. è naturale.»

Trip salì gli ultimi scalini aggrappandosi alla ringhiera. Non che fosse davvero stanco, ma la strada per raggiungere l’altopiano di Salkar era più ripida di quello che si era immaginato. Arrivati lì, avevano preso un’altra strada, che portava in cima a un torre antica. Da lì potevano vedere tutta Shi’Kahr e, da lontano, i confini del deserto della Fornace.
«È stupendo.» disse Trip. «Vale ogni anno luce percorso.» Le sorrise.
Lei stava per ribattere, ma si bloccò.
«Che c’è?»
T’Pol fece un cenno con il capo alle spalle di Trip. «Qualcuno ci ha anticipato.»
Trip si girò e vide Jonathan Archer e Hoshi Sato che, appoggiati alla ringhiera, stavano guardando la città. «Saranno partiti più presto.» disse. Poi aggiunse: «O forse hanno avuto meno da fare.»
«Abbiamo fatto in fretta a riordinare.» disse T’Pol.
«Infatti non intendevo *quel* da fare.» La guardò sorridendo.
La Vulcaniana “arrossì” leggermente. «Ti piacerebbe unirci a loro?»
Tucker annuì, senza citare il fatto che quella domanda di T’Pol, fatta subito dopo una sua allusione al sesso, gli aveva fornito un’immagine orgiastica non proprio fine.
«Ceniamo insieme?» sussurrò T’Pol.
«Va bene.» Era un po’ stupito da questo lato sociale di T’Pol, ma non gli dispiaceva.
«Jonathan, Hoshi!» chiamò Trip.
I due si girarono al richiamo. «Anche voi qui?» sorrise Sato.
«Com’è piccolo Vulcano.» disse Archer.
«Veramente questo pianeta è gr….» T’Pol non fece in tempo a finire la frase perché Trip le tirò una leggera gomitata. «Era un modo di dire.» constatò lei, capendo.
«È un posto magnifico.» disse Hoshi. «Laggiù…. è l’ingresso della Fornace, giusto?»
T’Pol annuì. «Sì, e da qui si riesce anche a vedere il palazzo dell’Ex Alto Comando. È un edificio molto antico, la leggenda dice che la prima pietra fu posata da Kiri-kin-tha.»
«Chi era?» chiese Tucker.
«Un tipo che ha scritto delle leggi….» rispose Archer. «La prima dice “In assenza di forze, un corpo in quiete resta in quiete, e un corpo che si muove a velocità rettilinea e uniforme continua così indefinitamente.”»
«Ma questa è la prima legge di Newton!» obiettò Trip.
«Sì, la prima legge di Kiri-kin-tha dice “L’irreale non esiste”.» corresse T’Pol. «Kiri-kin-tha era un metafisico, non un fisico.»
«Ah, be’, la metafisica non mi ha mai appassionato.» Archer le sorrise. «Ma l’esplorazione sì e credo che Vulcano sia pieno di posti stupendi come questi.»
T’Pol annuì. «Mio padre mi portava qui spesso. La passeggiata è un eccellente allenamento. Di notte, inoltre, è un ottimo osservatorio per le stelle.»
«Non fa freddo?»
«In questo periodo sì.»
«C’è un posto più caldo per guardare le stelle?» chiese Archer.
«Il terrazzo della casa di mia madre.» rispose T’Pol. «Perché non venite a cena?»

«Com’è che sono finite a parlare in Vulcaniano?» chiese Trip, mentre infilava i piatti nella lavastoviglie.
«Ah…. credo quando hanno iniziato a volerci escludere dalla conversazione.» rispose Archer ridendo, mentre gli passava i piatti. «No, in realtà credo che abbiano iniziato quando noi ci siamo offerti per sparecchiare e lavare i piatti. Avresti dovuto vederle su Lona Ceti, alla stazione termale. Ero quasi partito di farmi visitare da uno psichiatra, pensavo di avere le allucinazioni.»
«Cos’era successo?»
«Erano sedute assieme, in una vasca termale, stavano parlando delle loro passioni, le lingue e la logica. Sembravano vecchie amiche.»
Trip lanciò un’occhiata a Hoshi e T’Pol, sedute sul divano, impegnate in un’amabile conversazione rigorosamente in Vulcaniano. L’idea era, naturalmente, partita da Hoshi.
«Non sapevo che T’Pol sapesse anche cucinare.» Jonathan radunò bottiglie e barattoli perché Trip, che sapeva dove andavano, le potesse mettere via.
«Sì, è brava anche a far quello.» Tucker sorrise. «Prendiamo un traduttore universale?»
Archer rise leggermente. «T’Pol non ha molte occasioni per parlare la sua lingua sull’Enterprise.»
In quel momento Hoshi rise e subito dopo i due uomini videro arrivare in cucina una T’Pol con l’imitazione vulcaniana del sorriso. «Va tutto bene?»
Trip annuì. «Abbiamo finito.»
T’Pol raccolse due scatole. «Venite.»
Salirono una rampa di scale di portava a una terrazza. C’erano delle sedie intorno a un tavolino.
«Questa parte della casa non la conoscevo.» constatò Trip.
Si sedettero al tavolino. L’aria era fresca e piacevole. T’Pol aprì la prima scatola, ne tolse alcune candele di citronella che accese ponendole sul parapetto, quindi aprì l’altra scatola e la pose al centro del tavolino.
«Cosa sono?» chiese Trip, lanciando un’occhiata all’interno della scatola.
«Biscotti.» disse lei.
Tucker ne prese uno e lo guardò per qualche istante. «Biscotti?»
«Dolcificati al fruttosio. Assaggiali, ti piaceranno.»
«Non sapevo che voi Vulcaniani mangiaste biscotti.» disse Archer, provandone uno. «E sono anche buoni.»
«Non è una tradizione vulcaniana.» rispose T’Pol, passando la scatola a Hoshi. «È di mio padre. Nelle notti serene d’estate, salivamo qui a guardare le stelle e lui portava questi biscotti da mangiare. Mi insegnava l’astronomia e la fisica.» Indicò a circa 60° sull’orizzonte. «Lo vedete?»
«Che cosa?» chiese Trip, intento a mangiare quei biscotti che – come aveva previsto T’Pol – gli stavano piacendo parecchio.
«Il Sole.»
I tre umani alzarono lo sguardo assieme, guardando la piccolissima stella gialla che quasi si confondeva tra astri più luminosi. «Quant’è piccola.» sussurrò Hoshi.
«È normale. Siamo a sedici anni luce di distanza, anche Keid, dalla Terra, è solo un puntino.» spiegò T’Pol.
«Già.» Jonathan prese un altro biscotto. «Piccole stelle, ma perfette per la vita.» Sorrise a T’Pol. Quasi non la riconosceva, così, fuori dal suo “personaggio”. C’era qualcosa di diverso in lei. E non credeva che si trattasse solo dell’essere fuori dal suo grado di comandante. Decise che non ci avrebbe pensato molto. In breve sarebbero tornati sull’Enterprise e, probabilmente, tutto sarebbe tornato come prima.

«T’Lin.»
«No.»
«T’Pel.»
«Nemmeno.»
«Sakonna.»
«Dici sul serio?»
Trip scoppiò a ridere. «Syvar?»
«È un nome maschile.» T’Pol inspirò profondamente. «Più in alto.»
Trip spostò le dita più in alto sulla sua schiena. Lanciò un’occhiata al PADD. «T’Pel? È carino, assomiglia al tuo.»
«No.» ribatté lei.
«Oh, aspetta, ho trovato. Ricordi quella ragazza Vulcaniana che viaggiava con suo padre e la dottoressa Vega Seti?»
«T’Murr.»
«Ecco, giusto. T’Murr.»
T’Pol sospirò. «No.» Si girò, prese il PADD da cui lui stava leggendo e lo spense. «Trip, smettila. Lo sai benissimo che la chiameremo T’Mir. Basta.»
«“Saavik”, però, non è male.»
«Significa “gattina”.»
Tucker le sorrise. «Nome carino!»
«Trip!» esclamò lei. Si appoggiò alla sua spalla per alzarsi.
Trip l’aiutò. «Manca ancora un mese.» continuò lui, le appoggiò delicatamente una mano sul ventre.
«Ma tu sai benissimo che la chiameremo T’Mir.» T’Pol chiuse gli occhi.
«Qualcosa non va?»
«Ho mal di schiena.» rispose lei. «Dato che sono io che sto subendo i disagi della gravidanza, io scelgo il nome di nostra figlia.»
«T’Mir.» disse Trip.
«T’Mir.» replicò lei.
«Posso sceglierle il secondo nome?»
T’Pol sospirò. «Dipende. Non volevi chiamarla Elizabeth?»
«È proprio questo il punto. Vorrei distaccarmi un po’ dalla T’Mir che ci è venuta a trovare. Voglio dire, lei non è stata molto fortunata.»
«E quella dell’altro universo?»
Trip accompagnò T’Pol verso una strana poltrona che lei si era sempre chiesta da dove venisse. Era molto comoda, sembrava anzi una sedia da capitano. «Be’, ha sposato Malcolm. Vorrei evitarle questo fato.»
La Vulcaniana si sedette e tirò Tucker verso di sé. Lui si sedette sul bracciolo della poltrona e l’abbracciò.
«Saavik?» gli chiese.
«T’Mir Saavik. Mi piace.» rispose Trip.
«No, T’Mir Saavik Tucker.»

Tutto era accaduto in fretta.
Troppo in fretta.
Qualsiasi cosa fosse successa, dopo che era apparsa e quasi subito scomparsa quella nave così simile al drone-nave romulano, aveva creato qualcosa di tremendo.
L’unica cosa per cui Archer avrebbe potuto ringraziare un qualsivoglia fato o divinità, era la velocità con cui l’Enterprise era stata accartocciata su sé stessa.
I suoi uomini erano morti così in fretta da non aver fatto nemmeno in tempo a soffrire.
Ora la sua nave sembrava la Elnath dopo la riconfigurazione. Con la differenza che per l’Enterprise non era normale arrotolarsi. Uscita dalla Distesa Delfica, l’Enterprise era messa meglio di ora.
Archer sentì un rumore di passi alle sue spalle. «Tenente Reed?» chiese, scorgendo la figura in fondo al corridoio, tra le lamiere contorte.
«Sì, capitano.» disse lui. Aveva in mano un analizzatore. Gli ricordò quando su “Travisland”, erano caduti della piscina sotterranea. Nonostante la sua fobia dell’acqua che, in seguito a quell’episodio non era migliorata, anche ora con tutto quello che stava succedendo, Reed teneva stretto l’analizzatore.
«È riuscito a raggiungere la sala macchine?»
Malcolm annuì leggermente.
«Com’è la situazione, laggiù?»
«Non c’è più nemmeno il motore.»
«Superstiti?»
Il tenente scosse la testa.
«Lei scenda al ponte E. Io passo al C.»
I turboascensori erano naturalmente inutilizzabili, ma anche i condotti di accesso erano difficoltosi da percorrere. Archer si tirò su a forza e sbucò da uno squarcio sul pavimento. Avrebbe voluto urlare. Hoshi era morta tra le sue braccia. Trip si era vaporizzato con il motore.
Che cosa diavolo era successo?!
Era come se ci fosse stata una dannata incursione dal futuro che aveva rimescolato le carte che cambiato la storia. Tutto ciò non aveva senso!
Trip non doveva morire quell’anno.
E nemmeno il resto dell’equipaggio.
Estrasse dalla tasca l’analizzatore per cercare segni di vita. Il ponte sembrava deserto, ma lui non si lasciò scoraggiare. Doveva trovarne almeno due.
Camminò per i corridoi scavalcando paratie contorte e detriti, scivolando tra spiragli.
Poi, finalmente, un segno di vita. Non era umana.
«T’Pol! Dove si trova?!» urlò.
«Da questa parte!» sentì la risposta. La voce era piuttosto debole, ma era decisamente la sua. Archer si affrettò tra i detriti e, quando finalmente vide T’Pol, non fu felice della sua situazione. «T’Pol?» Si chinò accanto a lei, incastrata sotto paratie e travi. «Ora la libero.»
«No.» T’Pol lo fermò. «Ho un’arteria recisa. Il detrito che mi ha colpito sta anche tenendo in parte chiusa la ferita.»
«Cosa…. cosa devo fare?» le chiese. «Se può resistere ancora, cerco di vedere se l’infermeria è integra e porto qui Phlox.» Si alzò in piedi, ma ancora una volta T’Pol lo fermò. «No, capitano. L’infermeria è due ponti sotto. Non farebbe comunque in tempo.»
«Ma T’Pol….»
«Capitano, tra pochi minuti sarò comunque dissanguata.»
«Proverò a curarla io.»
T’Pol, a fatica, alzò una mano e la mise sul suo braccio. «Deve far nascere mia figlia.»
Archer trasalì. «Cosa?!»
«T’Mir è pronta per venire al mondo.»
«Ha le doglie?»
«No.»
Jonathan scosse la testa. «L’Enterprise è accartocciata, l’infermeria non so nemmeno se esiste più, siamo in mezzo a paratie e condotti fatti a pezzi e lei…. mi chiede…. chiede *a me* di….. di farle un cesareo?!»
«Ho la spina dorsale spezzata in due punti. Non sentirò dolore.»
«Ma non è solo questo! Io devo cercare di salvarla.»
«Non farà in tempo.» T’Pol gli rivolse il suo sguardo risoluto da Vulcaniana: «Può cercare di salvare me e far morire entrambe. O può salvare T’Mir. Le chiedo di salvare mia figlia.»
Archer esitò. La Vulcaniana non aveva torto.
«Trip?» gli chiese
Il capitano fu tentato di mentirle. «La sala macchine è esplosa.»
«Non abbiamo nemmeno velocità d’impulso?»
«No, probabilmente no.»
T’Pol lo fissò. «Capitano. Mia figlia.»
Aveva ragione.
«Si prenda cura di lei.» sussurrò T’Pol.
Archer annuì. «Conti su di me.»
Lei gli rivolse l’imitazione vulcaniana del sorriso. «Grazie.»

“Mister Sfiga”.
Una volta, circa otto mesi prima, Trip aveva chiamato così Malcolm Reed.
Eppure era uno dei quattro sopravvissuti del disastro. Phlox si era salvato perché l’infermeria era uno dei luoghi più protetti della nave e Reed era lì con lui per i suoi trattamenti contro l’allergia.
Jonathan Archer si era salvato per pura fortuna e una neonata per il sangue freddo del capitano.
La piccola ibrida, dalle orecchie a punta e il sangue verde, stava ora dormendo pacificamente nella stessa culla trasparente che aveva ospitato Sim anni prima.
Archer la osservava nella penombra, mentre attendeva un resoconto dei danni da Malcolm.
«È stato bravissimo, capitano.» disse Phlox.
«Ho ucciso T’Pol.» sussurrò.
«Il comandante sarebbe morta comunque. Lei ha salvato la piccola.» Archer sapeva che diceva ciò in base a quello che T’Pol stessa aveva detto riguardo le sue ferite. «Come la volevano chiamare?»
«T’Mir Saavik Tucker.» rispose Jonathan. «T’Pol mi ha detto che Trip aveva scelto “Saavik”, come secondo nome.»
Reed entrò in infermeria. «Ho terminato l’ispezione, per quel che son riuscito a esaminare.» Gli passò un PADD. «Il 95% della nave non è raggiungibile. Depressurizzata o con danni troppo estesi per entrarci.»
«Comunicazioni?»
Reed scosse la testa.
Archer rabbrividì. Erano dispersi in mezzo allo spazio vuoto, senza le comunicazioni e senza la propulsione. Non era per loro tre che si preoccupava. Era per la piccola T’Mir.

«Malcolm, sei già riuscito a recuperare la scheda di comunicazione dal ponte?»
Jonathan Archer stava cambiando T’Mir, quando sentì dei passi entrare in infermeria. Poco prima Phlox aveva lasciato il suo regno per andare a recuperare da mangiare, mentre Reed aveva cercato di raggiungere la plancia depressurizzata per recuperare dei componenti con cui avrebbero provato a costruire una radio. Erano passate due settimane dal disastro, T’Mir si era rivelata una bambina piuttosto facile da gestire, forse in quanto Vulcaniana, ma pur sempre una neonata. Erano fermi nello spazio, senza possibilità di muoversi né di comunicare.
«Non sono Malcolm.» disse una voce alle sue spalle.
Archer trasalì. «TRIP!» esclamò, girandosi. Lo fissò. «Sei un sogno. O sei una visione.»
Lui scosse la testa. Fece un passo avanti, lasciando che le porte dell’infermeria si chiudessero alle sue spalle. Poi le bloccò e si avvicinò a Jonathan.
«Che cosa succede?» chiese. «Sono completamente impazzito?»
Tucker scosse di nuovo la testa. «No.»
Archer lo guardò. Non era in uniforme. Per lo meno, non quella della Flotta Astrale che lui conosceva. I suoi abiti erano neri, semplici, senza contrassegni, né gradi. Sembrava invecchiato molto.
Si avvicinò alla culla e guardò la bambina. «È bellissima.» sussurrò.
«Ti sei salvato? Lo scoppio del motore…. noi pensavamo che tutti voi in sala macchine foste stati vaporizzati.»
Tucker annuì. «Così è stato.» Allungò la mano lentamente, per accarezzare la guancia della bimba.
«Che cos’è successo?» Mentre gli faceva questa domanda, notò che Tucker aveva qualcosa a tracolla. Sembrava un bastone, piuttosto largo, ma ben levigato, lucido, nero. «Trip, quella è una spada?» Velocemente raccolse T’Mir dalla culla e la strinse a sé.
«Non ti preoccupare.» disse lui. «Non sono venuto qui per far del male a nessuno, tanto meno a T’Mir.»
Trip girò intorno alla culla e Archer poté notare sull’elsa della spada una stella argentata circondata da un’onda. Aveva già visto quel simbolo. «Quella è la spada di Shedar.» disse.
«Non la stessa. Ma una simile.» Porse le braccia in avanti. «Devo salvare T’Mir.»
Archer scosse la testa e si allontanò da lui, stringendo al petto la bambina. «Prima spiegami cos’è successo.»
Trip rimase in silenzio qualche istante. Poi si sedette su uno dei lettini. «Ricordi l’anomalia che ha intrappolato la Patraga 12, nove mesi fa?»
Lui annuì.
«Lo sai che è stata quella notte che Trip e T’Pol hanno generato T’Mir?»
Archer non riuscì a rimanere troppo stupito dal fatto che Tucker parlasse di sé in terza persona. «Che intendi?»
«Che T’Pol era già incinta, quando siete scesi su Vulcano.»
Jonathan scosse la testa. «E allora? È per questo che si comportava in modo strano?»
«In parte.» rispose lui. Tucker aveva un tono pacato e calmo, che insospettì Archer. «Non sei davvero Trip.» lo accusò.
«Lo sono, Jonathan. Ricordi quella partita a poker sulla Stazione Jupiter?» Gli sorrise. «In quanti conoscono quella storia? E il fatto che mi hai salvato la vita su Titano?»
Archer abbassò lo sguardo su T’Mir. «Ero convinto di non essere riuscito a salvarti, due settimane fa.»
«Così è stato.»
Il capitano gli lanciò uno sguardo interrogativo.
«Non sono il Trip Tucker di questo universo.»
«Sei un viaggiatore.» realizzò Archer.
«Noi preferiamo il termine Nauta.»
«“Noi”?»
«Noi Nautae. Io, T’Mir, mia madre, Surek…. E tanti altri.»
Archer scosse la testa. «Come faccio a sapere che non sei cattivo?»
Trip sorrise. «Non puoi. Devi fidarti del tuo istinto. Come hai fatto quando è arrivata T’Mir. Anch’io vengo dal futuro di un altro universo.»
«Da quanto nel futuro?»
«Da parecchio.»
«Spiegami cos’è successo.»
«L’anomalia che ha diviso in due la nave patragana e l’Enterprise ha diviso in due anche questo universo.»
«Diviso in due?»
Trip annuì. «Sì. È avvenuta una biforcazione.»
«Cioè….. da un universo…. ne sono usciti due?»
«Noi Nautae abbiamo una direttiva. La chiamiamo Direttiva Y, perché….» Rise leggermente. «Semplicemente la Y ricorda le linee universali che si biforcano. Uno dei due universi, in alcuni casi, prende una piega strana.»
Archer si sedette a sua volta su un lettino. «Questo spiegherebbe le “anomalie comportamentali” di T’Pol.»
Trip sorrise: «Sì, in parte, ma ricorda che T’Pol non è mai stata una Vulcaniana standard. D’altra parte ricorderai bene che ha geni romulani e un padre completamente fuori dagli schemi.»
«E tu? Perché sei qui?»
«Ci sono universi derivati che, lentamente, iniziano a disfarsi. È un’anomalia, qualcosa che il multiverso rifiuta. O per lo meno questa è la teoria più accreditata tra i Nautae.»
Archer strinse a sé la bambina. «È questo, vero? L’universo derivato che si sta disfacendo è questo.»
Tucker annuì lentamente. «Questo universo è destinato a svanire nel giro di poco. Si accartoccerà su sé stesso e la sua energia verrà riciclata per altri sviluppi.»
«Il tutto è partito dalla Patraga 12?» chiese Archer.
«Così pare.» Tucker sorrise leggermente. «Avevi ragione. I Patragani hanno scatenato la fine del mondo. Ma non l’hanno fatto apposta.»
Archer guardò la neonata. «Sei venuto a salvare T’Mir.»
Il Nauta annuì e tese le braccia.
Archer gli passò la neonata. «Dove la porterai?»
«In un altro universo. Al sicuro.»
«E gli altri bambini di questo universo?»
Trip strinse a sé T’Mir. «Lei è l’unica nata in relazione all’anomalia.» Le diede un bacio sulla fronte. «Tutte le vostre anime si riuniranno, nessun bambino morirà per sempre.» Allungò una mano. «Capitano Archer, è stato un onore.»
Jonathan gli strinse la mano. «Anche per me, comandante Tucker.»
Trip sorrise. «Non detengo più quel grado. Ora…. sono solo un nauta.»
«Allora…. addio, nauta Trip.»
«No.» Tucker gli sorrise. «Arrivederci.»

«Avanti!» esclamò Trip, quando sentì il campanello. Era in piedi davanti all’armadio aperto, una mano appoggiata sul fianco e l’altra all’anta.
«Sono venuta in un momento sbagliato?» chiese T’Pol.
Il pavimento dell’alloggio era completamente cosparso di vestiti, uniformi, scarpe, libri, oggetti di ogni tipo, senza un preciso ordine e senza un minimo di riguardo per l’igiene.
«No, no, vieni pure.» Tucker, lasciando aperta l’anta dell’armadio. Lanciò un’occhiata al letto: anche quello era sommerso. Velocemente, prese i vestiti che vi erano appoggiati e li buttò a terra.
T’Pol alzò un sopracciglio, ma non commentò. Si sedette nel punto in cui lui le aveva fatto spazio e gli chiese: «Cosa stai facendo?»
«Un condotto è partito proprio dietro il mio armadio.»
«Perché non hai raggiunto il pannello dall’esterno? Avresti fatto più in fretta, non dovendo togliere tutta….» Si guardò in giro. Quel disordine le dava una certa ansia. «Sì, insomma, tutto.»
«Lo so, ma comunque dovevo già fare ordine. Il capitano ha detto che dopo aver lasciato Shedar e Myra su Vulcano, torneremo sulla Terra per un po’ di cerimonie e qualche inutile pratica burocratica. Lasceremo l’Enterprise alla stazione orbitale per i controlli, soprattutto dopo che quell’anomalia ci ha divisi in due. Quindi ne approfitterò per fare qualche cambio e lasciare qualcosa a terra.»
T’Pol annuì.
«C’è qualcosa che non va?» le chiese Trip, visto che lei era particolarmente silenziosa.
La Vulcaniana scosse la testa.
«È il disordine, eh?» disse lui. Prese un blocco di vestiti, oggetti, scarpe e componenti di elettronica che, non proprio in maniera ovvia, erano stati accumulati nel suo alloggio, e fiondò tutto nell’armadio. Il pavimento rimase comunque ingombro, quindi Trip spinse il resto dietro la scrivania. Non che fosse in ordine, ma per lo meno era più lontano dagli occhi di T’Pol. «Dovevi dirmi qualcosa?»
Lei esitò. Poteva dirgli che non aveva voglia di restare sola. Poteva chiedergli un po’ di neuropressione o uno di quei massaggi che lui sapeva fare così bene. Poteva chiedergli di lasciarla semplicemente accoccolarsi a letto con lui. Magari fare l’amore, pensando che forse, un figlio – una figlia – avrebbe potuto evitare che il 14 febbraio 2161 vedesse la sua morte.
Si guardò in giro e vide il disordine.
No.
Doveva esserci un altro modo, più facile. Meno doloroso se non fosse andato a buon fine.
Più logico.
«No.» disse T’Pol. «Ero solo passata a chiederti se quando ci fermiamo in orbita su Vulcano, ti va di andare insieme a trovare T’Liz e a visitare la tomba di Elizabeth e di mia madre.»
Trip annuì. «Certo.»
«Hai bisogno di una mano a riordinare?»
Lui scosse la testa. «No, non c’è problema, se non faccio in tempo a sistemare stasera, proseguirò domani.»
La Vulcaniana si alzò. Lui l’accompagnò alla porta e, prima di aprire, le diede un leggero bacio sulle labbra.
Lei uscì, quindi lasciò che la porta si chiudesse alle sue spalle. Appoggiò il palmo della mano sul pannello e sussurrò. «Dormi bene…. -kdiwa animo-….»

To leave the thread of all time
And let it make a dark line
In hopes that I can still find
The way back to the moment
I took the turn and turned to
Begin a new beginning
Still looking for the answer
I cannot find the finish
It’s either this or that way
It’s one way or the other
It should be one direction
It could be on reflection
The turn I have just taken
The turn that I was making
I might be just beginning
I might be near the end.
(Enya, “Anywhere Is”)

FINE

(4 luglio 2009)

Ispirato in parte dalla teoria informatica P/NP.

Dedicato a Seti, la mia Guardiana.
–Monica

Pubblicato 21 novembre 2010 da MicioGatta in Enterprise, fanfic, I Naviganti, Star Trek

Una risposta a “I Naviganti 10: Myra & Shedar (racconto su Star Trek: Enterprise)

Iscriviti ai commenti con RSS .

  1. Pingback: I Naviganti « Fabuland

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: